Viene considerata come “lavoro nero” una qualsiasi attività esercitata in violazione delle prescrizioni legali: dai piccoli lavori artigianali effettuati al di fuori degli orari di lavoro fino all'esercizio illegale esclusivo di un'attività eludendo il diritto fiscale.

Il lavoro nero non ha, nel nostro paese, definizione giuridica che si possa definire chiara al 100%. Le definizioni infatti sono state nel corso degli ultimi anni le seguenti (dovute alle leggi uscite dal nostro Parlamento):

  • legge 28 luglio 2006, n. 248, (il c.d decreto Bersani) che ha all'art. 36-bis, comma 1, introdotto la sanzione per il "lavoro nero" stabilendo che è tale: « ... l'impiego di personale non risultante dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria. »

Cerchiamo di fare chiarezza attorno al concetto di lavoro nero

Possiamo affermare che:

  • fa riferimento ad un’attività lavorativa a scopo di lucro, svolta senza la tutela della legge
  • le varie tipologie di lavoro sfuggono alla tassazione dello Stato
  • rappresenta l’insieme di mansioni svolte da un lavoratore sconosciuto alla Pubblica Amministrazione, perché non registrato presso i Centri per l'Impiego
  • il lavoratore in oggetto elude il diritto fiscale

Quali sono le reazioni dello Stato? Multe e sanzioni

lavorare in nero

Le sanzioni legate al lavoro nero sono fissate dalla legge n. 248 del 2006. Questa norma stabilisce una sanzione pecuniaria che varia da € 1.500 a € 12.000, cui poi viene aggiunta una maggiorazione di € 150 per ogni effettiva giornata di lavoro irregolare. La Corte Costituzionale ha dunque modificato questa norma ed ha affidato la competenza del lavoro nero alla Direzione provinciale del lavoro. Ricordiamo come dal 1° gennaio del 2008 è in vigore una legge federale con la quale gli organi di controllo hanno la facoltà di applicare in modo più presaante le prescrizioni dei diversi testi di legge.

Lavoro nero e lavoratori stranieri

Le forme di questo tipo di "piaga" condividono il fatto di sottrarsi alle tasse di diritto pubblico. Grazie alla legge federale sulla lotta contro il lavoro nero, vigente dal 1° gennaio 2008, gli organi di controllo possono applicare le prescrizioni dei diversi testi di legge.

E’ di competenza del datore di lavoro (ovvero colui che impiega un lavoratore straniero sotto i propri poteri di direzione) accertarsi che i lavoratori stranieri da lui impiegati siano in possesso dei necessari permessi.
Nel caso in cui si parli di lavoratori a prestito, anche l'azienda di missione è considerata come datore di lavoro. Anche coloro i quali ricorrano ad una prestazione di servizi devono assicurarsi che le persone straniere che forniscono tale prestazione siano autorizzate a svolgere queste attività.

Permessi per stranieri

Gli stranieri che intendono occuparsi di un'attività lucrativa sono sottoposti di regola all'obbligo del permesso. Tutte le attività che vanno oltre il semplice servizio sono da considerarsi un'attività lucrativa. La durata dell'attività lucrativa e il fatto che si tratti di un'attività principale non sono determinanti.
Prima di impiegare un lavoratore straniero un'azienda deve accertarsi della sua autorizzazione ad assumere un impiego. L'azienda che occupa dei lavoratori stranieri che non fanno parte del proprio personale dovrebbe verificare che il lavoratore straniero sia in possesso di un permesso di dimora e di lavoro valido.

Lo straniero deve disporre di un visto o dell’assicurazione di rilascio del permesso di dimora; il semplice fatto che il datore di lavoro abbia depositato una domanda in tal senso non basta.

Salute, lavoro e sicurezza: no al lavoro in nero

Negli ultimi anni i termini lavoro e sicurezza sembrano non trovare un punto di incontro. Le morti bianche sono più di 1000 ogni anno e i sindacati, il governo e i cittadini sembrano non riuscire a modificare sostanzialmente questo dato.

Anche il tirocinante di un'azienda deve avere una copertura assicurativa che lo tuteli in caso di infortunio sul posto di lavoro. Salute, Lavoro e Sicurezza sono tre concetti importanti per il governo e il Capo dello Stato al fine di promuovere il sacrosanto diritto del lavoratore alla sicurezza. Il Governo della XV Legislatura ha inserito il tema salute e sicurezza sul lavoro tra le priorità del piano finanziario 2007-2011, insieme agli interventi in tema di lavoro nero e occupazione.

Gli interventi del Governo per la tutela della sicurezza sul lavoro

L’obiettivo del Governo in tema di Lavoro e Sicurezza non è solo quello di evitare gli infortuni o addirittura le morti sul lavoro, ma garantire la legalità ed il rispetto delle regole in merito alla sicurezza dellavoro in tutti gli ambienti lavorativi.

Ciò è possibile facendo rispettare le norme, ma anche predisponendo degli strumenti di educazione, formazione e conoscenza in materia di sicurezza e lavoro. La formazione potrebbe essere lo strumento per prevenire e tutelare i lavoratori e porre in evidenza la Responsabilità Sociale delle Imprese.

Un testo unico in materia di sicurezza lavoro

Altro obiettivo del governo in tema di sicurezza e lavoro è quello di proporre un Testo Unico che includa: le Buone Prassi, la Responsabilità Sociale delle Imprese e i Codici Etici al fine di tutelare la sicurezza sul lavoro e creare delle norme diverse in base ai rischi specifici di ciascun settore.

Lavoro e Sicurezza non devono più essere due concetti a se stanti, al contrario è necessario che lo Stato, le imprese e anche ogni singolo cittadino – lavoratore promuova e tuteli la sicurezza sul lavoro, propria e altrui.



Potrebbe interessarti

Inps: modulistica online e attività dell'Ente

Il sito dell'Inps dispone di un'assistenza virtuale, utile a guidare l'utente tra i vari moduli Inps presenti all'interno del portale e ad aiutarlo nella compilazione degli stessi. Il servizio di modulistica Inps è molto comodo soprattutto se si è impossibilitati a recarsi presso gli uffici più vicini al luogo di residenza a recuperare i moduli cartacei.

Leggi tutto...

Concorso Docenti 2018: come acquisire i 24 CFU

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Contratto di lavoro: ecco quali sono le varie tipologie

Il contratto è un negozio giuridico cioè “una manifestazione di volontà atta a produrre effetti giuridici riconosciuti dall’ordinamento giuridico”.

Leggi tutto...

Il contratto a intermittenza: in cosa consiste questo contratto?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto di lavoro a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.

Leggi tutto...

Organigramma aziendale: creare e leggere una struttura organizzativa

Due o più persone che collaborino insieme per raggiungere un obiettivo necessitano di un’organizzazione aziendale per coordinarsi. Il termine organizzazione indica il set di strumenti che influenza ed indirizza i comportamenti affinché le persone raggiungano gli obiettivi prefissati.

Leggi tutto...

Libretto Formativo del cittadino: scopriamo cos'è

Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Leggi tutto...

Offerte lavoro in Basilicata

trovare lavoro in basilicata

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Basilicata.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imprenditoria femminile e fondo perduto: quali sono le novità?

L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...
Go to Top