Lavorare nel settore immobiliare fa gola a molti, soprattutto perché le prospettive di guadagno sono molto alte.La figura più richiesta nel lavoro immobiliare è senz'altro l'agente, ovvero colui che fa da intermediario nello scambio di beni immobili privati o pubblici.

Il lavoro dell'agente immobiliare

Diventare agente è quindi il principale modo di lavorare nell'immobiliare. Per guadagnare questo status, occorre:

  • Essere maggiorenni e cittadini italiani (o stranieri con permesso di soggiorno)
  • Il diploma di scuola media superiore
  • Non esser stato sottoposto a fallimento o interdizione
  • Non esser mai stato condannati per reati gravi o di mafia
  • Aver seguito un corso professionalizzante
  • Aver sostenuto con esito positivo l'esame alla Camera di Commercio territorialmente competente

Riguardo il corso è bene precisarne le modalità. Ogni regione ne ha stabilito specifiche caratteristiche, ma generalmente si tratta di un corso di 200 ore indetto o dalla Regione stessa o dalla Camera di Commercio competente nel territorio oppure da un'azienda privata. Una volta superata la prova, si viene iscritti al Registro Imprese.

Una carriera nel campo degli immobili

Prima di intraprende la carriera di agente immobiliare è altresì necessario informarsi su tutto quello che c'è da sapere in merito alla compravendita e alle locazioni.

È inoltre fondamentale che chi voglia intraprendere questa carriera, abbia il quadro completo sui documenti necessari per ogni tipo di situazione, sulle norme previste e su argomenti quali mutui, bollette, volture e subentri.

I compiti di un agente immobiliare coi fiocchi

I lavoro dell'agente è vario e complesso: in molte delle sue attività lavora a contatto coi clienti. In generale, infatti, le esigenze a cui rispondere l'agente sono relative a necessità di vendita o acquisto di immobili. Questi possono essere costituiti da terreni, case già completate o in costruzione. Possono occuparsi, ovviamente, anche di affitti (per esempio stagionali); oppure della vendita di attività commerciali.

Ne consegue che due delle caratteristiche fondamentali che deve possedere questa figura sono conoscenza del mercato e skill relazionali. Il corso aiuta a guadagnare parte delle prime: tuttavia è necessario un costante aggiornamento e una buona base giuridica, visto che è molto comune avere a che fare con problemi relativi a proprietà, catasto e materie simili.

Le seconda non possono essere insegnate, ma solo allenate. Lavorare nell'immobiliare a contatto con i clienti significa dover rispondere ad interlocutori di qualsiasi estrazione sociale e personalità e non tutti sono adatti a questo tipo di ruolo.
Inoltre occorre molta capacità organizzativa e problem solving.

Le competenze per lavorare nel settore immobiliare

Questo comparto viene spesso indicato come una facile soluzione al problema del lavoro: perché esente dalla crisi, perché tradizionalmente molto importante per gli italiani, perché assicura grandi guadagni. Ma lavorare nell'immobiliare non è una semplice miniera d'oro: già dai requisiti per diventare agente è facile intuirne la complessità.

La procedura per la conclusione di un contratto è laboriosa. Innanzitutto l'agente deve presentare al potenziale acquirente l'immobile. Deve conoscerne ogni aspetto: dal tipo di riscaldamento alla situazione catastale, dal costo delle bollette alla qualità di vita nel quartiere.

Dovrebbe, in linea generale, presentare la vita che può essere condotta in quell'abitazione. Questa è la fase della trattativa più delicata: le qualità relazionali cui si accennava devono qui essere utilizzate al meglio, visto che l'azione dell'agente può incidere sul giudizio dei clienti. Se poi si tratta di una vendita, al potenziale acquirente occorre compilare una proposta d'acquisto; se invece è un affitto, è sufficiente la firma di un documento dell'agenzia.

Questa prende una percentuale sulla cifra di vendita o affitto e la somma varia da agenzia ad agenzia. Un'altra particolarità: spesso gli accordi tramite i quali si demanda alle agenzie il compito di vedere o affittare un immobile sono esclusivi, ovvero il venditore si impegna a non rivolgersi ad un'altra agenzia né a preoccuparsene in prima persona.

Dove cercare un impiego nel settore degli immobili

Il web offre numerosi siti con altrettanti annunci di lavoro. Le grandi agenzie, soprattutto quelle in franchise, aprono spesso nuovi punti vendita e sono quindi più spesso alla ricerca di personale. Vi rimandiamo agli articoli relativi alla stesura del curriculum e alle candidature. I guadagni all'inizio sono abbastanza contenuti: si consideri che questi dipendono dal numero di contratti stipulati. Tuttavia venditori esperti con una propria rete professionale possono sicuramente raggiungere alti redditi.





Potrebbe interessarti

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Il recupero crediti: come funziona?

il lavoro del recupero crediti

L'attività di recupero crediti consente ad aziende e privati di essere tutelati nei loro diritti, consentendo infatti l'incasso di un credito che non è stato possibile ottenere.

Leggi tutto...

Libero professionista: scopriamo questa figura lavorativa

Il libero professionista è colui che, dopo aver acquisito determinate nozioni di natura pratica e intellettuale mediante specifici percorsi di studio e formazione, offre le sue prestazioni professionali per uno o più committenti.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...
Go to Top