Ai candidati che hanno inviato il curriculum vengono presentati dei case study o dei test psicologici, entrambi volti a porre in evidenza caratteristiche ritenute importanti per ricoprire una posizione o per intraprendere una carriera. Il case study implica la discussione di un tema, di solito un caso aziendale e va a verificare le capacità del singolo di: lavorare in team, problem solving.

Solitamente ci sono tre esaminatori per un gruppo di dieci persone. I reclutatori prendono appunti per l’intera durata del colloquio soprattutto note di carattere psicologico di ciascun candidato che ha inviato il curriculum.

Quali sono gli obiettivi di questa prassi per trovare lavoro

Lo scopo del colloquio di gruppo non è la risoluzione del caso studio, ma verrà invece sondata dagli esaminatori:

  • la capacità di lavorare in team,
  • la capacità di negoziazione per raggiungere l’obbiettivo,
  • la comunicazione verbale e non verbale del candidato,
  • la capacità di gestire e rispettare i termini di tempo fissati per la prova,
  • la capacità di analizzare il caso. 

Regole utili per fare una buona impressione al colloquio di gruppo del personale

Di seguito forniamo dei consigli per districarsi al meglio durante un’eventuale fase di autopresentazione in occasione dei colloqui di lavoro di gruppo:

  • nessun atteggiamento forzato e finto, in ogni caso mantenete la calma e sorridete,
  • Esponete le vostre idee in maniera chiara e diretta al colloquio di gruppo, senza grandi giri di parole, in modo tale da trasmettere sicurezza e far comprendere di essere in grado di gestire anche situazioni di tensione;
  • Motivate le vostre posizioni concretamente e costantemente, senza aver paura di essere giudicati per questo, chi vi esamina osserva la vostra sicurezza e capacità di sostenere le proprie convinzioni;
  • Cercate di non gesticolare troppo, potrebbe essere associato ad insicurezza;
  • Cercate di mantenere un tono di voce medio-basso per essere tanto sicuri quanto discreti, senza voler sembrare saccenti;
  • Evitate di essere polemici in caso di disappunto da parte degli altri individui del gruppo;
  • Evitate di risultare aggressivi nei confronti degli altri durante un colloquio di gruppo;
  • Cercate di sostenere lo sguardo di chiunque si rivolga a voi, senza sembrare superiori, ma allo stesso tempo senza apparire insicuri;
  • Non isolatevi e non mettetevi in disparte, apparireste incapaci di collaborare, elemento di analisi principale per chi sceglie di attuare un colloquio di gruppo anziché uno singolo;
  • Non perdere mai di vista l’obiettivo di ciò che vi è stato richiesto, risultando certi di rispettare i tempi di esecuzione che hanno richiesto.

Naturalmente sembra facile leggere questi consigli e cercare di metterli in pratica una volta immersi nella situazione, ma durante il colloquio di gruppo il pensiero principale che assilla ogni candidato è sicuramente il risultato perché si sa, si viene analizzati in gruppo, ma solo uno verrà assunto.
Per questo è importante imparare a gestire le proprie emozioni e quindi cercare di emergere in maniera tale da superare l’eventuale selezione.
Per prima cosa occorre riconoscere il tipo di colloquio di gruppo a cui si dovrà partecipare, esso può essere:

  • A ruoli liberi;
  • A discussione libera;
  • A ruoli assegnati;
  • In basket.

Immagine per Colloquio di gruppo

Ognuna delle tipologie ha delle regole e delle finalità ben specifiche e conoscerle potrà aiutarvi a concentrarvi su alcuni aspetti piuttosto che su altri.
Infine due piccoli consigli extra riguardano la necessità di non rispondere troppo in fretta alle domande, quindi, come abbiamo già accennato, di riflettere con attenzione e non essere istintivi: anche la risposta che vi sembra perfetta, in realtà, può non esserlo perché non avete ascoltato bene la domanda.
Evitate, qualsiasi sia la tipologia di colloquio di gruppo, di prendere il sopravvento sugli altri e ricordate sempre che la vostra attitudine è il primo elemento che viene analizzato e tenuto in considerazione.
Speriamo di avervi dato i consigli giusti e che possiate affrontare il prossimo colloquio di gruppo con maggiore sicurezza.

Il test e i consigli su come affrontare un colloquio di gruppo per trovare lavoro

Immagine per Colloquio di gruppo

In procinto di un colloquio di gruppo, essere rispettosi e propositivi non guasta: bisogna esibire una voce e un’impostazione decisa, senza però risultare impositivo. Nella misura in cui viene richiesto di pronunciarsi, bisogna farlo, ricordando di non bloccare altre persone e finendo con il risultare troppo competitivi.

Un altro consiglio utile per quanto riguarda il superamento del colloquio, riguarda l’ascolto: ascoltare attentamente ciò che propongono i selezionatori è estremamente importante. Impara i nomi dei selezionatori e dei candidati, perché ciò metterà in risalto le tue qualità di ascolto.

Un altro punto a favore di una considerazione positiva, potrebbe essere il mostrarsi leader. Bisogna saper infatti condurre un gruppo e, un modo adeguato per farlo è quello di prendere appunti. Infine ricorda sempre di essere te stesso, senza false costrizioni e non fingerti spavaldo laddove invece godi di una posizione riservata.

A dei buoni consigli però si accosta anche un’ottima presentazione personale. Proprio in quest’ultima si ha una parte attiva e protagonistica, perché tutta l’attenzione della giuria è incanalata nei tuoi confronti. Solitamente, durante i colloqui di gruppo, i selezionatori chiedono chi voglia presentarsi per primo: non è indispensabile che tu ti proponga, potrebbe cambiare nulla o poco. Probabilmente è meglio non essere i primi, ma ascoltare un paio di candidati che precedono la selezione.
Alla luce di questi consigli però, come funziona effettivamente il test? Solitamente questo si struttura in quattro fasi:

  1. La discussione tra tutti i candidati relativamente a un problema aziendale. In questa prima fase ogni candidato è chiamato a esporre il suo punto di vista e, se ci si anima di carta e penna il successo è assicurato.
  2. Il Role play. In questa parte del colloquio di gruppo si viene chiamati in stanza con un selezionatore e bisognerà simulare una vicenda aziendale. Di solito si tratta di problemi gravissimi (per esempio il migliore dipendente che si dimette proprio nel periodo di maggiore affluenza). Questo test è molto importante, perché i selezionatori guarderanno il tuo self control, la capacità del candidato di mantenere il giusto equilibrio tra etica e autorevolezza.
  3. La prova scritta. Nella prova scritta ti chiederanno cosa pensi dell’azienda per la quale ti stai candidando, perché vuoi lavorare con loro, come pensi di aver dato un valore al gioco di gruppo.
  4. Colloquio individuale. I colloqui di gruppo si concludono solitamente con una certezza collettiva, ovvero che tutti i candidati avranno una risposta, a prescindere dalla positività dell’esito. Un’azienda seria si occuperà in modo personale di comunicare ai partecipanti del colloquio di gruppo il risultato dell’esito.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Concorsi per invalidi civili: tutte le possibilità elencate

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo Concorsi per invalidi civili: tutte le possibilità elencate in questo approfondimento!

Oggi parliamo di concorsi per invalidi civili. Per categorie protette si intende una condizione di diritto riconosciuta dal legislatore ai lavoratori disabili e altri (orfani, vedove, etc). Oltre che l’obbligo di assunzione per queste categorie di lavoratori presso aziende pubbliche e private, vi sono anche delle quote riservate per la partecipazione ai concorsi, nonché concorsi specifici.

Lettera di referenze: scrivila con un paio di consigli imperdibili!

Immagine usata nell'articolo Lettera di referenze: impariamo a scriverla con un paio di consigli imperdibili!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.

I più condivisi

Flat Tax: come funziona realmente questo sistema fiscale?

flat tax calcolo

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Aprire la partita IVA: tutte le informazioni necessarie per farlo in modo consapevole

L’obbligo di apertura subentra nel momento in cui una specifica attività non viene più svolta occasionalmente, ma abitualmente, ovvero quando la durata della prestazione supera i 30 giorni e quando il compenso sfora i 5.000 euro.

Lavoro part time online: le soluzioni più idonee per te in questa guida

lavoro partime online

Cerchi lavoro part time online? Ecco un approfondimento in cui illustriamo i siti su cui trovare offerte idonee per te.

Leggi anche...

Agente di commercio: come specializzarsi per questa professione?

Come diventare agente di commercio

Per poter accedere a questa professione è necessario che l'interessato disponga di una serie di caratteristiche e competenze; vedremo a seguire in cosa consistono.

Leggi anche...

Colloquio di gruppo: ti sveliamo noi come affrontarlo?

Immagine per Colloquio di gruppo

Lo scopo del colloquio di gruppo non è la risoluzione del caso studio, ma verrà invece sondata dagli esaminatori la capacità di lavorare in team, la capacità di negoziazione per raggiungere l’obbiettivo e molto altro che vi sveleremo in questo articolo.