L’Ispettorato del lavoro, oggi Servizio Ispezione del lavoro è composto da funzionari della Direzione Provinciale con qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria.

Il lavoro fa parte della vita e, se avete deciso di lavorare come dipendenti, dovreste essere al corrente di come funziona la legislazione del lavoro. In questo paragrafo verranno elencati alcuni diritti fondamentali che sono imprescindibili per chi lavora in un’azienda per cui, se qualcosa non rientra nei parametri qui elencati, dovreste segnalare il tutto e pensare che voi siete tutelati da diritti sanciti dalla costituzione. Come primo diritto, proprio la costituzione, stabilisce che deve esserci una retribuzione proporzionale alla quantità e qualità del lavoro e,soprattutto, sufficiente ad assicurare a sé stessi e, alla famiglia di appartenenza, un’esistenza libera e dignitosa. Un altro appunto che, in alcuni paesi orientali, non è stato attentamente interiorizzato, è sull’orario di lavoro. La durata dell’orario normale di lavoro, è stabilita per legge in un massimo di quaranta ore settimanali, anche se i CCNL possono prevedere anche durate inferiori.

I compiti dell'ex ispettorato del lavoro? 

Tutte le ore che superano il limite legale di 40 ore, saranno automaticamente considerate come supplementari, motivo per cui dovranno essere pagate come straordinario. A tutto ciò deve anche essere affiancato un riposo settimanale, a cui il lavoratore ha pieno diritto. Ogni sette giorni infatti, il lavoratore ha il diritto di un riposo di almeno 24 ore consecutive, che di regola deve coincidere con la domenica. Nel 2008 però la legislazione ha subito una modifica che conferisce maggiore flessibilità al datore di lavoro: il riposo settimanale è calcolato come media di un periodo non superiore a 14 giorni, quindi il datore di lavoro può organizzare turni che prevedono lavoro anche per più di 6 giorni consecutivi, purché nel calendario di 14 giorni, siano contemplate 48 ore di riposo. Una nota di riguardo la legislazione l’ha dedicata anche ai genitori, per cui la paternità e la maternità sono considerati un sacrosanto diritto: il testo unico per la tutela della genitorialità prevede varie forme di tutela in materie che vanno dal divieto assoluto di licenziare la lavoratrice madre dall’inizio della gestazione fino al compimento di un anno del bambino fino ad un periodo di astensione obbligatoria dall’ambito lavorativo, di uno facoltativo a discrezione della lavoratrice o lavoratore. Dove si tutela chi ha un figlio, si tutela anche chi si trova prime armi, motivo per cui il diritto allo studio deve essere garantito a chi vuole lavorare per cominciare a familiarizzare con l’ambiente lavorativo.

Chi segue corsi scolastici ha parallelamente diritto ad effettuare turni e orari di lavoro particolari e godere di permessi per frequentare i corsi da lui scelti. I diritti sono tanti e vanno conosciuti, perché sono la chiave per il rispetto fra chi lavora e chi paga. Oltre a quelli citati esiste anche il diritto ad infortuni e malattie sul lavoro, il diritto alla sicurezza, all’attività sindacale, allo sciopero e alla parità tra uomo e donna. I diritti fanno gli uomini e le donne e, conoscerli conferisce loro dignità umana.

Storia ed evoluzioni di questo organo

ispettorato del lavoro

Con la legge n. 4828 dell'aprile 1879 si istituì il Ministero dell'Agricoltura, Industria e Commercio e due posti di Ispettori dell'Industria e dell'insegnamento industriale. Circa 15 anni più tardi venne istituito il Corpo degli Ispettori e Ingegneri delle miniere.

Fu la legge del 17 marzo 1898 n. 80, che sancì la necessità che fossero funzionari con compiti di Polizia Giudiziaria a salvaguardare l'applicazione delle leggi in materia di lavoro. Nel 1904 la Convenzione tra Italia e Francia ratificò la creazione del futuro Ispettorato del Lavoro.

Ruoli e compiti oggi per l'INL

La Legge n. 183/2014 – nota anche come Jobs Act – e il decreto legislativo n. 149 del 14 settembre 2015 istituisce l’Agenzia Unica Ispettiva ovvero l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) con lo scopo di razionalizzare e semplificare la vigilanza in materia di lavoro. Il decreto configura l’Agenzia come un organo dotato di personalità giuridica di diritto pubblico e con autonomia di organizzazione e indipendenza contabile, ma sottoposta al controllo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. 

L’Ispettorato del lavoro è divenuto operativo il 1° gennaio 2017 e le attività che svolge contemplano:

  • Attività ispettive già esercitate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, INPS e INAIL;
  • Programmazione;
  • Coordinamento centrale e territoriale;
  • Vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale, contributiva e assicurativa.

Limitatamente alle attività ispettive, l’Ispettorato del lavoro esercita il controllo sul rispetto della normativa sulla salute e la sicurezza sul posto di lavoro e la gestione dei contenziosi in ambito giuslavoristico e la legislazione sociale. 

La struttura dell’INL è stata modificata con Legge n. 145 del 30.12.2018 che dispone un ampliamento dei reparti dirigenziali. Il successivo decreto Direttoriale n. 9 del 13.02.2019 adotta una prima riorganizzazione delle strutture centrali suddividendole in 4 direzioni:

  • Direzione Centrale Vigilanza, Affari Legali e contenzioso che si compone a sua volta di 4 uffici:
    • Affari Generali, Monitoraggi e Attività Internazionale;
    • Vigilanza Lavoristica, previdenziale e assicurativa;
    • Vigilanza Salute e sicurezza;
    • Affari Legali e contenzioso.
  • Direzione Centrale Risorse Umane, finanziarie e logistica che si compone di 5 uffici:
    • Affari Generali, relazioni sindacali, ufficio appalti e logistica;
    • Gestione e Sviluppo risorse Umane;
    • Bilancio e Patrimonio;
    • Amministrazione e contabilità;
    • Contenzioso e UPD.
  • Direzione centrale pianificazione, strategia organizzazione, tecnologie e innovazione che si compone di 4 uffici:
    • Pianificazione strategica, controllo di gestione e valutazione della performance;
    • Organizzazione, processi e R&S;
    • Strategia Information Technology, sistemi di supporto e cooperazione applicativa;
    • Infrastrutture e sistemi IT.
  • Direzione centrale controlli, trasparenza e comunicazione che si compone di tre uffici:
    • Audit interno anticorruzione e trasparenza;
    • Relazioni con il pubblico;
    • Protezione dei dati.

Tra i ruoli dell’Ispettorato del lavoro vi è anche l’assunzione di unità di dirigenza non generali per una maggiore presenza e capillarità sul territorio. Il decreto Direttoriale n. 22 del 06.04.2020 ha assegnato al direttore dell’Ispettorato del lavoro la direzione delle quattro direzioni generali sopra elencate. La riorganizzazione ha avuto decorrenza dal 27 aprile 2020. A livello periferico, l’Agenzia si articola in:

  • Quattro ispettorati interregionali del Lavoro le cui sedi sono rispettivamente a Napoli, Roma, Venezia e Milano;
  • 74 ispettorati del lavoro territoriali.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Calcolo della pensione Inpdap: come farlo e come richiederla?

calcolo pensione inpdap

Calcolo della pensione Inpdap? Dalla riforma sul sistema previdenziale italiano, pure l'Inpdap si è conformata alla differenziazione fra la previdenza obbligatoria e la previdenza complementare.

Contratto di lavoro a tempo indeterminato: tutto sull'argomento

contratto di lavoro a tempo indeterminato

Esistono infatti diverse forme di contratti di lavoro. C’è quello a tempo determinato, quello di collaborazione occasionale e il Co.Co.pro. Il più ambito tra le tipologie di contratti lavorativi però, nonché quello solitamente più utilizzato dai datori di lavoro, è sicuramente il contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

I più condivisi

Anticipo del TFR una seconda volta: come cambiano le regole

richiesta di anticipo del TFR

Molto spesso il lavoratore deve far fronte alla fine del rapporto lavorativo che lo ha tenuto, per un periodo più o meno lungo, alle dipendenze di un datore di lavoro. Quando si verifica una circostanza di questo tipo, le cause possono essere di diversa natura e sono da imputarsi, a seconda dei casi o al datore di lavoro oppure al lavoratore stesso.

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile: le informazioni più importanti

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

Le ultime statistiche parlano di una crescita vigorosa delle donne che vogliono intraprendere questo cammino e attuare i propri progetti. Non è un caso che si sono moltiplicate iniziative e corsi e che le percentuali siano in forte ascesa soprattutto al Sud, segno che le donne vogliono essere protagoniste in un mondo che ha visto sorgere e diventare famosi solo personalità al maschile. Se le istituzioni sapranno cogliere questo cambiamento, a giovarne sarà l’intera Italia. Ecco perchè sono state stanziati anche molti fondi diretti alle agevolazioni per l'imprenditoria femminile.

Depressione sul lavoro: rischio per chi supera le 11 ore

Immagine d'esempio usata nell'articolo Depressione sul lavoro: rischio per chi supera le 11 ore

Secondo un recente studio effettuato in Gran Bretagna, il rischio depressione sul lavoro per chi lavora più di 11 ore al giorno è maggiore di 2,5 volte rispetto al resto dei lavoratori. In particolare, il rischio depressione è più elevato per soggetti giovani e di sesso femminile.

Leggi anche...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

contributi previdenziali

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi anche...

Tutte le facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Lista delle facoltà universitarie: ecco un'aula 

Cosa fare dopo le scuole superiori? La lista delle facoltà universitarie è lunga e questa è una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.