Sono molti quelli che decidono di mettersi in proprio, aprendo un negozio o un'attività. Il modo migliore e semplice per farlo è quello di creare una ditta individuale. La ditta individuale si verifica quando il soggetto giuridico, che non intende associarsi ad altri individui, è una persona fisica che risponde da sé alla gestione dell'impresa anche nei casi di mancanze della stessa.

Come aprire una ditta individuale

Per aprire una ditta individuale, è necessario:

  • fare la denuncia all'Agenzia delle Entrate per l'attribuzione della partita IVA o codice fiscale, entro trenta giorni dall'inizio dell'attività;
  • iscriversi al Registro delle imprese della Camera di Commercio della provincia in cui la ditta ha sede legale;
  • iscriversi all'INAIL;
  • iscriversi all'INPS.

Vantaggi fiscali e burocratici

La ditta individuale è adatta soprattutto a coloro che voglio avviare un'impresa piccola,agile e veloce da gestire, perché comporta un investimento di capitali limitati. L'Imprenditore della ditta individuale sarà inoltre l'unico punto di riferimento per collaboratori, fornitori e fisco, assumendo ogni tipo di decisione autonomamente.

La ditta individuale è altresì semplice e veloce da costruire a livello burocratico e fiscale e, per il suo scioglimento, non è necessario il pagamento di nessuna tassa di concessione.

Svantaggi dell'impresa individuale

Inoltre, esistono degli svantaggi di natura fiscale, perché, rispetto ad altre forme d'impresa, le spese che si possono dedurre dal reddito IRPEF sono inferiori. Ne caso in cui si realizzino utili ingenti, essi verranno dunque inseriti all'interno del reddito del proprietario, con il conseguente pagamento di tasse piuttosto cospicue.

Essere imprenditore: sai come si fa?

Viene definito imprenditore colui che sceglie le caratteristiche fondamentali, i rapporti con l’ambiente esterno, gli obiettivi da perseguire ed i soggetti cui affidare le attività di un'azienda.

In una realtà come la nostra, in cui la piccola e media impresa è una parte insostituibile del tessuto sociale, questa figura assume un'importanza di primo rilievo; vedremo, nell'articolo che segue, in cosa consista questa professione.

Le decisioni imprenditoriali

Come anticipato nell'introduzione, l’imprenditore assume le decisioni relative alla selezione dei rischi da assumere e alla modalità della loro gestione.
In ogni azienda emergono quindi tre figure non necessariamente distinte tra loro (nelle piccole aziende è 1 stessa persona):
• il soggetto Economico, colui che di un’azienda detiene il potere decisionale;
• il soggetto Giuridico, il quale può essere sia una persona fisica (il singolo individuo) che giuridica (ovvero società di persone o di capitali);
• l'imprenditore, ovvero colui che definisce aspetti dell'attività come le finalità e gli obiettivi da perseguire (ad esempio per Fiat è IFI e Marchionne, nonché i vertici aziendali)

L'imprenditore e la strategia aziendale

L'imprenditore ha anche la responsabilità di realizzare la strategia aziendale, che consiste nel pianificare un insieme coordinato di azioni che mirano a massimizzare la compatibilità prospettica tra impresa e ambiente

Economicità di un'impresa

Conseguenza di una strategia di successo è il raggiungimento della cosiddetta "economicità", la quale si persegue attraverso:
- l’Efficacia Strategica, ovvero la capacità di individuare e raggiungere obiettivi vincenti;
- l’Efficienza Operativa, che consiste nel riuscire a realizzare gli obiettivi col minor dispendio possibile di risorse.
L’incapacità di adattarsi ai cambiamenti ambientali determina l’inefficacia aziendale, con conseguenze disastrose che, spesso, portano al fallimento dell'attività.

L'imprenditore e il fattore rischio

Tra le considerazioni che deve fare un imprenditore assennato vi è quella del "fattore rischio": esso non nasce con l’impresa (come spesso si è portati a pensare) ma successivamente, quando si avvia il processo produttivo.
Il rischio consiste nell’incertezza di riuscire a remunerare congruamente i fattori produttivi, mantenendoli stabilmente legati all’impresa.
Questo fenomeno deriva da 2 elementi ineliminabili:
- incertezza dell’ambiente;
- tendenziale rigidità e resistenza al cambiamento di un’organizzazione aziendale.

Il successo è nel saper scegliere

Alla luce di quanto detto, un imprenditore che desideri il successo deve pertanto valutare attentamente le opportunità che gli si presentano volta per volta: saper decidere tra due o più soluzioni in base ai rischi e ai vantaggi (attesi), sapendo che si mette in gioco il proprio futuro e quello degli eventuali dipendenti, è la vera chiave del successo di questa occupazione.



Potrebbe interessarti

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Leggi tutto...

Busta paga badante: regolarizza l'assistente domestica!

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

Leggi tutto...

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Leggi tutto...

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

I più condivisi

Offerte di lavoro in Puglia: come orientarsi?

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Puglia. Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Puglia.

Leggi tutto...

Pensione d'invalidità: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità.

Leggi tutto...

Estratto conto contributivo

come ottenere l'estratto conto contributivo

Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Leggi tutto...

Modello curriculum tedesco: per chi cerca lavoro in Germania

Come scrivere un curriculum? Quanti di voi si pongono questa domanda? Non è difficile scrivere un curriculum vitae se si tengono a mente delle semplici regole di base, la difficoltà sta nel saper comunicare di essere la persona ideale per la posizione ricercata, esprimere il proprio interesse e far emergere le proprie competenze attraverso un foglio. Scrivere un buon curriculum, questo è difficile.

Leggi tutto...

Colloquio di gruppo: come affrontarlo?

Il colloquio di gruppo, anche detto Assesment Center, è un tipo di selezione in cui i candidati vengono invitati alla fase di recruitment insieme ad altri allo scopo di verificarne il potenziale tecnico, ma anche psico-sociale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Colloquio di gruppo: come affrontarlo?

Il colloquio di gruppo, anche detto Assesment Center, è un tipo di selezione in cui i candidati vengono invitati alla fase di recruitment insieme ad altri allo scopo di verificarne il potenziale tecnico, ma anche psico-sociale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Front Office e Back Office

Con il termine Front Office ci si riferisce all'insieme delle strutture, dei servizi e delle mansioni di un’azienda volti a gestire il Customer relationship management, cioè i rapporti con la clientela.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Calcolo pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. Il criterio per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Leggi tutto...
Go to Top