Nel nostro Paese, il mercato delle soluzioni hardware e software che hanno a che fare con la funzione HR (human resources - risorse umane) ha un valore di circa 500 milioni di euro. Esso include i diversi strumenti a cui si ricorre per la selezione e per la ricerca dei talenti, come i servizi di recruiting online, i job board e gli applicant tracking system, ma anche le piattaforme digitali per la valutazione dei benefit e delle performance, le applicazioni di formazione e gestione del personale come i learning management system e gli human resources management e, infine, le piattaforme per il training.

Che cos'è l'HR Tech

Fino a poco tempo fa il fenomeno dell'HR Tech era pressoché sconosciuto: ora la situazione sta mutando in maniera graduale, anche se gli esperti sono concordi nel ritenere che il valore globale, dal punto di vista del fatturato, non è così elevato come ci si potrebbe attendere. A livello mondiale, il denaro che viene investito nelle tecnologie per la trasformazione tecnologica nel settore è pari a 2 miliardi e 400 milioni di dollari: le cifre sono fornite dall'Osservatorio italiano delle tecnologie per il settore delle risorse umane.

I risultati dell'indagine

L'indagine che ha permesso di conoscere più da vicino il settore ha rilevato che tra Torino e Milano si concentra più della metà dei provider di tecnologie per le risorse umane; vale la pena di sapere, in ogni caso, che il censimento eseguito con la mappatura ha coinvolto metà dei vendor attivi, incluse le aziende internazionali che dispongono di un referente commerciale dedicato all'Italia o che hanno una sede nel nostro Paese. Un altro dato significativo è che di questi provider tre su cinque sono nati dal 2012 in avanti: l'anno di costituzione è il 2017 per il 18% di essi.

La situazione in Italia

Qual è, dunque, il responso che si può ricavare dall'esame di questi dati? Di certo in Italia si può notare una propensione interessante verso l'innovazione in tema di human resources, ma ciò non toglie che la quantità degli investimenti che sono stati ottenuti dalle startup che operano in tale ambito è ancora modesta. Circa il 25% delle startup ha reso noto di aver potuto usufruire di finanziamenti provenienti da fondi di capitali di ventura, e in ogni caso nel 60% delle circostanze non si è andati oltre il mezzo milione di euro per l'iniezione di capitali nuovi.

Le prospettive future

La gestione delle risorse umane nelle aziende sta risentendo in misura notevole della trasformazione digitale: le nuove sfide che si presentano, però, presuppongono il possesso di competenze nuove, ma soprattutto la disponibilità di tecnologie dedicate, passando per l’intelligenza artificiale e il machine learning. In tutto il mondo, il settore dell'HR Tech è uno di quelli che si stanno sviluppando in modo più veloce: i mercati più proficui in questo senso sono quello asiatico, quello del Nord Europa e quello americano. Nel 2016 gli investimenti che sono stati raccolti da aziende del settore hanno raggiungo i 2 miliardi, ma l'aspetto più interessante va individuato nel fatto che la maggior parte di queste fino a pochi anni fa neppure esistevano.

L'evoluzione

Ciò costituisce una ulteriore dimostrazione di una evoluzione rapida tanto in orizzontale quanto in verticale, visto che il numero di player è in costante aumento. Non può passare inosservata, inoltre, la comparsa di tecnologie nuove concepite in maniera specifica per consentire la gestione di parti del processo HR che sono inedite o che si affiancano ai processi che sono strettamente correlati con le risorse umane. Il nostro Paese è indietro ma sta provando a recuperare, con una mutazione profonda della situazione nel corso degli ultimi due anni: l'approccio è cambiato e lo confermano anche gli interventi di carattere normativo. Un esempio su tutti è quello dell'entrata in vigore dell'ormai famigerato Gdpr, il nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy che condiziona il trattamento dei dati personali non solo dei dipendenti, ma anche di coloro che inviano i propri cv per candidarsi a una posizione di lavoro. Anche le imprese più piccole sono state costrette a rivedere e ad aggiornate le proprie procedure.





Potrebbe interessarti

La tredicesima prevista per le pensioni

Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Il calcolo del TFR: ti sveliamo nel dettaglio come procedere

Il calcolo del TFR

Vuoi lasciare il tuo lavoro? Allora ti consigliamo di leggere i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni. Dopo queste letture potrai concentrarti sulla tua buona uscita.

L'Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che cambia l'Italia

Immagine esemplificativa di ammortizzatore sociale

Secondo quanto previsto dall'attuale Governo, i nuovi ammortizzatori sociali entreranno a regime non più nel 2015, ma molto più probabilmente la transizione sarà effettuata a partire dal 2017. Attualmente, il sistema di ammortizzatori sociali, all'analisi del Governo per la riforma, mostra una serie di disomogeneità fra i vari settori del lavoro, per quanto riguarda la tutela e le tipologie contrattuali.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Periodo di prova: conosci questa opportunità di assunzione?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Periodo di prova: conosci questa opportunità di assunzione?

In un momento anteriore o contestuale all'inizio del rapporto di lavoro, le parti possono definire per iscritto un periodo di prova. Lo scopo è quello di consentire al datore di lavoro e al dipendente di valutare il rapporto di lavoro.

Busta paga Inail: il prospetto indispensabile per i lavoratori

La busta paga Inail è un documento necessario per tutti i dipendenti, che attesta la retribuzione netta e lorda del lavoratore e serve per verificare lo stipendio percepito e la sua congruità con quanto stabilito nel contratto di lavoro.

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi anche...

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte di lavoro in Liguria: quali sono le proposte migliori?

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Liguria. Purtroppo la Regione non sta attraversando un periodo facile per quanto riguarda le assunzioni e la disoccupazione, più che in altre zone del Nord, sta risentendo della pesante crisi economica.

Leggi tutto...
Go to Top