Ai sensi delle previsioni contrattuali vigenti (artt. 50 e 16, rispettivamente, dei CCNL 8/12/2007 per i quadri direttivi e le aree professionali e 10/01/2008 per i dirigenti) ai lavoratori spetta annualmente un numero di permessi giornalieri retribuiti corrispondente alle giornate che (indicate come festività dagli art. 1 e 2 della Legge 27 maggio 1949, n. 260) non siano più riconosciute come tali, per conseguenti disposizioni di legge. Ecco alcune informazioni da sapere sui permessi ex festività.

Come fruire dei permessi ex festività:

Il CCNL del settore credito in vigore, art. 50, prevede che i giorni di recupero debbano essere fruibili dal 14 gennaio al 16 dicembre di ogni anno. Nel caso in cui non vengano utilizzati entro il termine, il valore corrispondente viene monetizzato nell'anno e viene determinato sulla base di 1/360 della retribuzione annua per ogni giornata. Il CCNL sottolinea anche che i recuperi possono essere maturati solo se le ex-festività ricorrono in giorni in cui: sia prevista la prestazione lavorativa; il lavoratore/lavoratrice abbia diritto all'intero trattamento economico. In tali giornate è indispensabile dunque evitare di effettuare qualsiasi tipo di assenza non retribuita (permessi non retribuiti, aspettative, scioperi) per non subire, oltre alla mancata retribuzione, la perdita di un giorno di ferie (doppia penalizzazione).

Permessi ex festività: calendario 2010

Nell'anno in corso i giorni di permesso ex festività sono cinque: 19 marzo - San Giuseppe (venerdì); 13 maggio – Ascensione (giovedì); 3 giugno - Corpus Domini (giovedì); 29 giugno - Santi Pietro e Paolo (martedì); 4 novembre – Unità Nazionale (giovedì). Per la sola piazza di Roma il 29 giugno è giornata festiva e quindi i giorni di permesso ex festività sono ridotti a quattro.

Permessi ex festività 2014

Durante l’anno 2014 i giorni considerati permessi di ex festività sono solamente quattro e si riferiscono a mercoledì 19 marzo, la festa di San Giuseppe, giovedì 29 maggio, l’ascensione, giovedì 19 giugno, ex Corpus domini e martedì 4 novembre, il giorno della Festa delle forze armate. Da questo elenco emerge che il 29 giugno, festa Di SS Pietro e Paolo, non è riconosciuto come una giornata di ex festività, perchè cade di domenica. E’importante sottolineare che in base al comma 4 dell’articolo 12 di rinnovo del CCNL, sancito il 19/01/2012 le persone che ricoprono un ruolo di Quadro Direttivo e i Dirigenti hanno l’obbligo di contribuire al Fondo Nazionale che si occupa del sostegno dell’occupazione nel settore del credito, con un giorno di ex festività che deve avvenire nel periodo 2012/2016.

Da questo articolo quindi emerge che i giorni di permesso che possono essere considerati ex festività nell’anno 2014 sono tre. Inoltre per quanto riguarda le aree professionali la giornata sarà tolta dalla Banca delle Ore. E’importante sapere che per poter usufruire interamente delle festività che sono state eliminate, è necessario che il lavoratore abbia diritto in quelle particolari giornate, a percepire l’intero trattamento economico, quindi è chiaro che non bisogna usufruire di giorni di aspettativa o permessi non retribuiti.

Com’è stato già spiegato in precedenza le festività eliminate possono essere usate dai lavoratori dal 16 Gennaio al 14 Dicembre, nel caso in cui un dipendente non ne faccia uso, riceverà nel mese di Febbraio dell’anno successivo, il loro pagamento nella misura di 1/360 della retribuzione annua giornaliera. Nell’anno 2014 le giornate del 25 Aprile, 1 Maggio e 2 Giugno non cadono di domenica, quindi i lavoratori non hanno diritto a usufruire di giornate di recupero. Sono invece considerate giornate di semifestività la vigilia di Ferragosto, quindi il 14 Agosto, la Vigilia di Natale, il 24 Dicembre e il 31 Dicembre. Per tutti coloro che da contratto devono lavorare anche il sabato, la Vigilia di Pasqua è considerata una giornata di semifestività. I lavoratori che svolgono un orario part-time hanno diritto a ususfruire di un permesso di uscita anticipata, che viene calcolato tenendo in considerazione la stessa riduzione applicata a un lavoratore che svolge un orario full time.

 



Potrebbe interessarti

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

ciclo di un tirocinio formativo

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Leggi tutto...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

La Comunicazione di Licenziamento della Colf

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi tutto...

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire la busta paga, deve però considerare che la stessa prevede anche delle trattenute da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Come scegliere il software contabilità migliore

In ogni azienda, la scelta di un software contabilità adeguato alle esigenze da soddisfare è in grado di garantire vantaggi clamorosi dal punto di vista del business. I benefici principali di cui si può usufruire hanno a che fare da un lato con la semplificazione delle procedure e dall'altro lato con il risparmio.

Leggi tutto...

Perfezionarsi nella metodologia ABA

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Leggi tutto...

Asili nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi

Diciamo la verità quante donne, madri da poco, desiderano o necessitano di ricominciare a lavorare? La maggior parte. Ma quante riescono con facilità a trovare una soluzione pratica che garantisca loro la cura dei figli anche durante la propria assenza? La risposta è: poche.

Leggi tutto...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mepa, cos'é e come funziona

Le pubbliche amministrazioni per poter funzionare a dovere devono ovviamente sapersi organizzare in modo strutturato, ordinato ma soprattutto in modo esauriente. I servizi che sono offerti dalle varie PA sono tantissimi ed essi si basano sulla semplice compravendita: la popolazione chiede una prestazione, un bene o un servizio e la pubblica amministrazione, mediante terzi, elargisce il tutto. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare in Abruzzo: conosci queste opportunità?

lavorare in abruzzo

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte per lavorare in Abruzzo.

Leggi tutto...
Go to Top