La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Scuole di recupero anni: un’opportunità per rimettersi in pista

Il fatto che la disoccupazione rappresenti il problema principale del nostro Paese, è ormai cosa nota. Non si placa la diffusione di dati sconcertanti e preoccupanti con riferimento a questo fenomeno: le ultime parlano di un aumento, testimoniato dalle tabelle Istat del 31 dicembre 2013, del + 18% nel giro di un anno, che risulta essere addirittura del + 50% se si considera l’ultimo biennio.

6 milioni di italiani si trovano senza un’occupazione e fra di essi è in costante aumento il numero di sfiduciati, persone che decidono di interrompere la loro ricerca per via delle troppe porte sbattute in faccia. Preso atto della propria scarsa appetibilità dal punto di vista lavorativo, smettere di lottare però non è per nulla la scelta migliore. Al contrario, un’ottima idea può essere quella di approfittare del tanto tempo libero per investire sulla propria formazione.

Bisogna considerare che per quanto attiene alla fascia di età 25-64 anni, addirittura il 45% non ha il diploma di scuola superiore, come stabilito dall’indagine PIAAC promossa dall’Ocse. Dunque, per molti disoccupati, il raggiungimento quantomeno del diploma può rappresentare un ottimo metodo per impiegare in maniera utile il periodo di inattività dovuto alla mancanza di un’occupazione, trasformando così un momento di difficoltà in un’opportunità di crescita e divenendo così più appetibili sul mercato del lavoro. Per questo esistono le scuole di recupero degli anni scolastici.

Ma come funzionano questi istituti di recupero anni?

In Italia sono presenti decine di società private che svolgono questa funzione. Esse sono dotate di aule in tutto e per tutto equiparabili a quelle delle scuole vere e proprie e forniscono corsi mattutini, pomeridiani e serali, a seconda delle esigenze di ogni studente, il quale può scegliere se partecipare a lezioni individuali o di gruppo. Ognuna di queste scuole dispone di vari percorsi formativi, i quali corrispondono alle scuole superiori vere e proprie, e rilasciano titoli di studio riconosciuti dallo Stato Italiano e, dunque, in tutto e per tutto equivalenti a quelli raggiunti regolarmente all’età di 18-19 anni. Ci sono dunque il liceo scientifico, il liceo classico, ma anche percorsi più concreti come quelli per diventare ragioniere o geometra.

L’elemento che caratterizza questi istituti è raffigurato dalla possibilità di recuperare in un solo anno solare l’anno singolo, il biennio, il trienno e, in alcuni casi addirittura il quadriennio, ed arrivare così all’esame di maturità in men che non si dica. Molto interessante anche l’opportunità, offerta da alcune di queste scuole, di svolgere i corsi di formazione on-line.
Quindi queste scuole rappresentano e continueranno a rappresentare un’importante realtà per tutte quelle persone che scelgono di dare una svolta alla loro situazione umana e professionale.

A chi si rivolge la formazione permanente?

La formazione permanente si rivolge: ai lavoratori occupati (formazione professionale continua), ai disoccupati o a quanti non riescono a inserirsi nel mercato del lavoro; comprende infatti sia la formazione generale che la formazione professionale continua.

La formazione permanente si può svolgere all'interno di un'istituzione preposta oppure direttamente sul luogo di lavoro, durante il tempo libero o in occasione di un'attività sociale o culturale.

La formazione permanente si pone al di fuori dello schema d'istruzione classico, conducendo l'individuo ad apprendere al di fuori del tradizionale sistema scolastico.

Le persone possono infatti avviare un percorso formativo professionalizzante che parta dall'apprendimento scolastico canonico, ma che poi proceda dopo l'inserimento lavorativo come formazione sul lavoro (affiancamento ad altri, alternanza tra momenti di lavoro e momenti di formazione, corsi di aggiornamento veri e propri).

Formazione continua

Nel caso di professionalità fuori dal mercato del lavoro, la formazione continua diventa particolarmente importante per ri-professionalizzare e ri-qualificare i lavoratori.

Le risorse messe a disposizione dal Fondo Sociale Europeo hanno infine dato un ulteriore slancio alla formazione permanente, consentendo alle Regioni di promuovere corsi di formazione gratuiti rivolti sia agli occupati che ai disoccupati, con particolare attenzione alle fasce deboli (immigrati, donne, lavoratori in mobilità, giovani in cerca di prima occupazione ecc.).

Lo scopo principale

La politica di promozione della formazione permanente ha lo scopo principale di formare dei cittadini, che oltre a possedere qualifiche e conoscenze lavorative specifiche, siano in grado di praticare una cittadinanza attiva. Le linee della politica italiana e dell’Europa vogliono sottolineare e riconoscere l’importanza del ruolo delle istituzioni nella formazione di ogni cittadino, che ha il pieno diritto di vivere una vita all’insegna della crescita personale e non solo professionale. E’proprio per questo motivo che le Regioni italiane organizzano spesso dei corsi gratuiti rivolti a persone di diverse età, che generalmente si tengono presso strutture accreditate e vantano la collaborazione di personale esperto e qualificato. La fomazione permanente non deve essere vista solo come un approfondimento delle personali abilità e conoscenze lavorative, ma un momento in cui è possibile crescere a livello morale e individuale, solo in questo modo sarà possibile contare sulla presenza di una popolazione attiva e capace di capire i cambiamenti del mondo in generale. Di seguito sono illustrati i vari obiettivi che si possono raggiungere grazie all’attuazione della formazione permanente.

  • Garantire a tutti la possibilità di prendere parte a corsi formativi, utili a permettere l’apprendimento e l’aggiornamento di tutte le nozioni che sono necessarie per poter contribuire alla crescita e allo sviluppo di una società civile.
  • Incentivare una crescita del paese che sia proporzionale alle risorse umane utilizzate.
  • Insegnare metodologie di studio che permetteranno ai cittadini di riuscire a essere sempre aggiornati e professionali nell’arco della loro vita.
  • Offrire a tutti l’opportunità di essere istruiti.

In un momento di profonda crisi economica e lavorativa come quello che sta attraversando il nostro paese negli ultimi anni, prendere parte a dei corsi del genere può significare avere una chance in più per trovare un impiego e soprattutto per tenere testa alla concorrenza. Alcune Regioni e Province italiane mettono a disposizione dei cittadini, degli appositi libretti, dove è possibile reperire informazioni utili sui vari corsi che le istituzioni propongono.

Quesiti su organismi paritetici e formazione: Il chiarimento del Ministero del Lavoro

La formazione obbligatoria e le disposizioni normative indicate dal D.Lgs 81/08 che prevedono la collaborazione con gli organismi paritetici sono spesso oggetto di interpretazioni diverse da parte di consulenti e aziende che vorrebbero vederci chiaro ci illustra Polistudio azienda specializzata nella sicurezza sul lavoro di Rovigo.

A intervenire nel merito, questa volta, è stata la Direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali che chiarisce con la circolare
n.9483 dell’8 giugno 2015 la posizione del Datore di Lavoro qualora affidi la formazione ad organismi paritetici che non siano in possesso dei requisiti normativi richiesti.

Nel ribadire che l’articolo 37, comma 1 del D.Lgs 81/08 stabilisce l’obbligo, in capo al datore di lavoro, di assicurare che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente e adeguata, la circolare ricorda che è il comma 12 dell’art. 37 a stabilire che la formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza debba avvenire “in collaborazione con gli organismi paritetici, ove presenti nel settore e nel territorio in cui si svolge l’attività del datore di lavoro”. Dove per “collaborazione” non s’intende che il datore di lavoro debba effettuare la formazione con gli organismi paritetici quanto, piuttosto, che li debba mettere a conoscenza dello svolgimento di tale attività.

E che “solo gli organismi bilaterali costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori di lavoro o dei prestatori di lavoro firmatarie di tali contratti possano definirsi organismi paritetici ai sensi dell’art. 2 del D.lgs 81/08 che li definisce, e quindi legittimati a svolgere l’attività di formazione, in collaborazione coi datori di lavoro.”
Pertanto, precisa la circolare, “eventuali altri enti bilaterali costituiti da organizzazioni sindacali e datoriali non in possesso degli indicati requisiti normativi non possono definirsi organismi paritetici” e di conseguenza non possono svolgere l’attività di formazione dei lavoratori e delle loro rappresentanze.

Alla verifica del possesso dei requisiti da parte dell’organismo paritetico ci deve pensare sempre il datore di lavoro.



Potrebbe interessarti

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Finestre Pensioni: le nuove norme introdotte

finestre di pensione

La riscossione della pensione è una delle cose più importanti per un lavoratore, soprattutto per vivere, anche dopo la fine del periodo di lavoro, comodamente.

Leggi tutto...

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Leggi tutto...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Lavoro ripartito: diritti e doveri

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

la nuova tabella per le pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

Come diventare un barman di professione

La tendenza al lavoro autonomo è in crescita e tra le professioni più avviate ci sono le attività commerciali, in genere, e gli esercizi di ristorazione in particolare: ristoranti, bar, street food, pasticcerie, tea-room, forni e catering e tutto quanto riguardi gli aspetti della ristorazione creativa o industriale.

Leggi tutto...

CCNL studi professionali: le caratteristiche

Il CCNL: ecco tutti i dettagli

Riguardo ai rapporti di lavoro avere un contratto collettivo nazionale del lavoro per studi professionali è importante perché  aiuta a definire le modalità lavorative e i diritti e doveri del datore di lavoro e del lavoratore. I CCNL esistono per ogni categoria lavorativa e sono suddivisi in vari livelli per meglio definire la dinamica interna relativa al singolo settore. Anche i dipendenti degli studi professionali hanno il loro specifico contratto collettivo nazionale del lavoro. 

Leggi tutto...

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Attivazione di un numero verde in azienda

icona del numero verde

Uno dei metodi più efficaci per essere contattati dai propri clienti è quello di affidarsi ad un numero verde. Si tratta appunto di un servizio telefonico che un'azienda mette a disposizione dei clienti per rispondere a particolari domande e richieste.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Perfezionarsi nella metodologia ABA

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Leggi tutto...
Go to Top