La Direzione Provinciale del Lavoro (o anche DPL) è l'ente territoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali presente in ambito provinciale. Gli uffici della Direzione Provinciale del Lavoro (93 in Italia) hanno le loro sedi nei capoluoghi di Provincia, ed hanno competenza nella provincia relativa; fanno eccezione Sicilia e Trentino Alto Adige come previsto dagli Statuti speciali di tali Regioni autonome.

Storia della Direzione Provinciale del Lavoro

La Direzione Provinciale del Lavoro nasce con la riforma disposta dal Governo Amato I con la Legge finanziaria del 1994. Successivamente con la Riforma Bassanini, del Governo Prodi I, si procede alla riorganizzazione e al decentramento delle funzioni in materia di mercato del lavoro alle Regioni.

Attività svolte dalla Direzione Provinciale del Lavoro

Le attività principali della Direzione Provinciale del Lavoro sono incluse in 5 macro-aree:

  • Gestione e affari generali, di cui fa parte l’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico). Si tratta dell'Ufficio dell'Ispettore di turno incaricato di ricevere le richeste d'intervento dei lavoratori nei confronti di qualunque situazione pregiudizievole. L'ufficio è retto da un ispettore del lavoro.
  • Affari Legali che svolge le attività relative ai contenziosi sul posto di lavoro (es. consulenza legale e pratiche per gli infortuni sul lavoro, ordinanze di Ingiunzione)
  • Vigilanza Tecnica che comprende principalmente le attività di verifica e controllo per garantire la sicurezza sul lavoro. Tra i servizi di Ispezione del lavoro, alcuni sono svolti dal Nucleo Carabinieri per la Tutela del Lavoro, con compiti di vigilanza in materia di lavoro.
  • Vigilanza ordinaria che include tutte le attività di controllo generale come la vigilanza sull'esecuzione dei CCNL e sull'applicazione corretta delle norme in materia di lavoro e di previdenza sociale.
  • Relazioni Sindacali Conflitti di Lavoro legate alle attività di conciliazione controversie individuali e plurime del settore pubblico e privato e di gestione delle controversie.

In breve, le funzioni della Direzione Provinciale del Lavoro corrispondono alle attività svolte precedentemente dagli Ispettorati provinciali del lavoro e degli Uffici provinciali del lavoro e della massima occupazione, gli UPLMO, ovvero:

  • il Servizio Politiche del lavoro (anche detto SPL),
  • il Servizio Ispezioni del lavoro (detto anche SIL).

Per visualizzare nel dettaglio le attività e le competenze delle Direzioni Provinciale del Lavoro visita il sito del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. In questa pagina si troveranno i riferimenti per DPL riferito a ogni provincia con indirizzo, numero di centralino, email, orari di apertura al pubblico e contatti dei vari sottouffici.

Alcuni esempi: orari e informazioni delle principali città italiane

Per agevolare il compito degli internauti, elenchiamo di seguito le informazioni delle Direzioni nelle principali città italiane:

  • Roma - Via Maria Brighenti 23, numero di centralino 06432611, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli orari di apertura sono i seguenti: tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle 9.15 alle 12.30 e lunedì, martedì pomeriggio dalle 14 alle 16. Nella pagina web dedicata alla Capitale, compaiono anche i riferimenti e gli indirizzi dei seguenti uffici: unità operativa intervigilanza, ufficio relazione con il pubblico, servizio politiche del lavoro e servizio ispezione del lavoro.
  • Firenze - Viale S.Lavagnini 9, numero di telefono: 055460441, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli orari di apertura degli sportelli sono i seguenti: tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, martedì e giovedì pomeriggio dalle 14.45 alle 16.45.
  • Napoli - Via Amerigo Vespucci 172, numero di telefono: 081/5508111, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli orari di apertura degli sportelli sono: tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, martedì e giovedì pomeriggio dalle 14.30 alle 16.30.
  • Milano - Via Mauro Macchi 9, numero di telefono: 02/67921, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Nella pagina web dedicata al capoluogo lombardo non vengono specificati gli orari di apertura: nel caso quindi di dubbi è consigliabile chiamare il centralino per non trovare gli uffici chiusi.
  • Torino - Via Arcivescovado 9/C, numero di telefono: 011/5526711, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli orari di apertura sono i seguenti: dal lunedì al venerdì tutte le mattine dalle 9.15 alle 12.30, lunedì e martedì pomeriggio dalle 14 alle 15.30. Nella pagina web sul capoluogo del Piemonte vengono inoltre elencati gli orari per informazioni telefoniche inerenti al servizio maternità.
  • Bologna - Viale Masini 12/14, numero di telefono: 051/6079111, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli orari di apertura degli uffici sono: dal martedì al venerdì tutte le mattine dalle 9 alle 12, lunedì pomeriggio e giovedì pomeriggio dalle 13.45 alle 15.15.

Le commissioni

Sono istituite presso questo ufficio le commissioni di conciliazione, presiedute dal direttore dell’organo stesso che viene nominato Presidente. Spesso le commissioni affidano alle sottocommissioni il compito deii tentativi di conciliazione. La richiesta di conciliazione viene spedita con raccomandata A/R dove devono essere inseriti tutti i dati affinchè tale richiesta possa essere ritenuta valida.



Potrebbe interessarti

Reversibilità pensione: cos'è e chi ne ha diritto?

Reversibilità della pensione del coniuge

Che cosa è? In sostanza, la reversibilità della pensione è l’importo della pensione (o Pensione Inpdap) che un tale beneficiario appartenente al nucleo familiare riceverà alla morte di un lavoratore assicurato o del pensionato.

Leggi tutto...

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Pratica legale forense per diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi tutto...

Lavoro congruo: le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi tutto...

Diventare partner ICOTEA: scopri tutti i vantaggi

Acquista sempre più importanza la formazione. Oggi ancora di più e riguarda sia coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro che, soprattutto i lavoratori, dipendenti o liberi professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Direzione Provinciale del Lavoro

La Direzione Provinciale del Lavoro (o anche DPL) è l'ente territoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali presente in ambito provinciale

Leggi tutto...

Diventare medico: l'iter formativo in Italia

Essere medico è un sogno per tanti giovani e giovanissimi. L'iter formativo da seguire è abbastanza complesso e probabilmente solo se si è spinti da una grande passione si porta a termine il percorso di studi entro i tempi prefissati. 

Leggi tutto...

L'Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che cambia l'Italia

Immagine esemplificativa di ammortizzatore sociale

Secondo quanto previsto dall'attuale Governo, i nuovi ammortizzatori sociali entreranno a regime non più nel 2015, ma molto più probabilmente la transizione sarà effettuata a partire dal 2017. Attualmente, il sistema di ammortizzatori sociali, all'analisi del Governo per la riforma, mostra una serie di disomogeneità fra i vari settori del lavoro, per quanto riguarda la tutela e le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

Cash flow: la somma di reddito netto di una società

Il flusso di cassa o cash flow nella terminologia anglosassone è la somma del reddito netto di una società, degli ammortamenti e degli accantonamenti a riserva (includendo le riserve ordinarie e straordinarie, vale a dire le deduzioni contabili che non danno luogo a effettivi esborsi monetari).

Leggi tutto...

Chi paga l'indennità di maternità: conosci i tuoi diritti di mamma?

Quando una lavoratrice è in stato interessante, oppure è riuscita ad avere in adozione o affidamento un bambino, può richiedere l'indennità di maternità. Sostanzialmente la neo mamma ha il diritto a una sostituzione della normale retribuzione durante il periodo in cui è non può recarsi a lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

le nuove normative sulle pensioni di anzianità

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La tredicesima: tutte le caratteristiche della gratifica natalizia

tredicesima natalizia

La tredicesima mensilità è nata con c.c.n.l. del 1937 per gli impiegati dell’industria ed è stata poi estesa anche agli operai con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070/60. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Leggi tutto...
Go to Top