Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Un altro ente da consultare è l'Associazione Italia—Australia, composta da Agenti dell'immigrazione, professionisti autorizzati dal governo australiano e iscritti all'albo; essi offrono consulenza in materia di visti d'ingresso, indispensabili per trovare lavoro in Australia.

I requisiti per la domanda di emigrazione per lavorare in Australia: conviene informarsi

Per presentare una domanda di emigrazione e poter così trovare lavoro in Australia, sono necessari i seguenti requisiti: età inferiore ai 45anni; conoscenza della lingua inglese (vocational English); essere in possesso di una qualifica professionale.

All'interno della domanda di emigrazione bisogna inoltre specificare l'occupazione per la quale si decide di trasferirsi a lavorare in Australia. L'impiego dovrà essere presente nella Skilled Occupations List (SOL), in caso contrario è inutile inoltrare la domanda di emigrazione.

La valutazione professionale: ecco come fare anche dopo i 40 o 50 anni

Chi intende trovare lavoro in questa nazione, prima di presentare la domanda di emigrazione, viene sottoposto a una valutazione professionale, effettuata dietro apposita domanda da presentare all'autorità australiana che si occupa del settore lavorativo prescelto.

La documentazione si basa sul curriculum scolastico e lavorativo del richiedente. Per conseguire un alto punteggio (60 punti), è indispensabile dimostrare un'esperienza lavorativo di sei mesi, nel corso dei dodici precedenti la domanda di valutazione.

Scegliere il visto più appropriato per l'Australia (per italiani): esiste un'età minima?

Ne esistono di diverso tipi, ognuno indirizzato ad una professionalità diversa:

  • Visto turistico per l'Australia. Non permette di lavorare ma di studiare l'inglese in loco per tre mesi. Si può ottenere per via telematica. Richiede, tuttavia, il possesso di un biglietto di ritorno entro la data di fine. Può essere commutato in un visto di studio.
  • Visto studente. Viene rilasciato dopo l'iscrizione full time ad un corso di studio http://www.arealavoro.org/vacanza-studio-inpdap.htm. Si può richiedere tre mesi prima dell'inizio della classe e dura sino alla fine di questa. Permette, inoltre, di lavorare per un monte ore definito alla settimana.
  • Visto vacanza-lavoro. Dura un anno ed è rinnovabile a certe condizioni. Il richiedente non deve avere più di 31 anni, nessun figlio a carico, potrà lavorare 6 mesi presso lo stesso datore di lavoro e consente di studiare per 4 mesi l'inglese.
  • Sponsor Visa. Si tratta di un visto che appartiene ai documenti necessari per emigrare definitivamente in Australia. Viene concesso ai lavoratori chiamati in Australia da un datore per un impiego full time e dura per tutta la durata del contratto stipulato (in media 4 anni).
  • Business Visa. Per gli italiani che vogliono investire in Australia aprendo un'attività. Richiede il possesso di un ingente quantità di denaro da investire.
  • Skill Visa. Per i lavoratori con particolari profili professionali che vengono selezionati dal Governo Australiano che si adopera per cercar loro un impiego permanente.

Per gli ultimi tre visti, i requisiti sono più stringenti:

opportunità di lavoro in australia

  • Ottima conoscenza dell'inglese (certificata con almeno un livello 5 dell'International English Language Testing System)
  • Età inferiore ai 49 anni
  • Lo Sponsor Visa e lo Skill Visa vengono dati, come accennati, in base ai profili professionali. Esistono tool interessanti per valutare se il proprio profilo può essere appetibile per le aziende, come lo Skill Select.

Trovare lavoro in Australia: non solo nelle fattorie

Esistono numerosissimi siti – sia in italiano che in inglese – che pubblicano annunci di lavoro per il mercato australiano. È ovvio, tuttavia, che è molto difficile per un datore di lavoro assumere un dipendente che non ha mai conosciuto.
Allora, qual è la via più giusta?

Se si è sotto i 31 anni, è possibile affidarsi ad agenzie – istituzionali e non – che organizzano programmi ad hoc per visti da studenti o vacanze lavoro: passare un breve periodo in Australia è fondamentale per capire se è la terra giusta per noi.

Come si è visto, i requisiti per altri visti sono difficile da possedere. Innanzitutto è fondamentale guadagnare una conoscenza dell'inglese di alto livello e poi raggiungere un profilo professionale specializzato.

L'Australia non è più la terra del boom economico di pochi anni fa: il mercato ha raggiunto una certa maturità e trovare lavoro per stranieri è diventato difficile.
Il mito della vita agricola è quasi superato: è un buon modo per iniziare ad ingranare, ma non permette visti permanenti né di acquisire skill particolari da rivendere in altri settori.

Un consiglio su tutti: è molto utile tenere contatti con ambasciat, anche grazie ai siti web, e tendere l'orecchio sui programmi che ad intervalli regolari il governo australiano promuove per incrementare l'occupazione.

Potrebbe interessarti

Invalidità INPS: scopri chi ha diritto a questa pensione

Immagine usata nell'articolo Pensione d'invalidità mentale: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

Oggi diamo uno sguardo alla Pensione d'invalidità mentale e a come riceverla. La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità. Questa forma assistenziale viene concessa a invalidi, ciechi e sordomuti, lavoratori autonomi e dipendenti; per ottenerla, le capacità del soggetto devono essere ridotte a meno di un terzo in modo permanente.

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Diventare pilota di linea in Italia: licenze, scuole e requisiti

diventare pilota di linea

Alzi la mano chi, almeno una volta, da piccolo non ha sognato di diventare pilota di linea! Certo, magari stregati da qualche film il nostro sogno si focalizzava sull'essere piloti di caccia militari, capaci di escursioni spericolate come quelle di Tom Cruise in "Top Gun", ma ora non sottilizziamo troppo: in fondo, che si tratti di diventare piloti di un F14 Tomcat, oppure di un aereo di linea come il tecnologico Boeing 787, il sogno è lo stesso, e avere l'abilità di pilotare un aereo è un desiderio umanissimo, visto che volare è da sempre una delle massime aspirazioni umane. 

Busta paga Inail: il prospetto indispensabile per i lavoratori

La busta paga Inail è un documento necessario per tutti i dipendenti, che attesta la retribuzione netta e lorda del lavoratore e serve per verificare lo stipendio percepito e la sua congruità con quanto stabilito nel contratto di lavoro.

Calcolo dell'età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

calcolo dell'età pensionabile

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Leggi anche...

Aprire la partita IVA: tutte le informazioni necessarie per farlo in modo consapevole

L’obbligo di apertura subentra nel momento in cui una specifica attività non viene più svolta occasionalmente, ma abitualmente, ovvero quando la durata della prestazione supera i 30 giorni e quando il compenso sfora i 5.000 euro.

Leggi anche...

Offerte lavoro in Basilicata

trovare lavoro in basilicata

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Basilicata.