Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature. Questa nuova forma di candidatura prende spunto dallo sviluppo delle tecnologie da associare al boom dei social network: non è un caso che ne è nato uno tematico proprio sul lavoro, ossia Linkedin.

Ma cosa è un video curriculum? Dobbiamo farlo per forza in Italiano?

In realtà forse presentarsi attraverso un filmato è più semplice che redigere un cv cartaceo. Il video curriculum non è altro che una presentazione, tramite videocamera, di colui/colei che è in cerca di un impiego e vuole proporsi ad un’azienda.

E' diffuso via internet, principalmente sul portale YouTube o attraverso i siti dedicati alle offerte/domande di lavoro. Tranne alcune eccezioni, caricare il proprio filmato sul web è gratuito. Attualmente, in Italia, i candidatiallegano al video curriculum anche la forma tradizionale del cv.

I vantaggi per le aziende

video curriculum

Per ciò che riguarda la fase di selezione, visionare i filmati consente all’azienda di avere delle informazioni aggiuntive del candidato rispetto a quanto trasmesso nel cv testuale. Ovviamente oltre alle competenze del candidato, la presentazione mette in risalto anche la personalità, l’atteggiamento, la dialettica del soggetto.b

In alcuni casi poi, attraverso il filmato l’azienda recruiter può attestare anche delle competenze tecniche o pratiche e il grado di conoscenza di una lingua straniera del candidato. Tutto ciò facilita e accorcia i tempi della fase di preselezione, diminuendo il numero di colloqui “vis à vis” che l’azienda organizza nella successiva fase di selezione.

D’altra parte, molte aziende hanno iniziato ad utilizzare lo strumento video per auto-presentarsi (soprattutto nei Paesi incui il web e gli strumenti informatici sono più utilizzati come USA, Spagna e Francia). Attraverso delle presentazioni video, le aziende descrivono la loro attività, la propria organizzazione interna e illustrano le possibilità di inserimento e i requisiti di coloro che possono presentare la propria candidatura.

Esempio creativo: ecco altri consigli

Sarà sufficiente effettuare una ricerca generica sul web per reperire consigli ed esempi per creare un video curriculum vincente. Il nostro suggerimento è di evitare che “i nostri messaggi diventino veri e propri trailers dove la cura dell'immagine finisce con l'essere più importante del contenuto stesso del messaggio da trasmettere” (parole di Massimo Rosa, cacciatore di teste).

Inoltre, per avere un’idea di come potreste creare il vostro video curriculum, vi consigliamo di visionarne un po’ in modo da capire quale vorreste fosse il contenuto della vostra presentazione.

L’importanza del curriculum: come farlo?

La caratteristica del video curriculum porta alla luce un fenomeno più generale, ossia l’importanza di redigere un buon cv. Il video curriculum infatti non è altro che l’evoluzione del cartaceo attraverso lo sviluppo delle nuove piattaforme comunicative, come appunto i canali social. Per quanto riguarda invece la forma scritta, si redige un curriculum in formato europeo: le informazioni devono essere ben dettagliate e strutturate secondo un ordine preciso. Questo perchè il curriculum è la nostra prima presentazione e l’integrazione di tutte le informazioni rappresenta un primo modo per candidarci. Non è un caso che ultimamente vengono inseriti nel Cv anche i profili social che uno dispone, soprattutto Linkedin, il social network dedicato al lavoro. In questo canale, si può caricare il proprio curriculum con le nostre esperienze inserendo anche dei filmati multimediali, come la presentazione della nostra tesi di laurea o dei nostri lavori.

Periodi migliori per cercare lavoro?

Ciò che abbatte mentalmente chi è alla ricerca di un posto di lavoro è vedere la propria candidatura neanche essere valutata o letta. Quante volte abbiamo la sensazione di inviare mail al muro? Spesso infatti si inviano cv senza neanche una minima risposta, un fatto che non aumenta di certo l’autostima del candidato.
Si è parlato spesso di inviare cv in determinati periodi, come per esempio settembre, perchè è più facile avere un’assunzione. E’ un concetto troppo restrittivo (ovviamente tralasciando i lavori stagionali che sono cercati in certi lassi di tempo, come può essere l’estate nelle località turistiche) perchè la costanza e la determinazione sono due qualità che il candidato deve avere sempre in mente. Bisogna continuare a insistere anche quando sembra che nessuno ci ascolti e inviare le proprie candidature nell’arco di un anno intero. Importante poi controllare i contenuti del proprio cv, aggiornarlo alla data corrente e soprattutto inviare anche candidature spontanee, non rispondendo quindi solo agli annunci sulle bacheche di lavoro. Cercare lavoro deve essere più importante del lavoro stesso, in particolar modo in questo periodo di disoccupazione crescente, soprattutto quella a livello giovanile che supera il 40%.



Potrebbe interessarti

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Modello per il curriculum vitae: come compilarlo passo passo?

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi tutto...

Colloquio motivazionale: ecco come regolarsi!

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Leggi tutto...

La lettera di referenze: impariamo a scriverla!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.

Leggi tutto...

Ape Social: l’anticipo pensionistico a carico dello Stato

Una volta terminati gli studi tutti noi cominciano quell’infinito percorso lavorativo che ci porta dalla giovane età di vent’anni circa a quella veneranda dei sessanta circa al conseguimento della famigerata pensione

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Gestione stabilimento balneare

Con l'arrivo dell'estate, sono molti, soprattutto giovani, che decidono di affidarsi ai lavori stagionali per guadagnare qualcosa almeno durante il periodo estivo. Un lavoro molto richiesto e interessante è infatti quello della gestione di uno stabilimento balneare.

Leggi tutto...

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Leggi tutto...

Poste recruiting, il piano strategico di Poste Italiane

Di recente, il gruppo Poste Italiane ha comunicato un piano strategico che vede il coinvolgimento per i prossimi anni riguardo il lavoro alle poste; l’azienda ha da pochi mesi presentato un importante piano strategico relativo al periodo 2015 - 2019 con proposte di trasformazione del gruppo stesso e oltre 8000 assunzioni, con un numero di posti di lavoro dedicati ai giovani laureati!

Leggi tutto...

La lettera di referenze: impariamo a scriverla!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.

Leggi tutto...

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento collettivo: scopri le ragioni

il licenziamento collettivo

Anche chi possiede un lavoro e uno stipendio sicuro potrebbe correre il rischio di essere licenziato a causa di motivazioni esterne alla sua volontà e al suo operato. Questo succede spesso all’interno di aziende o imprese, che sono spesso a rischio di fallimento o di crisi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

la nuova tabella per le pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...
Go to Top