Il lavoro del pizzaiolo consente di approcciarsi con un ambiente stimolante giovanile, di stare a contatto con le persone, lavorare la sera e, alcune volte, anche di mettersi al centro dell’attenzione. Per lavorare come pizzaiolo ci vuole tanta passione e molta pazienza ma anche la voglia di imparare. Il modo migliore per farlo sarebbe quello di riuscire a carpire tutte le tecniche con la classica “gavetta” in pizzeria ma, oggi, sono nati anche molti corsi specializzati per imparare questo mestiere che hanno alcune ore dedicate alla teoria altre alla pratica.

In ogni città, in ogni quartiere e spesso anche in ogni via, c’è una pizzeria e, per chi ha una buona volontà il lavoro si può imparare. Inoltre, esiste la possibilità di andare anche all’estero per portare questa eccellenza tutta italiana nelle altre città del mondo.

L’arte di preparare buone pizze si può riconoscere soprattutto in bottega ma per coloro che desiderano ricevere una formazione maggiormente qualificata oppure sceglie di aggiornare le proprie tecniche esistono diverse scuole per pizzaioli che erogano corsi e stage.

Prima di parlarne, però, cerchiamo di conoscere meglio questa figura professionale.

La Figura del pizzaiolo

Un bravo pizzaiolo deve conoscere tutti gli strumenti per preparare la pizza ad arte: il forno, l’impastatrice planetaria, la spianatoia con il banco da lavoro e anche tutti gli ingredienti necessari alla ricetta e, soprattutto, il giusto dosaggio: farina, acqua, sale e lievito che gli consentiranno di preparare un impasto di buona qualità che soddisfi il palato dei suoi clienti. Inoltre, fra le sue competenze deve esserci anche quella di saper abbinare i condimenti della pizza e i loro tempi di cottura in base al forno che utilizza (se a gas, a legna o elettrico).

Veniamo al dunque: parliamo di corsi professionali per lavorare come pizzaiolo

I corsi perlavorare come pizzaiolo di solito sono suddivisi in due aree di competenza. Durante le prime sessioni si parlerà di tutto ciò che riguarda le materie prime che compongono la pizza andando a descrivere nello specifico i tipi di farina e di lievito ma anche le metodologie per miscelarli correttamente con acqua e sale. Si parlerà della modalità di impasto, della lievitazione e fermentazione degli stessi; po’ della cottura e quindi dei tipi di forno, nonché delle attrezzature necessarie in una pizzeria e delle norme di sicurezza relative agli impianti.

lavorare come pizzaiolo

Si passerà quindi ad una parte pratica che insegnerà la tecnica dell’impasto attraverso l’uso di diverse tipologie di impastatrici planetarie, la stesura della pasta e la sua farcitura fino ad arrivare alle varie tecniche di cottura.

Attraverso degli insegnati con specifiche conoscenze su questa figura professionale, nasce così un bravo pizzaiolo che, attraverso molte ore di esperienza, diventerà un pizzaiolo provetto.

I corsi possono essere di vario tipo: per l’avviamento alla professione, come allievo pizzaiolo oppure aiutopizzaiolo, e poi da aspirante pizzaiolo fino a pizzaiolo professionale e hanno lo scopo di preparare e inserire i giovani nel settore della ristorazione.

L’importanza di questi corsi

lavorare come pizzaiolo

Adesso vi starete chiedendo quanto costa un corso per lavorare come pizzaiolo? Certamente il costo incide molto ma è molto più quello che questi corsi danno come reale conoscenza del mondo della pitta mettendo a disposizione tutor preparati, attrezzi del mestiere, materie prime e materiale didattico.

Non esiste un prezzario unico per i corsi per lavorare come pizzaiolo ma ovviamente il costo di tutto ciò va sostenuto e l’unica alternativa è lavorare direttamente in una pizzeria come aiuto-pizzaiolo a titolo gratuito fino a che non si sono apprese le nozioni basilari di questo mestiere.

Lavorare come pizzaiolo non deve essere un mestiere fatto perché non si sa che fare nella vita ma deve essere una vocazione e un'arte culinaria da far valere e di cui essere orgogliosi.

Ecco perché fare un corso per lavorare come pizzaiolo non è solo indicato ma è fortemente consigliato!

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

I più condivisi

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Lavoro interinale: ecco la normativa e giurisprudenza a cui fare riferimento

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi anche...

Modulistica INAIL: ecco la guida definitiva che stavi cercando

Immagine esemplificativa per l'articolo Modulistica INAIL: ecco la guida definitiva che stavi cercando

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. 

Leggi anche...

Quanti disoccupati ci sono in Italia? Statistiche dal mondo del lavoro

 

In Italia la ricerca di un lavoro, che soddisfi le esigenze del singolo e che sia conforme alle sue competenze, è davvero difficile. Mantenere inoltre lo stesso posto di lavoro risulta davvero complicato. Per non parlare poi dei tanti lavoratori che offrono le loro prestazioni senza contratto e in nero.