Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Il proprietario di una tabaccheria avrà inoltre dei clienti fissi che abitano nelle vicinanze della stessa, sempre pronti a richiedere sigarette oppure gratta e vinci per tentare la fortuna.

Ottenere la licenza per la tabaccheria

È possibile aprire una tabaccheria dal nulla oppure prendere in gestione una già esistente. È necessario, per ottenere la licenza per aprire la tabaccheria, fare la partita Iva, essendo questo un futuro luogo di scambio commerciale.

La licenza per la tabaccheria viene rilasciata dai monopoli di stato; per ottenerla, serve la consegna di una domanda presso gli uffici della regione dove si intende aprire il tabacchino. I termini di scadenza per la consegna della domanda di licenza della tabaccheria sono relativi ai primi tre mesi dell’anno solare, decorsi i quali sarà necessario aspettare un anno. Nei casi in cui un gestore voglia vendere la propria attività, sarà invece sufficiente il passaggio di proprietà da redigere di fronte a un notaio evitando tutte le altre fasi burocratiche.

Redigere la domanda per la licenza della tabaccheria

La domanda per la licenza della tabaccheria dovrà essere compilata in ogni sua parte; se essa viene accettata, si farà un’asta pubblica nelle zone con più 30.000 abitanti, mentre nelle altre aree si procederà attraverso un concorso pubblico. La risposta alla domanda consegnata non è di sicuro positiva ma potrà essere anche di parere opposta. Qualora prevalga il sì (di solito atteso verso il mese di aprile), il richiedente di licenza riceverà presso la sua dimora una raccomandata con la data della gara che sarà indetta. La risposta contenente il “no” potrebbe verificarsi invece per non aver rispettato i criteri delle distanze, la scelta errata della zona dove aprire il negozio oppure una compilazione errata della domanda presentata all’AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato).

Aprire una nuova tabaccheria: le distanze dagli altri rivenditori

Riguardo al luogo dove aprire la tabaccheria in questione, per ottenere la licenza utile ad esercitare tale attività, esistono dei limiti territoriali ben definiti che variano da comune a comune e in base anche alla densità di popolazione della zona prescelta.

Le distanze tra una tabaccheria e l'altra

La licenza per aprire una tabaccheria viene ad esempio rilasciata se: essa si trova a non meno di 200 metri per i comuni con più di 100.000 abitanti; 300 metri, tra i 10.000 e i 30.000 250 per quelli che hanno popolazione compresa tra i 30.000 a i 100.000 abitanti. Per i comuni che abbiano meno di 10.000 abitanti, la distanza sarà invece di 200 metri. Esistono tuttavia anche altri fattori da considerare: con meno di 30 mila abitanti viene indetto un concorso privato e in caso di condizioni di parità vengono privilegiati o data prelazione a soggetti con invalidità al 40%, invalidi di guerra oppure famiglie numerose con diversi figli a carico. Qualora il limite invece sia superiore a quello appena citato, si procederà per asta pubblica.

Perché aprire una tabaccheria in tempo di crisi

In un momento in cui la gente tende a spendere il meno possibile, verrebbe da pensare che aprire un esercizio commerciale oggi non sia la scelta più saggia; il discorso delle tabaccherie è leggermente differente.

Un' attività abilmente posta nei pressi di scuole o uffici pubblici, ad esempio, avrà una inesauribile vendita di materiali di cancelleria, consentendo così di arginare l'ostacolo crisi.
Altra menzione va fatta per i gratta e vinci, un tipo di prodotto che sta prendendo sempre più piede tra gli acquisti degli italiani. I gratta e vinci stanno diventando infatti un passatempo tra i più utilizzati dai nostri concittadini: sarà per la crisi che induce le persone a tentare la fortuna per risolvere i problemi economici, sarà per l’adrenalina del gioco derivante soprattutto dagli ultimi concorsi (per esempio il Win for Life che assegna una vincita mensile per venti anni oppure addirittura una casa), fatto sta che questo gioco sta colpendo milioni di italiani. Purtroppo alcune volte il gioco si trasforma in ludopatia e non sono pochi i casi di persone che si rovinano per aver speso lo stipendio o la pensione nei gratta e vinci nell’attesa di una vincita milionaria. Ovviamente, sia per i gratta e vinci che per gli altri prodotti del tabacchino, come per esempio le sigarette, la percentuale al negozio sarà minima perchè il maggior gettito finirà nelle casse dello Stato.

Le rapine e i furti

Purtroppo non è tutto rose e fiori perchè basta digitare questa parola sul motore di ricerca Google per leggere le ultime notizie. Sono tutte notizie infatti relative a furti e rapine di negozi svaligiate: tabaccherie assalite o spaccate sono l’altra faccia della medaglia di chi si apre questo locale e deve registrare un danno da migliaia di euro oltre i danni morali e psicologici. Se questi locali vengono puntualmente presi d’assalto dai delinquenti, sarebbe necessario un cambiamento delle regole o un controllo più stringente delle forze dell’ordine per evitare simili guai e dare più serenità ai titolari di poter lavorare serenamente, senza la paura di poter subire una rapina da un momento all’altro.



Potrebbe interessarti

Astensione obbligatoria: un diritto delle mamme lavoratrici

Futura mamma lavoratrice: l'astensione obbligatoria

L’astensione obbligatoria è un diritto a tutela delle lavoratrici in “dolce attesa”.

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Ecco la verità sul Condono 2019

come funziona il condono per il 2019

Per coloro che sono impegnati in un contenzioso di natura tributaria o fiscale con lo Stato italiano, negli ultimi mesi si è affacciata la possibilità di poterlo chiudere in maniera definitiva e senza considerevoli esborsi di natura economica. Infatti, le autorità governative, all'interno della prevista Legge di Bilancio 2019, hanno predisposto il Decreto Legge 119/2018, la cosiddetta "Pace Fiscale", cioè una sorta di condono nel 2019 e che, tra le altre cose, consentirà anche, almeno in teoria, ulteriori entrate allo Stato.

Leggi tutto...

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Leggi tutto...

I più condivisi

Sedi sindacati Roma: CGIL CISL e UIL

In questa pagina riportiamo la testimonianza di una nostra lettrice. Salve, mi chiamo Loredana, ho 31 anni , sono stata assunta a parole tramite un annuncio che avevo inserito a maggio su un portale di annunci di lavoro, io vengo da Palermo, la persona che mi ha contattata mi ha chiesto di trasferirmi a settembre.

Leggi tutto...

Lavoro in Molise: scopri come trovarlo!

Scopriamo tante entusiasmanti offerte di lavoro in Molise

Trovare lavoro in Molise può risultare difficile, specie quando molti sono disposti ad attraversare l’Italia pur di ottenere un impiego. 

Leggi tutto...

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Per ogni individuo, il lavoro rappresenta una delle principali necessità e un diritto riconosciuto dalla Costituzione, considerato valore fondante della Repubblica. Tuttavia, le persone con disabilità spesso si ritrovano discriminati già nello svolgimento del corso di studi e poi nella fase di ricerca del lavoro. Fortunatamente, grazie al progresso delle tecnologie informatiche e della comunicazione, si hanno oggi gli strumenti concreti per non escludere i disabili dalla società civile e dal mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Leggi tutto...

Controversie sul lavoro

I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pensione di cittadinanza: scopriamo che cos’è e come funziona

La pensione di cittadinanza

Con la recente vittoria del Movimento 5 stelle nelle elezioni politiche che ci sono state il 04 marzo 2018 si è affacciata sempre di più la possibilità di richiedere la pensione di cittadinanza 2019.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

Leggi tutto...
Go to Top