La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo. Quando ad esempio ci si partecipa ad un concorso per un posto di lavoro o nel caso ci si candidi per una posizione aperta. La dichiarazione sostitutiva di certificazione è in vigore dal 1997, anno in cui è stata introdotta dalla legge Bassanini allo scopo di semplificare e velocizzare le procedure dell'Amministrazione Pubblica.

La dichiarazione sostitutiva di certificazione è un'autocertificazione con la quale il dichiarante certifica, sotto la propria responsabilità, di possedere determinati requisiti o caratteristiche. La dichiarazione sostitutiva di certificazione è redatta in carta semplice, non occorre neanche apporvi la marca da bollo, e sostituisce dei certificati amministrativi.

Dichiarazione falsa?

Qualora la dichiarazione sostitutiva di certificazione risulti falsa, il dichiarante perde i benefici relativi all'autocertificazione e incappa nelle sanzioni fissate dal codice penale con D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, artt. 75 e 76.

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere utilizzata in tantissimi casi per autocertificare informazioni circa: la residenza, la nascita, la cittadinanza, la posizione agli effetti degli obblighi militari, il godimento dei diritti politici, il titolo di studio o qualifica professionale. La dichiarazione sostitutiva di certificazione deve sempre essere firmata dal dichiarante pena la nullità del certificato. In base all'art. 46 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 segnaliamo un modello di autocertificazione da presentare agli organi della pubblica amministrazione o ai gestori di pubblici servizi.

Ecco il modello della dichiarazione

IL SOTTOSCRITTO (Nome Cognome),
Nato il ... Nato a ... Prov …
Residente in (Indirizzo composto da: Via Civico Comune Cap. Prov. Nazione)

Consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall’art.76 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e consapevole che qualora dal controllo emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, si decade dai benefici eventualmente conseguiti al provvedimento, come stabilito dall’art. 75 del medesimo D.P.R.

DICHIARA (in base al certificato necessario)
1.di essere nato/a a...........(comune e provincia) il ...........
2.di essere residente in...............con domicilio in Via......n°.....
3.di essere cittadino/a Italiano/a
4.di essere di Stato Civile.....(Celibe/Nubile, Coniugato/a, Vedovo/a)
5.da atto della propria esistenza in vita
6.cheil/la figlio/a di nome...........è nato/a a ..........il........
7.che...............è morto/a in data......
8.di essere alla seguente posizione agli effetti militari.......
9.di essere iscritto/a nell'.......(indicare l'albo o l'elenco)
10.che la famiglia convivente si compone di.....
11.titolo di studio................o qualifica professionale.......
12.Situazione reddituale economica...................

Letto, confermato e sottoscritto, .............(luogo), Lì (data)

In fede, il dichiarante.................(firma)

Vi segnaliamo un sito che a nostro parere risulta di semplice e facile utilizzo, oltre ad essere molto utile a quanti devono redigere una dichiarazione sostitutiva di certificazione. Il portale comuni.it propone dei moduli di autocertificazione. E' sufficiente compilare il modulo con le informazioni richieste, premere il pulsante crea e stampare il certificato.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Pace Fiscale: ecco la verità su una manovra molto discussa

 pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Invalidità INPS: scopri chi ha diritto a questa pensione

Immagine usata nell'articolo Pensione d'invalidità mentale: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

Oggi diamo uno sguardo alla Pensione d'invalidità mentale e a come riceverla. La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità. Questa forma assistenziale viene concessa a invalidi, ciechi e sordomuti, lavoratori autonomi e dipendenti; per ottenerla, le capacità del soggetto devono essere ridotte a meno di un terzo in modo permanente.

I più condivisi

Regime fiscale agevolato: come funziona questo tipo di Partita IVA

regime fiscale agevolato

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.

Operatore per infanzia: requisiti, mansioni e sbocchi professionali

L’operatore per l’infanzia si occupa di assistere e intrattenere i bambini presso strutture pubbliche o private. Questa figura professionale opera nel campo dei servizi socio-ricreativi per l’infanzia: baby parking e ludoteche, servizi integrativi al nido e alla scuola materna, asili aziendali, centri gioco, ecc.

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Leggi anche...

Livelli per il CCNL del Turismo: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Livelli per il CCNL del Turismo

Per i dipendenti delle aziende, per i dipendenti e soci delle cooperative esercenti attività nel settore del "turismo" (da 15 a 50 dipendenti o soci).

Leggi anche...

Contratto collettivo nazionale del lavoro o CCNL: scopriamo i dettagli

Scopri tutto sul contratto nazionale del lavoro

Il contratto collettivo nazionale del lavoro è il contratto che ha per contraenti: le associazioni sindacali di lavoratori e datori di lavoro. Il contratto collettivo nazionale di lavoro ha come fine quello di regolare il contenuto dei contratti individuali tra singolo lavoratore e il datore di lavoro.