Oggi vogliamo parlarvi di tutte le opportunità legate al "lavorare in asilo". Nutrire una sana propensione per la cura dei bambini, passione e predisposizione per l’educazione infantile non è sufficiente per convincere un genitore ad affidare la propria prole a mani estranee. 

Lavorare in una scuola materna pubblica o privat non è un baby-siteraggio, ma l’offerta di un servizio strutturato in grado di garantire sicurezza al genitore e al bambino che deve poter sviluppare capacità di socializzazione con altri bambini coetanei attraverso il gioco e attività cognitive adeguate.

Requisiti per lavorare in una materna(pubblica o privata)

Per chi desidera diventare maestra di asilo nel settore privato è sufficiente avere il diploma di scuola magistrale a indirizzo pedagogico e aver seguito un corso specifico per il conseguimento della qualifica di assistente infantile. I corsi sono solitamente della durata di 6 mesi, svolti in ambito locale da istituti paritari che rilasciano un attestato.

Le principali materie affrontate sono psicologia e pedagogia, alimentazione, igiene. Oltre alle lezioni teoriche, vi è l’obbligo di frequenza di lezioni pratiche, nonché l’obbligo – per poter esercitare la professione – di svolgere dei tirocini presso asili, reparti pediatrici ospedalieri o comunità convenzionate.

Regole diverse per chi lavora nelle scuole dell'infanzia del settore pubblico

Per lavorare negli asili pubblici il percorso da seguire è diverso e vi si accede tramite concorsi:

  • per chi ha conseguito il diploma di scuola magistrale prima del 2003, non sarà necessario conseguire altri titoli di studio per esercitare la professione;
  • per chi ha conseguito il diploma di scuola magistrale dopo il 2003 o altre tipologie di studio dovrà conseguire la Laurea triennale in Scienze della Formazione o Scienze dell’Educazione e successivamente alla laurea, sostenere l’esame di abilitazione alla professione.

La materia è però lasciata ai singoli ordinamenti regionali. Infatti, vi sono regioni che riconoscono e ammettono anche coloro che sono laureati in psicologia infantile, altre regioni, invece, che prevedono di poter lavorare in asili pubblici con un diploma di operatore socio-psico-pedagogico.

Anche i corsi universitari variano a seconda delle regioni e alcuni prevedono un esame di ammissione.
Mettersi in proprio e aprire un asilo nido: come si fa?

Sono diverse le figure professionali nell’ambito dell’educazione infantile; le principali sono ovviamene l’educatrice, la coordinatrice, l’insegnante di lingue (negli asili bi- o pluri-lingue), l’insegnante di psicomotricità e altre figure correlate.

Tra queste tipologie, il baby parking è il meno “rassicurante” per il genitore perché troppo legato al concetto di cura a ore del bambino e spesso non concilianti con gli orari dei genitori.

L’esperienza delle tagesmutter in Trentino

Le tagesmutter o mamme a tempo pieno nascono nei paesi del Nord Europa come servizio complementare al nido di infanzia e consiste nell’affidare i propri figli a degli operatori/trici educativi appositamente formati che offrono il proprio servizio a uno o più bambini all’interno del proprio domicilio o altro ambiente adeguato, ma sempre di tipo “familiare”. Il numero dei bambini è necessariamente ridotto rispetto ad un nido, per via degli spazi e degli ambienti preposti ad ospitare i bambini.

Immagine esemplificativa contenuta nell'articolo Lavorare in asilo: tutte le opportunità (dalle maestre alle tagesmutter)

In Italia, la prima regione ad adottare l’istituto delle tagesmutter è stato il Trentino Alto Adige, dove il nido in famiglia è una realtà consolidata e dove i corsi di formazione sono i migliori e all’avanguardia, con un monte di 800 ore fra teoria e pratica.

Grazie al progetto Domus – Day Mother Service, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e dal Fondo Sociale europeo per mezzo dell’iniziativa Equal, è stato possibile estendere l’esperienza trentina delle tagesmutter in altre regioni italiane come in Emilia Romagna, Lombardia, Lazio, Calabria, Veneto.

La normativa di riferimento per aprire una scuola materna

L’importante è non improvvisarsi né come educatori, né come imprenditori. La legge di riferimento è la 448 del 28 dicembre 2001 (art. 70) che regolamenta in modo severo i criteri di idoneità sulle condizioni igieniche, la scelta dei locali, i regolamenti, lo svolgimento delle attività ludiche e didattiche. Alla legge nazionale si affiancano le disposizioni e i regolamenti regionali e comunali. In caso di apertura di un nido privato si dovrà chiedere l’accreditamento presso il Comune di appartenenza.

Prima di avviare un’attività in proprio da zero, è bene iniziare con un’esperienza all’interno di una rete di asili in franchising che offrono già la garanzia di un marchio e una rete di sostegno valida.
Infine, per chi desidera avviare un asilo nido in casa sarà sufficiente aprire la partita IVA e iscriversi all’INPS come assistenti di infanzia … e dimostrare di avere tutte le carte in regola!.

Potrebbe interessarti

Pace Fiscale: ecco la verità su una manovra molto discussa

 pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Contributi da riscatto: ecco tutte le informazioni di cui hai bisogno!

Contributi da riscatto

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Sanzioni disciplinari sul luogo lavoro: quando si rischia

sanzione disciplinare

provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. In questo modo il datore tutela i suoi diritti e sanziona il lavoratore affinchè egli rispetti gli obblighi e gli impegni presi. Accanto a questi, verrà poi approfondito il tema dei licenziamenti illegittimi che sono al centro dell’agenda politica del Presidente del Consiglio Renzi.

Giudice del lavoro: scopriamo di cosa si occupa questa figura

giudice del lavoro

Il giudice del lavoro è parte della magistratura e dei procedimenti processuali italiani; il suo compito è quello di giudicare e regolamentare le controversie in ambito lavorativo.

Offerte lavoro Friuli Venezia Giulia: tutte le occasioni!

cercare lavoro in friuli venezia giulia

Ampliamo la nostra sezione dedicata al lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca offerte lavoro Friuli Venezia Giulia. Innanzitutto è importante sapere che la ricerca del lavoro in Friuli Venezia Giulia è accompagnata da una interessante politica regionale. Infatti, la regione autonoma del Friuli Venezia Giulia, regola la politica del lavoro tramite la legge regionale n. 18/2005, che disciplina tutte le materie riguardanti il lavoro che rientrano nelle competenze della Regione.

Leggi anche...

Benefit aziendali: cambia la politica delle aziende

Immagine esemplificativa di benefit aziendali

Gli incentivi ai dipendenti aiutano a tenere alta la motivazione nel posto di lavoro, che rappresenta uno fra i fattori determinanti per il buon successo di un progetto e di una impresa; per questo motivo, in questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento di questa pratica da parte di numerose aziende, che ne hanno capito l'importanza.

Leggi anche...

Licenza per tabacchi: consigli su come aprire questa attività?

immagine per licenza per tabacchi

Quanti desiderino richiedere una licenza per tabacchi si ha necessità di questo certificato grazie al quale sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.