La lettera di richiamo (che può essere preceduta da un semplice richiamo verbale) è uno dei provvedimenti disciplinari che il datore di lavoro può impugnare per far rispettare gli accordi contrattuali al proprio dipendente. Oggi daremo uno sguardo più dettagliato su uno dei provvedimenti che spesso causa delle vere e proprie diatribe sul posto di lavoro.

Anche detta ammonimentoscritto, è uno dei procedimenti disciplinari sul lavoro più soft e leggeri; di solito viene usata per richiamare l’attenzione del lavoratore che ha avuto comportamenti scorretti, ma non gravi. E' dunque vista più che altro come un amminimento, un avvertimento che dovrebbe riportare "sulla retta via" il dipendente che ha agito in maniera leggermente scorretta nei riguardi di una o più regole. In un rapporto lavorativo infatti possono accadere dei problemi tra datore di lavoro e dipendente e talvolta tale rapporti possono rovinarsi o evolversi in maniera negativa. E’ bene, nei casi che un posto di lavoro sia gradito, di costruire da ambo le parti rapporti lavorativi basati sul bene comune, senza arrivare a strappi che possano danneggiare le parti in causa, soprattutto se c’è fiducia reciproca sulla bontà del lavoro eseguito.

Quando il personale rischia la lettera di richiamo? Vediamo cosa cambia da contratto a contratto

Facciamo qualche esempio: la lettera di richiamo può essere utilizzata nei seguenti casi

  • Ritardi rispetto all’orario di lavoro: se c'è un orario ben stabilito è opportuno rispettarlo (per non causare disagi alla clientela e/o ai colleghi)
  • Ritardi nella comunicazione di assenza o nel presentare certificati medici
  • Uso di telefono o attrezzature di lavoro (computer, internet) per scopi personali e/o senza previa autorizzazione da parte del datore di lavoro
  • Comportamenti socialmente pericolosi
  • negligenza

Come scrivere l'ammonimento disciplinare per l'impiego specifico? Una guida per l'azienda

In questi casi, il datore di lavoro deve adottare un tono oggettivo, formale e chiaro. La lettera di richiamo, infatti, se ben redatta rappresenta uno strumento poco costoso ed efficace Le regole principali da seguire per stilare una lettera di richiamo sono le seguenti:

  • Indicazione del comportamento non tollerato
  • Richiesta di cambiamento dell’atteggiamento illegittimo
  • Informazione circa le eventuali conseguenze giuridiche

man 2822206 640

Tale lettera può essere recapitata al dipendente sia a mano che tramite raccomandata. Sul web sono presenti diversi modelli fac-simile su come compilare un ammonimento scritto dopo un comportamento ritenuto non idoneo dal datore di lavoro riguardo l’attività del dipendente in questione. Il suddetto richiamo potrà essere utilizzato da quest’ultimo in caso i comportamenti siano reiterati nel futuro e quindi costringa il principale a dover licenziare il dipendente (per giusta causa), giustificando il tutto con l’aver intrapreso prima misure “soft”, quindi avvertendo già il lavoratore dei suoi atteggiamenti errati. Ci sono inoltre dei portali sui diritti del lavoro che spiegano in maniera dettagliata tutti i casi specifici che possono accadere. Altrimenti, è bene o consigliabile ascoltare e contattare persone di fiducia che sappiano indirizzarci nel modo giusto, ovviamente se si è il caso di dipendenti che vogliono contestare tale provvedimento.

Scopi degli avvertimenti ai lavoratori: non solo provvedimenti legati alla busta paga

Con la lettera di richiamo (biasimo), il datore di lavoro è come se desse contemporaneamente un avvertimento (e un rimprovero) e una seconda possibilità al suo subordinato. Lo scopo dell’ammonimento scritto infatti è quello di dare al dipendente la possibilità di cambiare il suo comportamento scorretto. Ricordiamo che la lettera può anche non essere consegnata a mano da parte del datore.

E’ bene sapere anche che in alcuni casi, l'ammonimento non è il provvedimento ideale. Ciò accade quando il comportamento scorretto del lavoratore è grave o quando si è certi che lo stesso non è intenzionato a modificare il suo atteggiamento o ancora qualora la fiducia nei confronti del dipendente è irrimediabilmente intaccata.

Lettera di richiamo

La lettera scritta infatti rappresenta la misura più leggera che può adottare un datore di lavoro verso il proprio dipendente. In una scala progressiva di decisioni contro il lavoratore, dopo questa appena descritta c’è una sanzione pari a quattro ore di salario, poi la sospensione dello stipendio (o delle sue mensilità con danno grave alle entrate del dipendente) e dell’attività lavorativa per un periodo massimo di dieci giorni e infine il trasferimento (quest’ultimo è regolato da precise disposizioni, ossia è valevole solo per i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro e con le stesse funzioni dell’incarico precedente).

Cosa dice il regolamento riguardo ai fatidici cinque giorni?

A differenza del richiamo scritto, negli altri casi appena elencati, il datore di lavoro è obbligato a concedere cinque giorni di tempo al proprio dipendente per giustificare i motivi del suo comportamento scorretto. Se si va avanti nella diatriba fino ad arrivare alle vie legali, la misura presa dal datore di lavoro è sospesa fino a quando il Tribunale competente non emetterà la sua sentenza definitiva. Ricordiamo che il dipendente ha comunque la facoltà di rispondere alla lettera. Il consiglio è comunque far sempre riferimento allo Statuto dei Lavoratori.

Potrebbe interessarti

Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Curriculum vitae: esempio pratico. Ecco come compilarlo passo passo

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Formazione permanente: perché è così importante?

Formazione permanente

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il calcolo per la ritenuta fiscale: una guida completa

Il calcolo per la ritenuta fiscale

Cosa deve utilizzare un lavoratore dipendente per dichiarare le sue ritenute fiscali? Quali sono i moduli che deve presentare? Per il diritto tributario italiano, e quindi in area fiscale, il termine ritenuta d'acconto identifica una trattenuta fatta dallo Stato su un compenso assoggettato a tassazione, che viene corrisposto dal sostituto di imposta verso un altro soggetto, chiamato percipiente. Ecco una guida dettagliata sul metodo per calcolare e dichiarare la ritenuta d'acconto.

Formazione permanente: perché è così importante?

Formazione permanente

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Trovare lavoro come architetto: scopri come progettare il tuo futuro!

progetto disegnato da un architetto

Vuoi trovare lavoro come architetto? La creatività e l'ingegno va spesso a braccetto anche con la realizzazione e la costruzione di case e interni per le stesse. Esistono infatti figure professionali che si occupano proprio di questo, ovvero di realizzare progetti per le vostre abitazioni seguendo i vostri gusti e le vostre esigenze.

Leggi anche...

Piattaforme per le criptovalute: sistemi innovativi per lavorare online

Piattaforme per le criptovalute

Da una decina d’anni ormai si fa sempre più largo un nuovo sistema che è quello delle cripto valute, un termine che è entrato nel lessico comune e intorno al quale crescono una particolare attenzione e curiosità. E’ una sorte di piccola rivoluzione che coinvolge il sistema di compra/vendita. Ma in particolare di che cosa si tratta?

Leggi anche...

La Tredicesima per la Colf: come e quando metterla in pagamento?

Come molti altri professionisti e lavoratori, anche le colf a contratto hanno diritto alla tredicesima mensilità durante il periodo di Dicembre.