I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro. Per svolgere i suoi compiti, la Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro segue un iter:

  • in primis, analizza le controversie collettive per redigere o rinnovare i CCNL,
  • segue le fasi della conciliazione nei casi di controversie collettive sul lavoro,
  • tratta le procedure di mobilità applicando gli articoli 4 e 24 della legge 223/91 e le procedure di consultazione sindacale ai sensi del D.P.R. 218/00 (Cassa Integrazione Guadagni),
  • esperisce i tentativi di conciliazione in applicazione della legge 83/2000.

I motivi che portano alla vertenza

Sono diversi i motivi che possono portare il lavoratore a una vertenza, ossia a una denuncia, relativo al posto di lavoro. Ecco alcuni esempi: mancanza di retribuzione dello stipendio o incentivo a firmare una busta paga con salario diverso da quello che realmente si è percepito, non riconoscimento della malattia o infortuni, non riconoscimento dell’indennità per la maternità, non aver percepito le ore di straordinario, anomalie per ciò che riguarda i giorni di ferie, non aver percepito il TFR (ossia il Trattamento di Fine Rapporto). E’ consigliabile in caso di vertenza di contattare dei sindacati o dei commercialisti di fiducia che conoscano le leggi in modo dettagliato e farsi dare di conseguenza dei giusti suggerimenti su come proseguire la denuncia nei confronti dei datori di lavoro.

La Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro si divide in due divisioni in base alla tipologia di soggetti che prendono parte alla controversia. Nel dettaglio:

  • Divisione VII – Controversie di lavoro nel settore agricolo e dei servizi, tutela dei diritti sindacali, sciopero nei servizi pubblici essenziali
    Via Fornovo, 8 – 00192 Roma
    Tel. 06/46834924 06/46834892 Fax 06/46834023
    email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Divisione VIII – Controversie di lavoro nel settore industria e promozione della partecipazione dei lavoratori all'impresa
    Via Fornovo, 8 – 00192 Roma
    Tel. 06/46834296-06/46834277 Fax 06/46834278
    email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Direzione Generale si occupa anche delle controversie sul lavoro di tipo individuale, coordinando le attività delle D.P.L. in tema conciliazione e arbitrato. Inoltre, la Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro redige le statistiche relative alle controversie di lavoro individuali. Due volte l’anno, è raccolta la documentazione relativa alle controversie sul lavoro individuali/plurime sia del settore privato che di quello pubblico.

Per il settore privato è disponibile la serie storica dei dati nazionali a decorrere dal 1990, mentre per il settore pubblico la serie inizia nel 1998.

Per ulteriori informazioni:
Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro
Divisione IV – Analisi economiche, rappresentatività sindacale e costo del lavoro
Via Fornovo, 8 – 00192 Roma
Tel. 06/46834920 06/46834920 Fax 06/46834020
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte:http://www.lavoro.gov.it/Lavoro/md/AreaLavoro/tutela/controversie/

Il tema discusso dell’articolo 18

Il dibattito su questo tema non può non chiamare in causa l’articolo 18, vero snodo di polemica tra istituzioni e sindacati. Una riforma dell’articolo 18 è stata già varata dal Governo Monti che ha previsto il reintegro sul posto di lavoro per licenziamento illegittimo solo nei casi discriminatori mentre per tutti gli altri è stato previsto un indennizzo economico. L’attuale Presidente del Consiglio Renzi che spiegato in questo modo l’articolo 18, portando alla luce i dati relativi alle controversie: per il Premier infatti nell’80% dei casi si finisce a un accordo e delle restanti cause solo 3000 vedono il lavoratore perdere. Quindi, per Renzi, bisognerebbe superare l’articolo 18 che vale solo 3000 persone che è un numero sproporzionato rispetto alla popolazione italiana. La proposta del Governo infatti è quella di un contratto a tutele crescenti, con l’articolo 18 che non varrebbe nei primi tre anni dall’assunzione e un indennizzo economico legata all’anzianità di servizio presso l’azienda. Rimane senza dubbio uno dei temi forti la risoluzione dell’articolo 18 e delle dispute tra le parti in causa, con un bilanciamento equilibrato tra datori di lavoro e dipendenti. Tuttavia, non si piò più rimandare una riforma organica del mercato del lavoro che vive oggi un periodo di stagnazione, tra licenziamenti di massa e perdita di migliaia di posti di lavoro. Per far ripartire l’economica, è indispensabile restituire fiducia alle persone e soprattutto dare loro possibilità di andare a lavorare.

 

 



Potrebbe interessarti

Modulistica Inpdap: vediamo tutti i documenti

L'Inpdap è nato nel 1994; il suo termine non è altro che l'acronimo dell'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica. L'Inpdap svolge il suo lavoro affiancandosi anche ad enti come l' ENPDEP, ENPAS, INADEL e le casse pensionistiche e gestendo tutto quello che riguarda le dinamiche creditizie, previdenziali e sociali dei suoi iscritti.

Leggi tutto...

La Comunicazione di Licenziamento della Colf

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi tutto...

Calcolo pensione Inarcassa: come fare?

calcolo della pensione inarcassa

In materia di pensione e di previdenza esistono delle strutture pensionistiche apposite chiamate casse di previdenza. Le casse di previdenza sono degli organismi ben precisi ai quali fanno riferimento specifiche categorie di lavoratori: vediamo come muoversi per il calcolo pensione Inarcassa.

Leggi tutto...

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

le nuove normative sulle pensioni di anzianità

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Leggi tutto...

Sedi sindacati Roma: CGIL CISL e UIL

In questa pagina riportiamo la testimonianza di una nostra lettrice. Salve, mi chiamo Loredana, ho 31 anni , sono stata assunta a parole tramite un annuncio che avevo inserito a maggio su un portale di annunci di lavoro, io vengo da Palermo, la persona che mi ha contattata mi ha chiesto di trasferirmi a settembre.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Diventare vigile del fuoco: scopri come fare formazione

vigile del fuoco all'opera

Tre livelli per un sistema integrato di formazione: è quella dei Vigili del Fuoco dove si addestrano veri professionisti della sicurezza.

Leggi tutto...

Controversie sul lavoro

I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro.

Leggi tutto...

Imprenditore agricolo: come ottenere la qualifica?

Per il Codice Civile (ai sensi dell’art. 2135 C.C., come modificato dal D. Lgs. 228/2001), è imprenditore agricolo chi esercita una o più delle seguenti attività: coltivazione del fondo; selvicoltura; allevamento di animali; attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione del territorio.

Leggi tutto...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

la nuova tabella per le pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Chi paga l'indennità di maternità: conosci i tuoi diritti di mamma?

Quando una lavoratrice è in stato interessante, oppure è riuscita ad avere in adozione o affidamento un bambino, può richiedere l'indennità di maternità. Sostanzialmente la neo mamma ha il diritto a una sostituzione della normale retribuzione durante il periodo in cui è non può recarsi a lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come entrare nell’Esercito italiano

Quando si valuta di intraprendere la carriera militare, bisogna prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali affinché il nostro percorso sia dei più accurati e idonei possibile. Del resto ne va del proprio futuro e non si può improvvisare niente o lasciare nulla al caso.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte lavoro Friuli Venezia Giulia: tutte le occasioni!

cercare lavoro in friuli venezia giulia

Ampliamo la nostra sezione dedicata al lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca offerte lavoro Friuli Venezia Giulia. Innanzitutto è importante sapere che la ricerca del lavoro in Friuli Venezia Giulia è accompagnata da una interessante politica regionale. Infatti, la regione autonoma del Friuli Venezia Giulia, regola la politica del lavoro tramite la legge regionale n. 18/2005, che disciplina tutte le materie riguardanti il lavoro che rientrano nelle competenze della Regione.

Leggi tutto...
Go to Top