Quanti desiderino richiedere una licenza per tabacchi si ha necessità di questo certificato grazie al quale sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Il proprietario di una tabaccheria avrà inoltre dei clienti fissi che abitano nelle vicinanze della stessa, sempre pronti a richiedere sigarette oppure gratta e vinci per tentare la fortuna.

Ottenere la documentazione necessaria

È possibile aprire una tabaccheria dal nulla oppure prendere in gestione una già esistente. È necessario, per ottenere la licenza per tabacchi, fare la partita Iva, essendo questo un futuro luogo di scambio commerciale.

La licenza per tabacchi viene rilasciata dai monopoli di stato; per ottenerla, serve la consegna di una domanda presso gli uffici della regione dove si intende aprire il tabacchino. I termini di scadenza per la consegna della domanda di licenza per tabacchi sono relativi ai primi tre mesi dell’anno solare, decorsi i quali sarà necessario aspettare un anno. Nei casi in cui un gestore voglia vendere la propria attività, sarà invece sufficiente il passaggio di proprietà da redigere di fronte a un notaio evitando tutte le altre fasi burocratiche.

Redigere la domanda per ottenere la licenza per tabacchi

immagine per  licenza per tabacchi

La domanda per la licenza per tabacchi dovrà essere compilata in ogni sua parte; se essa viene accettata, si farà un’asta pubblica nelle zone con più 30.000 abitanti, mentre nelle altre aree si procederà attraverso un concorso pubblico. La risposta alla domanda consegnata non è di sicuro positiva ma potrà essere anche di parere opposta. Qualora prevalga il sì (di solito atteso verso il mese di aprile), il richiedente di licenza riceverà presso la sua dimora una raccomandata con la data della gara che sarà indetta. La risposta contenente il “no” potrebbe verificarsi invece per non aver rispettato i criteri delle distanze, la scelta errata della zona dove aprire il negozio oppure una compilazione errata della domanda presentata all’AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato).

Aprire una nuova tabaccheria: le distanze dagli altri rivenditori

Riguardo al luogo dove aprire la tabaccheria in questione, per ottenere la licenza per tabacchi e d esercitare tale attività, esistono dei limiti territoriali ben definiti che variano da comune a comune e in base anche alla densità di popolazione della zona prescelta.

Le distanze tra una attività e l'altra

La licenza per tabacchi viene ad esempio rilasciata se: essa si trova a non meno di 200 metri per i comuni con più di 100.000 abitanti; 300 metri, tra i 10.000 e i 30.000 250 per quelli che hanno popolazione compresa tra i 30.000 a i 100.000 abitanti. Per i comuni che abbiano meno di 10.000 abitanti, la distanza sarà invece di 200 metri. Esistono tuttavia anche altri fattori da considerare: con meno di 30 mila abitanti viene indetto un concorso privato e in caso di condizioni di parità vengono privilegiati o data prelazione a soggetti con invalidità al 40%, invalidi di guerra oppure famiglie numerose con diversi figli a carico. Qualora il limite invece sia superiore a quello appena citato, si procederà per asta pubblica.

Perché aprire questa attività in tempo di crisi

In un momento in cui la gente tende a spendere il meno possibile, verrebbe da pensare che aprire un esercizio commerciale oggi non sia la scelta più saggia; il discorso delle tabaccherie è leggermente differente.

Un' attività abilmente posta nei pressi di scuole o uffici pubblici, ad esempio, avrà una inesauribile vendita di materiali di cancelleria, consentendo così di arginare l'ostacolo crisi.
Altra menzione va fatta per i gratta e vinci, un tipo di prodotto che sta prendendo sempre più piede tra gli acquisti degli italiani. I gratta e vinci stanno diventando infatti un passatempo tra i più utilizzati dai nostri concittadini: sarà per la crisi che induce le persone a tentare la fortuna per risolvere i problemi economici, sarà per l’adrenalina del gioco derivante soprattutto dagli ultimi concorsi (per esempio il Win for Life che assegna una vincita mensile per venti anni oppure addirittura una casa), fatto sta che questo gioco sta colpendo milioni di italiani. Purtroppo alcune volte il gioco si trasforma in ludopatia e non sono pochi i casi di persone che si rovinano per aver speso lo stipendio o la pensione nei gratta e vinci nell’attesa di una vincita milionaria. Ovviamente, sia per i gratta e vinci che per gli altri prodotti del tabacchino, come per esempio le sigarette, la percentuale al negozio sarà minima perchè il maggior gettito finirà nelle casse dello Stato.

Le rapine e i furti

Purtroppo non è tutto rose e fiori perchè basta digitare questa parola sul motore di ricerca Google per leggere le ultime notizie. Sono tutte notizie infatti relative a furti e rapine di negozi svaligiate: tabaccherie assalite o spaccate sono l’altra faccia della medaglia di chi si apre questo locale e deve registrare un danno da migliaia di euro oltre i danni morali e psicologici. Se questi locali vengono puntualmente presi d’assalto dai delinquenti, sarebbe necessario un cambiamento delle regole o un controllo più stringente delle forze dell’ordine per evitare simili guai e dare più serenità ai titolari di poter lavorare serenamente, senza la paura di poter subire una rapina da un momento all’altro.

Potrebbe interessarti

Calcolo della busta paga: a mano o con i software online?

Calcolo della busta paga

La busta paga è un prospetto economico che il datore di lavoro si preoccupa di fornire al proprio dipendente e che comprende l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Il lavoro e la Legge Biagi

Ci sono alcune leggi e articoli della Costituzione italiana che sono nati appositamente per definire e regolamentare il lavoro nel nostro Paese. La Legge 30 ad esempio e l'articolo 18 sono solo alcune delle legislazioni emesse a livello lavorativo.

Borse di studio in USA: un’occasione per crescere professionalmente

Borse di studio in USA

Il sogno americano non è un mito, ma una realtà che resiste nel tempo. Le opportunità di ottenere borse di studio per lavorare o studiare e dottorati post laurea negli Stati Uniti sono concreti, basta saper cercare.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Lavoro parasubordinato: caratteristiche di questa tipologia di contratto

caratteristiche di un contratto parasubordinato

Il rapporto di lavoro subordinato è disciplinato dall’articolo 2094 del Codice Civile: “è prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore.”

Il calcolo del TFR: ti sveliamo nel dettaglio come procedere

Il calcolo del TFR

Vuoi lasciare il tuo lavoro? Allora ti consigliamo di leggere i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni. Dopo queste letture potrai concentrarti sulla tua buona uscita.

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi anche...

I 20 anni di ICOTEA: le ultime novità

Acquisire esperienza nel settore della formazione online è un traguardo tanto impegnativo quanto importante. Con l’espansione dell’offerta in ambito FAD (Formazione a Distanza) non è facile trovare un ente che conosca a fondo il know how e sappia andare incontro alle esigenze degli studenti 2.0, individui che hanno voglia di studiare, non tempo da perdere.

Leggi anche...

Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Leggi anche...

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.