In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Chi ha diritto a ricevere la pensione: casalinghe dell'INPS

Come è stato già affermato anche le persone che svolgono attività legate alla cura dei propri hanno diritto a percepire una pensione. Di seguito sono illustrate le categorie di persone che possono iscriversi al fondo di previdenza:

  • Coloro che non percepiscono una pensione diretta.
  • Coloro che non sono registrati presso un altro ente previdenziale.
  • Coloro che si occupano della cura della propria famiglia e non ricevono nessun tipo di compenso economico.

Le donne che intendono iscriversi al fondo previdenziale al fine di ottenere dall’Inps una pensione per le casalinghe, possono presentare la richiesta direttamente all’ufficio preposto dell’Inps, inviarla per mezzo posta, possibilmente utilizzando una raccomandata con ricevuta di ritorno oppure inserirla on line grazie al sito dell’Inps.

Come richiedere la pensione di casalinga

mamma e casalinga

Per richiedere l’Inps pensioni casalinghe gli interessati possono compilare l’apposito modulo che è possibile reperire negli uffici dell’Inps oppure scriverla su carta semplice. E’ importante sapere che le persone che in passato si sono iscritte alla Mutualità pensioni, sono automaticamente iscritti al nuovo fondo di previdenza, mentre i contributi Inps che hanno già versato saranno considerati un premio unico di ingresso.

Quanto si deve versare per ottenerla

Il versamento dei contributi per usufruire dell’Inps pensioni casalinghe è a scelta dell’interessato. L’Inps effettuerà un conteggio dei versamenti, dividendo la somma dei contributi versati in un anno per 25,82. Gli interessati possono pagare i contributi in qualsiasi momento, infatti, i versamenti non devono avvenire per forza entro una determinata data, l’importante è effettuare il versamento dei contributi utilizzando il corretto bollettino postale intestato all’Inps.

E’ importante sapere che coloro che effettuano i versamenti dei contributi possono dedurli dal reddito imponibile Irpef, anche nel caso in cui i versamenti sono effettuati da un membro della famiglia che però è fiscalmente a carico del dichiarante.

Assicurazione per le casalinghe: soggetti beneficiari e cause di invalidità

Anche fare la casalinga è un lavoro complicato, spesso causa di infortuni all'interno delle mura domestiche.

Per chi svolge lavori in casa “in via non occasionale”, sono state realizzate delle polizze volte a garantire una ulteriore sicurezza in caso di incidenti casalinghi.

Chi può richiedere e beneficiare dell'assicurazione

Chi possiede altri benefici previdenziali non può ottenere la polizza casalinghe; tale strumento assicurativo è valido per tutti quelli che possiedono tra i 18 e i 65 anni compiuti, anche per i single, gli omosessuali e le coppie di fatto.

Possono richiederla anche:

  • gli studenti che lavorano a casa;
  • i pensionati al di sotto dei 65 anni di età;
  • alcune categorie di lavoratori (in mobilità, a tempo determinato, CIG, stagionali, temporanei),
  • gli stranieri che risiedono in Italia.

Tramite decreto interministeriale, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 113 il 17 maggio 2006, la polizza casalinghe comprende anche il pericolo di morte.

Cosa assicura la polizza

La polizza assicura inoltre un rimborso solo nei casi in cui sia presente un'invalidità che sia uguale o che superi il 27%, se l'evento si è verificato dal 1° gennaio 2007, o il 30%, se l'episodio è accaduto non oltre il 31 dicembre 2006.

Qualora l'invalidità superasse il 33%, è possibile richiedere una rendita vitalizia, non reversibile, che, in caso di morte, verrà riscossa dai parenti superstiti.

Soggetti che non possono richiedere l'assicurazione

Dalla polizza casalinghe sono lasciati fuori gli incidenti avvenuti per altri lavori non di natura domestica e quelli causati da calamità naturali; anche le colf non possono richiedere tale polizza.

L'assicurazione prevede il pagamento di una somma pari a 12,91 euro circa, da versare entro il 31 gennaio di ogni anno.



Potrebbe interessarti

Pensione di reversibilità erogata dall'Inps

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Leggi tutto...

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Leggi tutto...

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

Ecco la verità sul Condono 2019

come funziona il condono per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Sviluppo Italia e il suo nuovo sito www.invitalia.it

Invitalia, già Sviluppo Italia, è l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa. Sviluppo Italia svolge l'incarico affidatogli dal Governo per migliorare la competitività imprenditoriale e aziendale dell'Italia e supportare nuove iniziative e progetti aziendali.

Leggi tutto...

Finanziamenti della Regione Lazio: progetti per le imprese locali

finanziamenti per la regione lazio

La Regione Lazio attraverso enti e società opera per lo sviluppo economico del territorio. Così come le altre Regioni, la Regione Lazio promuove bandi, progetti e finanziamenti che incentivino l'imprenditoria locale. 

Leggi tutto...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contributi in conto esercizio

Il contributo in conto esercizio viene erogato per facilitare le spese di gestione (personale, pubblicità, viaggi, locazioni immobiliari, oneri finanziari, ecc.), che le imprese devono sostenere a fronte di un determinato progetto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...
Go to Top