Le offerte di lavoro nel week end offrono una speranza di trovare un impiego in una realtà dove firmare un contratto lavorativo si sta rivelando sempre più difficile. Vedremo, nell'articolo che segue, quali siano i vantaggi per chi non si fa scrupoli nel lavorare di Sabato e Domenica.

Perché un lavoro nei fine settimana

Il fine settimana per molti è intoccabile: guai a chi parla di lavoro nel week end. Eppure molte società e aziende fanno leva proprio su chi decide di sacrificare il proprio tempo libero, impiegandolo in un lavoro nel weekend.

La scarsa appetibilità di queste proposte ne rappresenta proprio il punto di forza: da un lato, infatti, i concorrenti all'occupazione saranno meno che negli altri casi; dall'altro, generalmente, la retribuzione è più elevata proprio per compensare questo elemento. Molto spesso questa tipologia di occupazione viene ricercata da studenti, soprattutto universitari, che si sdoppiano tra studio e lavoro. Uno dei motivi principali è il fatto di mantenersi gli studi in ragione delle rette universitarie molto alte e dall’altra c’è sempre la voglia di avere una certa indipendenza economica dai genitori, magari per permettersi una vacanza o togliersi uno sfizio quando si avranno i soldi necessari.

I lavori più diffusi nel fine settimana

la cameriera è un tipico lavoro per il week end

Al solito, le figure più ricercate per un lavoro durante il week end sono quelle di camerieri e operatori nei ristoranti, oppure in locali come pub e bar. In questi giorni infatti la clientela raddoppia e l'offerta di lavoro risulta molto alta e anche meglio remunerata rispetto al resto della settimana. Questo perchè il sabato o il venerdì sera sono gli unici due giorni dove la gente può uscire e scaricare le tossine di un’intera settimana lavorativa: poche persone infatti escono anche durante la settimana, sia per motivi economici che di tempo, per cui nel weekend i locali hanno bisogno di più personale per gestire la clientela. In questo senso rientra anche il fatto di fidelizzare la stessa clientela: se il locale viene ritenuto poco affidabile, con tempi lunghissimi di attesa, quelle persone non torneranno più ed è quindi premura del titolare dotarsi del giusto numero di ragazzi che possano lavorare bene nel weekend.
Ma spesso in questi giorni della settimana, in cui molti negozi rimangono chiusi, vengono ricercate anche figure come addetti all'inventario o allo stoccaggio.

Ultimamente poi sono ricercate figure legate al marketing o alla vendita, come i consiglieri e hostess nei punti vendita, ausiliari alla vendita o semplice attività di vendita. Per tutte queste occupazioni, viene richiesta capacità di lavorare in team, velocità e attitudine al cliente. Lavorare in questo settore, per quanto ci sia molta richiesta, non è facile perchè nel Paese dove avvengono ogni giorno delle truffe, non è facile parlare con il cliente che ha sempre una sorta di pregiudizio quando viene fermato negli ipermercati o nelle grandi catene commerciali.

Le competenze richieste

Come è facile intuire, le competenze richieste per ottenere l'impiego sono solitamente non troppo elevate: questo da la possibilità anche a chi non abbia un curriculum di un certo peso di accedere al mondo del lavoro, anche nell'ambiente per il quale ci si sta preparando (si pensi, ad esempio, all'incarico di magazziniere in un esercizio per il quale si intende essere assunti per altre mansioni). Ci sono tuttavia alcuni lavori, come quelli spiegati nel precedente paragrafo relativi alla vendita, che necessitano di alcune qualità nel Curriculum Vitae, come appunto la pro-attività e la propensione a trattare con il cliente. Per quanto riguarda invece i lavori in pub o chioschi, non è richiesta una specifica competenza anche se una pregressa esperienza può aiutare, così come in tutti gli altri ambiti.

Come trovare un lavoro nel weekend

Come per moltissimi altri casi, i motori di ricerca forniscono una serie di opportunità a quanti siano in cerca di un lavoro nel week end: portali dedicati riservati ad annunci di questo tipo abbondano nella rete, lasciando agli interessati la possibilità di scegliere.

Come utilizzare i siti di ricerca del lavoro

La maniera corretta di utilizzare questo tipo di programmi consiste nel confrontare, tramite l'immissione dei dati richiesti, le competenze che si possiedono con le caratteristiche dell'impiego desiderato.
Un consiglio da tenere a mente è quello di essere precisi nel comunicare le proprie capacità: i datori di lavoro che si affidano a questi sistemi, infatti, effettuano rigorosi controlli.

I siti da cercare sono quelli generalisti dove si cerca lavoro anche per le altre tipologie richieste: ovviamente la parola chiave da inserire sarà weekend e poi si potrà andare avanti con la ricerca selezionando la provincia o la città di riferimento. E’ consigliabile infine una ricerca di ciò che si trova per non rimanere intrappolati in truffe oppure in posti fantasma che non esistono.





Potrebbe interessarti

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Pensione di cittadinanza: scopriamo che cos’è e come funziona

La pensione di cittadinanza

Con la recente vittoria del Movimento 5 stelle nelle elezioni politiche che ci sono state il 04 marzo 2018 si è affacciata sempre di più la possibilità di richiedere la pensione di cittadinanza 2019.

Rivalutazione TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Finestre Pensioni: le nuove norme introdotte

finestre di pensione

La riscossione della pensione è una delle cose più importanti per un lavoratore, soprattutto per vivere, anche dopo la fine del periodo di lavoro, comodamente.

Licenziamento collettivo: scopri le ragioni

il licenziamento collettivo

Anche chi possiede un lavoro e uno stipendio sicuro potrebbe correre il rischio di essere licenziato a causa di motivazioni esterne alla sua volontà e al suo operato. Questo succede spesso all’interno di aziende o imprese, che sono spesso a rischio di fallimento o di crisi.

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Libero professionista: scopriamo questa figura lavorativa

Il libero professionista è colui che, dopo aver acquisito determinate nozioni di natura pratica e intellettuale mediante specifici percorsi di studio e formazione, offre le sue prestazioni professionali per uno o più committenti.

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Cash flow: la somma di reddito netto di una società

Il flusso di cassa o cash flow nella terminologia anglosassone è la somma del reddito netto di una società, degli ammortamenti e degli accantonamenti a riserva (includendo le riserve ordinarie e straordinarie, vale a dire le deduzioni contabili che non danno luogo a effettivi esborsi monetari).

Leggi tutto...

Permessi retribuiti: cosa sono e i casi in cui richiederli

Prima specifica da fare relativa ai permessi retribuiti è che questi sono differenti dalle ferie. Il diritto di ogni dipendente di godere di alcuni giorni di ferie ogni anno è sancito dalla Costituzione, la misura in cui essi sono maturati e possono essere goduti è fissato dai CCNL; mentre la misura e la modalità in cui si possono utilizzare i permessi retribuiti sono dettati dai contratti collettivi.

Leggi tutto...
Go to Top