Anche le dinamiche lavorative e i rapporti di lavoro stessi sono ormai cambiati vertiginosamente, per stare al passo con i tempi. Uno dei fattori sicuramente dominanti in questo periodo di grossi cambiamenti a livello globale è sicuramente la globalizzazione economica, che porta ad un aumento repentino degli scambi e delle fusioni economiche tra tutte le Nazioni del Mondo. La globalizzazione economica, termine nato nel 1981, è un fenomeno importantissimo per capire fino in fondo i processi e i meccanismi che si instaurano tra le varie aziende presenti nel Mondo. Esso ha infatti caratteristiche fondamentali che comprendono mutamenti sia di natura sociale, politica ed economica, ma anche e soprattutto tecnologia.

Con il suo avvento è cambiato il modo di lavorare e di effettuare scambi; se in precedenza lavori di artigianato o manuali, ad esempio, risultavano pregnanti per far progredire l'economia di un Paese, ora la maggior parte dei rapporti di lavoro passa attraverso internet e l'utilizzo degli strumenti informatici. In molti casi sono proprio le macchine a sostituire l'uomo nel compiere determinate attività.

In particolare, la globalizzazione infatti facilita il lavoro (inteso come produzione e scambio di bene e servizi) con l'uso di varia tecnologia, tuttavia, al tempo stesso, ne determina una profonda modifica, alterandone le modalità di svolgimento da Paese a Paese. In alcuni di questi portando addirittura ad uno sfruttamento della manodopera umana, al fine di una maggiore produzione di beni, sempre più richiesti, e all'ottenimento di minori tempi di consegna.

In un mondo del lavoro in rapida evoluzione e trasformazione, i diversi soggetti che ambiscono ad entrarvi o a cercare di rimanervi sono costretti, da un lato, a ricercare una preparazione e formazione continua per restare al passo coi tempi e le richieste del mercato, mentre dall'altro viene loro domandata una maggiore attenzione alle opportunità che le varie aziende offrono e che vengono sempre più pubblicizzate tramite canali telematici ed in particolare la rete globale.

Nell'era di internet dunque è ad esempio importante proporre la propria autocandidatura sul web, rimanere sempre aggiornati e cercare lavoro anche attraverso le offerte on line o su siti come Jobrapido.

Questo, così come altri siti simili, permette infatti di avere un contatto molto più diretto con le richieste di un'azienda alla ricerca di personale e di velocizzarne l'individuazione, da parte di questa, attraverso una scrematura di profili e capacità ricercati. E tutto ciò evita pertanto eventuali perdite di tempo, rispetto al passato, sia per quei soggetti non rientranti nel profilo giusto richiesto e sia per le stesse aziende nelle varie procedure di selezione.

Un libro che spiega in modo approfondito le dinamiche legate alla globalizzazione economica è il saggio di Jeremy Rifkin intitolato “La fine del lavoro”.

Globalizzazione economica: i mutamenti

Il libro di Rifkin “La fine del lavoro”, pone il punto proprio sulle condizioni negative e i mutamenti che la globalizzazione economica, e con essa la rivoluzione industriale e tecnologica, hanno apportato al modo di percepire il lavoro stesso.

Nell'era della globalizzazione economica, con l'avvento del terzo millennio, stanno dunque piano piano scomparendo, i vecchi “mestieri” per dare il passo a nuove e più aggiornate professioni. I meno giovani in questo senso hanno la meglio, perché più al passo con i tempi.

Il fenomeno, già in pieno regime negli Stati Uniti e arrivato, seppur con ritardo, anche in Europa, pone anche il punto sul ridimensionamento delle tecnologie obsolete per favorire macchinari e robot sempre più tecnologici.

Infatti, le aziende mirano sempre più alla produzione e allo scambio di merci e servizi in maniera velocizzata e questo è favorito dall'uso di strumenti sempre più sofisticati e progrediti, tenendo presente che oggi la ricchezza di un'azienda dipende anche dalla rapidità di risposta alle richieste dei propri clienti.

Il libro di Rifkin “La fine del lavoro”, spiega come nel mondo globalizzato sia necessario sfruttare le numerose risorse che la tecnologia propone ogni giorno, per evitare crisi economiche ingenti e far progredire l'economia mondiale.

La globalizzazione unita alla stabilità politica mondiale

Parlare di globalizzazione economica non può prescindere dal prendere in considerazione la stabilità politica ed istituzionale dei singoli Stati. Ad oggi ci sono molti focolai apertI, dove la guerra mette in pericolo non solo l’incolumità di civili ma anche il senso di pace di questi anni. Le tensioni Ucraina-Russia, l’ascesa del Califfato Isis in Siria e Iraq, le guerre in Africa, la primavera araba di alcuni anni fa, nascondono in alcuni casi motivi economici e di potere. E’ il caso per esempio dell’Ucraina, dove le zone est sono occupate da militanti filorussi e la stessa Russia non intende cedere una sua sfera d’influenza che vuole invece entrare a far parte della Nato. In questo teatro entrano le grandi potenze come gli Stati Uniti o l’Unione Europea ma sempre stando attenti su come muoversi perchè in ballo ci sono importanti interessi economici che possono far saltare il banco. Inoltre, le recenti guerre portano una più marcata differenza sociale tra Nazioni sviluppate e Nazioni in via di sviluppo. Così quello che emerge è più l’immigrazione clandestina, di persone disperate dalla guerra che cercano lidi più sicuri e approdano in Europa. La stessa Unione Europea, in taluni casi, non ragiona come un unico organismo (per esempio nella politica estera) e ci sono molte discordanze sui temi economici, con la Germania leader del settore e tanti altri Stati, come l’Italia, che faticano a tenere certi ritmi. Un’Unione sulla carta che però praticamente sfocia in una politica singola di ogni Stato. Non è la via giusta per intraprendere un certo cammino anche perchè se la globalizzazione economica ignora i confini tra Stati, questi avvenimenti non fanno altro che rallentare il processo e acuire le conseguenze.

Se infatti questo fenomeno favorisce gli scambi commerciali tra i singoli Paesi, da altri punti di vista tende a dare sempre più peso a questi, al ruolo delle aziende (soprattutto multinazionali) e all'economia in generale, a discapito del benessere sociale di una popolazione. E proprio quest'ultimo aspetto tende a favorire il disagio nei suoi diversi strati e a portare all'estremizzazione di comportamenti ed ideologie e, di conseguenza, come detto, a causare instabilità politica interna ed iniziative aggressive all'estero da parte dei singoli Stati.

Dati contrapposti

Sulla globalizzione del versante economico è necessario fare una valutazione completa del fenomeno e non fermarsi ai dati di base. Se infatti rispetto ad alcuni anni fa ci sono stati dei miglioramenti sul tasso di alfabetizzazione, il numero dei poveri, reddito pro capite, disponibilità di servizi e speranza di vita, dall’altro lato si sono accentuate le differenze tra classe sociali. Prendendo l’esempio dell’Asia, alcuni Paesi hanno conosciuto uno sviluppo economico spaventoso, come la Cina e l’India, ma allo stesso tempo questo Continente ha la percentuale più grande di poveri, di persone che vivono con pochissimi dollari al giorno. Non solo diseguaglianze sociali ma anche arretramento visto che tante persone non hanno conosciuto un miglioramento o un progresso delle proprie condizioni, che invece via via sono peggiorate nel corso degli anni. Per questa ragione, è necessaria una valutazione d’insieme su questo argomento, che contiene all’interno tante appendici da osservare con massima cautela per trarre le migliori conseguenze su come migliorare questo fenomeno.





Potrebbe interessarti

Vacanza lavoro: scopri quali occasioni ci sono

Per lavoro, bisogna spesso spostarsi in una località diversa dalla sede della propria azienda; molte altre volte si cerca invece volutamente una vera e propria formula alternativa come quella della vacanza lavoro, diffusissima soprattutto tra i ragazzi che intendono andare all'estero per imparare una lingua

Leggi tutto...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Reversibilità pensione: cos'è e chi ne ha diritto?

Reversibilità della pensione del coniuge

Che cosa è? In sostanza, la reversibilità della pensione è l’importo della pensione (o Pensione Inpdap) che un tale beneficiario appartenente al nucleo familiare riceverà alla morte di un lavoratore assicurato o del pensionato.

Leggi tutto...

Il calcolo del TFR: sai come procedere?

Vuoi lasciare il tuo lavoro? Allora ti consigliamo di leggere i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni. Dopo queste letture potrai concentrarti sulla tua buona uscita.

Leggi tutto...

Cos’è e come funziona il Pin INPS online

Pin per le pensioni on line

Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Taglio del cune fiscale

taglio del cune fiscale

Il cuneo fiscale, parlando ovviamente di lavoro, analizza gli effetti delle tasse che gravano sui lavoratori e sull'occupazione in generale. Viene rappresentato da un indicatore percentuale che corrisponde al rapporto tra le tasse appunto che gravano sui dipendenti e il costo del lavoro complessivo.

Leggi tutto...

Inail: una guida alla modulistica

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. Ecco perché in Italia è stato istituito un ente pubblico apposito, non economico regolato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Tale istituto è l'Inail (Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali).

Leggi tutto...

Permessi retribuiti: lutto o infermità

I lavoratori sia nel settore privato, sia nel settore pubblico possono assentarsi dal lavoro avendo diritto a permessi di lavoro ,regolarmente retribuiti, in determinate situazioni.

Leggi tutto...

Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Che cos'è il Job sharing?

Il termine Job Sharing indica un tipo di contratto di lavoro atipico caratterizzato dalla condivisione dell'attività lavorativa tra due o più soggetti; questi ultimi infatti si suddividono le fasce lavorative di un impiego full time.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imprenditoria femminile e fondo perduto: quali sono le novità?

L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto

Leggi tutto...
Go to Top