A giugno torna a crescere la disoccupazione, in Italia, soprattutto tra i lavoratori con più di 35 anni, e si registra il record di contratti a termine.

Giugno caldo per l’occupazione

Frena l’occupazione italiana nel primo mese dell’estate 2018. A scattare questa fotografia è l’Istat, l’Istituto italiano di statistica. Torna a crescere la disoccupazione, che arriva al 10,9 per cento. Un dato in crescita anche mese su mese, rispetto a maggio, infatti, fa segnare una crescita dello 0.2 per cento. Diminuisce il numero degli occupati, dopo tre mesi di crescita costante. La stima degli occupati registra un calo di 49 mila unità (-0,2 per cento). A pagare lo scotto alla disoccupazione sono soprattutto gli uomini (-42 mila) e gli over 35 (-56 mila).

Il lavoro è sempre più a termine

Secondo l’Istat, il calo dell’occupazione interessa soprattutto i dipendentipermanenti (-56 mila). Diminuiscono, ma in modo meno consistente, anche gli indipendenti, che registrano una flessione di 9 mila unità. In tutta altra direzione va l’occupazione a termine. Il dato cresce di 16 mila unità, un numero che va ad aggiornare il record storico di questa tipologia di contratti che tocca quota 3 milioni 105 mila.

Esperienze in controtendenza

Va in direzione diversa, però, la ricerca di figure professionali da inserire nell’organico di alcune imprese. E’ il caso, ad esempio di Giffi Noleggi, il portale che permette di avvalersi del noleggio attrezzature edili, e non solo, con un semplice click. Qui, infatti, l’offerta di lavoro è a tempo indeterminato, proprio per rispondere all’esigenza di avvalersi di personale che venga coinvolto in prima persona nel progetto di crescita di un’azienda giovane che ha saputo affermarsi come punto di riferimento importante nel mondo del noleggio, investendo anche nell’innovazione.

Si continua a cercare lavoro

Prosegue la ricerca di lavoro da parte degli italiani. L’Istat, infatti, evidenzia come la stima delle persone in cerca di occupazione a giugno registri un aumento del 2,1 per cento, con un +60 mila unità. Salgono così a 2 milioni e 866 mila i disoccupati.

Uno sguardo all’anno

Ampliando l’analisi all’arco degli ultimi dodicimesi, in realtà, si evidenzia un leggero calo della disoccupazione, “mantenendosi sui livelli della fine del 2012”. Anno su anno, in particolare, a giugno si conferma la crescita occupazionale (con un +1,4 per cento, pari a 330 mila unità in più). Cresce sia la quota maschile che qulla femminile. Ancora una volta, i contratti a termine si confermano il traino dell’occupazione, con +394 mila unità. Aumentano anche i lavoratori indipendenti, con un incremento di 19 mila unità. In direzione contraria vanno i contratti a tempo indeterminato, che calano di 83 mila unità. Anno su anno, poi, la crescita dell’occupazione interessa sopratutto i lavoratori over 55, che crescono di 355 mila unità. Bene anche la fascia dei lavoratori tra i 15 e i 34 anni (+119 mila). Frena l’occupazione, invece, tra i lavoratori con età compresa tra i 35 e i 49 anni (-145 mila).

I più giovani hanno più difficoltà

A soffrire maggiormente sono soprattutto i lavoratori più giovani. In particolare, quelli con meno di 25 anni di età faticano maggiormente a trovare un’occupazione. Il tasso di disoccupazione tra gli under 25, infatti, nel mese di giugno, torna a crescere, toccando quota 32,6 per cento, in rialzo di 0,5 punti percentuali su maggio.

Cosa succede in Europa

Nell’Eurozona, invece, secondo le rilevazioni Eurostat, la disoccupazione relativa al mese di giugno tocca quota 8,3 per cento. Il dato è stabile rispetto a maggio 2018 e risulta addirittura in calo rispetto al 9 per cento di un anno prima. Da dicembre2008, è il dato migliore mai fatto registrare.



Potrebbe interessarti

Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

In caso di scadenza del contratto di lavoro (a tempo determinato), una lavoratrice ha diritto all’indennità INPS per la maternità anticipata o obbligatoria, in base a quanto sancito con la circolare ministeriale del 1 dicembre 2004.

Leggi tutto...

preavviso contratto per contratto

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

Pagamento TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Leggi tutto...

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Leggi tutto...

I più condivisi

Offerte per chi vuole lavorare nel design

Il lavoro del designer, alla lettera “progettista”, consiste nella realizzazione dal punto di vista della progettazione, di determinati artefatti utili per un utilizzo domestico, lavorativo, ecc. In Italia, dunque, chi lavora in ambito di design è una figura professionale con una serie di competenze specialistiche in grado di qualificarlo dal punto di vista della capacità e dell'attitudine alla progettazione di oggetti, principalmente per interni.

Leggi tutto...

Piano ferie: norme regolatrici e calcolo

Il piano ferie matura durante tutto l’arco dell’anno. Il piano ferie ha lo scopo di consentire al lavoratore l’effettivo recupero delle energie dal lavoro.

Leggi tutto...

Imprenditore agricolo: come ottenere la qualifica?

Per il Codice Civile (ai sensi dell’art. 2135 C.C., come modificato dal D. Lgs. 228/2001), è imprenditore agricolo chi esercita una o più delle seguenti attività: coltivazione del fondo; selvicoltura; allevamento di animali; attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione del territorio.

Leggi tutto...

Modulistica Inpdap: vediamo tutti i documenti

L'Inpdap è nato nel 1994; il suo termine non è altro che l'acronimo dell'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica. L'Inpdap svolge il suo lavoro affiancandosi anche ad enti come l' ENPDEP, ENPAS, INADEL e le casse pensionistiche e gestendo tutto quello che riguarda le dinamiche creditizie, previdenziali e sociali dei suoi iscritti.

Leggi tutto...

Fondi per l’imprenditoria femminile: ecco come richiederli

La domanda per i fondi destinati all’imprenditoria femminile devono essere presentate nel periodo di apertura del bando, le cui modalità e termini sono definiti ogni volta attraverso decreti ministeriali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro congruo: le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come diventare un barman di professione

La tendenza al lavoro autonomo è in crescita e tra le professioni più avviate ci sono le attività commerciali, in genere, e gli esercizi di ristorazione in particolare: ristoranti, bar, street food, pasticcerie, tea-room, forni e catering e tutto quanto riguardi gli aspetti della ristorazione creativa o industriale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Partita IVA: come funziona il regime fiscale agevolato

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.

Leggi tutto...
Go to Top