Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

La fine del rapporto di lavoro tempo indeterminato

Nel contratto a tempo indeterminato la fine del rapporto di lavoro può avvenire in tre casi:
- per il consenso comune delle parti
- per decisione unilaterale del datore di lavoro (licenziamento)
- per decisione unilaterale del lavoratore (dimissioni).

In caso di licenziamento del rapporto di lavoro tempo indeterminato, il datore di lavoro potrà rescindere dal contratto in presenza di ragioni valide (come contemplato nell’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori).

Il licenziamento a tempo indeterminato può essere intimato per:

  • giusta causa: gravi eventi legati a comportamenti del lavoratore (furti aziendali, gravi offese ai superiori o altri comportamenti gravemente lesivi nei confronti dell’azienda). Il lavoratore licenziato per giusta causa ha diritto alla sola liquidazione.
  • giustificato motivo (oggettivo o soggettivo): motivi aziendali o eccessiva morbidità di comportamento da parte del dipendente (troppi giorni di malattia). In questo caso il lavoratore ha diritto alla liquidazione e all’indennità di mancato preavviso.

Diritti del lavoratore nel licenziamento tempo indeterminato

Il lavoratore ha il diritto di verificare le motivazioni addotte per giustificare il licenziamento.

Il datore di lavoro, per procedere ad un licenziamento a tempo indeterminato, deve motivare la sua decisione, e deve essere in grado di giustificare la sua azione davanti ad un giudice che ne esamini i presupposti. Per evitare che questa facoltà possa essere usata impropriamente da datori di lavoro con pochi scrupoli, è necessario che al giudice siano chiari i fatti che hanno condotto il datore di lavoro a tale licenziamento.

La recente messa in discussione dell’art. 18 e quindi del licenziamento a tempo indeterminato non ha avuto, però, grande seguito tra i grossi nomi dell’industria italiana che hanno affermato: “Quando ce ne è stato bisogno, i fannulloni li abbiamo licenziati indipendentemente dall’articolo 18…e ne abbiamo licenziati molti”.

Riforma del lavoro: i temi in discussione

Il Governo Renzi sta pensando di varare una corposa riforma del lavoro. I passaggi sono ancora molti da fare ma la volontà dell’esecutivo è quella di andare avanti e di non impantanarsi nei meandri della burocrazia. Sono diverse le proposte del Governo, che vanno dal famoso contratto a tutele crescenti fino all’articolo 18, passando per una revisione delle tipologie contrattuali ora esistenti e l’estensione dell’indennizzo anche per i dipendenti delle piccole aziende. Ma andiamo con ordine spiegando nel dettaglio i propositi (la riforma dovrà poi passare per i due rami del Parlamento e quindi non sono escluse modifiche o aggiunte alle proposte):

  • Articolo 18: anche se il Governo non lo citerà nell’emendamento da presentare, l’intenzione del Premier Renzi è quello di superare l’articolo 18 attraverso proprio il Jobs Act;
  • Contratti: attualmente il sistema italiano prevede tantissime tipologie contrattuali di lavoro che il Governo vuole sostituire solo con una proposta, ossia il contratto a tutele crescenti, che andrebbe a sostituire anche il contratto a tempo indeterminato;
  • Indennità o reintegro? Questo è il punto più in discussione all’interno della maggioranza e dello stesso Partito Democratico. Bisognerà capire se il reintegro varrà solo per i casi di licenziamenti discriminatori oppure sarà abolito a vita e la valutazione dell’eventuale indennizzo economico, da ancorare all’anzianità di servizio presso l’azienda;
  • Estensione dell’indenizzo: il Governo vorrebbe puntare ad estendere questa postilla anche per le aziende sotto i quindici dipendenti. Si toglierebbe quindi la discriminante della distinzione tra lavoratori di Serie A e quelli di Serie B, assegnando a quest’ultimi non solo l’ingresso agli ammortizzatori sociali ma anche il fatto che siano applicate le tutele crescenti nel caso il lavoratore venga licenziato. L’indennizzo economico in questo caso sarebbe di valore ridotto rispetto alle imprese più grandi;
  • Altri punti: nelle intenzioni del Governo c’è anche la cessione delle ferie ai colleghi in difficoltà per motivi familiari (le cosiddette “ferie solidali”) e il contratto di ricollocazione per chi è disoccupato, da attuare tramite un tutor di un’agenzia privata.

La riforma del lavoro è ritenuta ormai non più rinviabile da tutte le parti politiche e sindacali, tanto che anche l’Unione Europea ha sollecitato all’Italia ampie modifiche al mercato del lavoro.





Potrebbe interessarti

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Dichiarazione Red per i contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.

Leggi tutto...

Concorsi statali, pubblici e regionali: una guida davvero completa che non puoi perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Leggi tutto...

Vacanza lavoro: scopri quali occasioni ci sono

Per lavoro, bisogna spesso spostarsi in una località diversa dalla sede della propria azienda; molte altre volte si cerca invece volutamente una vera e propria formula alternativa come quella della vacanza lavoro, diffusissima soprattutto tra i ragazzi che intendono andare all'estero per imparare una lingua

Leggi tutto...

Preavviso dimissioni: numero di giorni e casi particolari

Quando il rapporto di lavoro si interrompe per volontà del lavoratore questi deve rassegnare le proprie dimissioni, con il dovuto preavviso, compilando un'apposita lettera (per approfondire il discorso sulla lettera in questione c'è anche un buon testo su Amazon che ci sentiamo di raccomandarvi). Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Leggi tutto...

I più condivisi

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Leggi tutto...

Lavoro nutrizionista: l'esperto del dimagrimento

Quando si intraprende una dieta è bene non fare di testa propria, affidandosi a regimi alimentari dietetici fai da te, ma rivolgersi a un bravo nutrizionista.

Leggi tutto...

Lavoro corriere espresso: sacrificio premiato da ottima retribuzione!

lavorare come corriere espresso

Il lavoro di corriere è caratterizzato principalmente da: una buona paga, orari di lavoro diurni o notturni, mansioni di responsabilità (in relazione al carico che si trasporta), flessibilità, possibilità di trasferte.

Leggi tutto...

Concorsi Polizia di Stato 2019: Bando per 80 Commissari, tutti i dettagli

Entrare nelle forze dell'ordine ed indossare una divisa rappresenta il sogno di diversi giovani, sia uomini che donne. Per molti, servire il proprio Paese in questa maniera non solo permette di adempiere al proprio dovere di cittadino, ma anche fornire il proprio contributo alla sicurezza delle persone, soprattutto quelle più deboli e vulnerabili. Un senso civico che porta diversi soggetti in divisa a rischiare ogni giorno la propria vita per il bene comune.

Leggi tutto...

Sedi sindacati Roma: CGIL CISL e UIL

In questa pagina riportiamo la testimonianza di una nostra lettrice. Salve, mi chiamo Loredana, ho 31 anni , sono stata assunta a parole tramite un annuncio che avevo inserito a maggio su un portale di annunci di lavoro, io vengo da Palermo, la persona che mi ha contattata mi ha chiesto di trasferirmi a settembre.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Concorso interno: vediamo di cosa si parla

La ricerca di un lavoro è spesso lunga e difficile. È necessario infatti munirsi di tanta pazienza e di buona volontà in primis per mettersi a cercare l'offerta di lavoro più adatta alle proprie competenze e agli studi precedentemente acquisiti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contributi in conto impianti

I contributi in conto impianti vengono erogati per ridurre i costi di acquisizione di beni ammortizzabili; non producono ricavi o sopravvivenze attive, pur concorrendo alla formazione del reddito per competenza.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Leggi tutto...
Go to Top