Essere guardiano del faro è un sogno romantico per molte persone, si tratta di una professione che non si può svolgere senza la giusta passione da parte di chi è interessato a questo mestiere.

Il farista, appunto il guardiano del faro, è la persona a cui viene affidato proprio il faro. Questa figura, oggi, non deve svolgere gli compiti che venivano proposti in passato ai faristi, infatti, le nuove tecnologie e l'avvento dell'automatizzazione hanno trasformato il mestiere di guardiano del faro in un lavoro quasi hi-tech. Perciò il numero di custodi dei fari si è ridotto notevolmente in questi ultimi decenni. In base alle ultime statistiche, oggi, una trentina di strutture non vengono più abitate per l’automatizzazione delle torri. Abbiamo una vasta letteratura e tantissimi libri su questo lavoro, che mantiene comunque il suo fascino e unisce la libertà, la solitudine e l'appartenenza alla natura.

La Marina Militare come gestore

La Marina Militare è un organo preposto alla gestione e al controllo dei fari in Italia; che sono posti lungo 8000 km della costa italiana. Proprio la stessa Marina militare viene subissata dalle richieste dei civili che vorrebbero come si possa diventare i guardiani di faro.

Per oltre 20 anni la Marina Militare però, non ha bandito alcun concorso pubblico per diventare farista oppure guardiano di faro.

Non ci sono requisiti particolari per essere guardiano del faro, ma è indispensabile un'attitudine speciale.

Per coloro che fossero interessati a diventare un guardiano del faro, è necessario possedere un diploma di scuola superiore, come giá accennato, e tenere d'occhio i bandi emanati dal Ministero della Difesa. Infatti, il farista non è altro che un dipendente civile di questo ministero ed in particolare della Marina Militare italiana, che ha al proprio interno un settore specializzato, quello di "Marifari". Dopo aver risposto al bando, avendo i requisiti richiesti, si deve frequentare un corso specifico ed aspettare la destinazione finale, per poter iniziare a lavorare.

Immagine esemplificativa della professione di guardiano del faro

Comunque, non solo i civili possono partecipare al bando. Infatti, anche un militare che lasci la carriera potrebbe diventarlo tranquillamente. Tuttavia, come abbiamo detto, i bandi sono sempre piú rari e le richieste di lavoro sempre numerose. Ed alla lunga, anche il romantico ed avventuroso lavoro di guardiano del faro si prevede possa scomparire. Fonti del Ministero della Difesa, infatti, prevedono che per il 2030 il numero di faristi, almeno nel nostro Paese, sará notevolmente esiguo e a rischio "estinzione".

I compiti del guardiano del faro: un lavoro come un altro

Come accennato in breve alle competenze del farista, tuttavia tale lavoro si è modificato nel corso del tempo e, nonostante la tecnologia, non è meno impegnativo rispetto al passato. Tra i compiti che deve svolgere un guardiano del faro vi è la risoluzione di eventuali avarie, la pulizia delle ottiche del faro, la manutenzione degli strumenti e la compilazione quotidiana del "giornale di reggenza", in cui si annotano gli eventi della giornata. Tuttavia, vi sono anche situazioni di emergenza, in cui si deve uscire in barca con mare anche in tempesta, per riparare delle boe in avaria.

Cosa spinge le persone a diventare guardiano del faro? Solo guadagno?

guardiano del faro

Dai sondaggi e commenti sui forum si evince che i candidati lo farebbero non solo per il guadagno di uno stipendio, ma per:

  • il ritrovare un senso di libertà,
  • il fuggire dalla routine,
  • lo staccare della vita quotidiana,
  • lo stare soli,
  • il vivere a contatto con la natura.

Grazie anche a letteratura e cinema, il lavoro di guardiano del faro incuriosisce anche alcuni turisti che sostituirebbero la settimana al mare con la una settimana di vita in un faro per un periodo prestabilito.

Vi segnaliamo il sito della Marina Militare nella sezione Servizio Fari per saperne di più circa il compito del guardiano del faro e la pagina dedicata alle foto dei Fari a cura del Ministero della Difesa.

Il caso di Carloforte

Parlavamo di fari automatizzati grazie all’uso delle tecnologie all’avanguardia che evitano la presenza umana come anni fa. Nonostante questo, c’è il caso di Carloforte, ad ovest dell’Italia in Sardegna, dove questa torre è al buio da mesi. Il problema deriva da un malfunzionamento della batteria elettrica e i cronici ritardi della burocrazia di questo Paese, per il trasferimento di fondi dal Ministero, hanno portato alla situazione odierna che vede il segnale luminoso spento. Nessun difetto invece sul lato strutturale visto che la torre è stata ristrutturata nel 2012 e sotto quel punto di vista non ci sono problemi.

Un’occasione per i turisti

guardiano del faro

La torre però può essere trasformata anche in una località turistica e in una meta attraente per chi viaggia. E’ ciò che è successo a Capo Spartivento, promontorio della Sardegna sud-occidentale, che dopo 30 anni di abbandono si è trasformato in una lussuosa dimora, seguendo i modelli presenti in Croazia, Norvegia e Scozia. Sei camere, lampadari di cristallo bianco e piscina offrono la possibilità ai turisti di trascorrere una vacanza alternativa, con un misto di romanticismo e libertà data dalla solitudine e dalla natura.
Parlavamo della Croazia che ha a disposizione ben undici fari destinati ai turisti in vacanza. La lista d’attesa è abbastanza lunga ma chi c’è stato giura che sia un’esperienza tutta da provare e da non perdere. Quelli più rinomati sono Palagruzza e Velirat; tuttavia tutti sono impianti lontani dal caos dei centri abitati, immersi nella natura così da coniugare relax e spensieratezza in questa vacanza alternativa. Altro luogo molto in voga in Croazia è l’isolotto di Perec, il faro di Susac, di Savudrija e di Plocica. La Croazia è uno dei Paesi che più sfrutta questo terreno visto che su Google appare come tra i primi risultati del motore di ricerca per questo settore.

Negli ultimi anni, comunque, sono state lanciate offerte di lavoro sia in Europa che negli Stati Uniti per potersi occupare di fari e non solo. Infatti, come accennato, spesso questi importanti strumenti per la navigazione sono diventati anche strutture turistiche. Pertanto, al lavoro di guardiano del faro (o in sostituzione di esso), si è aggiunto quello di albergatore tuttofare, con abilitá di cucina, pulizie e di conduzione di barche da turismo, per consentire ai visitatori di poter apprezzare anche l'ambiente circostante alla struttura. Insomma, un guardiano del faro per ogni esigenza.

Potrebbe interessarti

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Licenza per tabacchi: consigli su come aprire questa attività?

immagine per licenza per tabacchi

Quanti desiderino richiedere una licenza per tabacchi si ha necessità di questo certificato grazie al quale sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Pensione Enasarco: ecco la riforma e tutte le sue novità

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Pensione Enasarco: ecco la riforma

La Fondazione Enasarco, istituita nel 1938, è l' Ente Nazionale di Assistenza per gli Agenti e Rappresentanti di Commercio; grazie alla pensione Enasarco, gli oltre 100.000 agenti e rappresentanti di commercio (che lavorano a commissione) che abbiano concluso la loro esperienza lavorativa, possono usufruire di formule pensionistiche integrative. Di seguito un approfondimento sul regolamento da rispettare per usufruirne.

Libretto Formativo del cittadino: scopriamo cos'è

Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

CO CO PRO: tutte le caratteristiche di questo tipo di contratto

CO CO PRO

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi anche...

Aprire un'attività: quali sono le cose da sapere per diventare imprenditori?

come aprire un attività

Aprire un’impresa è cosa seria; il più delle volte è necessario metter da parte l’entusiasmo e ponderare bene tutte le opzioni. Per prima cosa è necessario scegliere che tipo di impresa si vuole creare, in seguito fare una stima dei costi di avvio e di amministrazione dell’impresa e valutare, se previste, le agevolazioni fiscali e finanziarie per i neo imprenditori.

Leggi anche...

Vertenza: quando e come promuoverla con l'aiuto dei sindacati

vertenza

Esiste la vertenza in campo economico e normativo. Quali sono i tempi tecnici entro cui presentare una vertenza sindacale? Dipende dalla tipologia di azienda. se si tratta di un’impresa con meno di 15 dipendenti, il tempo massimo con cui è possibile presentare una vertenza con l’aiuto di un sindacato è entro cinque anni dalla fine del rapporto di lavoro. Se invece l’azienda ha più di 15 dipendenti, la prescrizione coincide con i cinque anni successivi al giorno o al mese con cui si matura la retribuzione richiesta.