Nel corso del tempo, l’andamento dell’economia di un Paese può variare moltissimo e alternare fasi positive di crescita a quelle negative di crisi. E tali andamenti si riflettono poi anche sul trend dell’occupazione dei lavoratori. Nelle fasi economiche positive, si evidenzia un incremento degli occupati, mentre durante i periodi negativi, l’occupazione tende a diminuire. In quest’ultimo caso, fortunatamente, esistono delle forme di sostegno economico (sia pur temporaneo) fornite dallo Stato per quelle persone che rientrano in alcune categorie di soggetti o di lavoratori.

Importante, da questo punto di vista, è anche la distinzione tra disoccupato ed inoccupato. Due figure nettamente distinte e diverse del mondo del lavoro e che, come vedremo meglio in seguito, evidenziano aspetti completamente differenti. In sintesi, l’uno non ha mai lavorato (con nessun tipo di modalità o contratto), mentre l’altro ha svolto attività (di breve o lunga durata) ma è stato soggetto a licenziamento successivamente. Tale distinzione risulta fondamentale spesso per poter accedere alle forme di sostegno o aiuto economico a cui abbiamo accennato prima.

Queste ultime si sono sviluppate ed ampliate nel corso del tempo (in particolare nel secondo dopo guerra), soprattutto per far fronte alla considerevole mole di soggetti che si sono trovati improvvisamente senza un lavoro (magari a causa di un peggioramento del quadro economico nazionale, settoriale o aziendale) e quindi in stato di necessità per sé e la propria famiglia.

In tempi recenti, accanto a interventi o azioni di natura passiva (come l’elargizione diretta di denaro ai singoli soggetti), si è cercato di sviluppare anche interventi di natura attiva, sotto forma di creazione ed avvio di corsi di aggiornamento professionale o di ampliamento delle conoscenze lavorative o, ancora, di acquisizione di ulteriori abilità o capacità (fondamentali nel moderno mercato del lavoro), come ad esempio lingue straniere o informatica almeno di base. Tutto questo, oltre la diffusione di centri pubblici per l’impiego e agenzie per il lavoro private.

Comunque, vediamo adesso in cosa consiste la differenza a cui abbiamo accennato prima tra inoccupato e disoccupato e in quali casi è possibile richiedere delle misure di sostegno economico.

Se si è nella condizione definita "inoccupato", senza stipendio, il nostro consiglio è quello di presentare una dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa da consegnare al Centro per l'Impiego o il modello di Autocertificazione di disoccupazione.

L'inoccupato senza stipendio è colui che non abbia mai svolto attività lavorativa, sia come dipendente che in forma autonoma o almeno che non è riconosciuto il lavoro in nero. 

Niente impiego: qual è la differenza tra inoccupato e disoccupato?

Diversamente dall'inoccupato, il disoccupato è colui che:

  • ha uno stipendio con reddito inferiore a 8000
  • ha un reddito in entrata al di sotto dei 4800
  • ha lavorato solo per 8 mesi con entrate

L'Aspi: come regolare le entrate

Immagine per Inoccupato

A sostegno dell'inoccupato, c'è già dal 2013 l'Aspi. L'importo massimo sarà sempre e comunque pari a 1.119€ lordi (circa 1.050€ netti), che si ridurranno del 15% dopo sei mesi.

Chi può fare richiesta dell'ASPI

  • Tutti i dipendenti del settore privato – apprendisti compresi
  • Dipendenti pubblici con contratti a tempo determinato
  • Soci lavoratorisubordinati di cooperative
  • Lavoratori dello settore dello spettacolo con contratto

licenziamento collettivo

I requisiti per chiedere l'Assicurazione sono: l'aver guadagnato due anni di anzianità e almeno un anno di contributi e presentare domanda entro 60 giorni dal licenziamento. La domanda dev'essere presentata o all'Inps oppure ad un Patronato.

È prevista anche una forma ridotta di Aspi per coloro che non raggiungono l'anno di contributi, ma superano le 13 settimane.

Infine, possono richiedere l'assicurazione anche coloro che, licenziati, hanno avviato con successo la procedura di conciliazione.

Altre caratteristiche del sostegno per un inoccupato

inoccupato

Innanzitutto, occorre chiarire nuovamente che l'Aspi si attiva per l'inoccupato licenziato dal 2013 e, quindi, non a coloro che hanno perso il lavoro sino al 2012.

Sino al 2014, quindi, l'Aspi dura 8 mesi per gli under 50, per i quali invece l'assistenza dura 12 mesi. Chi perderà il lavoro nel 2014 e sarà over 55, godrà dell'assegno per 14 mesi. L'anno seguente, per gli under 50 la durata sarà pari a 10 mesi, per la fascia 50-54 pari a 12 mesi, per gli over 54 16 mesi.

Come si perde l'Aspi: rifiuta l'offerta di lavoro o vai in pensione

Il sussidio lo perde chi trova un'occupazione di durata superiore ai sei mesi, chi raggiunge la pensione, chi guadagna un assegno di invalidità (in questo caso, può scegliere quale sussidio percepire).

Chi intraprende un'attività indipendente non perde tale forma di assistenza, a patto che non superi il guadagno di 4800€ annui. In ogni caso, vedrà l'assegno diminuire dell'80% del redditopresunto che il lavoratore ricaverà dall'attività.
Perde l'Aspi anche chi rifiuta un'offerta di lavoro congruo.

Potrebbe interessarti

Busta paga per la badante: regolarizza l'assistente domestica!

Busta paga per la badante

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

CV professionale: 5 consigli per scriverlo al meglio

C’è chi cerca lavoro perché disoccupato e chi per trovare una posizione migliore e che possa dare più soddisfazioni in termini economici. Nell’uno e nell’altro caso è indispensabile avere un curriculum vitae professionale, completo in ogni sua parte, essenziale ma informativo.

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Offerte lavoro per call center: ecco come trovare qualcosa di interessante

lavorare in un call centre

Le offerte di cerco lavoro call center si riferiscono al lavoro di telemarketing svolto da operatori e operatrici telefoniche. Le aziende che operano in questo settore svolgono solitamente l'attività di customer service. Ultimamente si è arrivato però a un servizio forse troppo invasivo: nelle abitazioni arrivano decine e decine di telefonate e non è un caso che molte famiglie rispondano stizzite all’ennesima chiamata, anche se capiscono che dall’altro lato della cornetta ci sono persone che lavorano.

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Sviluppo Italia e il suo nuovo sito www.invitalia.it: vediamo di cosa si tratta

sviluppo italia

Invitalia, già Sviluppo Italia, è l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa. Sviluppo Italia svolge l'incarico affidatogli dal Governo per migliorare la competitività imprenditoriale e aziendale dell'Italia e supportare nuove iniziative e progetti aziendali.

Leggi anche...

Finanziamenti per l'imprenditoria femminile: scopri tutte le agevolazioni

Finanziamenti imprenditoria femminile

La legge che regola i finanziamenti per l'imprenditoria femminile è la legge numero 215/92. Il fine della legge consiste nell'incrementare l’imprenditoria rosa garantendo pari opportunità e facilitando l’economia di un territorio. 

Leggi anche...

Aprire un'officina: scopri come cominciare con la tua nuova attività

Immagine esemplificativa per l'articolo Aprire un'officina: scopri come cominciare con la tua nuova attività

Una professione che certamente non avrà mai problemi di carenza di lavoro è sicuramente quella del meccanico per auto o per moto.