La facoltà di filosofia dell'Università rappresenta una delle scelte più sfidanti per lo studente appassionato di tale materia.
Il progetto formativo della Facoltà ha l'obiettivo di garantire allo studente un percorso nell'area filosofica che parta dalla laurea triennale fino alla laurea magistrale e al dottorato (europeo e in prospettiva internazionale) e si propone di costituire master nazionali e internazionali.

Gli obiettivi formativi del corso di studi

Lo studente indirizzato nella scelta del corso di Laurea in filosofia ha davanti a sé una pluralità di offerte e scelte formative; la facoltà ha infatti l'obiettivo formativo di dotare gli studenti di solide competenze di base e di un atteggiamento culturale e scientifico impostato su due indirizzi: da una parte, un rigoroso studio dei classici, dall'altro, il confronto con la ricerca più avanzata nazionale e internazionale nei diversi settori del sapere filosofico (teoretico, storico-filosofico, etico, linguistico, epistemologico).

Le opportunità offerte dalla Laurea in Lettere e Filosofia

Spesso lo studente di filosofia viene additato come uno dei rappresentati della futura "classe di disoccupati", per l'apparente difficoltà di trovare un ambiente di lavoro che possa essere additato come simbolo di questa facoltà. O meglio, lo sbocco più rinomato per gli studenti di Filosofia è naturalmente quello dell'insegnamento, ma in questi periodi riuscire ad entrare nella scuola ha la stessa probabilità di riuscita di un terno secco al lotto.

Gli altri campi lavorativi

Eppure in pochi sanno che la laurea in filosofia è una delle lauree più diffuse nei più disparati e impensabili ambiti, dalla politica alla pubblica amministrazione, dalla gestione di risorse umane ai ruoli chiave dell'editoria, del giornalismo, nonché nella direzione di numerose aziende e medie o piccole imprese. In seguito a questa laurea, inoltre, è possibile conseguire numerosi master di vario tipo.

Gli impieghi del laureato in filosofia

A seconda dell'indirizzo scelto, il laureato in filosofia può trovare una posizione di rispetto nella comunicazione anche pubblicitaria e multimediale, nello svolgimento di compiti manageriali nella formazione e gestione del personale, nelle attività socioculturali di servizi pubblici e privati (marketing, pubbliche relazioni, promozione culturale, pubblicità “creativa”).

Il profilo dello studente di filosofia

Il profilo di un qualunque studente di filosofia, a prescindere dal percorso specialistico scelto, è comunque ricercato nei più impensabili ambienti lavorativi.
La Facoltà di filosofia, infatti, offre una preparazione adeguata alle richieste del mondo del lavoro, che si presenta duttile ed aperta ad attività professionali varie, anche innovative, nelle quali svolgano un ruolo trainante l’aspetto organizzativo e creativo.

La marcia in più di chi ha studiato nella Facoltà di Filosofia

Lo studente in filosofia, infatti, acquisisce nel corso degli studi ampie capacità di ricerca e di consapevolezza critica, grazie a piani di studi che aiutano ad espandere le proprie potenzialità intellettuali e capacità applicative.

Sono proprio gli ultimi dati divulgati da AlmaLaurea, riferibili al periodo 2011-2012, a certificare forse un’inversione di tendenza per questa laurea, che si sta togliendo l’etichetta di essere “debole”, ossia di poco valore. Molta importanza la riveste l’istituto universitario dove si consegue il titolo: la percentuale maggiore di occupati infatti è dell’Università di Verona, con il suo importante 87%. Conquista un ruolo di primo piano anche la San Raffaele di Milano, dove gli studenti trovano un’occupazione entro un anno nel 70% dei casi. In un lavoro su tre, quindi circa il 30%, l’occupazione consiste in una consulenza per le aziende. Un numero di dottorandi alto esce invece dall’Università di Macerata (37%), seguito dall’Ateneo di Firenze (23%). Come detto prima, questi filosofi entrano in tanti rami del lavoro, che vanno dagli impieghi bancari al mondo della comunicazione, grazie alla loro visione globalizzata che hanno potuto apprendere durante il periodo di studi. Non mancano esempi di studenti che sono stati assunti nella finanza etica o nella responsabilità sociale. Nuovi ruoli e occupazioni che possono aprire nuovi orizzonti a questi neo-laureati, spesso accusati di prendere una laurea di Serie B quando invece comunque è un titolo da spendere. Meglio avercelo che no insomma.

L’altra faccia della medaglia

Ma a questi dati si contrappongono quelle storie che vedono gli studenti uscire dall’Università e non trovare nessuna occupazione in alcun ambito. Una società che sembra metta ai margini chi ha competenze o chi ottiene dei titoli di studi molto importanti. Purtroppo però la situazione odierna in Italia non sembra privilegiare queste figure: la crisi economica si è abbattuta come un macigno sul nostro Paese, con un gran volume di licenziamenti e la conseguenza che molte persone si ritrovano disoccupati in mezzo alla strada. In tutto questo si aggiunge la mancanza di assunzioni per una disoccupazione giovanile che ha raggiunto dei dati molto allarmanti. In questo contesto, chi potrebbe accusare più la crisi sono quei settori dove escono più figure che non sono apprezzate al momento dal mercato, che invece privilegia ingegneri o chi vuole lavorare nella green economy, vero settore in crescita in Italia (il Bel Paese è uno dei Paesi che più investe sull’economia verde). Così non diventa un caso leggere storie di filosofi che si ritrovano a fare tutt’altro nella vita perchè comunque uno stipendio bisogna portarlo a casa. Storie che farebbero pensare a una perdita di tempo visto che si è studiato altro ma la realtà odierna parla anche di queste situazioni tristi. Se già i dati di AlmaLaurea, spiegati nel precedente paragrafo, fossero confermati nei prossimi anni, si potrebbe dare un po’ di fiducia a questo settore, che tuttavia agevola solo particolari Atenei.





Potrebbe interessarti

Calcolo pensione Inarcassa: come fare?

calcolo della pensione inarcassa

In materia di pensione e di previdenza esistono delle strutture pensionistiche apposite chiamate casse di previdenza. Le casse di previdenza sono degli organismi ben precisi ai quali fanno riferimento specifiche categorie di lavoratori: vediamo come muoversi per il calcolo pensione Inarcassa.

Leggi tutto...

La tredicesima prevista per le pensioni

Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Leggi tutto...

Riforma del contratto a progetto

riforma contratti a progetto

Fra le novità proposte nella riforma del mercato del lavoro da parte del Governo Monti, particolare rilevanza hanno le modifiche previste per le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

Lavoro congruo: le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi tutto...

Servizio Ispezione del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Contratti con Partita Iva: quali tipologie?

Il Dlgs n. 276/2003, che include al suo interno i dettami della legge delega n. 30 del 14 febbraio 2003 (legge Biagi), prevede l'inserimento di nuovi tipi di contratti, tra i quali c'è quello con partita Iva destinato alle classi di lavoratori autonomi (cooperatori, liberi professionisti, consulenti ecc.).

Leggi tutto...

Lettera di richiamo: in cosa consiste l'ammonimento scritto

La lettera di richiamo è uno dei provvedimenti disciplinari che il datore di lavoro può impugnare per far rispettare gli accordi contrattuali al proprio dipendente. Oggi daremo uno sguardo più dettagliato su uno dei provvedimenti che spesso causa delle vere e proprie diatribe sul posto di lavoro.

Leggi tutto...

Lavoro Receptionist: accoglienza e professionalità

Il lavoro di receptionist nel campo del turismo è una figura importante. Il ruolo del personale della receptionist è fondamentale perché sono i primi ad accogliere i clienti.

Leggi tutto...

Licenziare un dipendente: vediamo quali sono le conseguenze per entrambe le parti

La riforma del lavoro voluta dal governo Monti intervenne in tema di licenziamenti. Grazie all'articolo 18, licenziare un dipendente non è una impresa semplice per le aziende, in quanto i lavoratori sono appunto tutelati da questa norma presente nello Statuto dei Lavoratori.

Leggi tutto...

Trovare lavoro sul web? Ecco dove e come cercare

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Finanziamenti imprenditoria femminile

La legge che regola i finanziamenti imprenditoria femminile è la legge numero 215/92. Il fine della legge consiste nell'incrementare l’imprenditoria rosa garantendo pari opportunità e facilitando l’economia di un territorio. 

Leggi tutto...
Go to Top