Che cosa è? In sostanza, la reversibilità della pensione è l’importo della pensione (o Pensione Inpdap) che un tale beneficiario appartenente al nucleo familiare riceverà alla morte di un lavoratore assicurato o del pensionato. Questa quota della pensione è un diritto che va ai “superstiti” (infatti è detta anche pensione ai superstiti) quando il soggetto deceduto aveva diritto alla Pensione di vecchiaia o di anzianità oppure di inabilità. Le pensioni di reversibilità sono state introdotte negli anni ’80 a tutela dei coniugi (soprattutto donne) che non possedevano una pensione propria e che molto spesso avevano un loro reddito al di sotto della soglia di povertà in seguito alla morte del coniuge.

Beneficiari della pensione di reversibilità

Il beneficiario della pensione di reversibilità può essere: un coniuge o coniuge separato; (anche coniuge separato “per colpa” se egli ha diritto agli alimenti); un coniuge divorziato, a patto che non si sia più risposato o che il lavoratore deceduto fosse iscritto all'Inps già prima della sentenza di divorzio; un ex coniuge, pure se dopo il divorzio e prima della sua morte il pensionato o il lavoratore assicurato si sia risposato. In tal caso, in base alla legge numero 74 del 1987, il giudice stabilirà le quote che spetteranno al primo ed al secondo coniuge. Niente reversibilità della pensione prevista, invece, qualora un ex coniuge in vita si sia invece risposato. In questo caso, lui/lei avrà diritto ad una liquidazione della doppia annualità, che sarà pari a 26 volte la somma della pensione spettante alla data del matrimonio nuovo.

Quando la reversibilità spetta ai figli?

Reversibilità della pensione del coniuge

Oltre ai coniugi, la pensioni di reversibilità spettano anche ai figli (che siano legittimi o legittimati oppure adottivi o affiliati ma anche naturali o legalmente riconosciuti oppure giudizialmente dichiarati e nati da un precedente matrimonio dell'altro coniuge) i quali alla morte del genitore che era lavoratore assicurato o pensionato: sono minorenni; sono a carico del genitore e non svolgono nessuna attività lavorativa e che: sono studenti di scuola superiore fra i 18 e i 21 anni o sono studenti universitari al di sotto di 26 anni, sono inabili a qualunque età, ma a carico del genitore. Certe volte la pensione di reversibilità si può corrispondere ai nipoti, ai genitori, ai fratelli o a sorelle.

Quote e importi della pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità è spettante al coniuge in una quota pari al 60% complessivo della pensione. Le reversibilità perdura vengono percepite per tutta la vita e si cumulano con le pensioni che i coniugi già percepiscono. In base al beneficiario, varia anche la quota della pensione corrisposta dall’Inps ai parenti superstiti. Tale pensione decorre dal mese seguente alla morte dell'assicurato oppure del pensionato, indipendentemente da quando viene presentata la domanda.