Nel corso del tempo, l’andamento dell’economia di un Paese può variare moltissimo e alternare fasi positive di crescita a quelle negative di crisi. E tali andamenti si riflettono poi anche sul trend dell’occupazione dei lavoratori. Nelle fasi economiche positive, si evidenzia un incremento degli occupati, mentre durante i periodi negativi, l’occupazione tende a diminuire. In quest’ultimo caso, fortunatamente, esistono delle forme di sostegno economico (sia pur temporaneo) fornite dallo Stato per quelle persone che rientrano in alcune categorie di soggetti o di lavoratori.

Importante, da questo punto di vista, è anche la distinzione tra disoccupato ed inoccupato. Due figure nettamente distinte e diverse del mondo del lavoro e che, come vedremo meglio in seguito, evidenziano aspetti completamente differenti. In sintesi, l’uno non ha mai lavorato (con nessun tipo di modalità o contratto), mentre l’altro ha svolto attività (di breve o lunga durata) ma è stato soggetto a licenziamento successivamente. Tale distinzione risulta fondamentale spesso per poter accedere alle forme di sostegno o aiuto economico a cui abbiamo accennato prima.

Queste ultime si sono sviluppate ed ampliate nel corso del tempo (in particolare nel secondo dopo guerra), soprattutto per far fronte alla considerevole mole di soggetti che si sono trovati improvvisamente senza un lavoro (magari a causa di un peggioramento del quadro economico nazionale, settoriale o aziendale) e quindi in stato di necessità per sé e la propria famiglia.

In tempi recenti, accanto a interventi o azioni di natura passiva (come l’elargizione diretta di denaro ai singoli soggetti), si è cercato di sviluppare anche interventi di natura attiva, sotto forma di creazione ed avvio di corsi di aggiornamento professionale o di ampliamento delle conoscenze lavorative o, ancora, di acquisizione di ulteriori abilità o capacità (fondamentali nel moderno mercato del lavoro), come ad esempio lingue straniere o informatica almeno di base. Tutto questo, oltre la diffusione di centri pubblici per l’impiego e agenzie per il lavoro private.

Comunque, vediamo adesso in cosa consiste la differenza a cui abbiamo accennato prima tra inoccupato e disoccupato e in quali casi è possibile richiedere delle misure di sostegno economico.

Se si è nella condizione definita "inoccupato", senza stipendio, il nostro consiglio è quello di presentare una dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa da consegnare al Centro per l'Impiego o il modello di Autocertificazione di disoccupazione.

L'inoccupato senza stipendio è colui che non abbia mai svolto attività lavorativa, sia come dipendente che in forma autonoma o almeno che non è riconosciuto il lavoro in nero. 

Niente impiego: qual è la differenza tra inoccupato e disoccupato?

Diversamente dall'inoccupato, il disoccupato è colui che:

  • ha uno stipendio con reddito inferiore a 8000
  • ha un reddito in entrata al di sotto dei 4800
  • ha lavorato solo per 8 mesi con entrate

L'Aspi: come regolare le entrate

Immagine per Inoccupato

A sostegno dell'inoccupato, c'è già dal 2013 l'Aspi. L'importo massimo sarà sempre e comunque pari a 1.119€ lordi (circa 1.050€ netti), che si ridurranno del 15% dopo sei mesi.

Chi può fare richiesta dell'ASPI

  • Tutti i dipendenti del settore privato – apprendisti compresi
  • Dipendenti pubblici con contratti a tempo determinato
  • Soci lavoratorisubordinati di cooperative
  • Lavoratori dello settore dello spettacolo con contratto

licenziamento collettivo

I requisiti per chiedere l'Assicurazione sono: l'aver guadagnato due anni di anzianità e almeno un anno di contributi e presentare domanda entro 60 giorni dal licenziamento. La domanda dev'essere presentata o all'Inps oppure ad un Patronato.

È prevista anche una forma ridotta di Aspi per coloro che non raggiungono l'anno di contributi, ma superano le 13 settimane.

Infine, possono richiedere l'assicurazione anche coloro che, licenziati, hanno avviato con successo la procedura di conciliazione.

Altre caratteristiche del sostegno per un inoccupato

inoccupato

Innanzitutto, occorre chiarire nuovamente che l'Aspi si attiva per l'inoccupato licenziato dal 2013 e, quindi, non a coloro che hanno perso il lavoro sino al 2012.

Sino al 2014, quindi, l'Aspi dura 8 mesi per gli under 50, per i quali invece l'assistenza dura 12 mesi. Chi perderà il lavoro nel 2014 e sarà over 55, godrà dell'assegno per 14 mesi. L'anno seguente, per gli under 50 la durata sarà pari a 10 mesi, per la fascia 50-54 pari a 12 mesi, per gli over 54 16 mesi.

Come si perde l'Aspi: rifiuta l'offerta di lavoro o vai in pensione

Il sussidio lo perde chi trova un'occupazione di durata superiore ai sei mesi, chi raggiunge la pensione, chi guadagna un assegno di invalidità (in questo caso, può scegliere quale sussidio percepire).

Chi intraprende un'attività indipendente non perde tale forma di assistenza, a patto che non superi il guadagno di 4800€ annui. In ogni caso, vedrà l'assegno diminuire dell'80% del redditopresunto che il lavoratore ricaverà dall'attività.
Perde l'Aspi anche chi rifiuta un'offerta di lavoro congruo.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

I più condivisi

CCNL dirigenti: conosci le norme e i livelli connessi a questo contratto?

CCNL dirigenti: immagine esemplificativa

Il lavoro dei dirigenti è connesso al ruolo manageriale dell'azienda. Equivale al ruolo di subordinazione diretto all'imprenditore. Tale lavoro può essere svolto nel settore pubblico e privato. Il CCi, all'art. 2095, include questo lavoro nella categoria dei lavoratori subordinati.

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Banca dati della Polizia di Stato: il quiz per il concorso

L’accesso ai ruoli nella Polizia di Stato avviene tramite concorso pubblico, le cui selezioni preliminari avvengono tramite quiz. Considerata la mole delle nozioni richieste, per ogni sessione di selezione, vengono pubblicati poche settimane prima da parte dalla Banca Dati della Polizia di Stato i quiz che saranno oggetto della prova e su cui ci si dovrà “allenare”.

Leggi anche...

Formazione permanente: perché è così importante?

Formazione permanente

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi anche...

Tasse per l'università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.