Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi. Partiamo subito dicendo che il lavoro di cameriere si differenzia in tante tipologie a seconda del luogo di lavoro:

  • di sala presso ristoranti e bar,
  • in hotel che si occupa anche di accompagnare i clienti in stanza e portare eventuali bagagli,
  • nelle case private,
  • a bordi di navi o crociere.

Il lavoro di cameriere è disciplinato di solito da un contratto come dipendente subordinato. Il cameriere è colui che si occupa di servire i clienti presso ristoranti, bar, hotel, navi o altro.

I compiti del cameriere: diamo uno sguardo dettagliato

Le mansioni principali del cameriere sono: preparare e riordinare le sale e i tavoli o le stanze, ricevere i clientiefarli accomodare ai tavoli o nella loro stanza; consigliare i clienti su pietanze e bevande da ordinare; prendere le ordinazioni e passarle alla cucina; il servizio ai tavoli o al bancone; ultimare la preparazione dei cibi al tavolo quando necessario (flambé, taglio porzioni, etc.); preparare e servire bibite; preparare il conto ai clienti, ricevere il pagamento; partecipare alla preparazione del menu e della lista delle bevande; partecipare alla preparazione dei buffet.

Gli orari di lavoro del cameriere: qui viene il difficile

Solitamente il lavoro di cameriere è organizzato in turni. Questi ultimi possono anche prolungarsi fino a tarda notte attraverso ore di straordinario.

I requisiti necessari a diventare cameriere: un lavoro che non è per tutti

Per svolgere tale professione è necessario un periodo di apprendistato e/o un corso di formazione specifico e/o un diploma di scuola media superiore di indirizzo alberghiero. Oltre alla formazione, sono richieste al candidato le seguenti caratteristiche: aspetto curato, cortesia, rapidità, buona memoria, buona salute, buona conoscenza delle lingue (almeno dell'inglese), capacità di lavorare in team, flessibilità negli orari di lavoro.

Offerte di lavoro “cameriere” online: date uno sguardo a questi siti web

  • Monster con più di 5000 aziende iscritte,
  • Motore Lavoro di Leonardo dove poter effettuare ricerche mirate per il lavoro di cameriere selezionando tra: cameriere bordo, cameriere mensa, cameriere piani ecc...
  • Job Crawler che consente di effettuare ricerche in base al luogo,
  • Job Rapido per consultare recenti annunci di lavoro come cameriere.

Boom di iscrizioni

Che questo lavoro stia riscuotendo più favori da parte dei giovani, alcuni dei quali convinti a accettare qualsiasi posto pur di lavorare, è testimoniata dalla notizia venuta fuori dal boom di iscrizioni registrate per camerieri e cuochi per i corsi dell’associazione “Il faro” di Susanna Agnelli. Questa associazione è no profit e offre corsi specializzati per persone che arrivano da condizioni socio-economiche precarie e se fino a qualche anno fa le richieste pervenivano solo da stranieri, ultimamente c’è stato il sorpasso degli italiani, visto che il 60% delle domande sono arrivate proprio dai cittadini del Bel Paese. La richiesta è stata talmente elevata che il sito di riferimento è andato in out e in appena dieci minuti si sono registrate più di cinquecento domande. Questi corsi, che sono gratuiti, sono rivolti a giovani tra 16 e 30 anni e in appena due mesi offrono la possibilità ai ragazzi di poter imparare un mestiere, tanto che l’80% delle persone che esce dopo aver concluso il periodo di formazione riesce a trovare in breve tempo un impiego.

Lavorare all’estero

Molti giovani sono costretti ad emigrare per via della crisi occupazionale presente in Italia e sono pronti a rimboccarsi le maniche per qualsiasi lavoro. Non è un caso quindi che sta aumentando l’attenzione dei giovani alle offerte che provengono dai Paesi esteri: recentemente la Svizzera ha pubblico un avviso per camerieri e cuochi, offrendo un posto a tempo indeterminato con possibilità di progredire durante gli anni sia come qualifica che come stipendio. Beh, si è registrato un flusso enorme di domande provenienti dall’Italia, con quasi duemila candidature arrivate dalla nostra Penisola, segno della volontà dei nostri giovani di lasciare questo Paese.

L’eldorado degli Anni Duemila: l’Australia

Quando si parla di lavorare all’estero, uno dei Paesi in cima alla lista è l’Australia. Molti giovani sono pronti a partire subito e andare dall’altra parte del mondo dove le condizioni di vita sono nettamente migliori, così come le paghe per lavorare. C’è chi dice che trovare un’occupazione in Australia sia molto più semplice rispetto in Italia e anche lo stipendio è nettamente superiore: si parla infatti di 20 dollari l’ora (tasse escluse) per chi è assunto come cameriere senza esperienza, con il salario che aumenta sensibilmente per lavori serali o durante i giorni del weekend. Diventa facile così fare il calcolo per un’intera mesata e anche se in Australia il costo della vita è alto, tuttavia si concede la possibilità alle persone di vivere più che bene. Da ricordare, tuttavia, che le regole per le persone straniere che vogliono andare in Australia sono molto rigide e ferree.





Potrebbe interessarti

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Il recupero crediti: come funziona?

il lavoro del recupero crediti

L'attività di recupero crediti consente ad aziende e privati di essere tutelati nei loro diritti, consentendo infatti l'incasso di un credito che non è stato possibile ottenere.

Leggi tutto...

Libero professionista: scopriamo questa figura lavorativa

Il libero professionista è colui che, dopo aver acquisito determinate nozioni di natura pratica e intellettuale mediante specifici percorsi di studio e formazione, offre le sue prestazioni professionali per uno o più committenti.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...
Go to Top