Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Negli ultimi anni, comunque, scuole pubbliche, private ed enti di formazione sono riusciti a migliorare l'offerta formativa rivolta ai soggetti diversamente abili, adeguandola sempre più alle richieste provenienti dal mondo del lavoro e dalle aziende. Al tempo stesso, queste ultime hanno intrapreso un percorso che faciliti l'inserimento di tali soggetti all'interno del proprio ambito lavorativo, sia dal punto di vista pratico (adeguando le strutture aziendali anche alle loro esigenze) che da quello professionale (offrendo maggiori opportunità di stage o di lavoro).

Opportunità lavorative per non vedenti e ipovedenti

Anche per i portatori di disabilità visiva, ciechi e ipovedenti, svolgere una professione significa partecipare attivamente alla vita sociale e sentirsi autonomi e indipendenti. Negli ultimi anni, l’esperienza di formazione è cambiata significativamente: programmi didattici e tecnologie informatiche sono state rese accessibili a non vedenti e ipovedenti, garantendo loro prospettive più concrete di inserimento nel mondo del lavoro.

Infatti, la possibilità di formazione scolastica e professionale per tutti i soggetti diversamente abili ed in particolare per quelli che soffrono di problematiche della vista, è potuta migliorare tanto grazie al progresso tecnologico ed a mezzi sempre più sofisticati che questo riesce ad offrire: da specifici programmi di computer realizzati appositamente per i diversi ambiti professionali fino all'uso particolari strumenti. Tutto questo ha permesso loro, quindi, maggiori possibilità di accrescere le loro capacità e, di conseguenza, un migliore inserimento lavorativo.

ICOTEA: formazione professionale accessibile

In questo contesto, ICOTEA, e-learning Institute qualificato nel campo della Formazione e accreditato al MIUR, contribuisce a rendere accessibili all’utenza con disabilità visiva materiali didattici online e percorsi formativi, con l’obiettivo di formare delle figure professionali capaci di inserirsi produttivamente in qualsiasi ambiente lavorativo.

Per raggiungere questo importante obiettivo, negli ultimi mesi l’Istituto si è impegnato in un importante progetto di rinnovamento strutturale che ha riguardato sia il sito Web, sia il materiale didattico disponibile sulla piattaforma e-learning adoperata per l’erogazione dei corsi online.

Grazie al supporto di esperti competenti nella gestione e realizzazione di siti Web per l’utenza non vedente e ipovedente, ICOTEA ha riprogettato il proprio sito, introducendo le dovute modifiche e migliorie per renderlo fruibile e di semplice navigazione da parte degli utenti con disabilità visiva.

Anche la piattaforma e-learning predisposta da ICOTEA per l’erogazione dei corsi online, attiva 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, ha visto notevoli cambiamenti: i contenuti didattici e i percorsi formativi, con l’utilizzo delle tecnologie informatiche più avanzate, sono stati resi accessibili anche a non vedenti e ipovedenti.

In questo modo, l’Istituto vuole promuovere la piena attuazione del diritto al lavoro per ciechi e ipovedenti, garantendo loro un’adeguata formazione professionale e una possibilità concreta di raggiungere l’autonomia non solo nelle attività lavorative, ma anche nella vita di tutti i giorni.

LiveChat interattiva

Tra le altre novità del 2018, ICOTEA, fedele alla propria mission e in risposta alle esigenze dei propri corsisti, ha introdotto nel proprio sito una LiveChat interattiva. Tramite questo strumento, gli utenti potranno formulare per iscritto o oralmente la propria richiesta direttamente sul sito: ICOTEA fornirà assistenza diretta e in tempo reale, trovando una soluzione immediata al problema.

ICOTEA: protagonista della formazione continua

Di recente, ICOTEA ha investito nella formazione continua degli iscritti a diversi Ordini professionali, quali Consiglio Nazionale dei Chimici, degli Ingegneri, dei Giornalisti, dei Consulenti del Lavoro, degli Assistenti Sociali, del Notariato, dei Dottori Commercialisti, degli Esperti Contabili, dei Periti Industriali, garantendo loro un’ampia offerta di attività formative che consentono il conseguimento dei CFP (Crediti Formativi Professionali) richiesti. I corsi sono erogati in modalità e-learning e blended, attraverso un portale formativo attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Nel campo dell’istruzione e della formazione professionale, il lifelong learning o apprendimento permanente, permette al professionista di acquisire sempre nuove competenze per essere aggiornato e al passo con le innovazioni introdotte nel proprio settore.

Il tutto alla luce delle richieste provenienti dal mondo del lavoro in generale ed in particolare dalle aziende, che richiedono sempre più personale aggiornato, competente e capace di adeguarsi alle esigenze mutevoli dei diversi mercati e degli ambiti di lavoro. E questo comporta che un professionista, per non ritrovarsi ad offrire conoscenze, competenze e capacità non più rispondenti alla realtà che lo circonda, debba costantemente aggiornarsi ed essere attivo e flessibile nell'affrontare un mondo del lavoro ricco di sfide ed in continuo mutamento.

Per conoscere l’offerta formativa nel dettaglio visitate il sito www.icotea.it.



Potrebbe interessarti

Calcolo pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Leggi tutto...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Pensione di reversibilità erogata dall'Inps

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Leggi tutto...

Lettera di accompagnamento al curriculum: sai come scriverla?

lettera di accompagnamento

La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Jobs Act in sintesi: capiamo brevemente cos’è!

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Leggi tutto...

Lavoro ripartito: diritti e doveri

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...

Partita IVA: come funziona il regime fiscale agevolato

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.

Leggi tutto...

La vacanza studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in francese: sai cosa scrivere?

Attualmente sono tante le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere in lingua straniera; oltre all'inglese, anche il francese è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Anticipo del TFR: diamo uno sguardo a come cambiano le regole

richiesta di anticipo del TFR

Molto spesso il lavoratore deve far fronte alla fine del rapporto lavorativo che lo ha tenuto, per un periodo più o meno lungo, alle dipendenze di un datore di lavoro. Quando si verifica una circostanza di questo tipo, le cause possono essere di diversa natura e sono da imputarsi, a seconda dei casi o al datore di lavoro oppure al lavoratore stesso.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sanzioni disciplinari sul lavoro

provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. In questo modo il datore tutela i suoi diritti e sanziona il lavoratore affinchè egli rispetti gli obblighi e gli impegni presi. Accanto a questi, verrà poi approfondito il tema dei licenziamenti illegittimi che sono al centro dell’agenda politica del Presidente del Consiglio Renzi.

Leggi tutto...
Go to Top