Tra poco più di un mese, con l’ingresso del 2019, diverse cose cambieranno: una di questa è la metodologia di emissione, trasmissione e conservazione di tutte le fatture che a differenza di ciò che succedeva in passato verranno elaborate per via elettronica consentendo l’abbandono definitivo di ogni supporto cartaceo e abbattendo le spese di spedizione e/o di conservazione.  

Esse dovranno esser fatte mediante un formato ribattezzato FatturaPA, ovvero un linguaggio XML di natura ovviamente elettronica che permette il flusso di dati citati precedentemente.  

Per svariati anni sono state parecchie le metodologie tese a compilare questi dati: prima carta e penna, poi mediante editor testuali e successivamente fogli di calcolo (vedi programmi quali Microsoft Word, Microsoft Excel e via discorrendo). Una volta compilati questi form il tutto veniva trasmesso al cliente che aveva a sua volta l’obbligo di conservare tali documenti cartacei per almeno dieci anni. 
Ad inizio 2019 però il tutto verrà radicalmente modificato infatti vi sarà un unico percorso unificato chiamato Sistema di Interscambio (Sdl) rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. La nuova elaborazione delle fatture sarà: 

  • Compilata mediante un software per l’appunto di fatturazione elettronica; 
  • Saranno firmate in modo digitale mediante firma elettronica qualificata dal soggetto interessato o da un suo intermediario; 
  • Superato questo step il tutto dovrà essere inviato al Sistema di Interscambio che diverrà obbligatorio, come detto, a partire dal 2019; 
  • Superati anche i controlli tecnici lo stesso SdI invierà un documento con tutti gli estremi alla Pubblica Amministrazione o all’eventuale soggetto interessato. 

Fatturazione elettronica anticipata al 2018 

Adesso esiste la fatturazione elettronica

Esistono casi nei quali l’obbligo di fatturazione elettronica è stata anticipata di un anno. Infatti anziché attendere l’arrivo del 1° Gennaio 2019 in alcuni casi il tutto è stato anticipato di 365 giorni: 

  • È il caso delle cessioni di gasolio o benzina che sono destinati a soggetti aventi Partita Iva o per l’utilizzo come carburanti per motori; 
  • Per le prestazioni rese da subcontraenti e subappaltatori in quelli che sono gli appalti di natura pubblica; 
  • Per i viaggiatori extra Unione Europea (una parte ma non tutti) 
  • Per importi superiori a 155Euro al lordo dell’Iva; 
  • Per acquisti di beni di natura personale e familiare. 

Fatturazione obbligatoria e scadenze 

Come detto la fattura elettronica sarà obbligatoria tra i privati e verso i consumatori a partire dal 1° Gennaio 2019.  
Molto però è lo scetticismo che circola intorno a questa nuova metodologia ma di fatto nella stragrande maggioranza dei paesi Europei e non solo, la fatturazione elettronica è stata già introdotta da diversi anni. 

Se riuscissimo ad entrare in un’ottica tesa a guardare il futuro il nuovo metodo di fatturazione potrebbe tranquillamente rappresentare una svolta per l’Italia e per il sistema fiscale italiano che, come purtroppo sappiamo, presenta lacune non indifferenti. 

La nuova Legge di Bilancio, infatti, pone come obiettivo principale quello di migliorare il sistema economico e fiscale del nostro paese a 360°: quello della fatturazione elettronica è solo l’inizio di un processo che vede coinvolti numerosi altri settori. 

Basta infatti pensare che all’interno della nuova manovra finanziaria c’è spazio per: 

  • Pace Fiscale: riguarda la rottamazione delle cartelle fino a 1000€ con lo stralcio delle stesse; 
  • Flat Tax: riguarda la riforma inerente alle Aliquote in modo da stabilirne una solamente; 
  • Reddito di Cittadinanza: per chi è disoccupato sussidio di giusta entità (780€) in attesa che l’individuo e lo Stato riescono a trovare un’occupazione; 
  • Pensione integrativa: integrazione per la pensione fino al raggiungimento dei 780€ ritenuti minimi; 
  • Annullamento multe: pari o inferiori ad un importo inferiore a 1000€ contratte tra il 2000 e il 2010; 
  • Riduzione Canone Rai: tassa ridotta a 90€; 
  • Disabili: agevolazione economica che passa dai 400€ ad 800€; 
  • Bonus bebè: aumento del 20€ per ogni figlio successivo al primo.  




Potrebbe interessarti


Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Operaio specializzato: definizione del suo lavoro

La figura dell'operaio è una delle quattro tipologie di lavoro subordinato insieme al ruolo di quadri, dirigenti e impiegati. La caratteristica principale di questa categoria è quella di essere legata allo svolgimento di mansioni di tipo manuale o tecnico.

Leggi tutto...

Aprire un'officina: scopri come cominciare!

lavorare come meccanico in officina

Una professione che certamente non avrà mai problemi di carenza di lavoro è sicuramente quella del meccanico per auto o per moto.

Leggi tutto...

Pensione di cittadinanza: scopriamo che cos’è e come funziona

La pensione di cittadinanza

Con la recente vittoria del Movimento 5 stelle nelle elezioni politiche che ci sono state il 04 marzo 2018 si è affacciata sempre di più la possibilità di richiedere la pensione di cittadinanza 2019.

Leggi tutto...

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavoro in cooperativa: qual è il suo compito?

Una cooperativa lavoro è una società nata per gestire un'impresa in comune tra più persone; essa è regolarmente disciplinata dall'articolo 45 della Costituzione Italiana. 

Leggi tutto...

Leggi anche...


Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...
Go to Top