Lavorare nel settore immobiliare fa gola a molti, soprattutto perché le prospettive di guadagno sono molto alte.La figura più richiesta nel lavoro immobiliare è senz'altro l'agente, ovvero colui che fa da intermediario nello scambio di beni immobili privati o pubblici.

Il lavoro dell'agente immobiliare

Diventare agente è quindi il principale modo di lavorare nell'immobiliare. Per guadagnare questo status, occorre:

  • Essere maggiorenni e cittadini italiani (o stranieri con permesso di soggiorno)
  • Il diploma di scuola media superiore
  • Non esser stato sottoposto a fallimento o interdizione
  • Non esser mai stato condannati per reati gravi o di mafia
  • Aver seguito un corso professionalizzante
  • Aver sostenuto con esito positivo l'esame alla Camera di Commercio territorialmente competente

Riguardo il corso è bene precisarne le modalità. Ogni regione ne ha stabilito specifiche caratteristiche, ma generalmente si tratta di un corso di 200 ore indetto o dalla Regione stessa o dalla Camera di Commercio competente nel territorio oppure da un'azienda privata. Una volta superata la prova, si viene iscritti al Registro Imprese.

Una carriera nel campo degli immobili: lavorare in un'agenzia immobiliare dà soddisfazione

Prima di intraprende la carriera di agente immobiliare è altresì necessario informarsi su tutto quello che c'è da sapere in merito alla compravendita e alle locazioni.

È inoltre fondamentale che chi voglia intraprendere questa carriera, abbia il quadro completo sui documenti necessari per ogni tipo di situazione, sulle norme previste e su argomenti quali mutui, bollette, volture e subentri.

I compiti di un agente immobiliare coi fiocchi

I lavoro dell'agente è vario e complesso: in molte delle sue attività lavora a contatto coi clienti. In generale, infatti, le esigenze a cui rispondere l'agente sono relative a necessità di vendita o acquisto di immobili. Questi possono essere costituiti da terreni, case già completate o in costruzione. Possono occuparsi, ovviamente, anche di affitti (per esempio stagionali); oppure della vendita di attività commerciali.

Ne consegue che due delle caratteristiche fondamentali che deve possedere questa figura sono conoscenza del mercato e skill relazionali. Il corso aiuta a guadagnare parte delle prime: tuttavia è necessario un costante aggiornamento e una buona base giuridica, visto che è molto comune avere a che fare con problemi relativi a proprietà, catasto e materie simili.

Le seconda non possono essere insegnate, ma solo allenate. Lavorare nell'immobiliare a contatto con i clienti significa dover rispondere ad interlocutori di qualsiasi estrazione sociale e personalità e non tutti sono adatti a questo tipo di ruolo.
Inoltre occorre molta capacità organizzativa e problem solving.

Le competenze per lavorare in un'agenzia immobiliare

lavorare in un agenzia immobiliare

Questo comparto viene spesso indicato come una facile soluzione al problema del lavoro: perché esente dalla crisi, perché tradizionalmente molto importante per gli italiani, perché assicura grandi guadagni. Ma lavorare nell'immobiliare non è una semplice miniera d'oro: già dai requisiti per diventare agente è facile intuirne la complessità.

La procedura per la conclusione di un contratto è laboriosa. Innanzitutto l'agente deve presentare al potenziale acquirente l'immobile. Deve conoscerne ogni aspetto: dal tipo di riscaldamento alla situazione catastale, dal costo delle bollette alla qualità di vita nel quartiere.

Dovrebbe, in linea generale, presentare la vita che può essere condotta in quell'abitazione. Questa è la fase della trattativa più delicata: le qualità relazionali cui si accennava devono qui essere utilizzate al meglio, visto che l'azione dell'agente può incidere sul giudizio dei clienti. Se poi si tratta di una vendita, al potenziale acquirente occorre compilare una proposta d'acquisto; se invece è un affitto, è sufficiente la firma di un documento dell'agenzia.

Questa prende una percentuale sulla cifra di vendita o affitto e la somma varia da agenzia ad agenzia. Un'altra particolarità: spesso gli accordi tramite i quali si demanda alle agenzie il compito di vedere o affittare un immobile sono esclusivi, ovvero il venditore si impegna a non rivolgersi ad un'altra agenzia né a preoccuparsene in prima persona.

Dove cercare un impiego nel settore degli immobili

Il web offre numerosi siti con altrettanti annunci di lavoro. Le grandi agenzie, soprattutto quelle in franchise, aprono spesso nuovi punti vendita e sono quindi più spesso alla ricerca di personale. Vi rimandiamo agli articoli relativi alla stesura del curriculum e alle candidature. I guadagni all'inizio sono abbastanza contenuti: si consideri che questi dipendono dal numero di contratti stipulati. Tuttavia venditori esperti con una propria rete professionale possono sicuramente raggiungere alti redditi.

Potrebbe interessarti

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Differenza tra RSPP Interno, Esterno e RSPP Datore di Lavoro

ccnl commercio

In materia di sicurezza sul lavoro, la nomina del RSPP è una degli elementi più importanti. Innanzitutto, è un obbligo non delegabile del Datore di Lavoro; deve essere presente, cioè, un RSPP per ogni azienda. Non è raro che al momento della nomina, però, nascano da parte del Datore di Lavoro alcuni dubbi su quali siano le responsabilità e i requisiti di un  RSPP, e che tu sia interessato ad un RSPP a Milano o altrove, se sia meglio nominare un RSPP esterno o interno. Questo articolo può rispondere in maniera limpida a tutte le tue domande in merito alla nomina del RSPP.

CO CO PRO: tutte le caratteristiche di questo tipo di contratto

CO CO PRO

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero. Scoprilo con noi

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Come diventare avvocato: ecco come funziona la pratica legale forense

Come diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi anche...

Inoccupato: cosa è e in cosa differisce dalla disoccupazione

Immagine per Inoccupato

Se si è nella condizione definita "inoccupato", il nostro consiglio è quello di presentare una dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa da consegnare al Centro per l'Impiego o il modello di Autocertificazione di disoccupazione.

Leggi anche...

Dichiarazione Red: scopri le novità sui contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.