Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature. Questa nuova forma di candidatura prende spunto dallo sviluppo delle tecnologie da associare al boom dei social network: non è un caso che ne è nato uno tematico proprio sul lavoro, ossia Linkedin.

Ma cosa è un video curriculum? Dobbiamo farlo per forza in Italiano?

In realtà forse presentarsi attraverso un filmato è più semplice che redigere un cv cartaceo. Il video curriculum non è altro che una presentazione, tramite videocamera, di colui/colei che è in cerca di un impiego e vuole proporsi ad un’azienda.

E' diffuso via internet, principalmente sul portale YouTube o attraverso i siti dedicati alle offerte/domande di lavoro. Tranne alcune eccezioni, caricare il proprio filmato sul web è gratuito. Attualmente, in Italia, i candidatiallegano al video curriculum anche la forma tradizionale del cv.

I vantaggi per le aziende

video curriculum

Per ciò che riguarda la fase di selezione, visionare i filmati consente all’azienda di avere delle informazioni aggiuntive del candidato rispetto a quanto trasmesso nel cv testuale. Ovviamente oltre alle competenze del candidato, la presentazione mette in risalto anche la personalità, l’atteggiamento, la dialettica del soggetto.b

In alcuni casi poi, attraverso il filmato l’azienda recruiter può attestare anche delle competenze tecniche o pratiche e il grado di conoscenza di una lingua straniera del candidato. Tutto ciò facilita e accorcia i tempi della fase di preselezione, diminuendo il numero di colloqui “vis à vis” che l’azienda organizza nella successiva fase di selezione.

D’altra parte, molte aziende hanno iniziato ad utilizzare lo strumento video per auto-presentarsi (soprattutto nei Paesi incui il web e gli strumenti informatici sono più utilizzati come USA, Spagna e Francia). Attraverso delle presentazioni video, le aziende descrivono la loro attività, la propria organizzazione interna e illustrano le possibilità di inserimento e i requisiti di coloro che possono presentare la propria candidatura.

Esempio creativo: ecco altri consigli

Sarà sufficiente effettuare una ricerca generica sul web per reperire consigli ed esempi per creare un video curriculum vincente. Il nostro suggerimento è di evitare che “i nostri messaggi diventino veri e propri trailers dove la cura dell'immagine finisce con l'essere più importante del contenuto stesso del messaggio da trasmettere” (parole di Massimo Rosa, cacciatore di teste).

Inoltre, per avere un’idea di come potreste creare il vostro video curriculum, vi consigliamo di visionarne un po’ in modo da capire quale vorreste fosse il contenuto della vostra presentazione.

L’importanza del curriculum: come farlo?

La caratteristica del video curriculum porta alla luce un fenomeno più generale, ossia l’importanza di redigere un buon cv. Il video curriculum infatti non è altro che l’evoluzione del cartaceo attraverso lo sviluppo delle nuove piattaforme comunicative, come appunto i canali social. Per quanto riguarda invece la forma scritta, si redige un curriculum in formato europeo: le informazioni devono essere ben dettagliate e strutturate secondo un ordine preciso. Questo perchè il curriculum è la nostra prima presentazione e l’integrazione di tutte le informazioni rappresenta un primo modo per candidarci. Non è un caso che ultimamente vengono inseriti nel Cv anche i profili social che uno dispone, soprattutto Linkedin, il social network dedicato al lavoro. In questo canale, si può caricare il proprio curriculum con le nostre esperienze inserendo anche dei filmati multimediali, come la presentazione della nostra tesi di laurea o dei nostri lavori.

Periodi migliori per cercare lavoro?

Ciò che abbatte mentalmente chi è alla ricerca di un posto di lavoro è vedere la propria candidatura neanche essere valutata o letta. Quante volte abbiamo la sensazione di inviare mail al muro? Spesso infatti si inviano cv senza neanche una minima risposta, un fatto che non aumenta di certo l’autostima del candidato.
Si è parlato spesso di inviare cv in determinati periodi, come per esempio settembre, perchè è più facile avere un’assunzione. E’ un concetto troppo restrittivo (ovviamente tralasciando i lavori stagionali che sono cercati in certi lassi di tempo, come può essere l’estate nelle località turistiche) perchè la costanza e la determinazione sono due qualità che il candidato deve avere sempre in mente. Bisogna continuare a insistere anche quando sembra che nessuno ci ascolti e inviare le proprie candidature nell’arco di un anno intero. Importante poi controllare i contenuti del proprio cv, aggiornarlo alla data corrente e soprattutto inviare anche candidature spontanee, non rispondendo quindi solo agli annunci sulle bacheche di lavoro. Cercare lavoro deve essere più importante del lavoro stesso, in particolar modo in questo periodo di disoccupazione crescente, soprattutto quella a livello giovanile che supera il 40%.





Potrebbe interessarti

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

Accredito stipendio

Molto spesso, presi da mille impegni lavorativi e quotidiani, non si riesce a trovare il tempo per recarsi presso gli sportelli della Banca e delle Poste a riscuotere o a versare il proprio stipendio. Per evitare inconvenienti spiacevoli, è possibile farsi accreditare sul proprio conto corrente bancario o postale il proprio stipendio.

Leggi tutto...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Leggi tutto...

Calcolo età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

L'Articolo 18 dello Statuto dei lavoratori: vi spieghiamo le modifiche

Continua il dibattito fra Governo e Parti Sociali in merito alle modifiche previste all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Andiamo ad approfondire il tema legate a questo punto controverso.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il periodo di prova: conosci questa opportunità?

In un momento anteriore o contestuale all'inizio del rapporto di lavoro, le parti possono definire per iscritto un periodo di prova. Lo scopo è quello di consentire al datore di lavoro e al dipendente di valutare il rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Modello aziendale: quale scegliere?

scegli il modello aziendale che adatto alla tua attività

Il modello aziendale viene scelto in base a numerosi parametri (mercato, prodotto, risorse) ma, qualunque sia la scelta effettuata quello che conta è l'efficienza della struttura selezionata: un'impresa inefficiente è un'impresa in perdita.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro per disabili: la tutela della legislazione

lavori e normative per i disabili

La legislazione italiana in tema di persone con disabilità ha avuto un’evoluzione significativa con la legge 68/99 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".

Leggi tutto...
Go to Top