L'estate si avvicina e aumenta di giorno in giorno la richiesta di lavori da effettuare unicamente durante i tre mesi stagionali.

Tanti sono poi i giovani che, partendo da un piccolo lavoro estivo in Paesi lontani, come le Canarie o i Caraibi, decidono alla fine di cambiare vita e di rimanere in questi luoghi, dove i giorni caldi e assolati sono sicuramente maggiori rispetto a quelli della nostra Penisola. Un lavoro stagionale molto gettonato, in Italia e all'Estero è legato alla gestione di un piccolo chiosco sulla spiaggia.

Competenze pregresse?

La gestione di un chiosco sulla spiaggia non prevede particolari studi precedenti o competenze specifiche; la cosa più importante è quella di possedere doti gestionali e un buon rapporto con il pubblico. È necessario anche un pizzico di intraprendenza.

Per la gestione di un chiosco sulla spiaggia, bisogna chiedere all'Ufficio Relazioni con il pubblico della zona dove si desidera aprire tale attività. La spiaggia infatti non viene venduta, ma data in concessione a terzi, perché demanio dello Stato.

Iscrizione alla camera di commercio

Ottenuta la concessione per la gestione del chiosco sulla spiaggia, sarà necessario rivolgersi anche all'Ufficio Nuove Imprese del comune prescelto e bisognerà inoltre: iscriversi alla camera di commercio, nonché all'Inps e all'Inail; aprire una partita IVA; essere in possesso del REC (ex patentino per la somministrazione di alimenti).

Per chi intende indirizzare la gestione del chiosco sulla spiaggia all'estero, esistono agenzie che si occupano di questo; è importante però che si sia a conoscenza della validità e della professionalità dell'agenzia stessa, in modo tale da evitare eventuali rischi e fallimenti.

Se si intende gestire un chiosco sulla spiaggia di un titolare di uno stabilimento balneare, è infine necessario chiedere anche a lui la gestione del bar stesso.

Consigli utili

Com’è stato già detto in precedenza per aprire un’attività di questo tipo non è necessario aver effettuato degli studi specifici o avere competenze speciali, ma essere soprattutto persone molto socievoli, pazienti e cortesi. Un chiosco sulla spiaggia per essere ancora più appetibile da parte dei clienti deve possedere dei tavoli dove le persone possono sorseggiare deliziosi cocktail o bibite fresche, possibilmente al riparo dal sole e magari con una leggera musica in sottofondo. E’di fondamentale importanza che la struttura sia organizzata per soddisfare i bisogni di una vasta utenza, dal bambino che desidera comprare una caramella, alla famiglia a cui piace arrivare presto in spiaggia e fare colazione in riva al mare. Il bancone di un chiosco deve essere sempre pulito e bisogna cercare di offrire prodotti per il pranzo e la merenda adatti a tutti i gusti, dal sandwich tonno e pomodoro al classico piatto di pasta fredda.

Negli ultimi tempi sono sempre più numerose le strutture che decidono di offrire la possibilità ai propri clienti di avere pranzi e cene a buffet, che comportano il pagamento di una quota fissa e permettono di mangiare il cibo a volontà, generalmente le pietanze offerte durante questi pasti sono quelle tipicamente estive, come i tramezzini, l’insalata di riso, la cotoletta di pollo ecc. Per aprire un’attività del genere è necessario che il gestore sia in possesso della licenza di somministrazione di cibi e bevande, che ci sia un apposito accesso per le persone disabili e il possesso della dichiarazione HACCP. Gli elementi che devono essere contenuti all’interno dell’HACCP possono variare in base ai regolamenti locali, di seguito sono illustrate alcune delle informazioni che devono essere contenute all’interno di questo genere di documentazione.

  • Tipologia di acqua utilizzata nello svolgimento dell’attività, ad esempio uso di depuratori, autoclavi, accesso diretto alla rete idrica ecc.
  • Smaltimento dei rifiuti, di quanti cassonetti la struttura dispone, la tipologia, la disposizione ecc.
  • Smaltimento degli imballaggi.
  • Smaltimento delle acque reflue e degli eventuali pozzetti.
  • I certificati HACCP dei fornitori con i quali si collabora.

Consulenti HACCP: chi sono?

Tutte le aziende ove il cibo viene manipolato o comunque venduto e/o conservato, quali ad esempio ristoranti, bar o supermercati, sono obbligati per legge a rispettare la cosiddetta normativa HACCP. Per far ciò è necessario che tali ditte usufruiscano dell’operato di consulenti HACCP capaci di preparare i documenti necessari per certificare il pieno rispetto delle norme, di stilare il manuale riguardante l’autocontrollo alimentare e di effettuare, infine, le dovute analisi sulle attrezzature o sulle superfici interessate alla produzione e non, al fine di ottenere la certificazione per la sicurezza sul lavoro Roma in ambito alimentare.

Ad oggi, certamente, uno dei principali obiettivi perseguiti sia dalle autorità politiche che sanitarie è quello di poter fornire agli utenti finali, i consumatori, prodotti sicuri e in linea con le norme vigenti.

Il commercio internazionale

Questa necessità nasce da tutta una serie di fattori ascrivibili alle moderne esigenze commerciali che vedono l’importazione ed esportazione da e verso l’estero di svariati prodotti, il cambiamento delle tradizionali abitudini alimentari, oltre che l’imporsi di nuove tecniche relative alla produzione e alla preparazione. È chiaro che se da una parte tale commercializzazione apporta notevoli benefici economici, è anche vero che i fattori di rischio per la trasmissione di malattie per mezzo degli alimenti aumenta esponenzialmente, con grave danno economico e soprattutto con gravi ripercussioni sulla salute del consumatore finale.

Per tal motivo, per garantire la massima qualità e sicurezza lungo tutto il processo produttivo, è importante che vi siano le opportune conoscenze riguardo le procedure operative necessarie da attuare in caso di monitoraggio di tutto il processo, dall’inizio alla fine.

È in tale ambito che si colloca l’importante lavoro del responsabile della sicurezza, che ha il compito di garantire che ogni fase avvenga in maniera ottimale e nel rispetto delle norme, verificando durante tutto il processo che le misure adottate siano efficaci e in linea con gli obiettivi prefissati.

Normativa vigente

La normativa vigente prevede, per gli operatori alimentari, una severa e certificata formazione e l’obbligo di un costante e periodico aggiornamento per svolgere adeguatamente e in veste ufficiale il compito affidato. La conoscenza dei principi su cui si fonda tutto il sistema HACCP risulta, pertanto, di fondamentale importanza per sostenere adeguatamente l’oneroso compito di vigilare e assicurare ai consumatori prodotti qualitativamente impeccabili e sicuri, insomma pronti per finire sulle tavole imbandite di tutti.





Potrebbe interessarti

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere sui quattro livelli

Immagine d'esempio usata nell'articolo Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Dichiarazione Red per i contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Immagine d'esempio usata nell'articolo Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Lavorare nella moda: passione, stile e guadagno. Ecco come

Per queste professionalità il percorso passa assolutamente attraverso corsi specifici, staccati dalle università, ma piuttosto nati da istituti e istituzioni diverse. Per citarne alcuni, il Polimoda di Firenze, l'Istituto Marangoni di Milano, l'Accademia Italiana di Arte, Moda e Design e, per finire, lo Ied. Molti dei corsi proposti offrono la possibilità di uno stage all'estero ma soprattutto conoscenze concrete e formative.

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

Modulistica INAIL: ecco la guida definitiva che stavi cercando

Immagine esemplificativa per l'articolo Modulistica INAIL: ecco la guida definitiva che stavi cercando

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. 

Diventare pilota di linea in Italia: licenze, scuole e requisiti

pilota.jpg

Alzi la mano chi, almeno una volta, da piccolo non ha sognato di diventare pilota d'aereo! Certo, magari stregati da qualche film il nostro sogno si focalizzava sull'essere piloti di caccia militari, capaci di escursioni spericolate come quelle di Tom Cruise in "Top Gun", ma ora non sottilizziamo troppo: in fondo, che si tratti di diventare piloti di un F14 Tomcat, oppure di un aereo di linea come il tecnologico Boeing 787, il sogno è lo stesso, e avere l'abilità di pilotare un aereo è un desiderio umanissimo, visto che volare è da sempre una delle massime aspirazioni umane. 

Diventare consulente del lavoro: come fare?

come diventare consulente del lavoro

Questa professione lavorativa trova una sua regolamentazione giuridica grazie alla legge del 1964 che istituisce l’apposito Albo mentre dal 1979 può godere del riconoscimento da parte dell’Ordine professionale.

Leggi anche...

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come diventare agente di commercio?

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articoloCome diventare agente di commercio?

Per poter accedere a questa professione è necessario che l'interessato disponga di una serie di caratteristiche e competenze; vedremo a seguire in cosa consistono.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Modulo Social Card: tutte le informazioni in un approfondimento dedicato

Immagine esemplificativa presente nell'articolo Modulo Social Card: tutte le informazioni in un approfondimento dedicato 

La social card (o Carta Acquisti) prevede 40 euro al mese per un anno; funziona come una qualsiasi carta ricaricabile e viene ricaricata ogni due mesi di 80.00 euro, per un massimo di 480.00 euro.
 La domanda di ammissione alla classe di cittadini beneficiari può essere presentata direttamente alle poste.

Leggi tutto...
Go to Top