Il lavoro in hotel è una delle occupazioni del settore turistico alberghiero e dell'hospitality; nella maggior parte dei casi, coloro che desiderano ottenere un impiego in questo campo devono possedere una buona conoscenza e preparazione del settore turistico.

Chi lavora negli alberghi

Tutte le strutture ricettive, che si tratti di villaggi turistici, hotel di lusso o campeggi, necessitano infatti di personale qualificato per offrire ai clienti un buon servizio di accoglienza.

I requisiti per intraprendere il lavoro in hotel

Uno dei requisiti principali per il lavoro in hotel è senz’altro il diploma alberghiero o eventuali certificazioni di corsi di formazione professionale del settore turistico. E’ necessario poi conoscere almeno una o due lingue straniere oltre al possedere delle buone capacità comunicative personali. Ogni singolo profilo ha, poi, requisiti specifici.

I profili del lavoro in hotel

• Receptionist o addetto all’accoglienza. Il receptionist deve assolutamente conoscere l’inglese e un’altra lingua. Deve avere ottime doti relazionali e capacità di problem solving (per dare risposta a tutte le eventuali difficoltà sollevate dai clienti). Deve conoscere il software Opera, uno dei programmi di gestione alberghiera più utilizzati. Esistono molti corsi che preparano a questa professione e tutti contemplano uno stage in una grande struttura.

• Addetto alla cucina. Qui rientrano gli chef, i suoi aiutanti e i camerieri. Si tratta di professionalità diverse che richiedono tutte molta competenza. Nel caso degli chef e della sua crew è fondamentale aver seguito scuole o corsi di formazione. La gavetta è di solito più lunga che rispetto altri lavori e i turni possono essere pesanti. Lo stesso dicasi dei camerieri per i quali può non essere necessaria alcuna formazione specifica (anche se di solito è richiesto almeno il diploma alberghiero) ma è d’obbligo avere un’attitudine adatta al lavoro: occorre imparare in fretta i propri compiti e ad essere professionali in qualsiasi circostanza.

• Addetti alla pulizia e ai piani. Anche per queste figure sono disponibili cosi di formazione. Gli addetti – ma si tratta soprattutto di lavoratrici – si occupano della pulizia delle stanze e dei piani e della gestione di tutte le problematiche legate. Si tratta di un lavoro che va eseguito bene a in fretta, visto che le finestre temporali dedicate a queste attività sono di poche ore al mattino.

• Manager d’hotel. Uno dei lavori più complessi che richiede alte capacità organizzative e la conoscenza dell’intera filiera alberghiera, oltre che competenze specifiche. Quella del manager è una posizione che si trova nel tempo, dopo anni di lavoro in hotel. Per raggiungerla, può essere utile una laurea in economia (in una delle sue tante declinazioni).

La retribuzione e l'avanzamento di carriera

Bisogna inoltre considerare che, a parità d’impegno e ore di lavoro, la retribuzione di coloro che lavorano nel turismo rispetto ad altri settori è più bassa, il percorso di carriera è più lungo e spesso si lavora nei periodi in cui la maggior parte delle persone è in ferie.

Mansioni e livelli

Per i lavoratori in hotel, si applicano i CCNL Turismo (contratti nazionali) e sono previste le 14 mensilità. Le mansioni sono suddivise nei seguenti livelli:

Quadri di categoria A = direttori di alberghi.

Quadri di categoria B ai quali appartengono i lavoratori con funzioni direttive, ma in strutture aziendali la cui organizzazione non è complessa o con responsabilità diverse e autonomia di gestione in determinati ambiti della struttura. I ruoli che rientrano in questo livello sono: vice-direttore di alberghi, food and beverage manager; rooms division manager; i capo settore (commerciale; amministrativo; acquisti; tecnico; capo centro edp; sedi congressuali e manifestazioni).

primo livello. Lavoratori in strutture alberghiere con funzioni ad elevato contenuto professionale, o funzioni di direzione esecutiva di carattere generale quali: il responsabile di ristorante di alberghi; il responsabile dei servizi di prenotazione di alberghi; il responsabile vendite centralizzate; il responsabile tecnico di area; l’analista sistemista; il responsabile del coordinamento dei servizi di ricevimento e portineria; il capo cuoco responsabile del coordinamento di più cucine.

secondo livello. Vi rientrano i lavoratori che svolgono mansioni di autonomia operativa, ma in applicazione delle direttive generali impartite o con funzioni di coordinamento e controllo, ispezioni di impianti, reparti e uffici. I profili professionali di secondo livello sono: capo ricevimento di alberghi; primo portiere; primo maitre d’hotel; capo cuoco; prima governante; responsabile degli impianti tecnici; capo barman; coordinatore del centro di prenotazione di alberghi; capo servizio amministrativo; capo servizio personale; capo CED (centro elaborazione dati); analista-programmatore CED;— assistente del direttore, funzionario di vendita; cassiere centrale.

terzo livello. Lavoratori con mansioni di concetto e con particolari conoscenze tecniche nonché esperienza e lavoratori altamente specializzati: impiegati in amministrazione (addetti al personale e al controllo amministrativo); corrispondente in lingue estere; segretario ricevimento cassa o amministrazione; portiere unico; segretario o addetto alla prenotazione; prima guardarobiera consegnataria; dietologo diplomato; infermiere diplomato professionale; fisiochinesiterapista diplomato; coordinatore reparto cure sanitarie; cuoco unico; sotto capo cuoco; governante unica; capo operaio; primo barman; barman unico; maitre; capo centralinista; economo e/o magazziniere; portiere di notte; operaio specializzato provetto; programmatore CED.

quarto livello. Lavoratori che - in autonomia esecutiva - svolgono mansioni specialistiche di varia natura (amministrativa, tecnico-pratica o di vendita): segretario; addetto a macchine elettrocontabili; guardarobiera unica consegnataria; portiere di alberghi; cuoco capo partita; chef de rang, sala, piani, vini, trinciatore; seconda governante; barman; capo lavandaio dispensiere, cantiniere e caffettiere; centralinista lingue estere; capo garage; capo giardiniere; operaio specializzato; addetto fango terapista; massoterapista; infermiere; estetista; istruttore di nuoto con brevetto; istruttore di ginnastica correttiva; operatore CED; conducente di automezzi pesanti.

quinto livello. I lavoratori che svolgono compiti esecutivi di natura tecnico pratica quali: centralinista; telescriventista; magazziniere; assistente ai bagnanti; addetto all’amministrazione del personale con mansioni d’ordine (controllo amministrativo, prenotazioni di hotel, ricevimento cassa, segreteria, controllo merci e movimento personale); cassiere bar ristorante; conduttore con conoscenza lingue; autista; giardiniere; pulitore, lavatore a secco; lavandaio unico; capo stiratrice, cucitrice, rammendatrice o unica; caffettiere, dispensiere o cantiniere; facchino di notte e/o guardiano di notte anche con compiti di controllo alla porta e movimento clienti; guardia giurata; cameriera sala e piani; conducente automezzi leggeri; operaio qualificato; demi chef de rang laddove il servizio di sala sia organizzato in ranghi; cuoco, cameriere, barista; operatore macchine perforatrici e/o verificatrici o meccanografico; addetto alle operazioni di trasporto del fango; addetto alle inalazioni; assistente di portineria.

sesto livello super. Lavoratori che eseguono lavori di normale complessità: commis di cucina, sala e piani, bar, diplomato o che abbia comunque acquisito pluriennale esperienza o pratica di lavoro, nella esecuzione delle relative mansioni; addetto ai servizi di camera negli esercizi a strutture complesse dove le operazioni tradizionali di riassetto e pulizia dei piani e delle camere siano attribuiti a un unico operatore.

sesto livello. Lavoratori le cui funzioni richiedono conoscenze pratiche ed elementari: addetto alla cucina con compiti di sostegno alla preparazione dei cibi e di pulizia dell’ambiente di lavoro; addetto al self-service, tavola calda, banco bar e sala non diplomato; addetto portineria di alberghi; lavandaio; conduttore; garagista; rammendatrice, cucitrice, stiratrice; facchino ai piani, ai saloni, ai bagagli; cameriera ai piani; cameriera villaggi turistici; addetto mensa personale; vetturiere; aiuto reparto cure sanitarie.

settimo livello. Lavoratori con mansioni semplici anche con l’utilizzo di macchinari: personale di fatica e/o pulizia addetto alla sala, cucina, office, magazzino e relative dotazioni; vestiarista; addetto alla stiratura con apparecchi automatici; commissioniere.

Le stagioni del lavoro alberghiero

Esattamente come gli altri impieghi nel settore turistico, anche quelli relativi al lavoro d’hotel seguono l’andamento stagionale. Molte strutture, infatti, hanno un funzionamento ciclico che concentra l’attività o nelle stagioni invernali o in quelle estive.

Le professionalità sono sempre le stesse, ma possono esserci della variazioni: un hotel di montagna può richiedere maestri di sci, come hotel vicini al mare possono aver bisogno di animatori per bambini, un particolare lavoro stagionale molto richiesto soprattutto nel periodo estivo; tra le numerose possibilità di lavoro stagionale le offerte di lavoro come animatore turistico sono quelle più frequenti in quanto l'animatore di per sè è una figura molto ricercata nelle strutture ricettive come villaggi, hotel ecc.
In realtà è difficile creare una tassonomia completa dei profili che può ricercare un manager: molti grandi gruppi necessitano anche di figure amministrative, come contabili, addetti alla comunicazione, esperti di diritto del lavoro.

In ogni caso la formula stagionale è scelta soprattutto dai giovani che ne apprezzano la possibilità di poter avere un impiego per un arco temporale di qualche mese, spesso coincidente con le vacanze estive.

Si consiglia a chi cerca un lavoro in hotel una ricerca su Google. Sono disponibili anche possibilità lavorative nel settore in numerose città europee, come Londra o Dublino, per chi è disposto a trasferirsi.

Lavorare in albergo in Italia

L'Italia è un paese turistico per eccellenza, dunque non risulta difficoltoso trovare delle offerte di lavoro stagionale presso: servizi alberghieri, ristoranti, bar, gelaterie, fiere e congressi ecc., mentre il settore dell'agricoltura propone offerte di lavoro stagionale per i periodi di raccolta della frutta e degli ortaggi.

Chi è interessato alle offerte di lavoro stagionale in hotel, dovrebbe proporre la propria candidatura per il periodo estivo tra gennaio ad aprile e tra settembre a novembre per la stagione invernale.



Potrebbe interessarti

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

Modello curriculum tedesco: per chi cerca lavoro in Germania

bandiera tedescaCome scrivere un curriculum? Quanti di voi si pongono questa domanda? Non è difficile scrivere un curriculum vitae se si tengono a mente delle semplici regole di base, la difficoltà sta nel saper comunicare di essere la persona ideale per la posizione ricercata, esprimere il proprio interesse e far emergere le proprie competenze attraverso un foglio. Scrivere un buon curriculum, questo è difficile.

Leggi tutto...

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Concorsi Polizia di Stato 2019: Bando per 80 Commissari, tutti i dettagli

Entrare nelle forze dell'ordine ed indossare una divisa rappresenta il sogno di diversi giovani, sia uomini che donne. Per molti, servire il proprio Paese in questa maniera non solo permette di adempiere al proprio dovere di cittadino, ma anche fornire il proprio contributo alla sicurezza delle persone, soprattutto quelle più deboli e vulnerabili. Un senso civico che porta diversi soggetti in divisa a rischiare ogni giorno la propria vita per il bene comune.

Leggi tutto...

Ccnl cooperative sociali: tutte le linee guida

Le cooperative sociali sono delle aziende che operano senza fini di lucro e svolgono attività per lo più di natura sociale. Come per tutte le categorie lavorative presenti in Italia anche le cooperative sociali dispongono di un loro specifico contratto collettivo nazionale del lavoro.

Leggi tutto...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Leggi anche...

Finanziamenti imprenditoria femminile

La legge che regola i finanziamenti imprenditoria femminile è la legge numero 215/92. Il fine della legge consiste nell'incrementare l’imprenditoria rosa garantendo pari opportunità e facilitando l’economia di un territorio. 

Leggi tutto...
Go to Top