In tempi di crisi come quelli che viviamo è legittimo pensare di fuggire e di costruirsi una vita nuova altrove. Trovare un lavoro in Giappone può costituire una buona alternativa di vita; tuttavia, è chiaro che per fuggire è necessario sapere di poter lavorare: ergo, quale che sia il luogo dove vogliamo emigrare, dobbiamo almeno avere chiara in testa l’idea di un lavoro da cercare e trovare in tempi brevi.

Neppure nel Paese del Sol Levante la situazione è rimasta rosea come sino a 8-10 anni fa: la crisi ha iniziato a colpire pure l'economia dell'Estremo Oriente, restringendo di molto le possibilità che ha uno straniero di insediarsi in quelle terre.

Probabilmente proprio a causa della crisi, sono in parecchi coloro che si chiedono come possa essere vivere e trovare lavoro in Giappone.

Come trovare lavoro

Partiamo dunque da un concetto imprescindibile per chi seriamente sta progettando un futuro di vita e lavoro in Giappone: vivere lì potrebbe essere diverso da quello ciò che si può immaginare o vedere durante una vacanza. Per farsi un’idea chiara di cosa significhino la vita e la mentalità, sarebbe probabilmente necessario stanziarsi in loco almeno un paio di mesi, per vacanza o per studio e solo poi provare a tirare delle conclusioni.

È ovviamente fondamentale, prima di mettere piede in territorio nipponico, fornirsi di un visto. Sono disponibili visti diversi a seconda del proprio status. Ad esempio, gli studenti possono ottenere la Student Visa, che si richiede grazie alla collaborazione dell'istituto presso il quale si va a studiare. Hanno durata limitata ma sono semplici da ottenere.
Diversa è la situazione per chi vuole andare a vivere in Giappone ed allungare, quindi, la sua permanenza.

Esistono visti diversi a seconda delle categorie di lavoro, come il Professor Visa o lo Specialist in Humanities and International Service, che permette di svolgere un gran numero di occupazioni.
Per ottenere queste autorizzazioni, è sempre opportuno rivolgersi al consolato o all'ambasciata.
È anche necessario aver redatto un buon curriculum in lingua giapponese (e anche una versione in inglese).

Impiego facile in Oriente? No!

Il Giappone è come un qualsiasi altro stato del mondo e trovare lavoro non è facile. Non è facile trovare nemmeno quello più umile, esattamente come non è facile in Italia. Moltissime persone perdono il lavoro ogni giorno e spesso non riescono a trovarne uno nuovo: infatti i senzatetto aumentano continuamente.

Chiarito dunque il punto fondamentale che il Giappone non è il miglior posto per trovare lavoro, possiamo andare avanti. Fuori dalle grandi città è sicuramente ancora più difficile trovare un’occupazione per un italiano, sia per la richiesta molto bassa, sia per diffidenza nei confronti degli stranieri (gaijin).

Una delle possibili vie d'accesso al mondo del lavoro nipponico è quello di avere molta esperienza in un lavoro manuale, come ad esempio, il pizzaiolo. Il settore gastronomico – soprattutto per quello che riguarda la cucina italiana – ha molta presa in Giappone.

Ma la regola dei “10 anni di esperienza” vale in tutti gli ambiti: per accedere ad un'occupazione occorre un garante giapponese e un requisito fondamentale per guadagnarne uno è, appunto, avere 10 anni di pratica alle spalle.
È per questo che per trovare lavoro in Giappone non è necessaria una laurea, ma solo tanta esperienza.

Altro settore è quello dell'insegnamento, che negli anni passati ha accolto moltissimi professori di lingua stranieri ma che oggi ha iniziato a barcollare. Esistono tuttavia buone possibilità per aspiranti insegnanti di italiano, visto che non occorrono particolari requisiti per esercitare tale professione in Giappone eccetto che l'essere madre lingua. Può essere utile contattare direttamente grandi aziende, dato che molte di queste organizzano corsi di lingua per i loro dipendenti.

Non servono lauree

Non è sempre necessario avere un titolo di studio: certo, la cosa può aiutare, ma non è scontato essere assunti solo perché plurilaureati… come non è scontato non essere assunti per il motivo opposto. In questo paese ci sono due strade: la prima è trovare qualche azienda o scuola che cerchi stranieri con determinate competenze (solitamente laureati); la seconda è cercare di avere conoscenze.

Per ovvi motivi, è chiaro che conoscere italiani che lavorano lì o addirittura amici giapponesi, potrebbe essere veramente utile al fine di trovare occupazione.

… ma le lingue sì!

Chiaramente, per un inserimento nel mondo dell’impiego nel paese del Sol Levante, è necessario capire il giapponese (almeno parlato). Dovete tenere presente che il paese, attualmente, è una mita ambitissima e che, dunque, trovereste molta concorrenza. In queste condizioni, non conoscere nemmeno la lingua parlata sarebbe un autogol certo.

Una lista di siti per sondare il mercato del lavoro

  • Gaijin Pot dedicato agli stranieri
  • Jobs In Japan, con utili guide e consigli
  • Wwo Of Japan, quasi completamente in giapponese
  • Find a Teacher e My Sensei, dedicato all'istruzione. Il secondo permette di rispondere a studenti che chiedono lezioni private di varie materie

Piccoli e utili consigli

Come si è già accennato, è sempre utile fermarsi due mesi come turista in Giappone per prendere coscienza della vita che lì si conduce. Si consideri che tutta la burocrazia che dev'essere portata a termine per iniziare una nuova vita in questo paese dovrà essere seguita in giapponese: sono poche le banche che hanno dipendenti in grado di parlare bene in inglese e lo stesso dicasi per le agenzie immobiliari.

Esistono tutta molti portali web dove italiani condividono le proprie esperienze di vita nel Sol Levante e che possono risultare estremamente utili.





Potrebbe interessarti


Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

In caso di scadenza del contratto di lavoro (a tempo determinato), una lavoratrice ha diritto all’indennità INPS per la maternità anticipata o obbligatoria, in base a quanto sancito con la circolare ministeriale del 1 dicembre 2004.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Pensione sociale: oggi sostituita dall'assegno

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi tutto...

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Leggi tutto...

Legge sull'imprenditoria giovanile: scopri gli incentivi per te!

giovani imprenditori

La legge 95/95 per l’imprenditoria giovanile prevede finanziamenti per i giovani ragazzi che hanno un’idea imprenditoriale, ma non hanno attuarla per mancanza di fondi.

Leggi tutto...

Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Offerte per chi vuole lavorare nel design

lavorare nel mondo del design

Il lavoro del designer, alla lettera “progettista”, consiste nella realizzazione dal punto di vista della progettazione, di determinati artefatti utili per un utilizzo domestico, lavorativo, ecc. In Italia, dunque, chi lavora in ambito di design è una figura professionale con una serie di competenze specialistiche in grado di qualificarlo dal punto di vista della capacità e dell'attitudine alla progettazione di oggetti, principalmente per interni.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Organigramma aziendale: creare e leggere una struttura organizzativa

Due o più persone che collaborino insieme per raggiungere un obiettivo necessitano di un’organizzazione aziendale per coordinarsi. Il termine organizzazione indica il set di strumenti che influenza ed indirizza i comportamenti affinché le persone raggiungano gli obiettivi prefissati.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavoro in cooperativa: qual è il suo compito?

Una cooperativa lavoro è una società nata per gestire un'impresa in comune tra più persone; essa è regolarmente disciplinata dall'articolo 45 della Costituzione Italiana. 

Leggi tutto...

Leggi anche...


Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

La dichiarazione dei redditi è lo strumento fiscale con cui il contribuente dichiara i propri redditi e ne corrisponde i tributi al fisco. In base al D.P.R. 600/73, la dichiarazione redditi è un atto pubblico che può essere consultato gratuitamente. 

Leggi tutto...
Go to Top