Le offerte di lavoro nel week end offrono una speranza di trovare un impiego in una realtà dove firmare un contratto lavorativo si sta rivelando sempre più difficile. Vedremo, nell'articolo che segue, quali siano i vantaggi per chi non si fa scrupoli nel lavorare di Sabato e Domenica.

Perché un lavoro nei fine settimana

Il fine settimana per molti è intoccabile: guai a chi parla di lavoro nel week end. Eppure molte società e aziende fanno leva proprio su chi decide di sacrificare il proprio tempo libero, impiegandolo in un lavoro nel weekend.

La scarsa appetibilità di queste proposte ne rappresenta proprio il punto di forza: da un lato, infatti, i concorrenti all'occupazione saranno meno che negli altri casi; dall'altro, generalmente, la retribuzione è più elevata proprio per compensare questo elemento. Molto spesso questa tipologia di occupazione viene ricercata da studenti, soprattutto universitari, che si sdoppiano tra studio e lavoro. Uno dei motivi principali è il fatto di mantenersi gli studi in ragione delle rette universitarie molto alte e dall’altra c’è sempre la voglia di avere una certa indipendenza economica dai genitori, magari per permettersi una vacanza o togliersi uno sfizio quando si avranno i soldi necessari.

I lavori più diffusi nel fine settimana

la cameriera è un tipico lavoro per il week end

Al solito, le figure più ricercate per un lavoro durante il week end sono quelle di camerieri e operatori nei ristoranti, oppure in locali come pub e bar. In questi giorni infatti la clientela raddoppia e l'offerta di lavoro risulta molto alta e anche meglio remunerata rispetto al resto della settimana. Questo perchè il sabato o il venerdì sera sono gli unici due giorni dove la gente può uscire e scaricare le tossine di un’intera settimana lavorativa: poche persone infatti escono anche durante la settimana, sia per motivi economici che di tempo, per cui nel weekend i locali hanno bisogno di più personale per gestire la clientela. In questo senso rientra anche il fatto di fidelizzare la stessa clientela: se il locale viene ritenuto poco affidabile, con tempi lunghissimi di attesa, quelle persone non torneranno più ed è quindi premura del titolare dotarsi del giusto numero di ragazzi che possano lavorare bene nel weekend.
Ma spesso in questi giorni della settimana, in cui molti negozi rimangono chiusi, vengono ricercate anche figure come addetti all'inventario o allo stoccaggio.

Ultimamente poi sono ricercate figure legate al marketing o alla vendita, come i consiglieri e hostess nei punti vendita, ausiliari alla vendita o semplice attività di vendita. Per tutte queste occupazioni, viene richiesta capacità di lavorare in team, velocità e attitudine al cliente. Lavorare in questo settore, per quanto ci sia molta richiesta, non è facile perchè nel Paese dove avvengono ogni giorno delle truffe, non è facile parlare con il cliente che ha sempre una sorta di pregiudizio quando viene fermato negli ipermercati o nelle grandi catene commerciali.

Le competenze richieste

Come è facile intuire, le competenze richieste per ottenere l'impiego sono solitamente non troppo elevate: questo da la possibilità anche a chi non abbia un curriculum di un certo peso di accedere al mondo del lavoro, anche nell'ambiente per il quale ci si sta preparando (si pensi, ad esempio, all'incarico di magazziniere in un esercizio per il quale si intende essere assunti per altre mansioni). Ci sono tuttavia alcuni lavori, come quelli spiegati nel precedente paragrafo relativi alla vendita, che necessitano di alcune qualità nel Curriculum Vitae, come appunto la pro-attività e la propensione a trattare con il cliente. Per quanto riguarda invece i lavori in pub o chioschi, non è richiesta una specifica competenza anche se una pregressa esperienza può aiutare, così come in tutti gli altri ambiti.

Come trovare un lavoro nel weekend

Come per moltissimi altri casi, i motori di ricerca forniscono una serie di opportunità a quanti siano in cerca di un lavoro nel week end: portali dedicati riservati ad annunci di questo tipo abbondano nella rete, lasciando agli interessati la possibilità di scegliere.

 

Come utilizzare i siti di ricerca del lavoro

La maniera corretta di utilizzare questo tipo di programmi consiste nel confrontare, tramite l'immissione dei dati richiesti, le competenze che si possiedono con le caratteristiche dell'impiego desiderato.
Un consiglio da tenere a mente è quello di essere precisi nel comunicare le proprie capacità: i datori di lavoro che si affidano a questi sistemi, infatti, effettuano rigorosi controlli.

I siti da cercare sono quelli generalisti dove si cerca lavoro anche per le altre tipologie richieste: ovviamente la parola chiave da inserire sarà weekend e poi si potrà andare avanti con la ricerca selezionando la provincia o la città di riferimento. E’ consigliabile infine una ricerca di ciò che si trova per non rimanere intrappolati in truffe oppure in posti fantasma che non esistono.

Potrebbe interessarti

Tutte le facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Lista delle facoltà universitarie: ecco un'aula 

Cosa fare dopo le scuole superiori? La lista delle facoltà universitarie è lunga e questa è una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Curriculum vitae in tedesco: il modello per chi cerca lavoro in Germania

curriculum in tedesco: ecco la bandiera tedesca

Scrivere un curriculum in tedesco? Attualmente sono molte le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere il lingua straniera; oltre ad inglese e francese, anche il tedesco è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Jobs Act: cos'è? Te lo spieghiamo in maniera semplice

jobs act

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Lettera di licenziamento alla colf: ecco come e quando farla

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi anche...

Outplacement individuale: conosci questo strumento di supporto al lavoro?

L'outplacement è il servizio offerto da alcune imprese autorizzate che si occupano della ricollocazione professionale dei dipendenti usciti da una azienda. Si tratta quindi di uno strumento moderno di supporto per il dipendente nel passaggio da un'azienda all'altra.

Leggi anche...

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.