La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

L'Unione europea, inoltre, gestisce programmi di microcredito (prestiti inferiori a 25 000 €) per lavoratori autonomi e imprese con meno di dieci collaboratori. Anche in questo caso, l'UE non concede direttamente microcrediti a persone o imprese, ma fornisce garanzie, prestiti e capitali ad intermediari, che possono quindi concedere prestiti alle piccole imprese o mettere a loro disposizione capitali.

Se siete, dunque, un imprenditore o pensate di diventarlo, potete rivolgervi ad intermediari presenti sul territorio italiano che concedono microcrediti e che partecipano ad una delle seguenti iniziative dell'UE: Jeremie o Progress.

Le varie declinazioni di finanziamento europeo

finanziamenti europei a fondo perduto

Come già accennato, i finanziamenti europei sono gestiti in forma:

  • diretta tramite pubblicazione sul sito della gazzetta europea di bandi di gara afferenti a diversi ambiti di interesse; o
  • indiretta quando i fondi vengono trasferiti dalla Commissione europea agli enti degli Stati Membri e gestiti dalla amministrazioni (comuni, provincie, regioni, enti) tramite indizione di bandi di gara pubblicati periodicamente sui siti dei rispettivi enti.

I fondi sono erogati sempre nell’ambito di programmi europei o iniziative a favore dello sviluppo e non sulla libera iniziativa del cittadino.

 

I finanziamenti a fondo perduto sono dei fondi che vengono dati in prestito a coloro che intendono avviare una nuova attività d’impresa o ampliarne una già esistente. L’Unione Europea predilige concedere fondi alle regioni in cui scarseggiano le imprese.

Come si fa ad ottenere un finanziamento europeo a fondo perduto?

Per poterli richiedere è necessario attendere che esca un bando di gara e leggerne attentamente i requisiti di partecipazione e le tipologie aziendali richieste. Il termine fondo perduto sta ad indicare che una parte o tutto l’importo ricevuto in prestito non si dovrà rimborsare. È difficile trovare un bando europeo che conceda a fondo perduto il 100% di quanto viene richiesto. Solitamente il 50% del finanziamento è a fondo perduto, l’altro 50% deve essere restituito tramite il pagamento delle rate i cui interessi applicati sono comunque a tassi molto agevolati.

Per ottenere i finanziamenti europei a fondo perduto è necessario essere molto motivati e credere nel proprio progetto. Si dovrà allegare alla domanda, l’intera documentazione relativa al proprio progetto, basta un nulla per far bocciare la domanda, per questo è consigliabile affidarsi alla consulenza di esperti. Esistono, infatti, agenzie private e non - specializzate per ambiti (fondo sociale, corsi di formazione, imprenditoria, innovazione, tecnologia, etc.) - in grado di aiutare nella redazione di un progetto e presentazione della domanda.

A chi rivolgersi per ottenere un finanziamento europeo?

Per quel che riguarda l’Italia, l’ente preposto al coordinamento e gestione dei finanziamenti europei a favore delle imprese è la Direzione Generale per l'Incentivazione delle Attività Imprenditoriali (DGIAI).
Esistono quattro piani di finanziamento principali, destinati alle nuove attività, a quelle esistenti, all'espansione internazionale, alla ricerca e all'innovazione, gestite dal:

  • Ministero del Tesoro (Agevolazioni fiscali per le imprese - Dipartimento del Tesoro); e dal
  • Ministero dello Sviluppo economico (Incentivi per le imprese - Ministero dello Sviluppo economico)

Per accedere a questi fondi, gli investitori devono presentare domanda a INVITALIA - Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa che offre servizi di consulenza e dispone di 5 piani di finanziamento:

  • agevolazioni per specifiche iniziative (Contratti di programma);
  • investimenti per il rilancio industriale;
  • incentivi atti a promuovere la creazione di nuove unità di produzione ed il miglioramento di quelle esistenti (Auto - imprenditorialità);
  • incentivi destinati a chi è disoccupato o alla ricerca del primo impiego e desidera avviare una piccola impresa (Auto - impiego);
  • sostegno finanziario per chi desidera acquistare partecipazioni in altre società (Fondi di investimento).

Anche le Camere di commercio forniscono informazioni e assistenza riguardo ai bandi e ai fondi disponibili.





Potrebbe interessarti

Inail: una guida alla modulistica

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. Ecco perché in Italia è stato istituito un ente pubblico apposito, non economico regolato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Tale istituto è l'Inail (Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali).

Leggi tutto...

Vacanza lavoro: scopri quali occasioni ci sono

Per lavoro, bisogna spesso spostarsi in una località diversa dalla sede della propria azienda; molte altre volte si cerca invece volutamente una vera e propria formula alternativa come quella della vacanza lavoro, diffusissima soprattutto tra i ragazzi che intendono andare all'estero per imparare una lingua

Leggi tutto...

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Calcolo ISEE: come richiederlo online?

il calcolo dell'isee è possibile richiederlo on line

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Leggi tutto...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Offerte di lavoro in Puglia: come orientarsi?

trovare lavoro in puglia

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Puglia. Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Puglia.

Leggi tutto...

Il patto di prova: orientamento della giurisprudenza

Immagine di patto di prova

Il patto di prova è il F precedente al vero e proprio inizio del contratto di lavoro. In questo periodo entrambe le parti hanno la possibilità di recedere dal contratto. 

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Assicurazione RC professionale per architetti e ingegneri

Il 14 agosto 2013 è entrata in vigore la riforma delle professioni introdotta con la Legge 148/2011 e disciplinata dal D.P.R. 137/2012 che rende obbligatoria la stipula di un’assicurazione professionaleper esempio, un’assicurazione professionale per architetti, una per i commercialisti, ingegneri, geometri, psicologi, medici, avvocati, consulenti del lavoro e così via. L’assicurazione protegge il professionista dai rischi legati al normale svolgimento della propria attività. A titolo esemplificativo, si riportano le specifiche riguardanti una RC professionale tipo per architetti e ingegneri. 

Leggi tutto...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro nella Regione Sicilia: trova le offerte sul web!

Partiamo dal Sud Italia per suggerirvi alcuni portali dedicati alle offerte di lavoro in Sicilia. Così come fatto per CalabriaBasilicataCampaniaSardegna e Puglia, oggi vi presenteremo un approfondimento che certamente catturerà il vostro interesse.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Inail: una guida alla modulistica

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. Ecco perché in Italia è stato istituito un ente pubblico apposito, non economico regolato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Tale istituto è l'Inail (Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Regione Calabria formazione e lavoro: alcuni consigli

In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Calabria. In un momento in cui il nostro paese attraversa una crisi di grandi proporzioni, siamo convinti che l'articolo sarà ben accetto da tutte le fasce d'età.

Leggi tutto...
Go to Top