Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Questo documento viene gestito e rilasciato dalle Regioni e Province Autonome nell'ambito delle loro esclusive skill in materia di formazione professionale e certificazione delle competenze.

Le basi legislative

Il libretto formativo nasce grazie al Decreto Ministeriale del 10 ottobre 2005, come conseguenza degli accordi relativi alla Strategia di Lisbona, un insieme di linee guida europee mirate alla standardizzazione di molti processi lavorativi.

Il documento – che può essere sia redatto on line che essere cartaceo – contiene:

  • Le competenze acquisite in percorsi formativi (anche non conclusi)
  • Le competenze acquisite durante esperienze professionali tipo apprendistato
  • Le competenze auto acquisite
  • Dati anagrafici, percorso scolastico ed esperienze di lavoro.

La sperimentazione del documento

Fra il 2007 e il 2010, l'Isfol ha dato vita ad un progetto di sperimentazione relativo all'uso di questo documento. L'iniziativa ha avuto luogo in 13 fra regione e province e sembra aver avuto un buon successo: nella sola Toscana, sono stati distribuiti circa 8000 libretti ad altrettanto disoccupati e cassa integrati. Questo documento ha conosciuto diverse fasi durante la sua progettazione, arrivando via via a far parte delle iniziative promosse dall’Unione Europea. In sintesi, si inizia a parlare di questo libretto all’inizio degli Anni Duemila con l’accordo Stato-Regioni che verrà poi ripreso quattro anni dopo: all’interno di questo lasso di tempo ci sono due Decreti del Ministero del Lavoro del 2001 e del 2003 che forniscono maggiori dettagli sull’utilizzo e sulle finalità di tale progetto. Prima dell’approvazione del Consiglio dell’Unione Europea datato dicembre 2005, c’è un altro intervento del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale che stabilisce l’adozione standard di tale modello.

Un libretto legato alla UE

Si tratta di un modello legato alle strategie e le azioni dell'Unione Europea, volte alla trasparenza delle competenze e alla mobilità delle persone; è infatti il corrispettivo italiano dell'Europass. Esso rappresenta dunque la carta d'identità per muoversi sul territorio nazionale, mediante le diverse esperienze di apprendimentoe lavoro, favorendo l'incontro tra domanda e offerta. Con questa formalizzazione del massimo organismo a livello europeo si è voluto conferire uno status importante a questo cammino intrapreso per la valorizzazione della formazione e delle qualifiche. Infatti in questo modo, il cittadino potrà far risaltare al massimo il patrimonio culturale e il proprio bagaglio di conoscenze rendendo queste qualifiche identificabili da più soggetti. Nel mondo d’oggi infatti la formazione non può essere un aspetto da sottovalutare, anzi visto che le abilità e la preparazione rivestono un’importanza imprescindibile, è utile per il cittadino continuare nel suo percorso e aggiornare continuamente tali esperienze attraverso questo strumento che gli permette di valorizzare ciò che è in grado di fare.

La valenza del documento formativo

Esso conferisce valore di scambio al patrimonio di competenze acquisite; non ha, pertanto, una valenza burocratica. Per questa ragione, questo documento ha delle differenze sostanziali con la scheda professionale o il Curriculum Vitae e soprattutto non deve essere confuso con questi altri due strumenti visto che il primo ha un aspetto particolarmente di valore amministrativo mentre il secondo è una produzione autonoma della persona. La grande valenza di questo strumento è data dal fatto che nell’economia di oggi, dettata sempre più dalla logica delle conoscenze, assume particolare importanza il percorso di formazione intrapreso, con tutte le attività svolte e i crediti ottenuti in un cammino che può integrare due aspetti fondamentali, come appunto la formazione e il mondo del lavoro.

Gli obiettivi principali

Sono diversi gli obiettivi che si sono prefissati chi ha ideato questo strumento formativo. Essi riguardano l’utilità dello stesso, suddiviso rispettivamente per il sistema del lavoro, per la persona e infine per le istituzioni:

  • fornire informazioni sul soggetto e sul suo curriculum di apprendimento formale, non formale e informale, per la ricerca di un lavoro, per la mobilità professionale e per il passaggio da un sistema formativo all'altro;
  • dare trasparenza e riconoscibilità alle abilità acquisite, favorendo l'occupabilità e lo sviluppo professionale;
  • aiutare gli individui ad acquisire consapevolezza in merito al proprio bagaglio culturale e professionale, per orientarsi meglio nel mondo del lavoro
  • garantire, da parte delle istituzioni, il valore di tali competenze, certificate attraverso il libretto tramite il quale queste qualifiche sono molto più visibili e viene dato spazio inoltre anche alle esperienze vissute.


Potrebbe interessarti

Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Leggi tutto...

La tredicesima prevista per le pensioni

Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Leggi tutto...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...

Rivalutazione TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi tutto...

I più condivisi

L'Ufficio di Collocamento dello Spettacolo di Roma

Fino all'anno 2008, i romani che avessero aspirato a lavorare come attori professionisti o semplici comparse, avrebbero dovuto registrarsi presso l'Ufficio di Collocamento dello Spettacolo di Roma: superato l'iter burocratico il richiedente si sarebbe ritrovato iscritto in un'apposita lista unica.

Leggi tutto...

Colloquio motivazionale: ecco come regolarsi!

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Leggi tutto...

Lavorare in Abruzzo: conosci queste opportunità?

lavorare in abruzzo

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte per lavorare in Abruzzo.

Leggi tutto...

Legge sulla Privacy nel Curriculum Vitae

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aliquota tassazione TFR: caratteristiche, imposte

Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Leggi tutto...
Go to Top