Il contributo in conto esercizio viene erogato per facilitare le spese di gestione (personale, pubblicità, viaggi, locazioni immobiliari, oneri finanziari, ecc.), che le imprese devono sostenere a fronte di un determinato progetto.

I contributi in conto esercizio mirano dunque a integrare i ricavi dell'azienda o a ridurre i costi d'esercizio per portare avanti l'attività produttiva. Questo tipo di finanziamento è simile a un contributo in conto capitale, ma si differenzia da esso per la presenza di un'imposizione fiscale.

Integrazione dei contributi

Se i contributi in conto esercizio vanno a integrare i ricavi dell'esercizio, si ascrivono al conto economico dell'esercizio cui si riferiscono gli stessi; se invece sono finalizzati alla copertura di costi d'esercizio, vanno inseriti nel conto economico in cui trovano collocazione suddetti costi. Per comprendere le modalità di erogazione del contributo, è necessario inoltre individuare con esattezza l'esercizio di competenza.

Quando il contributo in conto esercizio viene erogato da un ente pubblico, si consegue nel momento in cui il beneficiario viene a conoscenza del decreto di liquidazione del contributo stesso.

Nel caso in cui l'erogazione non sia subordinata ad atti formali esterni, si ottiene il contributo quando persistono tutti gli elementi oggettivi da cui dipende il diritto allo stesso da parte dell'impresa. Se la concessione del contributo è sottoposta a condizione risolutiva, il contributo si intende conseguito nell'esercizio in cui viene concesso.

Se vi è infine una condizione sospensiva, si ha il contributo quando il soggetto erogante, avendo accertato il verificarsi della condizione, emette una delibera formale.

In base all’articolo 2425 del Codice Civile, questo particolare genere di aiuto economici deve essere iscritto alla voce A.5, che comprende i ricavi e i proventi che hanno una separata indicazione dei contributi in conto esercizio, del conto economico. In base alla tipologie di contributo devono occupare un posto preciso nel bilancio e possono essere classificati in quattro differenti categorie, che sono riportate nell’elenco che segue.

  • All’interno della voce C.17, dedicata agli interessi ed altri oneri finanziari, se sono stati erogati per adempiere uno scopo di abbassamento delle spese finanziarie, come gli interessi passivi sui finanziamenti della società.
  • All’inteno della voce A.5, dedicata ad altri ricavi e proventi, se saranno utilizzati per perfezionare i ricavi della gestione o per abbassare i costi d’esercizio.
  • All’interno della voce E.20, dedicata ai proventi straordinari, se erogati per finanziare occasioni speciali.
  • All’interno della voce C.16, che comprende altri proventi finanziari, se sono utilizzare per diminuire gli oneri economici di periodi anteriori.

E’importante sapere che i contributi che appartengono alla voce A.5 sono considerati una base imponibile Irap, nel caso però in cui questi versamenti siano destinati o in parte utilizzati per il sostentamento delle spese legate al personale, non sono deducibili Irap. E’necessario quindi dividere il conto esercizio in due parti, nella prima saranno indicate le somme relative al valore della produzione, che devono essere tassate ai fini Irap. Nella seconda invece saranno indicate le spese sostenute per il pagamento del personale, che com’è già stato detto in precedenza sono indeducibili.

Chiarimenti aspetti fiscali

Nell’articolo 85, comma 1, lettere g e h del TUIR, sono presenti tutte le indicazioni relative agli aspetti fiscali di questo genere di versamento, che sono differenti in base alla natura del contributo e sono illustrati nell’elenco che segue.
Contributi che la legge fa rientrare in conto esercizio, in questo caso non fa differenza se la somma viene erogata da un ente giuridico pubblico o un soggetto giuridico privato.
Contributi in denaro, rientrano in questa categoria sia i versamenti in conto esercizio, sia altri eventuali sostegni.





Potrebbe interessarti

Pagamento in ritardo dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Leggi tutto...

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Pagamento TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Leggi tutto...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

Lavorare in ospedale: quale professione scegliere?

In ambito ospedaliero esistono diverse professionalità, dal “portantino” al medico chirurgo. Per lavorare nelle aziende ospedaliere pubbliche con contratto a tempo indeterminato è necessario superare un concorso pubblico bandito dall’azienda ospedaliera stessa per poter accedere alle graduatorie.

Leggi tutto...

Direzione Provinciale del Lavoro

La Direzione Provinciale del Lavoro (o anche DPL) è l'ente territoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali presente in ambito provinciale

Leggi tutto...

Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

La dichiarazione dei redditi è lo strumento fiscale con cui il contribuente dichiara i propri redditi e ne corrisponde i tributi al fisco. In base al D.P.R. 600/73, la dichiarazione redditi è un atto pubblico che può essere consultato gratuitamente. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Outplacement individuale: conosci questo strumento di supporto al lavoro?

L'outplacement è il servizio offerto da alcune imprese autorizzate che si occupano della ricollocazione professionale dei dipendenti usciti da una azienda. Si tratta quindi di uno strumento moderno di supporto per il dipendente nel passaggio da un'azienda all'altra.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reversibilità pensione: cos'è e chi ne ha diritto?

Reversibilità della pensione del coniuge

Che cosa è? In sostanza, la reversibilità della pensione è l’importo della pensione (o Pensione Inpdap) che un tale beneficiario appartenente al nucleo familiare riceverà alla morte di un lavoratore assicurato o del pensionato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Controversie sul lavoro

I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro.

Leggi tutto...
Go to Top