L'estate si avvicina e aumenta di giorno in giorno la richiesta di lavori da effettuare unicamente durante i tre mesi stagionali.

Tanti sono poi i giovani che, partendo da un piccolo lavoro estivo in Paesi lontani, come le Canarie o i Caraibi, decidono alla fine di cambiare vita e di rimanere in questi luoghi, dove i giorni caldi e assolati sono sicuramente maggiori rispetto a quelli della nostra Penisola. Un lavoro stagionale molto gettonato, in Italia e all'Estero è legato alla gestione di un piccolo chiosco sulla spiaggia.

Competenze pregresse?

La gestione di un chiosco sulla spiaggia non prevede particolari studi precedenti o competenze specifiche; la cosa più importante è quella di possedere doti gestionali e un buon rapporto con il pubblico. È necessario anche un pizzico di intraprendenza.

Per la gestione di un chiosco sulla spiaggia, bisogna chiedere all'Ufficio Relazioni con il pubblico della zona dove si desidera aprire tale attività. La spiaggia infatti non viene venduta, ma data in concessione a terzi, perché demanio dello Stato.

Iscrizione alla camera di commercio

Ottenuta la concessione per la gestione del chiosco sulla spiaggia, sarà necessario rivolgersi anche all'Ufficio Nuove Imprese del comune prescelto e bisognerà inoltre: iscriversi alla camera di commercio, nonché all'Inps e all'Inail; aprire una partita IVA; essere in possesso del REC (ex patentino per la somministrazione di alimenti).

Per chi intende indirizzare la gestione del chiosco sulla spiaggia all'estero, esistono agenzie che si occupano di questo; è importante però che si sia a conoscenza della validità e della professionalità dell'agenzia stessa, in modo tale da evitare eventuali rischi e fallimenti.

Se si intende gestire un chiosco sulla spiaggia di un titolare di uno stabilimento balneare, è infine necessario chiedere anche a lui la gestione del bar stesso.

Consigli utili

Com’è stato già detto in precedenza per aprire un’attività di questo tipo non è necessario aver effettuato degli studi specifici o avere competenze speciali, ma essere soprattutto persone molto socievoli, pazienti e cortesi. Un chiosco sulla spiaggia per essere ancora più appetibile da parte dei clienti deve possedere dei tavoli dove le persone possono sorseggiare deliziosi cocktail o bibite fresche, possibilmente al riparo dal sole e magari con una leggera musica in sottofondo. E’di fondamentale importanza che la struttura sia organizzata per soddisfare i bisogni di una vasta utenza, dal bambino che desidera comprare una caramella, alla famiglia a cui piace arrivare presto in spiaggia e fare colazione in riva al mare. Il bancone di un chiosco deve essere sempre pulito e bisogna cercare di offrire prodotti per il pranzo e la merenda adatti a tutti i gusti, dal sandwich tonno e pomodoro al classico piatto di pasta fredda.

Negli ultimi tempi sono sempre più numerose le strutture che decidono di offrire la possibilità ai propri clienti di avere pranzi e cene a buffet, che comportano il pagamento di una quota fissa e permettono di mangiare il cibo a volontà, generalmente le pietanze offerte durante questi pasti sono quelle tipicamente estive, come i tramezzini, l’insalata di riso, la cotoletta di pollo ecc. Per aprire un’attività del genere è necessario che il gestore sia in possesso della licenza di somministrazione di cibi e bevande, che ci sia un apposito accesso per le persone disabili e il possesso della dichiarazione HACCP. Gli elementi che devono essere contenuti all’interno dell’HACCP possono variare in base ai regolamenti locali, di seguito sono illustrate alcune delle informazioni che devono essere contenute all’interno di questo genere di documentazione.

  • Tipologia di acqua utilizzata nello svolgimento dell’attività, ad esempio uso di depuratori, autoclavi, accesso diretto alla rete idrica ecc.
  • Smaltimento dei rifiuti, di quanti cassonetti la struttura dispone, la tipologia, la disposizione ecc.
  • Smaltimento degli imballaggi.
  • Smaltimento delle acque reflue e degli eventuali pozzetti.
  • I certificati HACCP dei fornitori con i quali si collabora.

Consulenti HACCP: chi sono?

Tutte le aziende ove il cibo viene manipolato o comunque venduto e/o conservato, quali ad esempio ristoranti, bar o supermercati, sono obbligati per legge a rispettare la cosiddetta normativa HACCP. Per far ciò è necessario che tali ditte usufruiscano dell’operato di consulenti HACCP capaci di preparare i documenti necessari per certificare il pieno rispetto delle norme, di stilare il manuale riguardante l’autocontrollo alimentare e di effettuare, infine, le dovute analisi sulle attrezzature o sulle superfici interessate alla produzione e non, al fine di ottenere la certificazione per la sicurezza sul lavoro Roma in ambito alimentare.

Ad oggi, certamente, uno dei principali obiettivi perseguiti sia dalle autorità politiche che sanitarie è quello di poter fornire agli utenti finali, i consumatori, prodotti sicuri e in linea con le norme vigenti.

Il commercio internazionale

Questa necessità nasce da tutta una serie di fattori ascrivibili alle moderne esigenze commerciali che vedono l’importazione ed esportazione da e verso l’estero di svariati prodotti, il cambiamento delle tradizionali abitudini alimentari, oltre che l’imporsi di nuove tecniche relative alla produzione e alla preparazione. È chiaro che se da una parte tale commercializzazione apporta notevoli benefici economici, è anche vero che i fattori di rischio per la trasmissione di malattie per mezzo degli alimenti aumenta esponenzialmente, con grave danno economico e soprattutto con gravi ripercussioni sulla salute del consumatore finale.

Per tal motivo, per garantire la massima qualità e sicurezza lungo tutto il processo produttivo, è importante che vi siano le opportune conoscenze riguardo le procedure operative necessarie da attuare in caso di monitoraggio di tutto il processo, dall’inizio alla fine.

È in tale ambito che si colloca l’importante lavoro del responsabile della sicurezza, che ha il compito di garantire che ogni fase avvenga in maniera ottimale e nel rispetto delle norme, verificando durante tutto il processo che le misure adottate siano efficaci e in linea con gli obiettivi prefissati.

Normativa vigente

La normativa vigente prevede, per gli operatori alimentari, una severa e certificata formazione e l’obbligo di un costante e periodico aggiornamento per svolgere adeguatamente e in veste ufficiale il compito affidato. La conoscenza dei principi su cui si fonda tutto il sistema HACCP risulta, pertanto, di fondamentale importanza per sostenere adeguatamente l’oneroso compito di vigilare e assicurare ai consumatori prodotti qualitativamente impeccabili e sicuri, insomma pronti per finire sulle tavole imbandite di tutti.





Potrebbe interessarti


Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Operaio specializzato: definizione del suo lavoro

La figura dell'operaio è una delle quattro tipologie di lavoro subordinato insieme al ruolo di quadri, dirigenti e impiegati. La caratteristica principale di questa categoria è quella di essere legata allo svolgimento di mansioni di tipo manuale o tecnico.

Leggi tutto...

Aprire un'officina: scopri come cominciare!

lavorare come meccanico in officina

Una professione che certamente non avrà mai problemi di carenza di lavoro è sicuramente quella del meccanico per auto o per moto.

Leggi tutto...

Pensione di cittadinanza: scopriamo che cos’è e come funziona

La pensione di cittadinanza

Con la recente vittoria del Movimento 5 stelle nelle elezioni politiche che ci sono state il 04 marzo 2018 si è affacciata sempre di più la possibilità di richiedere la pensione di cittadinanza 2019.

Leggi tutto...

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavoro in cooperativa: qual è il suo compito?

Una cooperativa lavoro è una società nata per gestire un'impresa in comune tra più persone; essa è regolarmente disciplinata dall'articolo 45 della Costituzione Italiana. 

Leggi tutto...

Leggi anche...


Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...
Go to Top