I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro. Per svolgere i suoi compiti, la Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro segue un iter:

  • in primis, analizza le controversie collettive per redigere o rinnovare i CCNL,
  • segue le fasi della conciliazione nei casi di controversie collettive sul lavoro,
  • tratta le procedure di mobilità applicando gli articoli 4 e 24 della legge 223/91 e le procedure di consultazione sindacale ai sensi del D.P.R. 218/00 (Cassa Integrazione Guadagni),
  • esperisce i tentativi di conciliazione in applicazione della legge 83/2000.

I motivi che portano alla vertenza

Sono diversi i motivi che possono portare il lavoratore a una vertenza, ossia a una denuncia, relativo al posto di lavoro. Ecco alcuni esempi: mancanza di retribuzione dello stipendio o incentivo a firmare una busta paga con salario diverso da quello che realmente si è percepito, non riconoscimento della malattia o infortuni, non riconoscimento dell’indennità per la maternità, non aver percepito le ore di straordinario, anomalie per ciò che riguarda i giorni di ferie, non aver percepito il TFR (ossia il Trattamento di Fine Rapporto). E’ consigliabile in caso di vertenza di contattare dei sindacati o dei commercialisti di fiducia che conoscano le leggi in modo dettagliato e farsi dare di conseguenza dei giusti suggerimenti su come proseguire la denuncia nei confronti dei datori di lavoro.

La Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro si divide in due divisioni in base alla tipologia di soggetti che prendono parte alla controversia. Nel dettaglio:

  • Divisione VII – Controversie di lavoro nel settore agricolo e dei servizi, tutela dei diritti sindacali, sciopero nei servizi pubblici essenziali
    Via Fornovo, 8 – 00192 Roma
    Tel. 06/46834924 06/46834892 Fax 06/46834023
    email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Divisione VIII – Controversie di lavoro nel settore industria e promozione della partecipazione dei lavoratori all'impresa
    Via Fornovo, 8 – 00192 Roma
    Tel. 06/46834296-06/46834277 Fax 06/46834278
    email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Direzione Generale si occupa anche delle controversie sul lavoro di tipo individuale, coordinando le attività delle D.P.L. in tema conciliazione e arbitrato. Inoltre, la Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro redige le statistiche relative alle controversie di lavoro individuali. Due volte l’anno, è raccolta la documentazione relativa alle controversie sul lavoro individuali/plurime sia del settore privato che di quello pubblico.

Per il settore privato è disponibile la serie storica dei dati nazionali a decorrere dal 1990, mentre per il settore pubblico la serie inizia nel 1998.

Per ulteriori informazioni:
Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro
Divisione IV – Analisi economiche, rappresentatività sindacale e costo del lavoro
Via Fornovo, 8 – 00192 Roma
Tel. 06/46834920 06/46834920 Fax 06/46834020
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte:http://www.lavoro.gov.it/Lavoro/md/AreaLavoro/tutela/controversie/

Il tema discusso dell’articolo 18

Il dibattito su questo tema non può non chiamare in causa l’articolo 18, vero snodo di polemica tra istituzioni e sindacati. Una riforma dell’articolo 18 è stata già varata dal Governo Monti che ha previsto il reintegro sul posto di lavoro per licenziamento illegittimo solo nei casi discriminatori mentre per tutti gli altri è stato previsto un indennizzo economico. L’attuale Presidente del Consiglio Renzi che spiegato in questo modo l’articolo 18, portando alla luce i dati relativi alle controversie: per il Premier infatti nell’80% dei casi si finisce a un accordo e delle restanti cause solo 3000 vedono il lavoratore perdere. Quindi, per Renzi, bisognerebbe superare l’articolo 18 che vale solo 3000 persone che è un numero sproporzionato rispetto alla popolazione italiana. La proposta del Governo infatti è quella di un contratto a tutele crescenti, con l’articolo 18 che non varrebbe nei primi tre anni dall’assunzione e un indennizzo economico legata all’anzianità di servizio presso l’azienda. Rimane senza dubbio uno dei temi forti la risoluzione dell’articolo 18 e delle dispute tra le parti in causa, con un bilanciamento equilibrato tra datori di lavoro e dipendenti. Tuttavia, non si piò più rimandare una riforma organica del mercato del lavoro che vive oggi un periodo di stagnazione, tra licenziamenti di massa e perdita di migliaia di posti di lavoro. Per far ripartire l’economica, è indispensabile restituire fiducia alle persone e soprattutto dare loro possibilità di andare a lavorare.

 

 



Potrebbe interessarti

Pensione d'invalidità: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità.

Leggi tutto...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Pensione di reversibilità erogata dall'Inps

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Leggi tutto...

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Eataly: lavora con noi è il loro motto!

lavorara con Eataly

L'apertura di Eataly Roma ha avuto una duplice valenza: la possibilità di attirare ancor più turisti e riuscire in un periodo così delicato ad offrire lavoro ad oltre duecento persone.

Leggi tutto...

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Direzione Provinciale del Lavoro

La Direzione Provinciale del Lavoro (o anche DPL) è l'ente territoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali presente in ambito provinciale

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Dipendente pubblico e Partita IVA: alcune considerazioni

Salve, mi sto preparando per un concorso al Comune di Roma ma contemporaneamente sto anche studiando per prendere il patentino di guida turista, che è la mia vera passione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Calcolo pensione Inarcassa: come fare?

calcolo della pensione inarcassa

In materia di pensione e di previdenza esistono delle strutture pensionistiche apposite chiamate casse di previdenza. Le casse di previdenza sono degli organismi ben precisi ai quali fanno riferimento specifiche categorie di lavoratori: vediamo come muoversi per il calcolo pensione Inarcassa.

Leggi tutto...
Go to Top