La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Obiettivi formativi Scienze Umanistiche

La riforma universitaria del 2001 ha permesso un rinnovamento dell'offerta formativa della facoltà di Scienze Umanistiche, sia per quanto concerne i corsi di laurea triennali che per quelli di laurea magistrale, allo scopo di fornire una preparazione moderna nella quale si conservi l'unità del sapere umanistico, irrobustito con i metodi e gli strumenti più sofisticati delle scienze esatte e adattato sulla base delle richieste di nuove figure culturali e professionali. La Facoltà continua inoltre a guidare gli studenti anche dopo il conseguimento del titolo di laurea attraverso le offerte di tirocinio in Italia e all’estero e la formazione post lauream.

Opportunità di lavoro laurea Scienze Umanistiche

Le offerte formative dei corsi di laurea della facoltà di Scienze Umanistiche sono pensate per poter fornire allo studente degli strumenti “spendibili”, acquisendo metodologie e competenze utili a un approccio maturo e critico alle professioni, alla realtà lavorativa. A seconda dell'indirizzo scelto, il laureato in Scienze Umanistiche può trovare lavoro negli ambiti più disparati. L'area letteraria e dei Beni culturali, ad esempio, mira alla formazione delle seguenti professioni: archeologo, archivista, storico, operatore museale, organizzatore di eventi museali, storico dell’arte, responsabile didattica museale, archeologo, gestione e selezione delle risorse umane, addetto alla gestione del personale.

Ecco il sito della Facoltà di Roma

Sbocchi professionali

Sbocchi professionali sono possibili anche nel settore dell'editoria e del giornalismo (autore, editore, giornalista, redattore editoriale, redattore elettronico, segretario di redazione, archivista di redazione, addetto stampa, correttore di bozze e revisore, content manager, web writer, copywriter, sceneggiatore).

Altre professioni raggiungibili, se si è in possesso di una laurea in Scienze Umanistiche, sono: nel ramo insegnamento come docente in scuole di I e II grado (medie e superiori), formatore, esperto della formazione del personale, progettista di formazione, tutor della formazione o didattico, tutor on line, dirigente scolastico; nell'ambito delle lingue, traduzione e mediazione culturale come archivista, esperto in progetti di cooperazione e sviluppo, cooperante allo sviluppo internazionale, mediatore culturale, traduttore, interprete; nell'area del Turismo come addetto all’accoglienza, addetto di scalo, guida turistica, operatore congressuale, operatoredi agenzia di viaggi, programmatore turistico, responsabile dei servizi di ricevimento.

Area di corsi di laurea legati allo spettacolo

C'è infine l'area legata allo spettacolo e alla moda che prepara lo studente a divenire, a seconda delle personali attitudini: attrice/attore, regista, regista multimediale, critico musicale-teatrale-cinematografico-televisivo, montatore, organizzatore di sfilate di moda, scenografo, sceneggiatore, direttore di produzione, responsabile del casting, segretario/a di direzione, fonico, direttore del doppiaggio, macchinista teatrale,scenotecnico, costumista, doppiatore, assistente al doppiaggio.

Lauree umanistiche e internet: stare al passo è possibile grazie a Scienze Umanistiche

Scienze Umanistiche

Scegliere il proprio corso di laura, alla fine dei conti, significa scegliere il proprio futuro ed è per questo che non risulta semplice riuscire a coniugare le proprie passioni e le proprie capacità con le opportunità lavorative del momento ma allo stesso tempo future.
Da un lato, naturalmente, vi è chi segue le proprie attitudini e sceglie di studiare per puro piacere lasciando la questione lavorativa irrisolta, dall’altro lato vi è chi si lascia condizionare da ciò finendo per rinunciare alle proprie passioni nel nome di un futuro più certo.

Le facoltà che vengono spesso abbandonate perché considerate poco redditizie sono sicuramente quelle umanistiche, ma secondo delle analisi effettuate negli ultimi due anni dall’Osservatorio ExpoTraining, nei prossimi 10 anni si avrà un’inversione della rotta perché le materie umanistiche saranno proprio quelle più richieste.
Il 35% degli intervistati ha indicato le facoltà che ne fanno parte come quelle in grado di formare maggiormente gli individui donando loro delle competenze preziose in vista del futuro, nonostante spesso si tenda a vedere il mondo umanistico poco adatto al futuro che ci stiamo creando.

Secondo gli studiosi, ma anche i manager e gli imprenditori, la necessità non risiede nel ridurre i percorsi umanistici all’interno delle università ma, al contrario, di trovare il modo migliore per coniugarli al mondo del web: il mondo tra 10, 15, 20 anni avrà sicuramente sempre più bisogno di esperti di tecnologia, ma tale necessità non preclude la necessità di laureati in lettere, lingue, storia e filosofia.
Quello che è importante, oggi, è giocare di anticipo e cercare di unire questi due mondi ancora troppo distanti attraverso la formazione universitaria e il modo migliore che farlo non può essere nessun altro se non quello di dare spazio ai giovani i quali, si sa, sono sempre più in grado di reinventarsi lavori diversi ed essere  quindi versatili.

Negli ultimi anni, soprattutto sui social ma anche sul più classico YouTube, non è difficile trovare giovani e meno giovani che hanno deciso di fare delle proprie conoscenze letterarie, filosofiche e più in generale artistiche, il proprio lavoro attraverso la condivisione con gli altri di contenuti originali.
Come diceva Robin Williams nel film “l’attimo fuggente” l’economia, la medicina, l’ingegneria saranno sicuramente nobili professioni necessarie per il nostro sostentamento, ma la poesia, l’arte, la bellezza saranno sempre necessarie per farci sentire vivi, quindi, se è il vostro mondo, provateci, il lavoro verrà da sé!

Potrebbe interessarti

CCNL per i pubblici servizi: vediamo di cosa si tratta

CCNL per i pubblici servizi: vediamo di cosa si tratta

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Nullità e annullabilità di un contratto di lavoro: sai come muoverti?

Nullità e annullabilità

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Contratto a tempo determinato: informazioni su durata e proroga

Immagine d'esempio usata nell'articolo Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

La durata del contratto tempo determinato non può superare i 36 mesi. 

Jobs Act: cos'è? Te lo spieghiamo in maniera semplice

jobs act

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Leggi anche...

Creare un ufficio in casa: alcuni consigli su mobili di design

Forse già lo conoscevamo o forse ci stiamo avvicinando allo smart working solo in questo periodo, resta il fatto che se il lavoro da casa sta per noi diventando una realtà sempre più tangibile, forse è meglio adeguarsi in fretta e modificare qualcosa all'interno di casa nostra per renderci il compito più semplice, comodo e proficuo.

Leggi anche...

Lavorare nell’agenzia di comunicazione: di cosa si occupa un centro media

L’agenzia di comunicazione è anche definita centro media ed è un intermediario tra impresa e media ed ha il compito di ideare, ottimizzare e monitorare il media planning dell’impresa o dell’istituzione.