Uno dei lavori di ultima generazione e molto richiesto soprattutto nelle grandi città è quella del tassista. Sono infatti tantissimi coloro che, tra turisti e cittadini stessi, vanno alla ricerca di tassisti per spostarsi da un luogo all’altro della città, evitando di prendere la propria macchina, il proprio motorino, l’autobus o la metro.

Per poter portare il taxi è però necessaria una licenza ben precisa ed essendo un lavoro da libero professionista anche la partita iva; senza di esse non è possibile effettuare la professione del tassista e non si può trasportare i clienti all’interno del proprio autoveicolo. Vediamo, nell'approfondimento di oggi, quali sono i passi per ottenere la licenza e per tuffarsi in questa avventura lavorativa. Attualmente i tassisti devono convivere con la forte concorrenza del sistema a noleggio (come per esempio Uber) che ha messo in seria difficoltà il loro lavoro e i relativi guadagni.

Come ottenere la licenza per taxi

Per ottenere la licenza per il taxi e diventare così a tutti gli effetti un conducente di questo tipo di veicoli, è obbligatorio essere in possesso di determinate caratteristiche di natura tecnica, nonché di requisiti professionali ben delineati. La licenza del taxi è dunque importantissima per poter circolare in tranquillità senza avere alcun problema di sorta.

Norme diverse di regione in regione: ecco come funziona davvero

La licenza del taxi varia inoltre da città in città; ogni Comune ed ogni Regione ha infatti determinate caratteristiche e requisiti necessari a regolamentare la professione del conducente del taxi.

Molto frequentemente per ottenere la licenza del taxi è necessaria la residenza nel luogo in cui si dovrà esercitare la professione di tassista; il luogo di residenza del futuro conducente dovrà distare massimo cinquanta chilometri dalla località prescelta.

La cittadinanza per le licenze taxi: perchè occorre realmente?

Importanti ai fini dell’ottenimento della licenza del taxi anche: la cittadinanza italiana oppure quella di appartenente alla comunità europea; aver frequentato almeno la scuola dell’obbligo. È ovviamente necessario inoltre possedere la patente di guida di tipo B o superiore.

In alcune regioni è previsto anche il requisito legato all’età, che dovrà essere di almeno ventuno anni. È necessario infine superare un concorso pubblico oppure comprare la licenza del taxi da un altro possessore della stessa.

Chi guiderà il taxi non potrà essere titolare di più veicoli e non potrà far guidare a terzi lo stesso, a meno che essi non appartengano alla stessa famiglia o si tratti di un sostituto.

Altri obblighi per i tassisti

Tra le altre cose che bisogna tenere a mente quando la propria occupazione è quella di tassista è sicuramente il fatto che gli obblighi a cui si incorre, oltre alla licenza, come sopra descritto, sono gli stessi di qualsiasi altro automobilista.

In primis gli obblighi relativi al bollo dell’auto, importo che in generale sono tenuti a versare tutti i possessori di un veicolo a motore, ma che ormai è possibile pagare comodamente online. In secondo luogo, ma non meno importante, stipulare un assicurazione per l’auto che ci protegga da tutti i possibili imprevisti, ma proprio come il bollo, è possibile trovare un’assicurazione auto conveniente online comodamente da casa.

Una battaglia continua

Sui taxi si sono scatenate ad intervalli regolari polemiche e diatribe. Lo scontro è chi chiede una maggior liberalizzazione del servizio ritenendo questa classe una lobby e chi invece, da parte dei sindacalisti, si oppongono con tutte le forze a questa riforma che porterebbe solo danni alla categoria. Ultimamente poi sono nate ulteriori polemiche con le macchine a noleggio che si fingono tassisti prendendo la clientela dai luoghi di destinazione come aeroporti o stazioni scatenando proteste e in alcuni casi anche scontri fisici. L’accusa che viene mossa è di non poter circolare per strada se non si è in possesso della licenza per potersi muovere su quel territorio. Su questa vicenda e più in generale ha puntato il faro l’Antitrust che recentemente ha dichiarato che sia il servizio dei tassisti che quello delle auto a noleggio con destinazione porti e aeroporti debbano essere permessi anche a quelle licenze concesse dai Comuni di altre Regioni. Proprio qui è il terreno di battaglia con i tassisti che rivendicano invece la loro prerogativa. In passato per difendere i loro diritti, per esempio a Roma, sono stati capaci anche di fermare un’intera città; di questo passo trovare una soluzione sarà molto difficile.

Un’altra polemica aperta è con la neonata Uber, un sistema di auto a noleggio che si serve di un’applicazione per smartphone per attrarre la clientela. Diventare conducenti Uber è molto semplice e anche se il servizio potrebbe essere più costoso rispetto ai tassisti, molte persone lo hanno preferito per la velocità della chiamata e la qualità del servizio stesso.

Il fatto che chiunque possa diventare conducente Uber (per diventare autista di UberPop per esempio sono sufficiente tre anni dal conseguimento della patente e l’assicurazione per la tutela della clientela) e la mancanza di regole certe (si va avanti di proroga in proroga ormai da anni) ha scatenato la rivolta dei taxi che non vedono tutelato il proprio servizio. Da qui è arrivata la risposte dell’URI (Unione Radiotaxi Italia) che ha elaborato un’applicazione per sistemi IOS e Android in modo da mettere in contatto clienti e conducenti per un servizio più rapido. Attualmente questo servizio è in uso in quaranta città italiane e le novità previste riguardano anche il pagamento, da effettuare sia tramite PayPal che con uno speciale abbonamento aziendale.



Potrebbe interessarti

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Leggi tutto...

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Rivalutazione TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Pensione sociale: oggi sostituita dall'assegno

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi tutto...

Cash flow: la somma di reddito netto di una società

Il flusso di cassa o cash flow nella terminologia anglosassone è la somma del reddito netto di una società, degli ammortamenti e degli accantonamenti a riserva (includendo le riserve ordinarie e straordinarie, vale a dire le deduzioni contabili che non danno luogo a effettivi esborsi monetari).

Leggi tutto...

Reddito di cittadinanza: come usufruirne?

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Leggi tutto...

Contratto commercio terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Leggi tutto...

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Leggi anche...

Corsi lavorativi: sai scegliere il meglio per il tuo futuro?

i corsi di formazione per aziende e studenti

Per affrontare al meglio il mondo del lavoro, è anche necessario ampliare le conoscenze acquisite durante precedenti gli studi precedenti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...
Go to Top