La legislazione italiana in tema di persone con disabilità ha avuto un’evoluzione significativa con la legge 68/99 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".

Chi ha diritto al lavoro

La legge 68/69 si applica:

  • Alle persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e ai portatori di handicap intellettivo che comporta una riduzione delle capacità lavorative di almeno il 45%.
  • Alle persone invalide con una percentuale superiore al 33%
  • Alle persone non vedenti o sordomute
  • Agli invalidi di guerra, civili e invalidi per servizio con minorazioni ascritte alle tabelle di cui al decreto del Presidente della Repubblica 915/1978

Nella prima categoria rientrano i disabili con età minima di 15 anni, purché sia assolto l'obbligo scolastico e il mantenimento del diritto sino all'età pensionabile.

Gli enti che riconoscono lo status di disabilità

lavori e normative per i disabili

I datori di lavoro sono inoltre tenuti a mantenere in servizio quei lavoratori che, non essendo disabili al momento dell'assunzione, sono divenuti tali per infortunio sul lavoro o a causa di una malattia professionale.

Il collocamento mirato per lavoratori disabili

Le tutele al lavoro dei disabili più importanti enunciate dalla legge sono il collocamento mirato e le quote di assunzione riservate.

La recente riforma Fornero ha modificato le quote di assunzione

Secondo la precedente disciplina, queste venivano calcolate sulla base del numero dei lavoratori. In particolar modo, se l'azienda ha da 15 a 35 dipendenti, deve assumere un lavoratore disabile; e invece si arriva a 50 lavoratori, allora i disabili devono essere due; oltre questa soglia, i dipendenti disabili devono essere il 7%.

Secondo la nuova giurisprudenza, le tranche rimangono inalterate ad eccezione di poche categorie di lavoratori quali:

  • dirigenti
  • contratti di inserimento
  • lavoratori somministrati presso l'utilizzatore
  • lavoratori assunti per attività all'estero
  • Lsu
  • lavoratori a domicilio
  • lavoratori emersi ex legge 383/2001
  • apprendisti

Molte categorie – ad esempio, i lavoratori a tempo determinato – rientrano invece nel calcolo, aumentando esponenzialmente il bacino di possibilità per i disabili.

Diritti come lavoratori

Sono molte le agevolazioni e i diritti che spettano alle persone disabili durante il proprio rapporto di lavoro. Sono varie e di diversa natura. Esse specificano i soggetti che vengono tutelati dalla legge, le tipologie di permessi di cui si può usufruire, i congedi retribuiti e non retribuiti.

Da precisare, però, che qualsiasi tipologia di permesso, in particolare quelli per l’assistenza al disabile, devono essere accertati dalla sanità. Infatti, uno dei requisisti fondamentali per richiedere un qualsiasi tipo di agevolazione, è la certificazione di grave handicap.

Quest’ultima viene effettuata presso la commissione medica della ASL di competenza del territorio. Per poter richiedere questa certificazione, è necessario inviare una richiesta, tramite un modulo apposito predisposto dalla ASL stessa.

Detto questo, passiamo ad alcune delle agevolazioni più conosciute. Come abbiamo detto, esistono diversi tipi di permessi e i soggetti che ne beneficiano sono diversi, per esempio il genitore che assiste il figlio disabile, o il lavoratore grevemente disabile, o chi assiste un familiare gravemente disabile: tutti loro hanno diritto a non essere trasferiti in una sede lavorativa diversa se non con il loro consenso; inoltre hanno diritto anche alla scelta del luogo di lavoro, precisamente alla sede di lavoro più vicina al luogo dove risiede la persona che richiede assistenza.

Abbiamo anche accennato a congedi retribuiti e non retribuiti. Questi possono essere richiesti ovviamente, per gravi motivi come la grave disabilità e/o gravi motivi familiari, che impediscono al lavoratore di potersi recare nel proprio posto di lavoro. I congedi possono essere di diverse durate, possono essere frazionati in modo da usufruirne nel modo migliore possibile e riuscire a sfruttarli al meglio.

Esistono permessi che possono essere richiesti in caso di figli disabili, soprattutto se di età inferiore ai 3 anni, ma possono essere anche richiesti permessi per figli disabili che hanno superato i diciotto anni di età.

Chi può usufruirne?

Questo tipo di permessi riguardano tutti i cittadini con un rapporto di lavoro dipendente, che sia pubblico o privato, anche quelli che hanno un contratto a tempo determinato possono usufruirne.

Le agevolazioni previste, si rivolgono a portare assistenza a figli che siano naturali, adottivi o in affidamento, parenti o affini entro il terzo grado, il proprio coniuge e se stessi.

Lavoratori disabili: quali sono le normative?

Tra i vari diritti che spettano ad un cittadino ci sono sicuramente quelli legati alla saluta e alla possibilità di concedere a chiunque, di poter lavorare. Sia per il diritto alla salute, e lo testimoniano i numerosi casi di malsanità presenti in Italia, che per il diritto al lavoro non sempre vengono rispettate le regole.

Rientrano nell'ambito del diritto alla salute anche i casi di invalidità civile e tutte le dinamiche burocratiche e civili collegate a tale situazione psicofisica. Esistono inoltre importanti norme giuridiche che regolano i rapporti di lavoro e di pensionamento legate alle figure professionali dei lavoratori disabili.

Definizione e normativa

Rientrano nella categoria coloro che devono ottenere dei particolari ruoli lavorativi ai sensi della legge numero 68 del 1999; essi sono dunque soggetti a quello che si definisce in termini giuridici collocamento obbligatorio, ovvero all'iscrizione presso gli uffici di collocamento, nati appositamente per i disabili, e i Centri per l'impiego di competenza.

Ai datori di lavoro dunque viene somministrato l'obbligo di assumere un certo numero di lavoratori disabili, che però devono avere un minino di indipendenza e autonomia lavorativa; essi devono quindi riuscire almeno in parte a lavorare e ad offrire le proprie prestazioni professionali a chi li assume.

Le principali leggi che disciplinano i rapporti di lavoro sono la sopracitata legge numero 68 del 1999 (Aricolo 10) e il successivo DPR numero 333 del 10 ottobre del 200. Un'altra norma volta a disciplinare le dinamiche lavorative e professionali dei lavoratori disabili è poi la legge regionale numero 17 del 2005, nata proprio per fornire la massima regolarità e sicurezza all'interno dell'ambiente lavorativo.

Soggetti beneficiari

I principali lavoratori disabili che possono usufruire del beneficio di poter lavorare ugualmente sono coloro che posseggono in primis l'età lavorativa e che abbiamo delle malattie di natura fisica e psichica, nonché i portatori di handicap, che provochino una diminuzione delle abilità professionali superiori al 45 %

Fanno parte di tali categorie i non vedenti o sordomuti e gli invalidi del lavoro che abbiamo una diminuzione delle facoltà lavorative sopra il 33%. Sono considerati lavoratori disabili anche gli invalidi di guerra e civili di vario genere.

Condizioni per le imprese

Le imprese devono obbligatoriamente accogliere all'interno della propria azienda un certo numero di lavoratori disabili. Le aziende che hanno più di 50 dipendenti, devono assumere il 7% della forza lavoro; per quelle da 36 a 50 lavoratori, devono invece esserci almeno due disabili. Nei casi di imprese che hanno dai 15 ai 35 dipendenti, è necessario che esse assumano almeno un disabile all'interno della loro attività imprenditoriale.

Le agevolazioni nel rapporto di lavoro per i lavoratori disabili sono molte e di diversa natura, infatti tra esse troveremo i soggetti che sono tutelati, le tipologie di permessi che possono essere presi, il congedo di due anni retribuito per i genitori e quelli aventi cause particolari.

Esistono diversi tipi di permessi che riguardano il genitore di figlio gravemente disabile o il lavoratore gravemente disabile o chi assiste un familiare che è gravemente disabile. Tutte queste categorie hanno diritto a non essere trasferiti in un'altra sede lavorativa, senza il consenso dell’interessato; hanno diritto anche alla scelta della sede di lavoro più vicina al luogo di residenza della persona a cui si presta assistenza.

Inoltre è possibile richiedere, per i familiari, congedi si retribuiti che non retribuiti, essi possono essere richiesti per diversi motivi: sia per la grave disabilità, che per gravi motivi familiari.
Possono avere diverse durate, possono anche essere frazionati nel tempo, in modo da poter sfruttare al meglio questa possibilità.

Ancora possono essere richiesti permessi in caso di figli disabili, in particolare se si parla di bambini sotto i tre anni. Esistono, però, anche dei permessi per i genitori o comunque per i familiari, dopo il diciottesimo anno di età del disabile.

Permessi giornalieri per assistere disabili: i soggetti che vengono tutelati

Ovviamente per ogni tipo di permesso, in particolare quelli per assistenza al disabile, ci deve essere un accertamento sanitario. Uno dei requisiti indispensabili, per avere diritto alle varie agevolazioni, è la certificazione di grave handicap che viene effettuato dalla commissione medica presso la ASL competente del territorio, alla quale è sufficiente inviare una richiesta tramite l’apposito modulo predisposto dalla stessa ASL.





Potrebbe interessarti

Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Pensione sociale: oggi sostituita dall'assegno

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Definita anche “trattamento di fine rapporto” (o TFR), la buonuscita per il licenziamento è una retribuzione alla quale ha diritto il lavoratore dipendente alla fine della prestazione lavorativa, a prescindere dalla sua ragione.

Leggi tutto...

Ccnl chimici: il contratto di lavoro per il settore chimico-farmaeutico

Il Ccnl per i chimici – contratto collettivo nazionale del lavoro per il settore chimico-farmaceutico – è presente in Italia per ogni categoria lavorativa e aiuta a delineare i rapporti di lavoro tra il datore e il lavoratore stesso, nonché le dinamiche legate alle attività da svolgere con annesse modalità contrattuali e di retribuzione.

Leggi tutto...

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Leggi tutto...

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte di lavoro Marche: sai come trovarle?

in cerca di lavoro nella marche

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro Marche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...
Go to Top