Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

La disoccupazione agricola è infatti una indennità specifica dedicata esclusivamente agli operai agricoli; essi dovranno però essere iscritti nell'apposito elenco dei nomi dedicato ai lavori agricoli. È un tipo di indennità che spetta inoltre a coloro che hanno:

  • almeno due anni di anzianità nell’assicurazione contro la disoccupazione involontaria,
  • almeno 102 contributi giornalieri, pari a 78 giornate effettive di lavoro.

La domanda di disoccupazione agricola va inviata alla sede dell'Inps entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello dell'indennità stessa. Qualora si verificasse un decesso del lavoratore assicurato, gli eredi potranno inoltrare la domanda.

Possono usufruire della disoccupazione agricola le seguenti categorie di lavoratori:

  • operai a tempo determinato; compartecipanti familiari;
  • operai agricoli a tempo indeterminato,
  • piccoli coltivatori diretti che integrano fino a 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi, attraverso versamenti volontari.

Indennità di disoccupazione per gli extracomunitari con lavoro stagionale. Caratteristiche del contratto

Immagine d'esempio usata nell'articolo Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Il CCNL Agricoltura e allevamento può avere la validità nazionale o territoriale, nel primo caso ha la durata di quattro anni e stabilisce che genere di relazioni e contatti si devono instaurare tra le parti coinvolte, quali sono le condizioni economiche e il livello delle competenze. Per stabilire la dinamica degli effetti economici e dei minimi salariali in relazione al rinnovo del contratto trascorsi i quattri anni, avviene tenendo in considerazione i dati relativi ai primi due anni trascorsi e i tassi di inflazione che si sono verificati in quel periodo. Inoltre sono prese in considerazione anche le politiche attuate in relazione ai redditi e all’occupazione, in modo da poter realizzare al meglio la tutela del potere d’acquisto delle retribuzioni e del generale andamento del mercato lavorativo e dell’economia.

Aggiornamento 2014

Novità interessanti dal punto di vista della semplificazione della liquidazione delle indennità di disoccupazione agricola. Infatti l'INPS ha reso noto che è attivo il Web Service WS che attiverà anche la funzione per quanto riguarda le domande dell'anno precedente.

La richiesta può essere effettuata da tutti i professionisti che hanno lavorato in questo settore, risultano iscritti all'elenco dei lavoratori agricolo e hanno perso il lavoro per motivi differenti. In particolare, devono appartenete a categorie specifiche, ovvero:

  • agricoltori a tempo indeterminato
  • operai assunti a tempo determinato
  • piccoli coltivatori diretti
  • coloni

Per avere accesso al servizio di disoccupazione agricola, il soggetto dovrà risultare iscritto da almeno 2 anni all'assicurazione contro la disoccupazione involontaria e contestualmente aver effettuato almeno 102 contributi. Non possono accedere invece i lavoratori extracomunitari il cui permesso di soggiorno abbia una validità di tipo stagionale. Altre categorie di persone che hanno diritto all'indennità sono:

disoccupazione agricola 4

  • coloro che percepiscono pensione
  • chi si è licenziato volontariamente
  • chi percepisce contributi subordinati

Dopo aver effettuato la domanda e aver ricevuto l'esito positivo, il soggetto avrà diritto ad una indennità, da parte dell'INPS, versata in una soluzione unica relativa a tutte le giornate in cui si è lavorato, per un totale pari al 40% a cui togliere un 9% di trattenute per ogni giorno di lavoro. Per gli operai a tempo indeterminato, l'indennità è più bassa, ed è pari al 30% dell'effettivo salario.

La legge sul caporalato (aggiornamento Ottobre 2016)

Il Governo ha varato finalmente una legge che dovrebbe mettere fine all’odioso fenomeno del Caporalato, ossia lo sfruttamento di uomini e donne (soprattutto stranieri) costretti a lavorare per ore e ore nei campi per pochi euro (massimo 30 € per più di dodici ore di lavoro).

Secondo i dati raccolti dalla Flai CGIL, nel 2015 sono stati circa 430mila i lavoratori agricoli costretti a subire tali trattamenti. Qualcosa è scattato, nelle coscienze di nostri politici, quando, lo scorso 13 luglio è venuta a mancare Paola Clemente di San Giorgio Jonico. Da qual giorno si sono accelerati tempi per il varo di questa legge che, lo ricordiamo:

  • rinforzerà le pene per l’intermediario (caporale)
  • confischerà i beni al datore irregolare
  • diventeranno responsabili anche le società coinvolte
  • verrà esteso il fondo antitratta come indennizzo per le vittime

Da sottolineare che da tempo ormai la Coop collabora al programma “Buoni e Giusti”, che ha l’obiettivo di verificare il buon funzionamento della filiera agricola; sono tre anni che invece la Caritas porta avanti il progetto “Presidio”.

Tipologie di CCNL

disoccupazione agricola

Le norme che disciplinano i lavori agricoli, sono regolate da uno specifico Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL).

Il CCNL Agricoltura regola e interessa dunque tutti il lavoratori che appartengono al settore agricoltura; i suoi contraenti sono quindi tutte le associazioni sindacali e tutti i datori di lavoro appartenenti a tale categoria lavorativa.

Contiene al suo interno tutte le delibere volte a ridurre al minimo la concorrenza all'interno del settore stesso e legate anche ai rapporti di lavoro, includendo diritti e doveri del lavoratore, ai contratti, alla sicurezza lavorativa ecc.

Ha solitamente durata quadriennale ed e volto a definire le relazioni tra le parli e tutte le norme giuridiche ed economiche legate alle diverse attività di lavoro, presenti all'interno del settore agricolo.

C'è un CCNL Agricoltura diverso in base alle varie prestazioni agricole possibili all'interno del settore stesso.Ci sono infatti vari CCNL Agricoltura che potete consultare relativamente ai testi ufficiali del sito del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro:

  • Agricoltura ed Attività affini
  • Aziende in conto terzi
  • Cooperative e Consorzi Agricoli
  • Dirigenti
  • Impiegati
  • Operai e Florovivaisti
  • Consorzi Agrari: Operai e Impiegati
  • Consorzi di Bonifica: Operai e Impiegati
  • Consorzi di Bonifica: Quadri

Al termine del contratto

Al termine del contratto i lavoratori coinvolti devono astenersi dal lavoro per circa tre mesi ma riceveranno un’indennità di vacanza contrattuale. Il suo importo è il 30% del tasso d’inflazione in relazione agli stipendi vigenti. Nel caso in cui il periodo di vacanza contrattuale è superiore ai sei mesi, l’importo della retribuzione è il 50% dell’inflazione.

Il contratto territoriale ha la durata di quattro anni e stabilisce gli stipendi che devono essere corrisposti ai lavoratori e tutte le materie che non sono espressamente trattate dal contratto nazionale. Anche in questo caso per stabilire la dinamica degli effetti economici prodotti e dei minimi salariali in relazione al rinnovo del contratto, sono presi in considerazione i dati relativi ai primi due anni di contratto precedentemente trascorsi e i tassi d’inflazione che si sono verificati in quello specifico periodo. Il protocollo del 23 luglio 1993 ha stabilito che nel momento del rinnovo del contratto, le parti coinvolte possono prevedere un’ erogazione, che ha lo scopo di incentivare la produttività futura. L’erogazione però può cambiare nel tempo e in relazione al regime contributivo-previdenziale contenuto nel Protocollo stesso. Nel caso in cui le parti coinvolte non riescono a trovare un’intesa sulla definizione dell’erogazione, possono stabilirla durante la determinazione della dinamica delle retribuzioni.

Dove consultare i termini del contratto? Il preavviso per il licenziamento (o per le dimissioni) e i termini sulla quattordicesima sono da tenere d'occhio

disoccupazione agricola 2

Esistono diversi portali dove poter consultare tutte le informazioni inerenti a questa tipologia contrattuale. A riguardo citiamo il sito web ilccnl.it, con all’interno tutte le sezioni riguardanti i contratti nazionali di lavoro. In primo piano compaiono le tabelle retributive con l’illustrazione di tutti i termini del contratto, suddiviso per articoli e per anni. Nell’ambito dell’agricoltura, sono evidenziate delle sottocartelle relative a:

  • contoterzismo
  • cooperative
  • allevamento
  • impiegati
  • operai e florovivaisti
  • avventizi
  • allevatori ed Enti zootecnici
  • consorzi agrari
  • consorzi di bonifica
  • dirigenti
  • pesca personale con imbarcato - cooperative
  • sistemazione idraulico-forestale

Incentivi ed agevolazioni: aggiornamento 2014 sulle mansioni e la malattia

Questo settore rappresenta uno dei pochi ambiti in crescita in Italia, tanto che rispetto al 2013, nel 2014 si è registrato un aumento del 5% dei posti di lavoro. Da marcare inoltre l’aspetto delle piccole imprese aperte dagli Under 35 che attualmente sono aumentate di percentuale così come l’assunzione di personale under 40, segno di una vitalità del settore che contrasta invece con la crisi che sta colpendo altre industrie, come per esempio il comparto siderurgico. L’unico neo in questa crescita è rappresentata dal Sud Italia che a differenza del Settentrione e del Centro, ha visto la propria percentuale ridursi quasi del 10%.

Un altro fatto che indica come la politica debba concentrarsi di più e in maniera forte sulla questione del Mezzogiorno.
Riguardo incentivi ed agevolazioni, da registrare in questo 2014 la pubblicazione del bando relativo ad interventi di miglioramento sulla sicurezza dei mezzi agricoli. In questo ambito infatti ancora sono troppe le vittime di incidenti, la maggior parte dei quali coinvolge i conducenti di questi veicoli. Le vittime hanno raggiunto quasi la cifra 100 e ciò è intollerabile per un Paese che, come recita la Costituzione, è fondato sul lavoro.

Per questa ragione è partito questo bando riservato alle imprese che potranno beneficiare di un contributo massimo di 50mila euro sul miglioramento delle proprie attrezzature. Da novembre ci si potrà registrare sul sito dell’INAIL e da quel momento l’Ente valuterà progetto per progetto per assegnare o meno l’agevolazione. Per tempi tecnici e il resto delle altre informazioni, sul portale dell’INAIL si possono leggere tutte le disposizioni che regolano questo avviso.

Disoccupazione agricola: gli aggiornamenti del 2021

disoccupazione agricola 3

La disoccupazione agricola, come ogni anno, può essere richiesta da tutti i lavoratori agricoli dipendenti e tutte le figure associate, ovvero tutti gli operai che lavorano nell’ambito dell’agricoltura per una determinata parte dell’anno, tramite contratti a tempo determinato o indeterminato.

Per quanto riguarda il 2020, la domanda andava presentata entro giugno 2020, ma se rispettate i requisiti, siete ancora in tempo per richiedere quella inerente al 2021, presentando la domanda entro il 31 marzo 2021. I requisiti necessari a presentare la domanda di disoccupazione agricola per il 2021 sono i seguenti:

  • Bisogna essere stati iscritti agli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti per il 2020 oppure avere un contratto a tempo indeterminato che abbia previsto un’attività lavorativa durante il 2020.
  • Sono necessari almeno due anni di anzianità nel settore agricolo, quindi è necessario aver iniziato il proprio contratto lavorativo nel 2019.
  • All’interno del biennio 2019/2020 bisogna aver conseguito almeno 102 giornate di lavoro effettivo.

Come già accennato, se rientrate in questi requisiti, allora potete richiedere la disoccupazione agricola effettuando la richiesta entro il 31 marzo 2021.

Documentazione necessaria

La documentazione necessaria alla presentazione della domanda di disoccupazione agricola del 2021 è la seguente:

  • Documento d’Identità (Carta d’Identità, Passaporto)
  • Codice Fiscale
  • Buste paga/contratto di lavoro
  • Permesso di soggiorno, se sei un lavoratore straniero
  • IBAN

per gli Assegni al Nucleo Familiare:

  • Codice Fiscale dei familiari
  • Dichiarazione dei Redditi 2020
  • CU Certificazioni Uniche 2020

Potrebbe interessarti

Revoca del Pin INPS: come funzionano i servizi online?

Revoca Pin INPS

Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

Vacanze studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Immagine usata per illustrare l'articolo Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Piattaforme per le criptovalute: sistemi innovativi per lavorare online

Piattaforme per le criptovalute

Da una decina d’anni ormai si fa sempre più largo un nuovo sistema che è quello delle cripto valute, un termine che è entrato nel lessico comune e intorno al quale crescono una particolare attenzione e curiosità. E’ una sorte di piccola rivoluzione che coinvolge il sistema di compra/vendita. Ma in particolare di che cosa si tratta?

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Imprenditoria giovanile: scopri gli incentivi che prevede la legge

Imprenditoria giovanile

La legge 95/95 per l’imprenditoria giovanile prevede finanziamenti per i giovani ragazzi che hanno un’idea imprenditoriale, ma non hanno attuarla per mancanza di fondi.

Leggi anche...

Anticipo pensionistico: l'Ape social a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

La Pensione, come tutti noi ben sappiamo, è l’insieme di contributi che abbiamo versato nel corso dei decenni che ci vengono riconosciuti in parte e ci permettono nella vecchiaia di avere un sussidio economico per continuare ad avere uno stile di vita quanto meno dignitoso. 

Leggi anche...

Lavorare nel week end: ecco cosa propone il mercato

la cameriera è un tipico lavoro per il week end

Le offerte di lavoro nel week end offrono una speranza di trovare un impiego in una realtà dove firmare un contratto lavorativo si sta rivelando sempre più difficile. Vedremo, nell'articolo che segue, quali siano i vantaggi per chi non si fa scrupoli nel lavorare di Sabato e Domenica.