Vediamo come funziona la Flat Tax! Rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Matteo Salvini, il leader della Lega, è colui che si batte maggiormente per l’introduzione, in Italia, della flat tax. Infatti, insieme alla coalizione di centrodestra e al M5s, egli punta a sostituire l’attuale sistema della tassazione Irpef per scaglioni e aliquote con la tassa piatta uguale per tutti.

Allo stato odierno, in questa situazione di stallo nel mondo dell’economia, si torna a parlare proprio della proposta di Salvini e, il capogruppo dei 5stelle al Senato, Danino Toninelli, si dichiara favorevole a questa flat tax, purché non penalizzi le categorie più povere.

La proposta non è nuova al nostro Paese: pro e contro

In realtà la proposta della flat tax non è una novità per l’Italia, infatti questo è uno dei temi più cari ai partiti del centrodestra fin dal 1994, anno in cui Berlusconi provò a proporla per la primissima volta.

La possibilità di introdurre la flat tax sia per le imprese che per le famiglie permetterebbe di fare abbassare, l’attualmente troppo elevata, pressione fiscale nel nostro Paese; si tratta, infatti, di una fra le più alte nel mondo e ci sarebbe anche il vantaggio, a parere di alcuni, di ridurre notevolmente il fenomeno negativo dell’evasione fiscale.

Per quanto riguarda i contro, invece, c’è chi ritiene non sarebbe affatto produttiva in Italia l’introduzione di una flat tax con aliquota unica. Questa fazione si concentra sul fatto che tale proposta è in netto contrasto con il principio di progressività che ha l’imposizione fiscale e, cancellando la tassazione Irpef per aliquote e scaglioni si andrebbe incontro ad un crollo a carico delle entrate tributarie.

Capiamo come funziona la misura

Per capire meglio come funziona la flat tax è utile, però, fare degli altri ragionamenti, infatti, anche se comprendere il funzionamento della flat tax è abbastanza semplice, è opportuno essere a conoscenza del fatto che essa, rispetto al sistema di tassazione di redditi Irpef per aliquote e scaglioni attualmente in uso, questa imposta fissa ad aliquota unica è davvero molto semplice da applicare ma potrebbe nascondere anche qualche insidia.

Le imposte sui redditi con una flat tax verrebbero pagate da ogni contribuente in misura fissa quindi il prelievo fiscale sul reddito da lavoratore dipendente, da pensione e da impresa verrebbe completamente uniformato. La proposta attuale è quella di introdurre un’aliquota fissa del 15% oppure del 23% a seconda che la proposta arrivi dalla Lega o, come detto prima, da Forza Italia.

flat tax calcolo

Per quanto riguarda le insidie, c’è chi ritiene che la tassazione con l’aliquota fissa potrebbe essere svantaggiosa per il nostro Paese a causa di due principali motivazioni, quali:

  • Come anticipato, la flat tax sarebbe contraria al principio di progressività di imposizione fiscale che viene stabilito dall’articolo 53 della Costituzione;
  • Il nostro Paese si troverebbe a dover fare i conti con entrate minori nel “bilancio statale”.

Il primo punto in esame è quello sul quale, innanzitutto, ci si deve concentrare con attenzione in sede di analisi della proposta che riguarda la sostituzione della tassazione Irpef per aliquote e scaglioni con una flat tax, pace fiscale e condono.

La flat tax, però, sulla base della proposta di legge che è stata presentata dalla Lega alla Camera introduce insieme all’aliquota fissa del 15%, anche un sistema di deduzioni proporzionale di 3.000 euro per ogni componente del nucleo familiare da calcolare, però, sulla base del reddito complessivo.

Flat tax, le origini americane 

Le origini della flat tax sono americane. Tra i fautori di questa teoria ci sono gli economisti statunitensi Milton Friedman, ma anche Robert Hall e Alvin Rabushka. Questi ultimi, infatti, durante la presidenza di George W. Bush, spinsero molto per l’introduzione della flat tax al 17,5%. Un’aliquota del genere avrebbe consentito numerosi benefici per moltissimi cittadini americani. Secondo la teoria degli economisti, l’applicazione di questa aliquota doveva essere accompagnata anche dalla cancellazione delle detrazioni, delle deduzioni e delle esenzioni esistenti per poter ampliare al massimo la base dell’imponibile. Così facendo si sarebbe avuto un gettito fiscale alla stregua dei vecchi sistemi a tassazione progressiva se non superiore, andando a includere potenzialmente anche l’economia sommersa da tassare con la nuova norma. Inoltre, al vaglio assieme alla flat tax c’era anche l’introduzione di una no tax area ad hoc. 

La flat tax nei Paesi europei 

Tuttavia, la flat tax a cui l’Italia guarda con interesse è quella introdotta dai Paesi dell’Est Europa, che mirano a restituire ossigeno all’economia e a facilitarne la ripresa e il rilancio più che, come nel caso americano, a tutelare gli interessi dei ceti più abbienti e delle lobby. Negli anni Novanta hanno introdotto la flat tax moltissimi Paesi dell’est come:

  • l’Estonia, con aliquota al 24%, 
  • la Lettonia con aliquota al 25%,
  • la Lituania con aliquota al 33%. 

Nei primi anni 200 è toccato alla Russia, con aliquota al 13%, all’Ucraina con aliquota al 13% poi alzata al 15%, alla Slovacchia con aliquota al 19% poi abolita nel 2013. In anni più recenti hanno introdotto la flat tax anche la Romania con aliquota al 16%, la Macedonia con aliquota al 12%, l’Albania con aliquota al 10% e infine la Bulgaria sempre con aliquota al 10%. La Repubblica Ceca ha scelto di introdurre la flat tax al 23%. Tutti esempi allo studio dell’Italia, in cui la norma finanziaria ha dato respiro – entro certi limiti – all’economia del Paese e all’imprenditoria locale.

Potrebbe interessarti

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Nullità e annullabilità di un contratto di lavoro: sai come muoverti?

Nullità e annullabilità

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Condono fiscale 2019: tutto quello che devi sapere

come funziona il condono fiscale per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Straordinari non pagati: sai cosa fare?

In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Licenziamento collettivo: scopri le ragioni

il licenziamento collettivo

Anche chi possiede un lavoro e uno stipendio sicuro potrebbe correre il rischio di essere licenziato a causa di motivazioni esterne alla sua volontà e al suo operato. Questo succede spesso all’interno di aziende o imprese, che sono spesso a rischio di fallimento o di crisi.

Leggi anche...

Offerte di lavoro per il geometra: come candidarsi online

Offerte di lavoro per il geometra

I requisiti sono il superamento dell'esame di abilitazione professionale e l'iscrizione, da almeno due anni, nel registro provinciale dei praticanti della località di residenza o domicilio.

Leggi anche...

Curriculum vitae: esempio pratico. Ecco come compilarlo passo passo

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi anche...

Diventare agopuntore: chi è, cosa fa, quanto guadagna?

Immagine esemplificativa di quello che fa hi vuole diventare agopuntore

Tra tutte le professionalità legate alla medicina alternativa, una tra le più celebri è sicuramente quella di diventare agopuntore, il professionista medico che pratica l’antica tecnica della medicina tradizionale cinese: l’agopuntura