Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Esso è fondamentale soprattutto in caso di omissioni o errori; possedendo tale documento è dunque possibile chiedere eventuali modifiche.

Come richiedere l'estratto conto contributivo

E' un documento utile a certificare la propria posizione assicurativa; viene rilasciato, previa richiesta, agli assicuratori che sono in procinto di riscuotere la pensione. In tale documento è presente in modo dettagliato tutta la contribuzione previdenziale legata all'ammontare dei contributi acquisiti durante gli anni di attività lavorativa.

È possibile richiedere l'Estratto conto prima della pensione, presso tutte le sedi Inps e utilizzando il modello Ecocert. L'estratto conto non contiene però i periodi di iscrizione alla gestione separata 10% o 13 %, dei collaboratori coordinati e continuativo o dei liberi professionisti senza cassa di categoria, e quelli legati alle iscrizioni ai fondi speciali.

E' costituito invece da un riepilogo sul tipo di contribuzione acquisita e la lista dei contributi utili alla riscossione della pensione stessa.

Estratto conto dei contributi INPS

L'estratto conto contributivo è provvisto anche di un resoconto dei contributi registrati all'Inps, quali:

  • settimane necessarie al raggiungimento del diritto alla pensione;
  • settimane utili alla valutazione della pensione in numeri;
  • contributi registrati negli archivi (giorni, settimane, mesi);
  • la retribuzione o il reddito;
  • le note.

Come richiederlo online

estratto conto contributivo

Da alcuni anni è possibile richidere l’estratto conto contributivo anche online, attraverso il sito dell’Inps. Per poter accedere ai vari servizi presenti online è necessario che l’interessato effettui precedentemente la registrazione al portale, durante la quale gli verrà assegnato un codice identificativo, il PIN. Per richiedere questo genere di documentazione retributiva bisogna cliccare sulla voce Servizi per il Cittadino, accedere tramite il PIN, cliccare sulla voce Fascicolo Previdenziale del Cittadino, che si trova sul lato sinistro della schermata, entrare all’interno della Posizione Assicurativa e richiedere infine l’Estratto conto. Il documento può essere visionato online oppure stampato su formato cartaceo. All’interno dell’estratto conto sono presenti tutti i contributi versati dall’interessato nel corso della sua attività lavorativa, divisi in base alla gestione di appartenenza. E’importante sapere che i contributi versati dagli iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria si trovano all’interno del’estratto conto di tipo previdenziale mentre quelli relativi alle persone che appartengono alla Gestione separata sono contenuti in quello dei Parasubordinati.
E’possibile richiedere la documentazione inerente alla propria situazione contributiva anche utilizzano il numero 803164 o 06164164, recandosi presso un patronato o un Caf abilitato.

Informazioni contenute

All’interno della documentazione è presente il nome e il cognome dell’intestatario, una tabella dove sono riepilogati i vari contributi e una serie di informazioni, che sono riportate nell’elenco che segue.

  • Tipologia del versamento contributivo, ad esempio da lavoro dipendente, comerciale, servizio militare, artigiano ecc.
  • Periodo di riferimento.
  • Versamenti utili al raggiungimento del diritto alla pensione e al suo relativo calcolo. I contributi sono chiaramente espressi in giorni, settimane e mesi.
  • Retribuzione.
  • Azienda.
  • Eventuali informazioni e dati.

Nel caso in cui l’interessato si accorga della presenza di alcune anomalie nei dati contenuti può effettuare una segnalazione nell’apposita sezione Segnalazioni Contributive. E’importante ricordare che nel mese di dicembre del 1995 il sistema pensionistico italiano ha subito una trasformazione. Le persone che hanno versato almeno 18 anni di contributi prima della suddetta data hanno diritto a usufruire del sistema retributivo, coloro che invece hanno iniziato a versare i contributi solo dopo il mese di dicembre del 1995 usufruiranno del sistema contributivo.

 



Potrebbe interessarti

Lavoro congruo: le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi tutto...

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Leggi tutto...

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Leggi tutto...

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Come entrare nell’Esercito italiano

Quando si valuta di intraprendere la carriera militare, bisogna prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali affinché il nostro percorso sia dei più accurati e idonei possibile. Del resto ne va del proprio futuro e non si può improvvisare niente o lasciare nulla al caso.

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio di un docente: determinazione e caratteristiche

Tutte le tipologie di lavoratori hanno diritto a ricevere periodicamente lo stipendio dovuto e che quantificato

Leggi tutto...

Congedo di paternità

Quando spetta il congedo di paternità

Il congedo in caso di paternità, fra le novità della Riforma Fornero, è riportato nel comma 24 dell’articolo 4, allo scopo del sostenimento della genitorialità, promuovendo una  maggiore condivisione dei compiti per curare i figli.

Leggi tutto...

Trovare lavoro all'estero dall'Italia: ecco alcune idee

in cerca di lavoro all'estero

Come lavorare all'estero? In Italia vige l'idea per cui sia più semplice trovare lavoro in alcuni Stati Europei, ad esempio in Inghilterra, rispetto al belpaese. Non è proprio così, poichè l'Europa ha un tasso di disoccupazione abbastanza alto.

Leggi tutto...

Mobilità Scuola 2018/19: i corsi di perfezionamento per ottenere punteggio

mobilità del personale scolastico

Negli ultimi mesi si è discusso a lungo per il rinnovo del contratto sulla mobilità che interessa più di un milione di lavoratori tra docenti e personale ATA. A febbraio si è giunti, finalmente, alla sottoscrizione di un accordo tra MIUR e sindacati che ha visto la proroga integrale del Contratto sulla mobilità 2017/18 per l’anno scolastico 2018/19.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro Cuoco: le mansioni, i requisiti e le offerte di lavoro online

Non si tratta di un lavoro in cui si svolge semplicemente un'attività...il cuoco è anche un pò un'artista che colpisce i commensali tra combinazioni speciali di gusti e una straordinaria mes en place.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Calcolo della Quattordicesima: come funziona?

La quattordicesima è riconosciuta al lavoratore una volta all'anno (nel periodo tra giugno, luglio e agosto. Per il giono specifico dipende dall'azienda). Il calcolo della quattordicesima si basa sulla retribuzione mensile fissa qualora il contratto di lavoro duri da almeno 12 mesi.

Leggi tutto...
Go to Top