Oggi vi proponiamo un approfondimento che vi illustrerà come lavorare nel mondo della musicaNon tutti siamo nati per essere degli impiegati o per fare gli operai. C'è chi ha un'indole di artista e desidera lavorare nel settore musica- danza. Oggi il mercato del lavoro è complesso a prescindere dal settore, ma chi è spinto da una grande passione “sopporta” più facilmente la gavetta e il periodo di formazione.

Sfruttare internet per lavorare

Chi ama la musica ha in internet un alleato sicuro. Grazie allo sviluppo della rete, infatti, sono cresciuti in maniera esponenziale i modi in cui è possibile fruire di quest'arte, non solo attraverso l'ascolto dei brani su canali dedicati come YouTube o Itunes, ma è cambiato anche il modo di far conoscere la propria musica e di promuoverla attraverso siti dedicati o canali tematici.

La rete è stato dunque il mezzo con cui negli ultimi anni si è diffusa in maniera capillare la forza della musica d'autore e di quella indipendente e autoprodotta: questo fenomeno, se da un lato ha portato a una maggiore diffusione di idee e a una più ampia possibilità di fruizione, ha abbassato notevolmente gli standard qualitativi della musica stessa, non solo in termini di modalità di ascolto (basti pensare alla qualità degli mp3rispetto a cd e vinile) ma anche in termini di gruppi e autori che hanno sfruttato la rete per farsi promozione piuttosto che impiegare le proprie energie in altri mestieri.

L’importanza dei social network (sia che tu sia di Londra e/o di Milano)

Se si parla di Internet una menzione a parte la meritano i social network, diventati indispensabili per quanti vogliano far conoscere la propria immagine. Per artisti emergenti, avere un’interazione con i propri fan è molto importante per accrescere la popolarità e al tempo stesso farsi conoscere. Con i social network è tutto più immediato e il fatto di poter condividere emozioni, stati e sentimenti è un punto a favore per creare un’immagine che possa piacere al pubblico. Facebook e Twitter in questo caso hanno un ruolo fondamentale: la creazione di pagine Fb o di account Twitter aiuta il dialogo con i propri fan che devono essere il fulcro attraverso il quale si svolge tutto il lavoro dell’artista. Non è un caso che anche i grandi artisti italiani siano sbarcati sui canali social, da Facebook a Twitter per finire a Youtube.

L’opportunità dei talent show

Un ruolo importante nella crescita di alcuni artisti nell’ultimo periodo è stata l’opportunità concessa dai talent show: attraverso questi programmi, i giovani possono far valere la propria abilità arrivando a firmare un contratto per una casa discografica o per un’agenzia di spettacolo iniziando così la propria carriera in questo mondo. Tra tutti questi format il più famoso è “Amici”, che rappresenta una enorme cassa di risonanza per chi esce da questo talent show. La popolarità unita alle abilità e al talento portano alla creazione di nuovi artisti molto ascoltati nel mondo della musica, da Alessandro Amoroso ed Emma Marrone per finire al fenomeno del momento dei Dear Jack. Anche da X Factor e The Voice sono usciti cantanti ed artisti che hanno mosso i primi passi in questi programmi per poi schizzare in vetta nelle classifiche dei singoli più ascoltati per radio o tra il pubblico.

Lavorare con la musica classica e/o con il Rock (non per forza occorre andare in Inghilterra)

il sogno di lavorare con la musica

Anche online è possibile reperire informazioni relative al campo della danza, teatro e spettacolo. Di seguito riportiamo alcuni link utili:

Il sito Lombardia Spettacolo a cura dell'Agis Lombardia riporta l'elenco delle scuole e le accademie danza presenti nell'intero territorio lombardo. Il portale segnala anche i contatti e i link ai siti ufficiali delle scuole di musica o danza.

L'Università degli Studi Roma Tre propone tre indirizzi diversi per chi desidera formarsi nel campo teatro, canzone e danza. Gli indirizzi proposti sono: corso di laurea DAMS, Corso di Laurea Magistrale Cinema, Televisione e Produzione Multimediale e corso di Laurea Magistrale Dams Teatro-Musica-DanzA.

Job Crawler propone offerte di lavoro nel campo della danza. Gli annunci si rivolgono a: ballerini, insegnanti di danza o canto e vengono pubblicati anche i bandi di iscrizione per alcuni master dello spettacolo.

Se invece desiderate pubblicare il vostro cv per il mondo dello spettacolo o danza, vi segnaliamo il sito Il Palcoscenico di Luana che in home page presenta la bacheca con degli annunci di lavoro e suggerisce le audizioni del momento.

Studenti.it propone un articolo dedicato alle alternative universitarie nel settore arte drammatica, canto, musica e danza.

Balletto.net propone la sezione Scuole in cui poter effettuare una ricerca circa le scuole presenti in Italia. La ricerca sieffettua selezionando: regione, provincia e città.

Attenzione alle frodi!

Bisogna però stare attenti a chi vuole sfruttare il sogno di migliaia di giovani di entrare nel mondo dello spettacolo ed offre contratti fasulli o illude la gente di facili guadagni per intascarsi invece cospicue somme di denaro. A riguardo, è bene valutare sempre a chi affidarsi ed essere molto attenti quando si cercano le offerte di lavoro in questo ambito. Non sono poche le denunce, fatte attraverso la tv o alcuni programmi specifici, di chi è stato defraudato dei propri sogni dando retta a fantomatici agenti che avevano solo lo scopo di lucrare sui giovani con una vera e propria truffa, paventando grandi progetti o inserimenti in fiction o nei film più importanti.

Un ottimo trampolino di lancio

Uno dei sogni delle nuove generazioni, è quello di diventare cantanti e/o musicisti e di sfondare nel mondo musicale. Questa attitudine giovanile è aumentata maggiormente negli ultimi anni, con l'avvento dei talent show dedicati a questa arte come X Factor e Amici.

Sono infatti milioni i giovani che si apprestano ogni anno a provare i provini per queste trasmissioni o per festival più prestigiosi come Castrocaro o Sanremo Giovani. Il fine di tali trasmissioni, nonché dei casting di musica utili a selezionare i partecipanti, puntano proprio alla ricerca di nuovi talenti da inserire nel mercato discografico.

Con la crisi che imperversa nel mondo musicale e delle etichette annesse, i casting legati a tali eventi, vengono spesso visti come un ottimo trampolino di lancio per farsi conoscere e, un domani, divenire famosi inseguendo il proprio sogno.

Un cantante o un gruppo che intende farsi conoscere dal pubblico, giocherà sicuramente la carta dei Talent Show televisivi, sia Mediaset che Rai.

Sono necessari dei provini, video e/o mediante tracce audio, anche per proporsi a una etichetta discografica e farsi pubblicare e produrre il proprio Ep, Lp o Demo; successivamente è previsto una sorta di incontro con il discografico per valutare il gruppo o il solista.

Compilare moduli e iscrizioni varie

Prima del casting di musica vero e proprio, necessario per accedere invece alle trasmissioni, bisogna solitamente compilare un modulo, inserendo dati anagrafi, esperienze lavorative e attitudini del soggetto; sono inoltre possibili, in alcuni casi, anche le iscrizioni on line.

Duranteil casting di musica vero e proprio, l'importante è essere spontanei e spigliati, non farsi prendere dal panico, dimostrando di avere le capacità giuste e tutta la grinta e il talento possibili.

Consigli utili per affrontare un’audizione

La maggior parte dei musicisti e dei cantanti vive l’esperienza di un’audizione con molta preoccupazione e spesso mantenere la calma non è molto semplice. Di seguito sono illustrati alcuni consigli utili su come affrontare al meglio un casting.

  • La scelta dell’accompagnamento musicale, che può essere pre registrato o con l’aiuto di musicisti dal vivo. In alcune audizioni non c’è l’accompagnamento musicale, in questo caso l’artista deve sostenere l’audizione contando solo sulla forza della sua voce.
  • La scelta della canzone, è di fondamentale importanza scegliere di cantare un testo che metta in risalto le proprie qualità canore. Ogni voce ha delle particolari caratteristiche, scegliere un brano difficile, per cercare di colpire la giuria esaminatrice, ma che in realtà non è adatto alla propria voce, può compromettere seriamente l’esito dell’audizione. E’consigliabile quindi cantare un testo appropriato alle personali capacità. Quando si sceglie un brano è importante anche tenere in considerazione la tipologia di spettacolo per la quale si sostiene il casting. Quando si esegue un testo è di fondamentale importanza l’interpretazione, la giuria tiene molto in considerazione le emozioni che il cantante o il musicista è in grado di far provare a chi lo ascolta. Un bravo artista è in grado di personalizzare un testo e rendere così la sua rappresentazione originale.
  • Tenere sotto controllo l’ansia e lo stress, questi due elementi possono giocare brutti scherzi e in alcuni casi possono addirittura determinare l’esito del casting. E’consigliabile cercare di mostrarsi tranquilli e sereni e infondere alla giuria esaminatrice sicurezza. La tecnica dell’autocontrollo si acquisisce con l’esperienza, anche la postura, il linguaggio verbale e del corpo possono aiutare a dare l’impressione di professionalità e determinazione.
  • Conoscere la funzione dei vari accessori che sono spesso utilizzati in un provino, come il microfono e le cuffie. Quando ci si trova alla prime armi, trovarsi in uno studio e davanti ad una telecamera può essere veramente difficile, l’importante è non farsi prendere dal panico, riuscire a mantenere la calma e riuscire ad utilizzare i vari strumenti con disinvoltura.
  • Scegliere l’abbigliamento giusto e indossare gli abiti con i quali ci si sente a proprio agio.

Potrebbe interessarti

Condono fiscale 2019: tutto quello che devi sapere

come funziona il condono fiscale per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Turni di lavoro e di riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Permesso parentale

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Tour Leader: ecco il lavoro dell'hostess di terra

La Tour Leader è un'hostess di terra che prende un gruppo in partenza per un viaggio dal proprio paese d’origine, lo accompagna, assiste e segue in un viaggio all’estero e lo riaccompagna nel paese d’origine senza mai lasciarlo.

Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

Immagine esemplificativa per l'articolo Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

L'articolo 37 della Costituzione tutela e protegge l'impiego delle donne e dei minori (che abbiano compiuto 15 anni) ericonosce paritàdi lavoro e di retribuzione per uomini e donne. All'articolo 38 sono stabilite le norme per la previdenza e assistenza e per le assicurazioni obbligatorie, mentre all'articolo 39 è affermato il diritto della libertà dell’organizzazione e dell’attività sindacale. In ultimo l'articolo 40 definisce il principio del diritto di sciopero dei lavoratori.

Leggi anche...

Sanzioni disciplinari sul luogo lavoro: quando si rischia

sanzione disciplinare

provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. In questo modo il datore tutela i suoi diritti e sanziona il lavoratore affinchè egli rispetti gli obblighi e gli impegni presi. Accanto a questi, verrà poi approfondito il tema dei licenziamenti illegittimi che sono al centro dell’agenda politica del Presidente del Consiglio Renzi.

Leggi anche...

AppLavoro: la Startup che rivoluziona il mondo del lavoro

trovare lavoro tramite AppLavoro

La tecnologia e Internet sono strumenti di cui non si può fare a meno, al giorno d'oggi, per trovare un lavoro soddisfacente e in linea con le proprie aspettative. Un valido esempio in merito proviene da AppLavoro, che permette a tutti gli iscritti di mettere in risalto la propria professionalità e le proprie competenze per riuscire a individuare una mansione appropriata.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.