Il lavoro del pizzaiolo consente di approcciarsi con un ambiente stimolante giovanile, di stare a contatto con le persone, lavorare la sera e, alcune volte, anche di mettersi al centro dell’attenzione. Per lavorare come pizzaiolo ci vuole tanta passione e molta pazienza ma anche la voglia di imparare. Il modo migliore per farlo sarebbe quello di riuscire a carpire tutte le tecniche con la classica “gavetta” in pizzeria ma, oggi, sono nati anche molti corsi specializzati per imparare questo mestiere che hanno alcune ore dedicate alla teoria altre alla pratica.

In ogni città, in ogni quartiere e spesso anche in ogni via, c’è una pizzeria e, per chi ha una buona volontà il lavoro si può imparare. Inoltre, esiste la possibilità di andare anche all’estero per portare questa eccellenza tutta italiana nelle altre città del mondo.

L’arte di preparare buone pizze si può riconoscere soprattutto in bottega ma per coloro che desiderano ricevere una formazione maggiormente qualificata oppure sceglie di aggiornare le proprie tecniche esistono diverse scuole per pizzaioli che erogano corsi e stage.

Prima di parlarne, però, cerchiamo di conoscere meglio questa figura professionale.

La Figura del pizzaiolo

Un bravo pizzaiolo deve conoscere tutti gli strumenti per preparare la pizza ad arte: il forno, l’impastatrice planetaria, la spianatoia con il banco da lavoro e anche tutti gli ingredienti necessari alla ricetta e, soprattutto, il giusto dosaggio: farina, acqua, sale e lievito che gli consentiranno di preparare un impasto di buona qualità che soddisfi il palato dei suoi clienti. Inoltre, fra le sue competenze deve esserci anche quella di saper abbinare i condimenti della pizza e i loro tempi di cottura in base al forno che utilizza (se a gas, a legna o elettrico).

Veniamo al dunque: parliamo di corsi professionali per lavorare come pizzaiolo

I corsi perlavorare come pizzaiolo di solito sono suddivisi in due aree di competenza. Durante le prime sessioni si parlerà di tutto ciò che riguarda le materie prime che compongono la pizza andando a descrivere nello specifico i tipi di farina e di lievito ma anche le metodologie per miscelarli correttamente con acqua e sale. Si parlerà della modalità di impasto, della lievitazione e fermentazione degli stessi; po’ della cottura e quindi dei tipi di forno, nonché delle attrezzature necessarie in una pizzeria e delle norme di sicurezza relative agli impianti.

lavorare come pizzaiolo

Si passerà quindi ad una parte pratica che insegnerà la tecnica dell’impasto attraverso l’uso di diverse tipologie di impastatrici planetarie, la stesura della pasta e la sua farcitura fino ad arrivare alle varie tecniche di cottura.

Attraverso degli insegnati con specifiche conoscenze su questa figura professionale, nasce così un bravo pizzaiolo che, attraverso molte ore di esperienza, diventerà un pizzaiolo provetto.

I corsi possono essere di vario tipo: per l’avviamento alla professione, come allievo pizzaiolo oppure aiutopizzaiolo, e poi da aspirante pizzaiolo fino a pizzaiolo professionale e hanno lo scopo di preparare e inserire i giovani nel settore della ristorazione.

L’importanza di questi corsi

lavorare come pizzaiolo

Adesso vi starete chiedendo quanto costa un corso per lavorare come pizzaiolo? Certamente il costo incide molto ma è molto più quello che questi corsi danno come reale conoscenza del mondo della pitta mettendo a disposizione tutor preparati, attrezzi del mestiere, materie prime e materiale didattico.

Non esiste un prezzario unico per i corsi per lavorare come pizzaiolo ma ovviamente il costo di tutto ciò va sostenuto e l’unica alternativa è lavorare direttamente in una pizzeria come aiuto-pizzaiolo a titolo gratuito fino a che non si sono apprese le nozioni basilari di questo mestiere.

Lavorare come pizzaiolo non deve essere un mestiere fatto perché non si sa che fare nella vita ma deve essere una vocazione e un'arte culinaria da far valere e di cui essere orgogliosi.

Ecco perché fare un corso per lavorare come pizzaiolo non è solo indicato ma è fortemente consigliato!

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.