La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Obiettivi formativi Scienze Umanistiche

La riforma universitaria del 2001 ha permesso un rinnovamento dell'offerta formativa della facoltà di Scienze Umanistiche, sia per quanto concerne i corsi di laurea triennali che per quelli di laurea magistrale, allo scopo di fornire una preparazione moderna nella quale si conservi l'unità del sapere umanistico, irrobustito con i metodi e gli strumenti più sofisticati delle scienze esatte e adattato sulla base delle richieste di nuove figure culturali e professionali. La Facoltà continua inoltre a guidare gli studenti anche dopo il conseguimento del titolo di laurea attraverso le offerte di tirocinio in Italia e all’estero e la formazione post lauream.

Opportunità di lavoro laurea Scienze Umanistiche

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Facoltà di Scienze Umanistiche

Le offerte formative dei corsi di laurea della facoltà di Scienze Umanistiche sono pensate per poter fornire allo studente degli strumenti “spendibili”, acquisendo metodologie e competenze utili a un approccio maturo e critico alle professioni, alla realtà lavorativa. A seconda dell'indirizzo scelto, il laureato in Scienze Umanistiche può trovare lavoro negli ambiti più disparati. L'area letteraria e dei Beni culturali, ad esempio, mira alla formazione delle seguenti professioni: archeologo, archivista, storico, operatore museale, organizzatore di eventi museali, storico dell’arte, responsabile dididattica museale, archeologo, gestione e selezione delle risorse umane, addetto alla gestione del personale.

Sbocchi professionali

Sbocchi professionali sono possibili anche nel settore dell'editoria e del giornalismo (autore, editore, giornalista, redattore editoriale, redattore elettronico, segretario di redazione, archivista di redazione, addetto stampa, correttore di bozze e revisore, content manager, web writer, copywriter, sceneggiatore).

Altre professioni raggiungibili, se si è in possesso di una laurea in Scienze Umanistiche, sono: nel ramo insegnamento come docente in scuole di I e II grado (medie e superiori), formatore, esperto della formazione del personale, progettista di formazione, tutor della formazione o didattico, tutor on line, dirigente scolastico; nell'ambito delle lingue, traduzione e mediazione culturale come archivista, esperto in progetti di cooperazione e sviluppo, cooperante allo sviluppo internazionale, mediatore culturale, traduttore, interprete; nell'area del Turismo come addetto all’accoglienza, addetto di scalo, guida turistica, operatore congressuale, operatoredi agenzia di viaggi, programmatore turistico, responsabile dei servizi di ricevimento.

Area di corsi di laurea legati allo spettacolo

C'è infine l'area legata allo spettacolo e alla moda che prepara lo studente a divenire, a seconda delle personali attitudini: attrice/attore, regista, regista multimediale, critico musicale-teatrale-cinematografico-televisivo, montatore, organizzatore di sfilate di moda, scenografo, sceneggiatore, direttore di produzione, responsabile del casting, segretario/a di direzione, fonico, direttore del doppiaggio, macchinista teatrale,scenotecnico, costumista, doppiatore, assistente al doppiaggio.

Lauree umanistiche e internet: stare al passo è possibile
Scegliere il proprio corso di laura, alla fine dei conti, significa scegliere il proprio futuro ed è per questo che non risulta semplice riuscire a coniugare le proprie passioni e le proprie capacità con le opportunità lavorative del momento ma allo stesso tempo future.
Da un lato, naturalmente, vi è chi segue le proprie attitudini e sceglie di studiare per puro piacere lasciando la questione lavorativa irrisolta, dall’altro lato vi è chi si lascia condizionare da ciò finendo per rinunciare alle proprie passioni nel nome di un futuro più certo.
Le facoltà che vengono spesso abbandonate perché considerate poco redditizie sono sicuramente quelle umanistiche, ma secondo delle analisi effettuate negli ultimi due anni dall’Osservatorio ExpoTraining, nei prossimi 10 anni si avrà un’inversione della rotta perché le materie umanistiche saranno proprio quelle più richieste.
Il 35% degli intervistati ha indicato le facoltà che ne fanno parte come quelle in grado di formare maggiormente gli individui donando loro delle competenze preziose in vista del futuro, nonostante spesso si tenda a vedere il mondo umanistico poco adatto al futuro che ci stiamo creando.
Secondo gli studiosi, ma anche i manager e gli imprenditori, la necessità non risiede nel ridurre i percorsi umanistici all’interno delle università ma, al contrario, di trovare il modo migliore per coniugarli al mondo del web: il mondo tra 10, 15, 20 anni avrà sicuramente sempre più bisogno di esperti di tecnologia, ma tale necessità non preclude la necessità di laureati in lettere, lingue, storia e filosofia.
Quello che è importante, oggi, è giocare di anticipo e cercare di unire questi due mondi ancora troppo distanti attraverso la formazione universitaria e il modo migliore che farlo non può essere nessun altro se non quello di dare spazio ai giovani i quali, si sa, sono sempre più in grado di reinventarsi lavori diversi ed essere  quindi versatili.
Negli ultimi anni, soprattutto sui social ma anche sul più classico YouTube, non è difficile trovare giovani e meno giovani che hanno deciso di fare delle proprie conoscenze letterarie, filosofiche e più in generale artistiche, il proprio lavoro attraverso la condivisione con gli altri di contenuti originali.
Come diceva Robin Williams nel film “l’attimo fuggente” l’economia, la medicina, l’ingegneria saranno sicuramente nobili professioni necessarie per il nostro sostentamento, ma la poesia, l’arte, la bellezza saranno sempre necessarie per farci sentire vivi, quindi, se è il vostro mondo, provateci, il lavoro verrà da sé!

Potrebbe interessarti

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Immagine d'esempio usata nell'articolo Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Licenziamento collettivo: scopri le ragioni

il licenziamento collettivo

Anche chi possiede un lavoro e uno stipendio sicuro potrebbe correre il rischio di essere licenziato a causa di motivazioni esterne alla sua volontà e al suo operato. Questo succede spesso all’interno di aziende o imprese, che sono spesso a rischio di fallimento o di crisi.

Offerte lavoro per professionisti in grafica pubblicitaria

cercare lavoro come grafico

Con il termine di grafico si intende una figura professionale nota anche come graphic designer. In sostanza, un grafico si occupa del settore delle arti visive, ed il suo mestiere è quello di creare una serie di prodotti destinati alla comunicazione visiva, ovvero con l'obiettivo di comunicare un messaggio attraverso un mezzo che sia: la stampa, la pubblicazione cartacea, la pubblicazione elettronica.

La maternità nel CCNL Contratto di Commercio: come muoversi

Il CCNL Contratto di commercio, rinnovato dal 1 gennaio 2011 fino al 31 dicembre 2013, dedica un intero titolo alla disciplina della maternità, definendone l’intero quadro normativo in termini di diritti, retribuzione, permessi e astensione dalla prestazione lavorativa.

Leggi anche...

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Leggi anche...

Borsa lavoro Bolzano: offerte in Alto Adige

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Alto Adige.

Leggi anche...

Contratto cococo: ancora conviene? Vediamolo insieme

contratto cococo

Il contratto di collaborazione coordinata e continuativa (Co.Co.Co) esiste ancora oppure no?