Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Esso è fondamentale soprattutto in caso di omissioni o errori; possedendo tale documento è dunque possibile chiedere eventuali modifiche.

Come richiedere l'estratto conto contributivo

E' un documento utile a certificare la propria posizione assicurativa; viene rilasciato, previa richiesta, agli assicuratori che sono in procinto di riscuotere la pensione. In tale documento è presente in modo dettagliato tutta la contribuzione previdenziale legata all'ammontare dei contributi acquisiti durante gli anni di attività lavorativa.

È possibile richiedere l'Estratto conto prima della pensione, presso tutte le sedi Inps e utilizzando il modello Ecocert. L'estratto conto non contiene però i periodi di iscrizione alla gestione separata 10% o 13 %, dei collaboratori coordinati e continuativo o dei liberi professionisti senza cassa di categoria, e quelli legati alle iscrizioni ai fondi speciali.

E' costituito invece da un riepilogo sul tipo di contribuzione acquisita e la lista dei contributi utili alla riscossione della pensione stessa.

Estratto conto dei contributi INPS

L'estratto conto contributivo è provvisto anche di un resoconto dei contributi registrati all'Inps, quali:

  • settimane necessarie al raggiungimento del diritto alla pensione;
  • settimane utili alla valutazione della pensione in numeri;
  • contributi registrati negli archivi (giorni, settimane, mesi);
  • la retribuzione o il reddito;
  • le note.

Come richiederlo online

estratto conto contributivo

Da alcuni anni è possibile richidere l’estratto conto contributivo anche online, attraverso il sito dell’Inps. Per poter accedere ai vari servizi presenti online è necessario che l’interessato effettui precedentemente la registrazione al portale, durante la quale gli verrà assegnato un codice identificativo, il PIN. Per richiedere questo genere di documentazione retributiva bisogna cliccare sulla voce Servizi per il Cittadino, accedere tramite il PIN, cliccare sulla voce Fascicolo Previdenziale del Cittadino, che si trova sul lato sinistro della schermata, entrare all’interno della Posizione Assicurativa e richiedere infine l’Estratto conto. Il documento può essere visionato online oppure stampato su formato cartaceo. All’interno dell’estratto conto sono presenti tutti i contributi versati dall’interessato nel corso della sua attività lavorativa, divisi in base alla gestione di appartenenza. E’importante sapere che i contributi versati dagli iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria si trovano all’interno del’estratto conto di tipo previdenziale mentre quelli relativi alle persone che appartengono alla Gestione separata sono contenuti in quello dei Parasubordinati.
E’possibile richiedere la documentazione inerente alla propria situazione contributiva anche utilizzano il numero 803164 o 06164164, recandosi presso un patronato o un Caf abilitato.

Informazioni contenute

All’interno della documentazione è presente il nome e il cognome dell’intestatario, una tabella dove sono riepilogati i vari contributi e una serie di informazioni, che sono riportate nell’elenco che segue.

  • Tipologia del versamento contributivo, ad esempio da lavoro dipendente, comerciale, servizio militare, artigiano ecc.
  • Periodo di riferimento.
  • Versamenti utili al raggiungimento del diritto alla pensione e al suo relativo calcolo. I contributi sono chiaramente espressi in giorni, settimane e mesi.
  • Retribuzione.
  • Azienda.
  • Eventuali informazioni e dati.

Nel caso in cui l’interessato si accorga della presenza di alcune anomalie nei dati contenuti può effettuare una segnalazione nell’apposita sezione Segnalazioni Contributive. E’importante ricordare che nel mese di dicembre del 1995 il sistema pensionistico italiano ha subito una trasformazione. Le persone che hanno versato almeno 18 anni di contributi prima della suddetta data hanno diritto a usufruire del sistema retributivo, coloro che invece hanno iniziato a versare i contributi solo dopo il mese di dicembre del 1995 usufruiranno del sistema contributivo.

 



Potrebbe interessarti

Calcolo pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. Il criterio per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Leggi tutto...

Colloquio motivazionale: ecco come regolarsi!

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Formazione scuola: ICOTEA triplica i vantaggi

Oggi più che mai il settore dell’istruzione risulta il contesto strategico su cui investire e la formazione professionale continua del personale scolastico è il punto da cui partire per rilanciare l’intero sistema educativo italiano.

Leggi tutto...

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Leggi tutto...

Requisiti per lavorare in banca

Per coloro che sognano il posto fisso, il lavoro in banca è sicuramente un' opportunità imperdibile; sono infatti numerose le aziende del settore che in Italia vanno alla ricerca di nuovo personale.

Leggi tutto...

Cerco lavoro call center: ecco le offerte

lavorare in un call centre

Le offerte di cerco lavoro call center si riferiscono al lavoro di telemarketing svolto da operatori e operatrici telefoniche. Le aziende che operano in questo settore svolgono solitamente l'attività di customer service. Ultimamente si è arrivato però a un servizio forse troppo invasivo: nelle abitazioni arrivano decine e decine di telefonate e non è un caso che molte famiglie rispondano stizzite all’ennesima chiamata, anche se capiscono che dall’altro lato della cornetta ci sono persone che lavorano.

Leggi tutto...

Lavorare come hostess: ecco alcuni spunti

ragazza che lavora ocme hostess

Chi ancora studia o coloro che hanno già un impiego full o part time possono trovare interessanti le offerte di lavoro come hostess o promoter.

Leggi tutto...

Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trovare lavoro sul web? Ecco dove e come cercare

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Leggi tutto...
Go to Top