Lavoro dell'impiegato è un rapporto di lavoro subordinato. Il lavoro degli impiegati infatti è legato soprattutto alle attività di tipo amministrativo.

La suddivisione del lavoro degli impiegati: le diverse tipologie

In base al tipo di prestazione svolta il lavoro possono esistere:

  • impiegati di concetto
  • impiegati d'ordine
  • impiegati amministrativi
  • impiegati tecnici

I primi si occupano della gestione delle pratiche e, in parte, del contatto coi clienti. Sostanzialmente devono sapere usare molto bene dei software particolari per la gestione dei dati (e ogni azienda, in questo campo, fa le sue scelte) oltre che posta elettronica, Excel e tutta la suite di Microsoft Office.

Inoltre dev'essere in grado di gestire i clienti, dalla telefonata all'email, dalla lamentela al reclamo. Possono occuparsi – se l'azienda non ha una figura distaccata – di alcuni elementi di contabilità e si preferisce, infatti, precedente esperienza nel ruolo.

Lavoro dell'impiegato Tecnico e commerciale

L'impiegato tecnico, invece, ha un lavoro più legato ad una o più macchine. Si preoccupa infatti della gestione di una parte del processo produttivo della sua azienda e della gestione degli operai preposti a quel settore. Deve avere ottime capacità tecniche – che implicano, quindi, studi precisi – ma anche capacità organizzativa.

Oltre a questi, si possono citare queli commerciali, che si occupano del clienti e degli ordini in un'azienda. È una figura complessa, che dev'essere in grado di svolgere la funzione dell'impiegato amministrativo concentrandosi molto di più sul cliente. Spesso, infatti, gli impiegati commerciali hanno un bacino di clienti definito e limitato del quale occuparsi.

Il lavoro può anche essere svolto in ambito pubblico. L'impiegato statale svolge le sue mansioni nella Pubblica Amministrazione sia centrale che periferica. Ad esempio in: Ministeri, Regioni, Province, Comuni, Tribunali, Scuole, Università, Ospedali, Forze dell'ordine.

I compiti dipendono espressamente dal tipo di ente presso il quale lavora, ma sicuramente deve conoscere la materia del diritto amministrativo e altre branche della giurisprudenza. A queste somma tutte le conoscenze visto sino ad adesso.

Per poter svolgere il lavoro di impiegato pubblico è necessario superare il concorso pubblico ad esso relativo e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

In cosa consiste?

Il lavoro dell'impiegato è soprattutto di natura amministrativa ed include il controllo dei movimenti delle risorse produttive e la loro registrazione principalmente tramite PC. Le sue mansioni possono comprendere: battitura di testi e immissione di dati al computer utilizzando programmi di videoscrittura, calcolo e altri programmi specifici; utilizzo di macchine fotocopiatrici, telefono, fax, posta elettronica.

I requisiti principali per il lavoro impiegato

  • diploma di scuola media superiore o laurea
  • capacita di analisi,
  • capacita di lavorare in team,
  • problem solving e precisione,
  • affidabilità e discrezione poiché si trattano anche dati sensibili dell'impresa.

Può anche essere svolto in ambito pubblico. L'impiegato statale svolge le sue mansioni nella Pubblica Amministrazione sia centrale che periferica. Ad esempio in: Ministeri, Regioni, Province, Comuni, Tribunali, Scuole, Università, Ospedali, Forze dell'ordine.

Per poter svolgere il lavoro di impiegato pubblico è necessario superare il concorso pubblico ad esso relativo e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Tuttavia è difficile stilare un elenco di requisiti esaustivo: ogni tipologia di impiegato richiede poi differenti capacità a seconda del luogo dove presta la sua attività.

Se si tratta di uno studio contabile, ad esempio, la sua competenza in materia rivestirà sicuramente un'importanza maggiore. Se lavora in un'azienda di produzione, dovrà conoscere i processi produttivi più tutte le informazioni riguardo il prodotto, comprese le strategie di marketing e di comunicazione.



Potrebbe interessarti

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Accredito stipendio

Molto spesso, presi da mille impegni lavorativi e quotidiani, non si riesce a trovare il tempo per recarsi presso gli sportelli della Banca e delle Poste a riscuotere o a versare il proprio stipendio. Per evitare inconvenienti spiacevoli, è possibile farsi accreditare sul proprio conto corrente bancario o postale il proprio stipendio.

Leggi tutto...

Cos’è e come funziona il Pin INPS online

Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

Leggi tutto...

Calcolo busta paga: a mano o con i software online?

La busta paga è un prospetto che il datore di lavoro fornisce al proprio dipendente e che contiene l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Leggi tutto...

Taglio alle pensioni d’oro: ecco come funziona davvero

Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la meritata pensione e godersi serenamente il resto della propria vita. Tuttavia, alcune persone riescono ad ottenere soltanto il minimo indispensabile per fare una vita dignitosa, mentre altre possono permettersene una ben più ricca e spensierata.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Contributi in conto esercizio

Il contributo in conto esercizio viene erogato per facilitare le spese di gestione (personale, pubblicità, viaggi, locazioni immobiliari, oneri finanziari, ecc.), che le imprese devono sostenere a fronte di un determinato progetto.

Leggi tutto...

Congedo di paternità

Il congedo in caso di paternità, tra le novità della Riforma Fornero, è introdotto dal comma 24 dell’articolo 4, al fine di sostenere la genitorialità, promuovendo una cultura di maggiore condivisione dei compiti nella cura dei figli.

Leggi tutto...

Offerte lavoro geometra: come candidarsi online

I requisiti sono il superamento dell'esame di abilitazione professionale e l'iscrizione, da almeno due anni, nel registro provinciale dei praticanti della località di residenza o domicilio.

Leggi tutto...

Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lettera di accompagnamento al curriculum: sai come scriverla?

lettera di accompagnamento

La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Calcolo pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. Il criterio per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Leggi tutto...
Go to Top