Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Un altro ente da consultare è l'Associazione Italia—Australia, composta da Agenti dell'immigrazione, professionisti autorizzati dal governo australiano e iscritti all'albo; essi offrono consulenza in materia di visti d'ingresso, indispensabili per trovare lavoro in Australia.

I requisiti per la domanda di emigrazione per lavorare in Australia: conviene informarsi

opportunità di lavoro in australia

Per presentare una domanda di emigrazione e poter così trovare lavoro in Australia, sono necessari i seguenti requisiti: età inferiore ai 45anni; conoscenza della lingua inglese (vocational English); essere in possesso di una qualifica professionale.

All'interno della domanda di emigrazione bisogna inoltre specificare l'occupazione per la quale si decide di trasferirsi a lavorare in Australia. L'impiego dovrà essere presente nella Skilled Occupations List (SOL), in caso contrario è inutile inoltrare la domanda di emigrazione.

La valutazione professionale: ecco come fare anche dopo i 40 o 50 anni

Chi intende trovare lavoro in questa nazione, prima di presentare la domanda di emigrazione, viene sottoposto a una valutazione professionale, effettuata dietro apposita domanda da presentare all'autorità australiana che si occupa del settore lavorativo prescelto.

La documentazione si basa sul curriculum scolastico e lavorativo del richiedente. Per conseguire un alto punteggio (60 punti), è indispensabile dimostrare un'esperienza lavorativo di sei mesi, nel corso dei dodici precedenti la domanda di valutazione.

Scegliere il visto più appropriato per l'Australia (per italiani): esiste un'età minima?

Ne esistono di diverso tipi, ognuno indirizzato ad una professionalità diversa:

  • Visto turistico per l'Australia. Non permette di lavorare ma di studiare l'inglese in loco per tre mesi. Si può ottenere per via telematica. Richiede, tuttavia, il possesso di un biglietto di ritorno entro la data di fine. Può essere commutato in un visto di studio.
  • Visto studente. Viene rilasciato dopo l'iscrizione full time ad un corso di studio http://www.arealavoro.org/vacanza-studio-inpdap.htm. Si può richiedere tre mesi prima dell'inizio della classe e dura sino alla fine di questa. Permette, inoltre, di lavorare per un monte ore definito alla settimana.
  • Visto vacanza-lavoro. Dura un anno ed è rinnovabile a certe condizioni. Il richiedente non deve avere più di 31 anni, nessun figlio a carico, potrà lavorare 6 mesi presso lo stesso datore di lavoro e consente di studiare per 4 mesi l'inglese.
  • Sponsor Visa. Si tratta di un visto che appartiene ai documenti necessari per emigrare definitivamente in Australia. Viene concesso ai lavoratori chiamati in Australia da un datore per un impiego full time e dura per tutta la durata del contratto stipulato (in media 4 anni).
  • Business Visa. Per gli italiani che vogliono investire in Australia aprendo un'attività. Richiede il possesso di un ingente quantità di denaro da investire.
  • Skill Visa. Per i lavoratori con particolari profili professionali che vengono selezionati dal Governo Australiano che si adopera per cercar loro un impiego permanente.

Per gli ultimi tre visti, i requisiti sono più stringenti:

  • Ottima conoscenza dell'inglese (certificata con almeno un livello 5 dell'International English Language Testing System)
  • Età inferiore ai 49 anni
  • Lo Sponsor Visa e lo Skill Visa vengono dati, come accennati, in base ai profili professionali. Esistono tool interessanti per valutare se il proprio profilo può essere appetibile per le aziende, come lo Skill Select.

Trovare lavoro in Australia: non solo nelle fattorie

Esistono numerosissimi siti – sia in italiano che in inglese – che pubblicano annunci di lavoro per il mercato australiano. È ovvio, tuttavia, che è molto difficile per un datore di lavoro assumere un dipendente che non ha mai conosciuto.
Allora, qual è la via più giusta?

Se si è sotto i 31 anni, è possibile affidarsi ad agenzie – istituzionali e non – che organizzano programmi ad hoc per visti da studenti o vacanze lavoro: passare un breve periodo in Australia è fondamentale per capire se è la terra giusta per noi.

Come si è visto, i requisiti per altri visti sono difficile da possedere. Innanzitutto è fondamentale guadagnare una conoscenza dell'inglese di alto livello e poi raggiungere un profilo professionale specializzato.

L'Australia non è più la terra del boom economico di pochi anni fa: il mercato ha raggiunto una certa maturità e trovare lavoro per stranieri è diventato difficile.
Il mito della vita agricola è quasi superato: è un buon modo per iniziare ad ingranare, ma non permette visti permanenti né di acquisire skill particolari da rivendere in altri settori.

Un consiglio su tutti: è molto utile tenere contatti con ambasciat, anche grazie ai siti web, e tendere l'orecchio sui programmi che ad intervalli regolari il governo australiano promuove per incrementare l'occupazione.



Potrebbe interessarti

Diventare medico: l'iter formativo in Italia

Essere medico è un sogno per tanti giovani e giovanissimi. L'iter formativo da seguire è abbastanza complesso e probabilmente solo se si è spinti da una grande passione si porta a termine il percorso di studi entro i tempi prefissati. 

Leggi tutto...

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Leggi tutto...

Calcolo busta paga: a mano o con i software online?

La busta paga è un prospetto che il datore di lavoro fornisce al proprio dipendente e che contiene l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Leggi tutto...

Contributi in conto esercizio

Il contributo in conto esercizio viene erogato per facilitare le spese di gestione (personale, pubblicità, viaggi, locazioni immobiliari, oneri finanziari, ecc.), che le imprese devono sostenere a fronte di un determinato progetto.

Leggi tutto...

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in francese: sai cosa scrivere?

Attualmente sono tante le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere in lingua straniera; oltre all'inglese, anche il francese è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Leggi tutto...

Contratto di lavoro: ecco quali sono le varie tipologie

Il contratto è un negozio giuridico cioè “una manifestazione di volontà atta a produrre effetti giuridici riconosciuti dall’ordinamento giuridico”.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contributi in conto impianti

I contributi in conto impianti vengono erogati per ridurre i costi di acquisizione di beni ammortizzabili; non producono ricavi o sopravvivenze attive, pur concorrendo alla formazione del reddito per competenza.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Leggi tutto...
Go to Top