Per i cittadini che ne fanno domanda e che hanno i requisiti di legge (D.L. n. 112 del 2008) è disponibile una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas.

La social card (o Carta Acquisti) prevede 40 euro al mese per un anno; funziona come una qualsiasi carta ricaricabile e viene ricaricata ogni due mesi di 80.00 euro, per un massimo di 480.00 euro.
 La domanda di ammissione alla classe di cittadini beneficiari può essere presentata direttamente alle poste.

Per avere informazioni sulla documentazione e la modulistica da presentare, si consigli di visitare o contattare il sito di Poste Italiane, dove sarà disponibili il modulo social card relativo.

Cosa fare dopo la consegna del modulo per la social card

Con la Carta si possono anche avere sconti nei negozi convenzionati che sostengono il programma Carta Acquisti; si potrà accedere direttamente alla tariffa elettrica agevolata e si potranno ottenere altri benefici e agevolazioni che sono in corso di studio.

La Carta Acquisti viene concessa agli anziani di età superiore o uguale ai 65 anni o ai bambini di età inferiore ai tre anni (in questo caso il Titolare della Carta è il genitore) che siano in possesso di particolari requisiti.

Chi può beneficiare della carta acquisti?

La verifica dei beneficiari per la social card avviene tramite il modello Isee ( l’indicatore dello stato economico ); gli intestatari devono anche possedere una sola automobile e una sola abitazione. Non devono inoltre avere a proprio nome oltre il 25% di un secondo immobile.

I beneficiari che possono compilare il modulo per la Social Card saranno dunque:

1) Persone con un'età tra i 65 e i 69 anni e redditi e trattamenti pensionistici fino a 6.235,35 euro all’anno:
-con età pari o superiore a 70 anni e redditi e trattamenti pensionistici fino a 8.313,80 euro all’anno;
- proprietari (da soli o insieme al coniuge) di una sola casa di abitazione;
- titolari (da soli o insieme al coniuge) di una sola utenza elettrica e di una sola utenza del gas
- proprietari di un solo autoveicolo;
- con meno di 15.000 euro di risparmi in Banca, alle Poste,ecc.(da soli o insieme al coniuge);
- la cui famiglia ha un indicatore ISEE della situazione economica complessiva fino a 6.235,35 euro

2) Famiglie con figli sotto i tre anni, cittadini e residenti in Italia (nel caso di più figli sotto i tre anni, gli accrediti si sommano):
- proprietari e di una sola casa di abitazione;
- titolari di una sola utenza elettrica ad uso domestico;
- titolari di una sola utenza elettrica ad uso non domestico;
- titolari di due utenze del gas;
- proprietarie di al massimo due autoveicoli;
- con meno di 15.000 euro di risparmi in Banca,alle Poste,ecc.;
- con un indicatore ISEE della situazione economica complessiva fino a 6.235,35 euro

La nuova social card

Si tratta di una nuova forma di agevolazione per quelle famiglie che vertono in condizioni difficili, in disagio economico e lavorativo.
La social card di ultima generazione sarà messa a disposizione di soli 370mila cittadini: parte infatti tramite una sperimentazione ha avrà luogo, da primavera, in 12 comuni ovvero: Milano, Torino, Venezia, Verona, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Catania e Palemo.

Compilare il modulo e requisiti per accedere al servizio

Innanzitutto occorre sottolineare come il destinatario della carta sia l'intero nucleo famigliare e non il singolo.
La famiglia può essere composta da due elementi a crescere, ma dev'essere sempre presente un minore. Dev'essere presente una condizione di disagio lavorativo (disoccupazione, inoccupazione, mobilità, per esempio) e la dichiarazione Isee non deve superare i 3mila euro annui.

Ogni comune, poi, impone diversi requisiti patrimoniali da rispettare. Chi ha i requisiti può richiedere presso un Ufficio Postale abilitato la carta acquisti.
Questa dà diritto a una cifra mensile che va dai 231€ al mese per nuclei familiari di due persone a 404€ per famiglie composte da padre, madre e tre o più figli.

Bonus Gas

Il Bonus Gas prevede uno sconto annuo del 15% circa sulla bolletta del gas. Può essere richiesto da tutti i clienti domestici (italiani e stranieri) che utilizzano gas naturale, con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale, se in presenza di un indicatore ISEE:

- non superiore a 7.500 euro
- non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (con quattro e più figli a carico).

Le riduzioni possono arrivare fino a 160 euro, per le famiglie sino a quattro componenti, mentre le famiglie numerose con più di tre figli, potranno ottenere una riduzione fino a 230 euro. La domanda di bonus gas può essere presentata in qualsiasi momento dell'anno.

Entro due mesi dalla scadenza sarà necessario inoltrare una richiesta di rinnovo, anche per evidenziare eventuali variazioni della situazione familiare o dell’ISEE intervenute nel frattempo.

Per fare richiesta del bonus, bisogna compilarela modulistica specifica da consegnare al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (ad esempio i centri di assistenza fiscale CAF). La modulistica è disponibile anche sul sito dell'Autorità per l'energia.
Chi ha un impianto di riscaldamento centralizzato-condominiale e non dispone di un contratto diretto, potrà ritirare il bonus presso gli sportelli delle Poste Italiane che provvederanno a comunicare direttamente agli interessati la disponibilità dei bonifici.

Bonus elettrico con Social Card

Il 25 ottobre 2010, l’AEEG (Autorità per l’Energia ed il Gas), ha fatto presente che i possessori di social card, avranno da subito diritto al bonus automatico sulla bolletta della luce.

I titolari della carta non dovranno presentare alcuna richiesta specifica per ottenere lo sconto sulla bolletta dell’elettricità, in quanto l'Autorità per l'energia ha adottato un provvedimento che estende automaticamente a queste persone la riduzione sulla spesa per la luce, riservata alle famiglie bisognose o numerose, riconoscendo il bonus direttamente sulla bolletta stessa.

Il bonus verrà rinnovato automaticamente di anno in anno, a meno che l’INPS non faccia richiesta di cessazione; è differenziato in base al numero di persone residenti e viene aggiornato entro il mese di dicembre di ogni anno con l’obiettivo di garantire un risparmio, pari a circa il 20%, sulla spesa presunta, di una famiglia-tipo, per l’anno successivo.

Hanno inoltre diritto al bonus elettrico per disagio economico tutti i cittadini clienti elettrici presso i quali vive un soggetto affetto da grave malattia, costretto a utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita.

In questi casi, per avere accesso al bonus elettrico, il cliente deve essere in possesso di un certificato ASL che attesti:

-la necessità di utilizzare apparecchiature per il mantenimento in vita;
- il tipo di apparecchiatura utilizzata;
- l'indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata;
- la data a partire dalla quale il cittadino utilizza l'apparecchiatura.

I due bonus sono cumulabili qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.



Potrebbe interessarti

Taglio alle pensioni d’oro: ecco come funziona davvero

Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la meritata pensione e godersi serenamente il resto della propria vita. Tuttavia, alcune persone riescono ad ottenere soltanto il minimo indispensabile per fare una vita dignitosa, mentre altre possono permettersene una ben più ricca e spensierata.

Leggi tutto...

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...

Corsi lavorativi: sai scegliere il meglio per il tuo futuro?

i corsi di formazione per aziende e studenti

Per affrontare al meglio il mondo del lavoro, è anche necessario ampliare le conoscenze acquisite durante precedenti gli studi precedenti.

Leggi tutto...

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Leggi tutto...

I più condivisi

Aliquota tassazione TFR: caratteristiche, imposte

Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Leggi tutto...

Licenziamento collettivo: scopri le ragioni

Anche chi possiede un lavoro e uno stipendio sicuro potrebbe correre il rischio di essere licenziato a causa di motivazioni esterne alla sua volontà e al suo operato. Questo succede spesso all’interno di aziende o imprese, che sono spesso a rischio di fallimento o di crisi.

Leggi tutto...

Colloquio di gruppo: come affrontarlo?

Il colloquio di gruppo, anche detto Assesment Center, è un tipo di selezione in cui i candidati vengono invitati alla fase di recruitment insieme ad altri allo scopo di verificarne il potenziale tecnico, ma anche psico-sociale.

Leggi tutto...

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Leggi tutto...

Concorsi statali, pubblici e regionali: una guida davvero completa che non puoi perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte lavoro geometra: come candidarsi online

I requisiti sono il superamento dell'esame di abilitazione professionale e l'iscrizione, da almeno due anni, nel registro provinciale dei praticanti della località di residenza o domicilio.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro part time online: le soluzioni più idonee!

E' considerato part time il contratto di lavoro cha abbia un orario ridotto rispetto a quello tradizionale basato su un monte ore stabilito dalla legge vigente o da alcuni contratti collettivi. Per trovare offerte di lavoro part time è sufficiente consultare portali dedicati al mondo occupazionale. Ecco quelli più utili.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Borsa lavoro Bolzano: offerte in Alto Adige

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Alto Adige.

Leggi tutto...
Go to Top