Il lavoro del pizzaiolo consente di approcciarsi con un ambiente stimolante giovanile, di stare a contatto con le persone e, alcune volte, anche di mettersi al centro dell’attenzione. Per lavorare come pizzaiolo ci vuole tanta passione e molta pazienza ma anche la voglia di imparare. Il modo migliore per farlo sarebbe quello di riuscire a carpire tutte le tecniche con la classica “gavetta” in pizzeria ma, oggi, sono nati anche molti corsi specializzati per imparare questo mestiere che hanno alcune ore dedicate alla teoria altre alla pratica.

In ogni città, in ogni quartiere e spesso anche in ogni via, c’è una pizzeria e, per chi ha una buona volontà il lavoro si può imparare. Inoltre, esiste la possibilità di andare anche all’estero per portare questa eccellenza tutta italiana nelle altre città del mondo.

L’arte di preparare buone pizze si può riconoscere soprattutto in bottega ma per coloro che desiderano ricevere una formazione maggiormente qualificata oppure sceglie di aggiornare le proprie tecniche esistono diverse scuole per pizzaioli che erogano corsi e stage.

Prima di parlarne, però, cerchiamo di conoscere meglio questa figura professionale.

La Figura del pizzaiolo

Un bravo pizzaiolo deve conoscere tutti gli strumenti per preparare la pizza ad arte: il forno, l’impastatrice planetaria, la spianatoia con il banco da lavoro e anche tutti gli ingredienti necessari alla ricetta e, soprattutto, il giusto dosaggio: farina, acqua, sale e lievito che gli consentiranno di preparare un impasto di buona qualità che soddisfi il palato dei suoi clienti. Inoltre, fra le sue competenze deve esserci anche quella di saper abbinare i condimenti della pizza e i loro tempi di cottura in base al forno che utilizza (se a gas, a legna o elettrico).

lavorare come pizzaiolo

Veniamo al dunque: parliamo di corsi professionali

I corsi per lavorare come pizzaiolo di solito sono suddivisi in due aree di competenza. Durante le prime sessioni si parlerà di tutto ciò che riguarda le materie prime che compongono la pizza andando a descrivere nello specifico i tipi di farina e di lievito ma anche le metodologie per miscelarli correttamente con acqua e sale. Si parlerà della modalità di impasto, della lievitazione e fermentazione degli stessi; po’ della cottura e quindi dei tipi di forno, nonché delle attrezzature necessarie in una pizzeria e delle norme di sicurezza relative agli impianti.

Si passerà quindi ad una parte pratica che insegnerà la tecnica dell’impasto attraverso l’uso di diverse tipologie di impastatrici planetarie, la stesura della pasta e la sua farcitura fino ad arrivare alle varie tecniche di cottura.

Attraverso degli insegnati con specifiche conoscenze su questa figura professionale, nasce così un bravo pizzaiolo che, attraverso molte ore di esperienza, diventerà un pizzaiolo provetto.

I corsi possono essere di vario tipo: per l’avviamento alla professione, come allievo pizzaiolo oppure aiuto pizzaiolo, e poi da aspirante pizzaiolo fino a pizzaiolo professionale e hanno lo scopo di preparare e inserire i giovani nel settore della ristorazione.

L’importanza di questi corsi

lavorare come pizzaiolo

Adesso vi starete chiedendo quanto costa un corso per pizzaioli? Certamente il costo incide molto ma è molto più quello che questi corsi danno come reale conoscenza del mondo della pitta mettendo a disposizione tutor preparati, attrezzi del mestiere, materie prime e materiale didattico.

Non esiste un prezzario unico per i corsi per lavorare come pizzaiolo ma ovviamente il costo di tutto ciò va sostenuto e l’unica alternativa è lavorare direttamente in una pizzeria come aiuto-pizzaiolo a titolo gratuito fino a che non si sono apprese le nozioni basilari di questo mestiere.

Lavorare come pizzaiolo non deve essere un mestiere fatto perché non si sa che fare nella vita ma deve essere una vocazione e un'arte culinaria da far valere e di cui essere orgogliosi.

Ecco perché fare un corso per lavorare come pizzaiolo non è solo indicato ma è fortemente consigliato!

Potrebbe interessarti

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Pensione sociale: requisiti. Come funziona il tutto?

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Front Office e Back Office: sai quali sono le differenze?

lavoro front office in un albergo

Con il termine Front Office ci si riferisce all'insieme delle strutture, dei servizi e delle mansioni di un’azienda volti a gestire il Customer relationship management, cioè i rapporti con la clientela.

Lavoro ripartito: diritti e doveri spiegati nel dettaglio

lavoro ripartito

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Le mansioni della segretaria: conosci esattamente di cosa si occupa?

Immagine esemplificativa presente nell'articolo Le mansioni della segretaria: conosci esattamente di cosa si occupa?

In ogni ufficio o azienda che si rispetti, la presenza di una segretaria è quantomeno indispensabile per gestire e organizzare l'agenda quotidiana.

Leggi anche...

Che cos'è il Job sharing? Scopriamolo assieme

Il termine Job Sharing indica un tipo di contratto di lavoro atipico caratterizzato dalla condivisione dell'attività lavorativa tra due o più soggetti; questi ultimi infatti si suddividono le fasce lavorative di un impiego full time.

Leggi anche...

HR Assistant: una figura indispensabile

immagine per HR Assistant

La gestione delle Risorse Umane è molto importante nell’ambito dell’organizzazione aziendale. L’HR Manager è spesso affiancato da un HR Assistant, una figura professionale indispensabile nella ricerca, selezione, accoglienza, inserimento dei neo-assunti o formazione del personale.