L’incubatore d’impresa comprende lo spazio fisico nel quale sono offerti diversi beni o servizi a delle neo imprese locali. L’incubatore d’impresa nasce allo scopo di promuovere lo sviluppo dell’imprenditoria locale, sostenendo sotto diversi punti di vista (legale, amministrativo, ecc) la nuova impresa neo costituita, quindi l’incubatore d’impresa aiuta l’attività nella fase critica iniziale.

Moltitudine di servizi per l'incubatore di impresa

L’incubatore d’impresa offre una moltitudine di servizi che supportano l’impresa dallo start-up iniziale dell’attività. Esso propone un servizio di orientamento per i neo imprenditori o i gli aspiranti imprenditori. Vi sono poi numerosi servizi di accoglienza come: la consulenza legale o fiscale, un supporto per determinare le attività di marketing e eventuali periodi di formazione. L’incubatore offre anche servizi materiali all’impresa (arredamento, hardware e software, collegamenti internet).

Le imprese che fanno parte dell’incubatore possono scegliere se situarsi nello spazio fisico dell’incubatore o associarsi ad esso per usufruire dei suoi servizi, ma rimanendo ubicate in un altro luogo.

Dislocazione Territoriale dell'incubatore d'impresa

Immagine di incubatore di impresa

Gli incubatori d’impresa sono dislocati sul territorio nazionale mediante delle strutture regionali che promuovono l’imprenditoria locale.

  • Il sito BIC Lazio propone una serie di incubatori presenti nella regione Lazio e collegati in rete.
  • E2B Lab è l’incubatore d’impresa realizzato nell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata dalla Facoltà di Economia, presso il CEIS (Centro di Studi Internazionali sull'Economia e lo Sviluppo).

Lo scouting imprenditoriale

La logica su cui si basa la creazione di un incubatore d’impresa è quella di promuovere e favorire la creazione di nuove imprese che possano crescere utilizzando le conoscenze universitarie, usufruendo di servizi nati sulla base di risultati scientifici raggiunti dalle università.

Il primo step dell’incubatore d’impresa è quello dello scouting imprenditoriale, cioè individuare le idee di innovazione per selezionare le imprese da ospitare. Alla fase di selezione fanno seguito la stipula di convenzioni con altri soggetti interessati a favorire lo sviluppo dell’imprenditoria locale e la creazione o messa a punto delle infrastrutture per il periodo di pre-incubazione.

Per avere maggiori informazioni, consultate il portale Sviluppo Italia.

I progetti presenti in Italia

Sono molte le iniziative che si stanno sviluppando in Italia su questo tema. A riguardo, ne illustriamo alcune. “Innovami” è il servizio promosso da questo centro per l’innovazione che vuole favorire il rinnovamento dell’imprenditoria locale (stiamo parlando dell’Emilia Romagna) attraverso dei programmi innovativi. Sarà data priorità ai progetti inerenti l’ambiente e comunità urbane, le cosiddette smart cities. Non dimentichiamo infatti che il settore della green economy sta crescendo molto nel nostro Paese e non è un caso che molte aziende si stiano convertendo al verde e molti progetti siano pensati e applicati in una tematica ambientalista e di risparmio energetico. Andando a Sud, invece, parliamo del progetto Coopstart Puglia, il piano voluto da Legacoop Puglia volto ad accompagnare la formazione e aiutare i neo-imprenditori attraverso consulenze e assistenza. Il programma si propone di accompagnare la prime fasi di inizio attività, che risultano essere sempre quelle più difficili, e fornire assistenza nei successivi tre anni. Il bando è rivolto a prospetti proposti da almeno tre persone di cui la maggioranza sia d’età inferiore ai 35 anni: questa postilla fa capire l’obiettivo reale del progetto, ossia quello di aiutare i giovani e l’imprenditoria giovanile a farsi largo nel complicato mondo del lavoro. Saranno premiate i migliori quindici prospetti con i costi legali e burocratrici a carico di Legacoop Puglia. Infine, citiamo la Unipol Ideas, ossia l’incubatore d’impresa della Banca Unipol, che ha avviato un percorso volto a premiare le migliori dieci idee innovative, sostenibili dal punto di vista economico e allo stesso tempo in grado di soddisfare ed esaudire le esigenze della comunità e dei cittadini.

Aiutare i giovani

L’obiettivo della Legacoop Puglia, come spiegato nel precedente paragrafo, è quello di aiutare i giovani nella loro formazione. Il livello di disoccupazione in Italia è alto e queste politiche sociali volte ad aiutare i ragazzi devono essere sempre più alimentate. Nel nostro Paese infatti ci sono tantissimi giovani con idee brillanti e progetti innovativi solo che non si dà loro possibilità di metterle in atto. Da qui nasce poi la stagnazione o la rassegnazione nel non vedere realizzarsi i propri progetti. Aiuti economici, agevolazioni e assistenza devono essere tre capisaldi per l’imprenditoria giovanile, schiacciata dai troppi costi economici da sostenere e da un mercato che non permette loro di inserirsi attraverso piani validi. Incentivare programmi di questo tipo permette anche di evitare la cosiddeta “fuga di cervelli”, ossia giovani costretti ad emigrare all’estero per mettere in pratica le proprie idee.





Potrebbe interessarti


Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Mobilità Scuola 2018/19: i corsi di perfezionamento per ottenere punteggio

mobilità del personale scolastico

Negli ultimi mesi si è discusso a lungo per il rinnovo del contratto sulla mobilità che interessa più di un milione di lavoratori tra docenti e personale ATA. A febbraio si è giunti, finalmente, alla sottoscrizione di un accordo tra MIUR e sindacati che ha visto la proroga integrale del Contratto sulla mobilità 2017/18 per l’anno scolastico 2018/19.

Leggi tutto...

Il video curriculum: sfrutta questo strumento!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

La retribuzione del contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi tutto...

Dipendente pubblico e Partita IVA: alcune considerazioni

Salve, mi sto preparando per un concorso al Comune di Roma ma contemporaneamente sto anche studiando per prendere il patentino di guida turista, che è la mia vera passione.

Leggi tutto...

Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

In caso di scadenza del contratto di lavoro (a tempo determinato), una lavoratrice ha diritto all’indennità INPS per la maternità anticipata o obbligatoria, in base a quanto sancito con la circolare ministeriale del 1 dicembre 2004.

Leggi tutto...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

Leggi anche...


Concorso Docenti 2018: come acquisire i 24 CFU

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Malattia Inps: come fare la domanda

fare domanda per la malattia

La domanda di malattia all'Inps può essere richiesta nei casi di malattie che possono limitare le capacità lavorative. I soggetti che possono presentare la domanda di indennità di malattia Inps sono gli operai e gli impiegati del settore terziario e che lavorano nel settore industriale, apprendisti, lavoratori sospesi dal lavoro, lavoratori assunti a tempo determinato o indeterminato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavorare nella moda: passione, stile e guadagno

Un'attività in questo ambito prevede soprattutto un talento e una propensione creativa in grado di far emergere le proprie idee su quelle degli altri. È importante anche seguire le tendenze del momento, creandone di nuove e stare al passo con i cambiamenti e il rinnovarsi dei trend.

Leggi tutto...
Go to Top