Non si tratta di un lavoro in cui si svolge semplicemente un'attività...il cuoco è anche un pò un'artista che colpisce i commensali tra combinazioni speciali di gusti e una straordinaria mes en place.

È per questa ragione che non esiste una vera e propria scuola per chef. In linea generale, infatti, esistono due strade per poter svolgere il lavoro di cuoco: seguire un corso professionale e fare tanta gavetta.
Non è comunque detto che le due ipotesi non possano convivere: il vero nodo della questione è se serve oppure no un background accademico a riguardo.

Per chi volesse intraprendere questa carriera e fosse in giovane età, si consiglia l'iscrizione all'istituto professionale alberghiero. Un corso di questa scuola è infatti specializzato nella formazione in cucina. Inoltre – elemento da non sottovalutare assolutamente – sono previsti dei periodi di stage, per permettere agli alunni di toccare con mano questa realtà lavorativa.

Lo stesso dicasi dei corsi professionali che molte agenzie private organizzano: tutti, dopo numerose ore di lavoro in aula, prevedono stage presso grandi strutture. Tali corsi sono consigliati a chiunque: non basta infatti saper cucinare bene per lavorare in cucina. Sempre più chef oggi sono specializzati in un tipo di piatti in particolare e questo corsi permettono proprio di raggiungere un alto grado di capacità in un settore, che siano i piatti di pesce, ad esempio, o i dolci.

Dove si svolge il lavoro? In cucina!

La maggior parte del tempo si trascorre nelle cucine degli alberghi, ristoranti, mense ovunque ci siano dei fornelli. Una attività del genere richiede molte ore in piedi, in ambienti caldi.

Quali opportunità di lavoro per gli chef?

L'opportunità classica è definita dal lavoro come cuoco presso i ristoranti. Ovviamente per raggiungere posizioni di prestigio in cucina occorre tanta gavetta ed esperienza. Questo aspetto comporta anche un positivo rovescio della medaglia: chiunque può diventare primo chef anche se inizia come cameriere.

Un'alternativa alle cucine italiane può essere la possibilità di lavorare fuori dai confini nazionali: gli chef italiani sono molto ricercati in tutto il mondo, ad esempio Londra o Dubai. In questi casi è d'obbligo l'uso della lingua locale (o, per lo meno, dell'inglese).

Lavorare come Chef a domicilio

I requisiti per questa tipologia di cucina sono gli stessi della precedente (talento e gavetta), ma a questi si aggiunge l'obbligo di seguire un corso professionale di tre mesi sulle norme igienico-sanitarie, l'iscrizione alla Camera di Commercio e l'apertura della partita Iva. Tutto questo vale assolutamente la candela per intraprendere una professionalità in espansione.

Lo chef a domicilio è un cuoco che viene chiamato a cucinare in casa di privati per le grandi occasioni. Si occupa della spesa, della preparazione dei piatti, dell'organizzazione del catering e della pulizia della cucina. Da notare come agli chef a domicilio possa venir richiesto di portare i propri strumenti, e quindi tutti i cuochi devono avere coltelli, taglieri, padelle, bilance e così via.

Iniziare un'attività del genere dal nulla può essere difficile: si lavoro molto col passa parola e col web marketing: un buon sito web e una buona presenza sui social network è fondamentale.

Come aprire un ristorante?

È probabilmente il sogno di tutti gli chef. Per aprire un'attività nel settore alimentare, comunque, occorre aver frequentato un corso ad hoc presso la Camera di Commercio, aver guadagnato un'esperienza di due anni nel settore, aver frequentato un corso accademico di qualsiasi livello purché inerente alla professione.

In ogni caso, requisiti a parte, è ovvio che aprire un'attività in proprio richieda conoscenze amministrativo-legali non indifferenti. Ma si tratta di una scelta che può essere esportata oltre l'Italia per sfruttare la nomea che la nostra cucina ha guadagnato nel mondo.

I contro del lavoro di cuoco

  • Si lavora in tutte le feste.
  • Gli orari sono duri. Si lavora in piedi per molte ore al giorno ( o di notte).
  • Gavetta e routine. una volta ottenuto il titolo di cuoco è comunque necessario passare del tempo a pelarele patate o lavare i piatti prima di passare ai fornelli.


Potrebbe interessarti

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Reversibilità pensione: cos'è e chi ne ha diritto?

Reversibilità della pensione del coniuge

Che cosa è? In sostanza, la reversibilità della pensione è l’importo della pensione (o Pensione Inpdap) che un tale beneficiario appartenente al nucleo familiare riceverà alla morte di un lavoratore assicurato o del pensionato.

Leggi tutto...

Il video curriculum: sfrutta questo strumento!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Leggi tutto...

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Rivalutazione TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Trovare lavoro sui i social network: scopri come!

trovare lavoro tramite social

Il mondo dei social network permette, a quanti abbiano una buona padronanza di questo strumento, di poter trovare lavoro con più facilità rispetto a quanti si servano esclusivamente dei canali tradizionali.

Leggi tutto...

Master/Diploma di Specializzazione Biennale: scopri i Master ICOTEA

Studiare per conseguire un master biennale

La laurea oggi è diventata un titolo non più sufficiente quando ci si trova con la necessità di acquisire delle competenze e conoscenze nuove in un settore. Per rispondere a questa esigenza, in pratica, si è resa necessaria la creazione di Master, cioè dei percorsi formativo post-laurea, di solito connessi a una o più materie, con lo scopo di trattare o approfondire alcune tematiche della stessa.

Leggi tutto...

Rivalutazione TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi tutto...

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Leggi tutto...

Offerte di lavoro in Giappone: non serve la laurea!

In tempi di crisi come quelli che viviamo è legittimo pensare di fuggire e di costruirsi una vita nuova altrove. Trovare un lavoro in Giappone può costituire una buona alternativa di vita; tuttavia, è chiaro che per fuggire è necessario sapere di poter lavorare: ergo, quale che sia il luogo dove vogliamo emigrare, dobbiamo almeno avere chiara in testa l’idea di un lavoro da cercare e trovare in tempi brevi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Modulo Social Card: tutte le informazioni

Per i cittadini che ne fanno domanda e che hanno i requisiti di legge (D.L. n. 112 del 2008) è disponibile una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Leggi tutto...
Go to Top