Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Questo documento viene gestito e rilasciato dalle Regioni e Province Autonome nell'ambito delle loro esclusive skill in materia di formazione professionale e certificazione delle competenze.

Le basi legislative

Il libretto formativo nasce grazie al Decreto Ministeriale del 10 ottobre 2005, come conseguenza degli accordi relativi alla Strategia di Lisbona, un insieme di linee guida europee mirate alla standardizzazione di molti processi lavorativi.

Il documento – che può essere sia redatto on line che essere cartaceo – contiene:

  • Le competenze acquisite in percorsi formativi (anche non conclusi)
  • Le competenze acquisite durante esperienze professionali tipo apprendistato
  • Le competenze auto acquisite
  • Dati anagrafici, percorso scolastico ed esperienze di lavoro.

La sperimentazione del documento

Fra il 2007 e il 2010, l'Isfol ha dato vita ad un progetto di sperimentazione relativo all'uso di questo documento. L'iniziativa ha avuto luogo in 13 fra regione e province e sembra aver avuto un buon successo: nella sola Toscana, sono stati distribuiti circa 8000 libretti ad altrettanto disoccupati e cassa integrati. Questo documento ha conosciuto diverse fasi durante la sua progettazione, arrivando via via a far parte delle iniziative promosse dall’Unione Europea. In sintesi, si inizia a parlare di questo libretto all’inizio degli Anni Duemila con l’accordo Stato-Regioni che verrà poi ripreso quattro anni dopo: all’interno di questo lasso di tempo ci sono due Decreti del Ministero del Lavoro del 2001 e del 2003 che forniscono maggiori dettagli sull’utilizzo e sulle finalità di tale progetto. Prima dell’approvazione del Consiglio dell’Unione Europea datato dicembre 2005, c’è un altro intervento del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale che stabilisce l’adozione standard di tale modello.

Un libretto legato alla UE

Si tratta di un modello legato alle strategie e le azioni dell'Unione Europea, volte alla trasparenza delle competenze e alla mobilità delle persone; è infatti il corrispettivo italiano dell'Europass. Esso rappresenta dunque la carta d'identità per muoversi sul territorio nazionale, mediante le diverse esperienze di apprendimentoe lavoro, favorendo l'incontro tra domanda e offerta. Con questa formalizzazione del massimo organismo a livello europeo si è voluto conferire uno status importante a questo cammino intrapreso per la valorizzazione della formazione e delle qualifiche. Infatti in questo modo, il cittadino potrà far risaltare al massimo il patrimonio culturale e il proprio bagaglio di conoscenze rendendo queste qualifiche identificabili da più soggetti. Nel mondo d’oggi infatti la formazione non può essere un aspetto da sottovalutare, anzi visto che le abilità e la preparazione rivestono un’importanza imprescindibile, è utile per il cittadino continuare nel suo percorso e aggiornare continuamente tali esperienze attraverso questo strumento che gli permette di valorizzare ciò che è in grado di fare.

La valenza del documento formativo

Esso conferisce valore di scambio al patrimonio di competenze acquisite; non ha, pertanto, una valenza burocratica. Per questa ragione, questo documento ha delle differenze sostanziali con la scheda professionale o il Curriculum Vitae e soprattutto non deve essere confuso con questi altri due strumenti visto che il primo ha un aspetto particolarmente di valore amministrativo mentre il secondo è una produzione autonoma della persona. La grande valenza di questo strumento è data dal fatto che nell’economia di oggi, dettata sempre più dalla logica delle conoscenze, assume particolare importanza il percorso di formazione intrapreso, con tutte le attività svolte e i crediti ottenuti in un cammino che può integrare due aspetti fondamentali, come appunto la formazione e il mondo del lavoro.

Gli obiettivi principali

Sono diversi gli obiettivi che si sono prefissati chi ha ideato questo strumento formativo. Essi riguardano l’utilità dello stesso, suddiviso rispettivamente per il sistema del lavoro, per la persona e infine per le istituzioni:

  • fornire informazioni sul soggetto e sul suo curriculum di apprendimento formale, non formale e informale, per la ricerca di un lavoro, per la mobilità professionale e per il passaggio da un sistema formativo all'altro;
  • dare trasparenza e riconoscibilità alle abilità acquisite, favorendo l'occupabilità e lo sviluppo professionale;
  • aiutare gli individui ad acquisire consapevolezza in merito al proprio bagaglio culturale e professionale, per orientarsi meglio nel mondo del lavoro
  • garantire, da parte delle istituzioni, il valore di tali competenze, certificate attraverso il libretto tramite il quale queste qualifiche sono molto più visibili e viene dato spazio inoltre anche alle esperienze vissute.




Potrebbe interessarti

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Pagamento in ritardo dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Servizio Ispezione del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Calcolo età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Apertura di una Partita IVA: ecco gli step obbligatori e "opzionali"

apertura di una partita iva

L’IVA è un’imposta che si applica sul valore aggiungo relativa a: cessioni di beni e prestazioni di servizi, eseguite in Italia, da tutti i titolari di Partita IVA. Chi decide di aprire la partita IVA deve considerarla né un costo né un ricavo poiché a livello fiscale i titolari di possono compensare l’imposta a debito e quella a credito.

Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

l'importanza di avere una laure nell'ambito della mediazione linguistica

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Che cos'è il Job sharing?

Il termine Job Sharing indica un tipo di contratto di lavoro atipico caratterizzato dalla condivisione dell'attività lavorativa tra due o più soggetti; questi ultimi infatti si suddividono le fasce lavorative di un impiego full time.

Leggi tutto...

Lavorare come hostess: ecco alcuni spunti

ragazza che lavora ocme hostess

Chi ancora studia o coloro che hanno già un impiego full o part time possono trovare interessanti le offerte di lavoro come hostess o promoter.

Leggi tutto...
Go to Top