Nell’ultimo decennio anche in Italia il numero di aziende che operano sul web è fortemente aumentato. In questa occasione non stiamo parlando delle aziende che usano il web per promuovere o vendere i propri prodotti, ma soprattutto di quelle che gravitano attorno al mondo del web, come le web agency.

Si tratta di società di consulenza che si occupano di creare pagine web per altre aziende, di gestire siti e di ottimizzarli, ma anche di offrire servizi per quanto riguarda il marketing online, in senso lato. Oggi avere le competenze necessarie per lavorare in una web agency significa avere ampie possibilità di trovare un’occupazione, anche perché le figure necessarie sono molteplici.

Le attività di una web agency

Le attività che si svolgono all’interno di una qualsiasi web agency sono molteplici, a partire ovviamente dalla creazione e dalla gestione dei siti internet dei clienti. Questa è di certo l’attività principale di questo tipo di società di consulenza. Spesso l’attività parte da zero, nel senso che il cliente tipo ha la necessità di dare vita a un sito internet che al momento non esiste. Non mancano però i casi in cui le pagine della singola azienda sono già online, ma serve una consulenza esterna per renderle maggiormente interessanti, per aggiornarle periodicamente, per sviluppare una corretta strategia di marketing. Il marketing online è infatti l’altra principale attività di una web agency, intendendo il concetto in senso lato. Poi ovviamente alcune società di consulenza tendono a specializzarsi in alcuni ambiti rispetto ad altri. Se ragioniamo in senso lato però le web agency solitamente offrono servizi di link building, di social media marketing, di digital PR, così come la possibilità di aiutare il cliente nel redigere un piano di marketing online partendo da zero.

Chi si rivolge a una web agency

Sono le attività imprenditoriali i principali clienti di una web agency. Intendiamoci, anche il singolo privato cittadino può desiderare di dare vita a un sito web, ad esempio per raccogliere appassionati con cui condividere i suoi traguardi nello sport o in un’attività che svolge nel tempo libero. Però sono le aziende a fare i grandi numeri, a richiedere i servizi di una società di consulenza per il web. Anche perché sono le aziende a necessitare di maggiore aiuto e ad avere a disposizione i budget necessari per mantenere nel tempo siti internet di qualità, o per avviare campagne di marketing digitale. Il fine è quello di offrire al cliente un servizio professionale, che sappia battere su tutti i fronti ciò che il singolo può fare in autonomia. Sotto questo punto di vista solitamente le necessità del privato spesso possono essere soddisfatte utilizzando strumenti web, disponibili a volte anche a titolo gratuito, quindi anche per questo il cliente di una web agency è difficilmente un privato che intende aprire un sito amatoriale.

Le figure professionali

web designer

Visto che all’interno di una web agency si svolgono vari compiti, è ovvio che le figure professionali ricercate da queste aziende sono svariate. Alla base ci sono degli esperti di marketing digitale, che spesso hanno cominciato la propria carriera nel mondo del marketing tradizionale. Oltre a questo troviamo solitamente esperti di web design, web master, esperti di SEO e di ottimizzazione dei siti. Designer, fotografi, soggetti in grado di gestire dati e di sviluppare siti internet sono ovviamente una parte dei collaboratori di una web agency. Così come i copywriter, ossia soggetti pronti a redigere contenuti da pubblicare sui siti internet più disparati. Stiamo quindi parlando di diverse aree di specializzazione: il webdesign e la grafica, il marketing, la produzione di contenuti.

Perché lavorare in una web agency

Le motivazioni che possono spingere un giovane a lavorare all’interno di una web agency sono varie, a partire dal desiderio di avere a che fare costantemente con nuovi progetti e nuove sfide. Nonostante il lavoro del singolo possa essere concentrato su una specifica area, si tratta comunque di attività creative, che sono soggette a cambiamenti nel tempo, anche solo con l’arrivo di un nuovo cliente. Oltre a questo internet è oggi una delle realtà che oggi mostre maggiori segnali di crescita e di sviluppo, soprattutto per quanto riguarda il marketing e soprattutto in un Paese come l’Italia. Nel nostro Paese siamo in forte ritardo per quanto riguarda il numero di aziende che hanno un sito internet di qualità, ma sempre più realtà si stanno affacciando a questo mondo. Nei prossimi anni l’attività delle web agency sarà in costante aumento.

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.