Ai sensi delle previsioni contrattuali vigenti (artt. 50 e 16, rispettivamente, dei CCNL 8/12/2007 per i quadri direttivi e le aree professionali e 10/01/2008 per i dirigenti) ai lavoratori spetta annualmente un numero di permessi giornalieri retribuiti corrispondente alle giornate che (indicate come festività dagli art. 1 e 2 della Legge 27 maggio 1949, n. 260) non siano più riconosciute come tali, per conseguenti disposizioni di legge. Ecco alcune informazioni da sapere sui permessi ex festività.

Come fruire dei permessi ex festività:

Il CCNL del settore credito in vigore, art. 50, prevede che i giorni di recupero debbano essere fruibili dal 14 gennaio al 16 dicembre di ogni anno. Nel caso in cui non vengano utilizzati entro il termine, il valore corrispondente viene monetizzato nell'anno e viene determinato sulla base di 1/360 della retribuzione annua per ogni giornata. Il CCNL sottolinea anche che i recuperi possono essere maturati solo se le ex-festività ricorrono in giorni in cui: sia prevista la prestazione lavorativa; il lavoratore/lavoratrice abbia diritto all'intero trattamento economico. In tali giornate è indispensabile dunque evitare di effettuare qualsiasi tipo di assenza non retribuita (permessi non retribuiti, aspettative, scioperi) per non subire, oltre alla mancata retribuzione, la perdita di un giorno di ferie (doppia penalizzazione).

Permessi ex festività: calendario 2010

Nell'anno in corso i giorni di permesso ex festività sono cinque: 19 marzo - San Giuseppe (venerdì); 13 maggio – Ascensione (giovedì); 3 giugno - Corpus Domini (giovedì); 29 giugno - Santi Pietro e Paolo (martedì); 4 novembre – Unità Nazionale (giovedì). Per la sola piazza di Roma il 29 giugno è giornata festiva e quindi i giorni di permesso ex festività sono ridotti a quattro.

Permessi ex festività 2014

Durante l’anno 2014 i giorni considerati permessi di ex festività sono solamente quattro e si riferiscono a mercoledì 19 marzo, la festa di San Giuseppe, giovedì 29 maggio, l’ascensione, giovedì 19 giugno, ex Corpus domini e martedì 4 novembre, il giorno della Festa delle forze armate. Da questo elenco emerge che il 29 giugno, festa Di SS Pietro e Paolo, non è riconosciuto come una giornata di ex festività, perchè cade di domenica. E’importante sottolineare che in base al comma 4 dell’articolo 12 di rinnovo del CCNL, sancito il 19/01/2012 le persone che ricoprono un ruolo di Quadro Direttivo e i Dirigenti hanno l’obbligo di contribuire al Fondo Nazionale che si occupa del sostegno dell’occupazione nel settore del credito, con un giorno di ex festività che deve avvenire nel periodo 2012/2016.

Da questo articolo quindi emerge che i giorni di permesso che possono essere considerati ex festività nell’anno 2014 sono tre. Inoltre per quanto riguarda le aree professionali la giornata sarà tolta dalla Banca delle Ore. E’importante sapere che per poter usufruire interamente delle festività che sono state eliminate, è necessario che il lavoratore abbia diritto in quelle particolari giornate, a percepire l’intero trattamento economico, quindi è chiaro che non bisogna usufruire di giorni di aspettativa o permessi non retribuiti.

Com’è stato già spiegato in precedenza le festività eliminate possono essere usate dai lavoratori dal 16 Gennaio al 14 Dicembre, nel caso in cui un dipendente non ne faccia uso, riceverà nel mese di Febbraio dell’anno successivo, il loro pagamento nella misura di 1/360 della retribuzione annua giornaliera. Nell’anno 2014 le giornate del 25 Aprile, 1 Maggio e 2 Giugno non cadono di domenica, quindi i lavoratori non hanno diritto a usufruire di giornate di recupero. Sono invece considerate giornate di semifestività la vigilia di Ferragosto, quindi il 14 Agosto, la Vigilia di Natale, il 24 Dicembre e il 31 Dicembre. Per tutti coloro che da contratto devono lavorare anche il sabato, la Vigilia di Pasqua è considerata una giornata di semifestività. I lavoratori che svolgono un orario part-time hanno diritto a ususfruire di un permesso di uscita anticipata, che viene calcolato tenendo in considerazione la stessa riduzione applicata a un lavoratore che svolge un orario full time.

 





Potrebbe interessarti


Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Mobilità Scuola 2018/19: i corsi di perfezionamento per ottenere punteggio

mobilità del personale scolastico

Negli ultimi mesi si è discusso a lungo per il rinnovo del contratto sulla mobilità che interessa più di un milione di lavoratori tra docenti e personale ATA. A febbraio si è giunti, finalmente, alla sottoscrizione di un accordo tra MIUR e sindacati che ha visto la proroga integrale del Contratto sulla mobilità 2017/18 per l’anno scolastico 2018/19.

Leggi tutto...

Il video curriculum: sfrutta questo strumento!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

La retribuzione del contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi tutto...

Dipendente pubblico e Partita IVA: alcune considerazioni

Salve, mi sto preparando per un concorso al Comune di Roma ma contemporaneamente sto anche studiando per prendere il patentino di guida turista, che è la mia vera passione.

Leggi tutto...

Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

In caso di scadenza del contratto di lavoro (a tempo determinato), una lavoratrice ha diritto all’indennità INPS per la maternità anticipata o obbligatoria, in base a quanto sancito con la circolare ministeriale del 1 dicembre 2004.

Leggi tutto...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

Leggi anche...


Concorso Docenti 2018: come acquisire i 24 CFU

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Malattia Inps: come fare la domanda

fare domanda per la malattia

La domanda di malattia all'Inps può essere richiesta nei casi di malattie che possono limitare le capacità lavorative. I soggetti che possono presentare la domanda di indennità di malattia Inps sono gli operai e gli impiegati del settore terziario e che lavorano nel settore industriale, apprendisti, lavoratori sospesi dal lavoro, lavoratori assunti a tempo determinato o indeterminato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavorare nella moda: passione, stile e guadagno

Un'attività in questo ambito prevede soprattutto un talento e una propensione creativa in grado di far emergere le proprie idee su quelle degli altri. È importante anche seguire le tendenze del momento, creandone di nuove e stare al passo con i cambiamenti e il rinnovarsi dei trend.

Leggi tutto...
Go to Top