Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

La disoccupazione agricola è infatti una indennità specifica dedicata esclusivamente agli operai agricoli; essi dovranno però essere iscritti nell'apposito elenco dei nomi dedicato ai lavori agricoli. È un tipo di indennità che spetta inoltre a coloro che hanno:

  • almeno due anni di anzianità nell’assicurazione contro la disoccupazione involontaria,
  • almeno 102 contributi giornalieri, pari a 78 giornate effettive di lavoro.

La domanda di disoccupazione agricola va inviata alla sede dell'Inps entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello dell'indennità stessa. Qualora si verificasse un decesso del lavoratore assicurato, gli eredi potranno inoltrare la domanda.

Possono usufruire della disoccupazione agricola le seguenti categorie di lavoratori:

  • operai a tempo determinato; compartecipanti familiari;
  • operai agricoli a tempo indeterminato,
  • piccoli coltivatori diretti che integrano fino a 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi, attraverso versamenti volontari.

Indennità di disoccupazione per gli extracomunitari con lavoro stagionale. Caratteristiche del contratto

Il CCNL Agricoltura e allevamento può avere la validità nazionale o territoriale, nel primo caso ha la durata di quattro anni e stabilisce che genere di relazioni e contatti si devono instaurare tra le parti coinvolte, quali sono le condizioni economiche e il livello delle competenze. Per stabilire la dinamica degli effetti economici e dei minimi salariali in relazione al rinnovo del contratto trascorsi i quattri anni, avviene tenendo in considerazione i dati relativi ai primi due anni trascorsi e i tassi di inflazione che si sono verificati in quel periodo. Inoltre sono prese in considerazione anche le politiche attuate in relazione ai redditi e all’occupazione, in modo da poter realizzare al meglio la tutela del potere d’acquisto delle retribuzioni e del generale andamento del mercato lavorativo e dell’economia.

Aggiornamento 2014

Novità interessanti dal punto di vista della semplificazione della liquidazione delle indennità di disoccupazione agricola. Infatti l'INPS ha reso noto che è attivo il Web Service WS che attiverà anche la funzione per quanto riguarda le domande dell'anno precedente.

La richiesta può essere effettuata da tutti i professionisti che hanno lavorato in questo settore, risultano iscritti all'elenco dei lavoratori agricolo e hanno perso il lavoro per motivi differenti. In particolare, devono appartenete a categorie specifiche, ovvero:

  • agricoltori a tempo indeterminato
  • operai assunti a tempo determinato
  • piccoli coltivatori diretti
  • coloni

Per avere accesso al servizio, il soggetto dovrà risultare iscritto da almeno 2 anni all'assicurazione contro la disoccupazione involontaria e contestualmente aver effettuato almeno 102 contributi. Non possono accedere invece i lavoratori extracomunitari il cui permesso di soggiorno abbia una validità di tipo stagionale. Altre categorie di persone che hanno diritto all'indennità sono:

  • coloro che percepiscono pensione
  • chi si è licenziato volontariamente
  • chi percepisce contributi subordinati

Dopo aver effettuato la domanda e aver ricevuto l'esito positivo, il soggetto avrà diritto ad una indennità, da parte dell'INPS, versata in una soluzione unica relativa a tutte le giornate in cui si è lavorato, per un totale pari al 40% a cui togliere un 9% di trattenute per ogni giorno di lavoro. Per gli operai a tempo indeterminato, l'indennità è più bassa, ed è pari al 30% dell'effettivo salario.

La legge sul caporalato (aggiornamento Ottobre 2016)

Il Governo ha varato finalmente una legge che dovrebbe mettere fine all’odioso fenomeno del Caporalato, ossia lo sfruttamento di uomini e donne (soprattutto stranieri) costretti a lavorare per ore e ore nei campi per pochi euro (massimo 30 € per più di dodici ore di lavoro).

Secondo i dati raccolti dalla Flai CGIL, nel 2015 sono stati circa 430mila i lavoratori agricoli costretti a subire tali trattamenti. Qualcosa è scattato, nelle coscienze di nostri politici, quando, lo scorso 13 luglio è venuta a mancare Paola Clemente di San Giorgio Jonico. Da qual giorno si sono accelerati tempi per il varo di questa legge che, lo ricordiamo:

  • rinforzerà le pene per l’intermediario (caporale)
  • confischerà i beni al datore irregolare
  • diventeranno responsabili anche le società coinvolte
  • verrà esteso il fondo antitratta come indennizzo per le vittime

Da sottolineare che da tempo ormai la Coop collabora al programma “Buoni e Giusti”, che ha l’obiettivo di verificare il buon funzionamento della filiera agricola; sono tre anni che invece la Caritas porta avanti il progetto “Presidio”.

Tipologie di CCNL

Le norme che disciplinano i lavori agricoli, sono regolate da uno specifico Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL).

Il CCNL Agricoltura regola e interessa dunque tutti il lavoratori che appartengono al settore agricoltura; i suoi contraenti sono quindi tutte le associazioni sindacali e tutti i datori di lavoro appartenenti a tale categoria lavorativa.

Contiene al suo interno tutte le delibere volte a ridurre al minimo la concorrenza all'interno del settore stesso e legate anche ai rapporti di lavoro, includendo diritti e doveri del lavoratore, ai contratti, alla sicurezza lavorativa ecc.

Ha solitamente durata quadriennale ed e volto a definire le relazioni tra le parli e tutte le norme giuridiche ed economiche legate alle diverse attività di lavoro, presenti all'interno del settore agricolo.

C'è un CCNL Agricoltura diverso in base alle varie prestazioni agricole possibili all'interno del settore stesso.Ci sono infatti vari CCNL Agricoltura che potete consultare relativamente ai testi ufficiali del sito del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro:

  • Agricoltura ed Attività affini
  • Aziende in conto terzi
  • Cooperative e Consorzi Agricoli
  • Dirigenti
  • Impiegati
  • Operai e Florovivaisti
  • Consorzi Agrari: Operai e Impiegati
  • Consorzi di Bonifica: Operai e Impiegati
  • Consorzi di Bonifica: Quadri

Al termine del contratto

Al termine del contratto i lavoratori coinvolti devono astenersi dal lavoro per circa tre mesi ma riceveranno un’indennità di vacanza contrattuale. Il suo importo è il 30% del tasso d’inflazione in relazione agli stipendi vigenti. Nel caso in cui il periodo di vacanza contrattuale è superiore ai sei mesi, l’importo della retribuzione è il 50% dell’inflazione.

Il contratto territoriale ha la durata di quattro anni e stabilisce gli stipendi che devono essere corrisposti ai lavoratori e tutte le materie che non sono espressamente trattate dal contratto nazionale. Anche in questo caso per stabilire la dinamica degli effetti economici prodotti e dei minimi salariali in relazione al rinnovo del contratto, sono presi in considerazione i dati relativi ai primi due anni di contratto precedentemente trascorsi e i tassi d’inflazione che si sono verificati in quello specifico periodo. Il protocollo del 23 luglio 1993 ha stabilito che nel momento del rinnovo del contratto, le parti coinvolte possono prevedere un’ erogazione, che ha lo scopo di incentivare la produttività futura. L’erogazione però può cambiare nel tempo e in relazione al regime contributivo-previdenziale contenuto nel Protocollo stesso. Nel caso in cui le parti coinvolte non riescono a trovare un’intesa sulla definizione dell’erogazione, possono stabilirla durante la determinazione della dinamica delle retribuzioni.

Dove consultare i termini del contratto? Il preavviso per il licenziamento (o per le dimissioni) e i termini sulla quattordicesima sono da tenere d'occhio

Esistono diversi portali dove poter consultare tutte le informazioni inerenti a questa tipologia contrattuale. A riguardo citiamo il sito web ilccnl.it, con all’interno tutte le sezioni riguardanti i contratti nazionali di lavoro. In primo piano compaiono le tabelle retributive con l’illustrazione di tutti i termini del contratto, suddiviso per articoli e per anni. Nell’ambito dell’agricoltura, sono evidenziate delle sottocartelle relative a:

  • contoterzismo
  • cooperative
  • allevamento
  • impiegati
  • operai e florovivaisti
  • avventizi
  • allevatori ed Enti zootecnici
  • consorzi agrari
  • consorzi di bonifica
  • dirigenti
  • pesca personale con imbarcato - cooperative
  • sistemazione idraulico-forestale

Incentivi ed agevolazioni: aggiornamento 2014 sulle mansioni e la malattia

Questo settore rappresenta uno dei pochi ambiti in crescita in Italia, tanto che rispetto al 2013, nel 2014 si è registrato un aumento del 5% dei posti di lavoro. Da marcare inoltre l’aspetto delle piccole imprese aperte dagli Under 35 che attualmente sono aumentate di percentuale così come l’assunzione di personale under 40, segno di una vitalità del settore che contrasta invece con la crisi che sta colpendo altre industrie, come per esempio il comparto siderurgico. L’unico neo in questa crescita è rappresentata dal Sud Italia che a differenza del Settentrione e del Centro, ha visto la propria percentuale ridursi quasi del 10%.

Un altro fatto che indica come la politica debba concentrarsi di più e in maniera forte sulla questione del Mezzogiorno.
Riguardo incentivi ed agevolazioni, da registrare in questo 2014 la pubblicazione del bando relativo ad interventi di miglioramento sulla sicurezza dei mezzi agricoli. In questo ambito infatti ancora sono troppe le vittime di incidenti, la maggior parte dei quali coinvolge i conducenti di questi veicoli. Le vittime hanno raggiunto quasi la cifra 100 e ciò è intollerabile per un Paese che, come recita la Costituzione, è fondato sul lavoro.

Per questa ragione è partito questo bando riservato alle imprese che potranno beneficiare di un contributo massimo di 50mila euro sul miglioramento delle proprie attrezzature. Da novembre ci si potrà registrare sul sito dell’INAIL e da quel momento l’Ente valuterà progetto per progetto per assegnare o meno l’agevolazione. Per tempi tecnici e il resto delle altre informazioni, sul portale dell’INAIL si possono leggere tutte le disposizioni che regolano questo avviso.



Potrebbe interessarti

La vacanza studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Leggi tutto...

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire la busta paga, deve però considerare che la stessa prevede anche delle trattenute da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Leggi tutto...

Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

In caso di scadenza del contratto di lavoro (a tempo determinato), una lavoratrice ha diritto all’indennità INPS per la maternità anticipata o obbligatoria, in base a quanto sancito con la circolare ministeriale del 1 dicembre 2004.

Leggi tutto...

Servizio Ispezione del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

I più condivisi

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Leggi tutto...

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Leggi tutto...

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi tutto...

Concorsi statali, pubblici e regionali: una guida davvero completa che non puoi perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Leggi tutto...

Richiamo disciplinare sul lavoro

I provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. Vediamo cosa può realmente fare il nostro datore di lavoro per "punirci".

Leggi tutto...

Leggi anche...

Regione Calabria formazione e lavoro: alcuni consigli

In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Calabria. In un momento in cui il nostro paese attraversa una crisi di grandi proporzioni, siamo convinti che l'articolo sarà ben accetto da tutte le fasce d'età.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Attori per la pubblicità: indicazioni per i casting

diventare attori per pubblicità

Tra le varie professioni legate al mondo dello spettacolo, quella dell'attore pubblicitario fa gola a molti. Soprattutto agli inizi, gli aspiranti artisti che intendono diventare famosi, farsi conoscere e successivamente ottenere parti più importanti in televisione, a teatro e al cinema, intraprendono questa carriera e decidono spesso di fare casting per attori.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Leggi tutto...
Go to Top